Il rinforzo positivo: strategia di successo per l’ADHD 

rinforzo positivo e adhd

Indice Contenuti

Essendo esseri umani, tutti hanno bisogno di un po’ di motivazione in più di tanto in tanto, e le persone con Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD) sanno che può essere, a volte, difficile superare la paralisi dell’attività e portare a termine compiti e progetti. La frustrazione e la sensazione di inadeguatezza che ne possono derivare, potrebbero avere un impatto significativo sull’autostima e sulla qualità di vita. La ricerca ha però dimostrato che il rinforzo positivo può essere uno strumento efficace per la gestione dell’ADHD, e ancora più se è accompagnato da aiuto da parte di professionisti specializzati in ADHD e attraverso trattamenti come la psicoeducazione ADHD individuale. In questo articolo, esploreremo il potere del rinforzo positivo e come può essere utilizzato per aiutare le persone ADHD a superare le sfide quotidiane.

Cos’è il rinforzo positivo?

Il rinforzo positivo è un processo in cui determinati comportamenti vengono ricompensati con qualcosa di desiderabile o piacevole. Quanto più frequentemente viene data la ricompensa desiderata, tanto più il comportamento viene rinforzato. Questo metodo viene comunemente utilizzato per insegnare un nuovo comportamento, come l’atto di incorporare un’abitudine positiva nella propria routine. Può anche essere utilizzato per rafforzare un comportamento esistente, ad esempio se si desidera aumentare il ritmo con cui si completano determinate attività.

Il rinforzo positivo si basa quindi sull’idea che, i comportamenti desiderati, è più probabile che si ripetano se vengono seguiti da conseguenze positive. Questo premio può essere tangibile, come un piccolo oggetto o un buono pasto, oppure intangibile, come un complimento o un elogio.

E nel contesto ADHD:

Nel contesto dell’ADHD, l’uso del rinforzo positivo si concentra sull’ incoraggiare e premiare comportamenti, come l’attenzione concentrata, l’autoregolazione e la cooperazione sociale. Questa strategia mira a rafforzare le abilità cognitive e comportamentali necessarie per affrontare le sfide quotidiane associate ai sintomi dell’ADHD. Ecco alcuni benefici: 

  • Aumenta la motivazione: il premio fornisce un incentivo concreto per iniziare e completare un compito, aumentando la sensazione di gratificazione e di successo.
  • Migliora la concentrazione: l’aspettativa di ricevere un premio può aiutare le persone ADHD a focalizzare la loro attenzione sul compito in corso, minimizzando le distrazioni.
  • Rafforza le abitudini positive: il rinforzo positivo può contribuire a consolidare nel tempo comportamenti desiderati, come la pianificazione, l’organizzazione e la gestione del tempo.
  • Sviluppa l’autostima: il successo nel portare a termine i compiti, favorito dal rinforzo positivo, può aumentare la fiducia in se stessi e le proprie capacità.

Per poter ottenere questi benefici per persone ADHD esistono diversi tipi di rinforzo positivo vediamo quali sono nel prossimo paragrafo. 

Quali sono i tipi di rinforzo positivo?

Esistono quattro tipologie di rinforzo positivo che possono essere utilizzate per incentivare e consolidare comportamenti desiderati:

  • Rinforzi naturali: si tratta di ricompense che si verificano naturalmente come conseguenza diretta di un comportamento positivo. L’ottenimento di un buon voto dopo aver studiato diligentemente per un test o la sensazione di benessere e di energia dopo una sessione di allenamento sono esempi di rinforzi naturali. Questi tipi di ricompense sono particolarmente potenti perché intrinsecamente motivati e offrono una soddisfazione immediata.
  • Rinforzi sociali: il riconoscimento positivo e l’approvazione da parte degli altri sono esempi di rinforzi sociali. Un semplice “bravo” o un complimento sincero possono avere un impatto significativo sulla motivazione di una persona. Lodare qualcuno per il suo impegno in un progetto, celebrare i suoi successi o semplicemente offrire un sorriso di approvazione possono essere modi efficaci per incoraggiare comportamenti desiderabili.
  • Rinforzi tangibili: qualsiasi ricompensa fisica che può essere percepita dai sensi è un rinforzo tangibile. Una caramella data a un bambino dopo aver completato le faccende domestiche, un regalo come premio per aver raggiunto un obiettivo prefissato o un aumento di stipendio sul lavoro sono tutti esempi di rinforzi tangibili. Questi tipi di ricompense possono essere particolarmente efficaci nel breve termine, soprattutto per bambini o per persone che necessitano di una gratificazione immediata.
  • Rinforzi simbolici: si tratta di ricompense non tangibili che assumono un valore simbolico e possono essere scambiate con altri beni o privilegi. Punti, gettoni o figurine sono esempi di rinforzi simbolici. Questi sistemi di ricompense possono essere utilizzati per incoraggiare comportamenti desiderati in vari contesti, come a scuola, in ambito lavorativo o in percorsi di psicoeducazione ADHD individuale. Il vantaggio dei rinforzi simbolici è che offrono una maggiore flessibilità, in quanto i punti o i gettoni accumulati possono essere scambiati con una varietà di premi scelti in base alle preferenze individuali.

La scelta del tipo di rinforzo positivo più adatto dipende da diversi fattori, tra cui l’età del soggetto, il contesto in cui si applica il sistema di ricompense e la natura del comportamento che si vuole incentivare. Combinando diversi tipi di rinforzo e adattandoli alle esigenze individuali, è possibile ottenere risultati migliori e duraturi nel tempo. Questi sono infatti strumenti efficaci durante percorsi di psicoterapia ADHD individuali che GAM Medical mette a disposizione.

Reazioni dell’ADHD a premi e punizioni

Il rinforzo positivo funziona per le persone ADHD quando c’è equilibrio tra ricompense e punizioni. Secondo un articolo pubblicato sul portale National Library of Medicine dalla rivista PubMed gli individui ADHD sono fortemente incentivati ​​da certi tipi di ricompense, ma allo stesso tempo sono più sensibili alle punizioni.

I tipi di ricompense più efficaci per le persone con ADHD tendono ad essere positivi e immediati. Ad esempio, un rinforzo sociale, come una lode, o un rinforzo tangibile ( una caramella) sono probabilmente i più efficaci per qualcuno ADHD perché possono essere assegnati a qualcuno immediatamente. D’altra parte, un rinforzo simbolico, che richiede di aspettare finché non si hanno abbastanza punti per ottenere una ricompensa effettiva,  o un rinforzo naturale, che spesso richiede tempo per apparire, potrebbero essere meno efficaci perché le ricompense sembrano essere state trattenute.

Un altro aspetto del rinforzo positivo che può avvantaggiare chi è ADHD, è assicurarsi che i rinforzi siano affidabili. Cambiare la ricompensa inaspettatamente può causare un calo di motivazione. Ad esempio, gli studi hanno scoperto che studenti ADHD rispondono meglio quando le aspettative sono chiare, come sapere esattamente quale ricompensa riceveranno per aver completato un compito specifico.

Pertanto, mantenere le cose positive è importante, le persone ADHD possono spesso sperimentare insicurezza e bassa autostima, e il feedback negativo può aumentare questi sintomi ADHD. Essere puniti per aver fatto qualcosa di sbagliato, come consegnare un compito oltre la scadenza, può comportare una paralisi dell’attività ancora maggiore piuttosto che una motivazione a non ripetere lo stesso errore. Se vuoi però scoprire dei metodi per fuggire dalla paralisi dell’attività l’articolo: ‘3 step per non procrastinare’ fa al caso tuo!

Vediamo quindi come puoi motivarti con il rinforzo positivo se sei un adulto ADHD!

Come motivarti con il rinforzo positivo

Se sei ADHD e desideri motivarti, esistono diversi metodi che puoi utilizzare. Ecco alcune idee da provare:

  • Inizia in piccolo: a volte, la parte più difficile è proprio iniziare, in queste situazioni, concentrati sul completamento di un piccolo passo per iniziare e vedi se questo ti incoraggia ad andare avanti.
  • Rendilo divertente: cerca modi per aggiungere entusiasmo alle attività noiose, come piegare il bucato mentre ascolti musica allegra.
  • Gamify: trasforma l’attività che devi svolgere in un gioco, ad esempio, puoi correre contro il tempo per vedere se riesci a completarlo entro un determinato intervallo di tempo.

Se hai difficoltà a motivarti, e non trovi soluzioni il nostro consiglio è quello di valutare la possibilità di rivolgerti a centri specializzati in trattamenti di ADHD come GAM Medical, una clinica online che si occupa di ADHD in adulti. La clinica offre servizi specialistici con la comodità di rimanere in casa propria, è, infatti, possibile avere l’aiuto di professionisti esperti che ti accompagnano in percorsi di psicoterapia ADHD individuali e personalizzati, basati sulle tue esigenze. Attraverso il percorso di psicoeducazione ADHD si vuole migliorare la consapevolezza dell’adulto e fornire strumenti concreti che permettono la comprensione dei comportamenti che caratterizzano l’ADHD e che possono influenzare la vita. Il trattamento di coaching psicologico ADHD individuale può aiutarti a vivere in modo sereno offrendo metodi per affrontare al meglio i sintomi ADHD che possono avere un impatto sulla tua quotidianità

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Stai vivendo con l’ADHD da adulto?
Ora puoi scoprirlo

Prima di andare via, ti suggeriamo di leggere questi articoli

Se ti è piaciuto l'articolo iscriviti alla newsletter per non perdere tutte le nostre comunicazioni.