Autismo

L’autismo è una condizione neurobiologica che interessa il funzionamento del cervello e che si manifesta con una “diade sintomatologica” che comprende:


  • un deficit nell’interazione sociale e nella comunicazione sociale, che include difficoltà sia nella comunicazione verbale e non verbale, sia nelle abilità sociali necessarie per interagire socialmente con gli altri;
  • un pattern di comportamenti, interessi o attività ripetitivi e ristretti caratterizzato da un repertorio limitato di attività e interessi e da comportamenti ripetitivi e stereotipati.

La diagnosi ed il trattamento di questa sindrome possono garantire un importante miglioramento nella qualità di vita della persona.
autismo

Il Centro GAM Medical si distingue per la sua specializzazione nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione dell’Autismo, offrendo terapie personalizzate e di alta qualità.

✔ 45+ Specialisti   ✔ 2.500+ Diagnosi e Trattamenti effettuati   ✔ Migliori Valutazioni in Italia

Eccezionale
4.7 su 5 sulla base di 231 recensioni
4.7 su 5
Eccezionale
4.8 su 5 sulla base di 247 recensioni
4.8 su 5

Protocollo GAM

DIAGNOSI di Autismo ad alto funzionamento
(Sindrome di Asperger)

Il percorso di diagnosi dell’Autismo nell’adulto viene condotto da una psicologa esperta e si svolge attraverso i seguenti passaggi:

Anamnesi

Il primo colloquio, di circa 50 minuti, è volto alla raccolta ed allo studio critico dei sintomi dell’autismo. Si fonda dunque sull’osservazione, ma anche su quanto riportato dalla persona. Prevede domande relative allo stato di salute dell’utente, alla storia clinica passata, alle eventuali terapie farmacologiche effettuate, ecc. Il fine è quello di comprendere se i sintomi possono essere ricondotti a una condizione o patologia organica.

ADOS-2 (Autism Diagnostic Observation Schedule)

Nel secondo colloquio, la persona viene sottoposta alla tecnica di valutazione standardizzata ADOS-2, il “gold standard” per la diagnosi di autismo, che agevola l’osservazione del comportamenti sociali e di comunicazione della persona. Lo psicologo interagisce con l’utente, le cui reazioni vengono codificate secondo criteri specifici.

ADI-R (Autism Diagnostic Interview Revised)

Il terzo incontro, che richiede circa 2 ore e 30 minuti, viene impiegato per sottoporre la persona all’intervista strutturata ADI-R la quale, usata in combinazione con l’ADOS, permette di ottenere le informazioni necessarie ai fini della diagnosi di autismo e per la valutazione dei disturbi dello spettro autistico.

L’intervista consente al clinico di osservare il comportamento della persona, con specifica attenzione alle seguenti aree: Linguaggio e comunicazione, Interazione sociale reciproca, Comportamenti stereotipati e interessi ristretti.

Relazione diagnostica psicologica

All’esito delle sedute, lo psicologo prepara una dettagliata relazione che indica le conclusioni della valutazione. Nel corso di un colloquio dedicato, la relazione viene spiegata, appunto ”restituita”, alla persona: oltre alla comunicazione dell’esito, viene indicato il trattamento già efficace ed adatto al caso specifico.

(Talvolta, in base alla valutazione del clinico ed alla complessità del caso, può essere necessario integrare il percorso con una ulteriore seduta.)

Protocollo GAM

TRATTAMENTI per l'Autismo ad alto funzionamento (Sindrome di Asperger)

In seguito alla diagnosi, viene di norma avviato una percorso terapeutico cognitivo comportamentale oppure, talvolta, una terapia farmacologica.

La psicoterapia ha di norma una cadenza settimanale e viene svolta dal clinico che ha effettuato la diagnosi. 

La terapia farmacologica viene valutata dallo psichiatra, attraverso una specifica visita medica e la prescrizione di alcuni esami strumentali di approfondimento.

Il trattamento dell’Autismo può rendere possibile un importante miglioramento nella qualità di vita della persona.

Tariffa chiara e contenuta

DIAGNOSI

€89

ANAMNESI
(50 minuti)

€89

ADOS-2

(50 minuti)

€179

ADI-R

(150 minuti)

€89

COLLOQUIO DI RESTITUZIONE
(50 minuti)

TRATTAMENTO

PSICOTERAPIA

€69

(50 minuti)
TERAPIA FARMACOLOGICA

€65*

(15 minuti)

Le fatture sono detraibili secondo normativa.

*Per la TERAPIA FARMACOLOGICA sono necessarie 2 VISITE PSICHIATRICHE.

4.8 su 5 sulla base di 246 recensioni

jp
jp
2023-11-14
Leggi Tutto
Sono estremamente soddisfatto dell'esperienza con GAM MEDICAL. Il loro impegno nella diagnosi e cura dell'ADHD è evidente attraverso un supporto impeccabile. Il personale è altamente disponibile e professionale, offrendo un servizio che va al di là delle aspettative. Consiglio vivamente GAM MEDICAL a chiunque cerchi un approccio attento e specializzato per affrontare l'ADHD in Italia.
Moira Cristini
Moira Cristini
2023-11-13
Leggi Tutto
Una porta aperta ed un metaforico divano comodo dove potersi finalmente aprire e capire fino ad arrivare alle risposte. Il percorso è stato veloce e semplice da prenotare, semplice da utilizzare e il dott. Preziosi che mi ha seguita ha saputo sempre accompagnarmi in un percorso che comunque può essere impegnativo. Avere una diagnosi finalmente apre e spiega tanti aspetti di me che per una vita non capivo o addirittura stigmatizzavo. Ora il percorso davanti a me ha una nuova e diversa consapevolezza. Grazie
Rossella Muro
Rossella Muro
2023-11-13
Leggi Tutto
Mi hanno consigliato la GAM Medical e mi sono trovata molto bene. Sono ancora in attesa di un'eventuale diagnosi ma, a prescindere da ciò, consiglio questo percorso a tutti. Grande professionalità e disponibilità dall'inizio alla fine.
Elisa Sanna
Elisa Sanna
2023-11-12
Leggi Tutto
Ottima esperienza. Oltre il percorso di diagnosi, mi trovo benissimo anche con la Psicoeducazione, c'è la possibilità di scegliere tra un percorso individuale o di gruppo.
Stefania Taranu
Stefania Taranu
2023-11-11
Leggi Tutto
Esperienza decisamente positiva! Ho scoperto l'esistenza della clinica grazie ad un Tik Tok (i social network possono essere molto utili, non neghiamolo). Offrono la possibilità di effettuare un test di screening gratuito che già può dare delle indicazioni o meno se proseguire con le sedute di diagnosi. I vari step sono stati chiariti fin da subito e sono stata acconpagnata passo passo fino alla diagnosi e alla scoperta di se stessi. Inoltre la segreteria è super disponibile e sono gentilissimi. Lo rifarei? Si Grazie ♡
Federica Cantrigliani
Federica Cantrigliani
2023-09-16
Leggi Tutto
La mia esperienza in GAM è stata positiva. Lo staff è gentile, accogliente e molto preparato. Consigliato a chi cerca un supporto sulle tematiche ADHD!
Michaela Buono
Michaela Buono
2023-09-15
Leggi Tutto
Esperienza molto positiva, ho trovato una Dottoressa disponibile, chiara, paziente e pronta a rispondere a tutte le mie domande ed eventuali dubbi e chiarimenti riguardo ADHD. Consiglio la clinica on line. Tra l'altro molto comoda perchè ovunque tu sia, hai il supporto necessario.
Chimy
Chimy
2023-09-16
Leggi Tutto
Sono convinta che la perfezione non esista, ma la GAM medical c’è vicina. Ero estremamente in difficoltà nel trovare una clinica affidabile in grado di fare una diagnosi di ADHD, in Italia sembra impossibile, ma loro sono stati davvero efficienti, disponibili e sempre pronti a rispondere ai miei dubbi tramite messaggi e telefono. Devo cominciare il mio percorso con loro post-diagnosi, ma sono sicura che mi troverò bene☺️
Antonio De Luca
Antonio De Luca
2023-08-10
Leggi Tutto
Una vita intera nella quale ho provato in tutti i modi a comprendere precisamente cosa non andasse in me. Appena compreso che i miei sintomi fossero vicini all'adhd nessuno mi ha aperto le porte, i privati e i pubblici si sono tirati tutti indietro perché nessuno voleva prendersi la responsabilità di diagnosticare tale deficit ad un adulto. Poi ho scoperto questa realtà, fatta da professionisti e da persone serie nonché sempre disponibili a rispondere ad ogni mio quesito. Qualcosa che senza di loro sarebbe stato impossibile.
Stela Lamaj
Stela Lamaj
2023-08-09
Leggi Tutto
Ottima esperienza, professionisti preparati ed empatici.
Mara Velati
Mara Velati
2023-08-09
Leggi Tutto
La mia salvezza dopo 9 mesi di diagnosi a metà. La dottoressa Clementi, che mi ha seguita, è precisa e anche molto dolce. Consigliato ❤️
jerrydelmonte
jerrydelmonte
2023-07-20
Leggi Tutto
Mi sono trovata molto bene, cortesia e professionalità da parte di tutti i membri dello staff. Unico appunto i tempi sono un po’ lunghi per la valutazione.
Beatrice Loi
Beatrice Loi
2023-07-15
Leggi Tutto
Professionali, precisi, chiari. Clinica assolutamente raccomandata! ✅
Eduardo Guerra
Eduardo Guerra
2023-05-26
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso di psicoeducazione di grupo per ADHD online e per me è stato di molto aiuto. Il corso mi ha fatto capire meglio come gestire i sintomi e essere accorto di alcune cose che non avevo percepito prima.
Mariagrazia Picardi
Mariagrazia Picardi
2023-06-20
Leggi Tutto
Grazie alla Gam Medical finalmente abbiamo messo fine ad un percorso tortuoso, lungo e poco convincente e ne abbiamo cominciato uno fatto di ascolto, accoglienza e competenza. Proseguiremo con loro il percorso proposto.
Cristiana Nasi
Cristiana Nasi
2023-05-18
Leggi Tutto
Esperienza superpositiva su tutti i fronti. Gam medical eccelle nell organizzazione, precisione e nella velocità a dare gli appuntamenti. Mia figlia ha fatto la diagnosi con Gam medical ed è molto soddisfatta per la competenza dello staff medico e non. Davvero professionali . La dottoressa Vargiu ha seguito mia figlia nel suo percorso verso la diagnosi in modo esemplare e molto accogliente. Gam medical colma il vuoto che inevitabilmente si incontra in Italia per avere una diagnosi adhd . Un' ancora su cui contare e un punto di riferimento davvero importante per chi ha l adhd. Ultima cosa ma non di scarsa importanza , costi contenuti e sostenibili. Non potrei essere più soddisfatta. Grazie davvero.
Chiara Totaro
Chiara Totaro
2023-05-10
Leggi Tutto
Ho intrapreso il mio percorso diagnostico con la Clinica GAM, non potevo fare scelta migliore, disponibili per ogni necessità o chiarimento, ottima organizzazione, psicologi molto preparati! Contenta di continuare con loro il mio percorso dopo la diagnosi!
Lorenza Barbalucca
Lorenza Barbalucca
2023-05-07
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso diagnostico con la dottoressa Gozzi che ha saputo mettermi subito a mio agio. È stato affrontato tutto con serietà e delicatezza e per la prima volta ho sentito di essermi rivolta alle persone giuste. Il personale è disponibile e cordiale
Precedente
Successivo

Questa neurodivergenza rientra, all’interno del DSM-5, cioè del Manuale Statistico e Diagnostico dei disturbi mentali, tra i disturbi del neurosviluppo.

 

Nella precedente edizione del manuale era inserito tra i Disturbi Generalizzati dello Sviluppo o Pervasive Developmental DisorderIn questa categoria erano inclusi i seguenti disturbi:

1. Disturbo Autistico:

Caratterizzato da gravi difficoltà in tre aree principali: interazione sociale, comunicazione e comportamento ripetitivo e stereotipato.

2. Disturbo di Asperger:

Simile al disturbo autistico ma senza ritardi significativi nello sviluppo del linguaggio e delle capacità cognitive.

3. Disturbo Disintegrativo dell’Infanzia:

Caratterizzato da una regressione significativa nelle capacità acquisite dopo almeno due anni di sviluppo normale.

4. Sindrome di Rett:

Una rara condizione genetica che colpisce prevalentemente le femmine e comporta una grave regressione delle abilità motorie e comunicative dopo un periodo iniziale di sviluppo normale.

5. Disturbo Pervasivo dello Sviluppo Non Altrimenti Specificato:

Una categoria residuale per i casi che non soddisfacevano pienamente i criteri per gli altri disturbi sopra elencati, ma che presentavano comunque sintomi significativi di disturbo dello sviluppo.

Con l’introduzione del DSM-5 nel 2013, queste diagnosi specifiche sono state consolidate sotto un’unica diagnosi di Disturbo dello Spettro Autistico, con vari livelli di gravità per descrivere la diversità dei sintomi e delle loro manifestazioni.

I livelli di gravità si basano sul funzionamento, vale a dire del livello generale di abilità e di indipendenza della persona con autismo nelle attività quotidiane, nelle interazioni sociali e nell’ambito educativo e lavorativo.

 

Nello specifico si suddivide in:

  • Autismo ad alto funzionamento (lieve o di tipo 1);
  • Autismo a medio funzionamento (moderato o di tipo 2);
  • Autismo a basso funzionamento (severo o di tipo 3).
autismo cervello
spettro autistico

É proprio per via dei variabili livelli di gravità che il disturbo viene chiamato disturbo dello spettro dell’autismo, dove il termine spettro infica la vasta gamma di caratteristiche, sintomi, abilità e gradi di disabilità che le persone con diagnosi di disturbo dello spettro autistico possono presentare.

 

Questo approccio, relativamente nuovo perché introdotto solo dall’ultima edizione del DSM (5a edizione), riconosce che l’autismo non è una condizione monolitica, ma una varietà di manifestazioni che variano enormemente da un individuo all’altro. 

Autismo ad Alto Funzionamento

Il disturbo dello spettro autistico (ASD), noto anche come autismo ad alto funzionamento, è caratterizzato da differenze nel modo in cui un individuo percepisce il mondo e interagisce con gli altri.

 

Le persone con autismo ad alto funzionamento spesso manifestano abilità cognitive superiori in determinate aree, come la memoria, il pensiero logico o la concentrazione su argomenti specifici di interesse.

 

Dal punto di vista psicologico, gli individui con autismo ad alto funzionamento possono mostrare una serie di tratti distintivi.

 

Ad esempio, possono essere ipersensibili agli stimoli sensoriali, come suoni forti o luci intense, il che può influenzare la loro capacità di concentrazione e benessere emotivo.

 

Allo stesso tempo, possono avere difficoltà nella comprensione delle sfumature sociali e delle norme non verbali di comunicazione, come il contatto visivo o la gestione delle conversazioni.

 

Queste persone tendono ad avere interessi specifici e focalizzati, che possono essere ossessivi nel loro grado di coinvolgimento e profondità di conoscenza.

 

Ma possono lottare con la flessibilità mentale e possono trovare difficile adattarsi ai cambiamenti improvvisi o alle situazioni sociali nuove e complesse.

 

A livello emotivo, gli individui con autismo ad alto funzionamento possono sperimentare ansia e stress a causa delle sfide quotidiane legate alla socializzazione e alla comunicazione.

 

Possono sentirsi isolati o incompresi, nonostante il loro desiderio di connettersi con gli altri.

 

Ad ogni modo è importante sottolineare che ogni persona con autismo ad alto funzionamento è un individuo unico, con le proprie forze e sfide.

 

Con il sostegno adeguato, che può includere terapia comportamentale, supporto educativo e un ambiente accogliente, molte persone con autismo ad alto funzionamento possono imparare a gestire le loro difficoltà e a sviluppare appieno le loro capacità uniche.

 

IN QUESTA SEZIONE DI GAM MEDICAL DEDICATA ALL’AUTISMO CI SOFFERMEREMO IN PARTICOLARE SU QUELLO AD ALTO FUNZIONAMENTO, GAM MEDICAL OFFRE SU TUTTA ITALIA, SERVIZI SPECIFICI LEGATI A QUESTO DISTURBO TRA I QUALI: DIAGNOSI, TRATTAMENTI E CERTIFICAZIONE MEDICA.

GAM-MEDICAL: Centro per la diagnosi e trattamento dell’Autismo ad Alto Funzionamento

L’autismo è un disturbo neurosviluppale che coinvolge la comunicazione sociale, i comportamenti ripetitivi e gli interessi ristretti.

 

Sebbene l’autismo si manifesti in modi diversi da persona a persona, esistono cliniche specializzate come il Centro Autismo presso GAM-MEDICAL, che si dedicano alla diagnosi, trattamento e certificazione dell’autismo ad alto funzionamento.

clinica autismo

Il Centro Autismo GAM-MEDICAL è una clinica specializzata che si concentra sulla diagnosi e il trattamento dell’autismo ad alto funzionamento.

 

Qui, professionisti esperti nel campo dell’autismo, tra cui psicologi, neuropsichiatri, psicoterapisti, psichiatri e sessuologi, lavorano insieme per fornire una valutazione accurata e un piano di intervento personalizzato per i pazienti.

Autismo: chi lo diagnostica?

La diagnosi dell’autismo può essere effettuata da vari professionisti, inclusi neuropsichiatri infantili, psicologi clinici, neuropsicologi e pediatri specializzati nello sviluppo. Nel Centro Autismo di GAM-MEDICAL, i professionisti esperti nel trattamento dell’autismo ad alto funzionamento sono pronti a riconoscere i segni e i sintomi caratteristici del disturbo, garantendo una diagnosi accurata.

 

 

Autismo ad alto funzionamento e ADHD

Molti individui con autismo ad alto funzionamento presentano anche sintomi di ADHD (Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività), il che può complicare la diagnosi e il trattamento. Tuttavia, i professionisti del Centro Autismo di GAM-MEDICAL sono equipaggiati per gestire tali complessità e fornire interventi mirati per affrontare entrambi i disturbi.

 

 

Professionisti dell’autismo ad alto funzionamento

I professionisti del Centro Autismo di GAM-MEDICAL sono specializzati nel trattamento dell’autismo ad alto funzionamento e comprendono una vasta gamma di esperti, tra cui neuropsichiatri, psicologi, terapisti del linguaggio e terapisti occupazionali. Questi professionisti della salute mentale collaborano per fornire un approccio olistico alla diagnosi e al trattamento dell’autismo.

 

 

Come riconoscere l’autismo ad alto funzionamento

L’autismo ad alto funzionamento può essere difficile da riconoscere poiché i sintomi possono essere più lievi e meno evidenti rispetto ad altre forme di autismo. Alcune caratteristiche comuni includono difficoltà nella comunicazione sociale, interessi ristretti e comportamenti ripetitivi. Il Centro Autismo di GAM-MEDICAL offre valutazioni approfondite per identificare queste caratteristiche e stabilire una diagnosi accurata.

 

 

Autismo e genetica

Le cause esatte dell’autismo non sono ancora completamente comprese, ma si ritiene che una combinazione di fattori genetici e ambientali giochi un ruolo nel suo sviluppo. Il Centro Autismo di GAM-MEDICAL offre consulenza genetica per individui e famiglie interessati a comprendere meglio il legame tra l’autismo e la genetica.

 

 

Come e cosa fare con bambini e ragazzi a scuola o adulti sul lavoro con autismo?

L’inclusione sociale e l’accesso a un’istruzione e a un lavoro adeguati sono cruciali per le persone con autismo ad alto funzionamento. Il Centro Autismo di GAM-MEDICAL fornisce supporto alle famiglie e alle scuole nell’implementazione di strategie efficaci per sostenere gli individui con autismo nelle loro attività quotidiane, sia a scuola che sul luogo di lavoro.

 

 

Come comportarsi con persone autistiche?

È importante adottare un approccio empatico e inclusivo quando si interagisce con persone autistiche. Ascoltare attivamente, rispettare le loro esigenze individuali e fornire sostegno e comprensione possono contribuire a creare un ambiente accogliente e inclusivo per tutti.

 

 

Manifestazioni e diagnosi dell’autismo

L’autismo può manifestarsi in modi diversi e in diverse fasi della vita. I primi segnali di autismo possono apparire nei primi anni di vita, ma l’autismo può anche essere diagnosticato in età più avanzate. Il Centro Autismo di GAM-MEDICAL offre servizi di valutazione e diagnosi per individui di tutte le età che sospettano di avere l’autismo ad alto funzionamento (più sotto nella pagina trovate i sintomi dell’autismo).

 

 

Test per l’autismo: dove e quando fare il test?

Il Centro Autismo di GAM-MEDICAL offre test e valutazioni per l’autismo ad alto funzionamento. È consigliabile rivolgersi a un professionista esperto nel campo dell’autismo non appena sorgono preoccupazioni riguardo allo sviluppo o al comportamento di un individuo. Attualmente non esiste una cura per l’autismo, ma interventi precoce e appropriati possono migliorare significativamente i risultati a lungo termine. Il Centro Autismo di GAM-MEDICAL offre una gamma di servizi di trattamento, tra cui terapie comportamentali, terapie del linguaggio e interventi educativi, per aiutare gli individui ad adattarsi e avere successo nella vita quotidiana. Il Centro Autismo di GAM-MEDICAL è un punto di riferimento per la diagnosi e il trattamento dell’autismo ad alto funzionamento. Con un team di professionisti esperti e un approccio personalizzato, la clinica si impegna a migliorare la vita delle persone con autismo fornendo servizi di alta qualità e supporto continuo a individui di tutte le età.

Sintomi dell’Autismo

Parlare dei sintomi dell’autismo rischia di essere riduttivo perché ogni persona con autismo è diversa dall’altra e c’è molta varietà nelle manifestazioni del disturbo, quindi non è facile stilare un profilo univoco.

 

L’autismo è una condizione estremamente eterogenea, e i sintomi possono variare enormemente in termini di tipo, gravità e combinazione. 

Questa diversità rende difficile generalizzare e creare una descrizione che si applichi a tutti gli individui con autismo.

Nonostante ciò, è possibile racchiudere i sintomi tipici del disturbo dello spettro dell’autismo in quella che viene chiamata diade sintomatologica.

sintomi autismo

Per molti anni, la comprensione clinica dell’autismo è stata strutturata attorno a una “triade sintomatologica”, come definita nel DSM-IV (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, Quarta Edizione). Questa triade comprendeva tre principali aree di deficit:

  1. Deficit nella comunicazione sociale: Difficoltà nel linguaggio verbale e non verbale.
  2. Deficit nell’interazione sociale: Problemi nelle interazioni sociali e nella reciprocità emotiva.
  3. Interessi, comportamenti e attività ristretti e stereotipati: Comportamenti ripetitivi e un’intensa focalizzazione su interessi specifici
Con l’introduzione del DSM-5 nel 2013, ci sono stati cambiamenti significativi nella categorizzazione dei sintomi dell’autismo. 
Il DSM-5 ha modificato la struttura diagnostica dell’autismo, accorpando i primi due componenti della triade (comunicazione sociale e interazione sociale) in un’unica categoria. Questo cambiamento è stato fatto per riflettere meglio la natura interconnessa di questi deficit e la loro presentazione clinica. 
Di conseguenza, il DSM-5 definisce una “diade sintomatologica” composta da:
  1. difficoltà nella comunicazione sociale
  2. Pattern di comportamenti, interessi e attività ristretti, ripetitivi e stereotipati

Vediamole nel dettaglio:

Le difficoltà nell’interazione e nella comunicazione sociale sono una sfida significativa per molte persone con autismo, influenzando diversi aspetti della loro vita quotidiana e delle relazioni con gli altri.

 

Queste difficoltà possono essere manifestate in molteplici modi e possono variare da individuo a individuo, ma ci sono diversi fattori chiave che spesso emergono.

 

Uno degli aspetti più evidenti riguarda la comunicazione, sia verbale che non verbale.

 

Le persone con autismo possono avere difficoltà a interpretare e utilizzare segnali non verbali come espressioni facciali, gesti e tono della voce

 

Questi segnali sono fondamentali per comprendere le emozioni e le intenzioni degli altri durante le interazioni sociali. 

 

Inoltre, la comunicazione verbale può essere difficile, con problemi nell’avviare e mantenere una conversazione fluente

 

Le pause imbarazzanti, i ritardi nella risposta e la difficoltà nel trovare le parole giuste possono rendere le conversazioni stressanti e disorientanti per chi vive con autismo.

 

In aggiunta, la comprensione dell’umorismo può rappresentare un’altra barriera nell’interazione sociale. 

 

Il linguaggio figurato, i doppi sensi e le battute possono essere difficili da interpretare, portando a malintesi o incomprensioni durante le conversazioni informali. 

 

Questo può influenzare anche la capacità di creare legami emotivi e di condividere momenti di allegria con gli altri.

Le difficoltà nel rispettare il turno di parola durante le interazioni sociali sono comuni tra le persone con autismo.

 

Questo aspetto della comunicazione richiede la capacità di ascoltare attentamente gli altri, attendere il proprio turno per parlare e rispondere in modo appropriato alla conversazione in corso.

Le persone con autismo possono avere difficoltà a comprendere le proprie emozioni e quelle degli altri, rendendo difficile l’espressione e la gestione delle stesse durante le interazioni sociali. 

Questo può portare a situazioni in cui le risposte emotive possono sembrare inappropriate o disconnesse dalla situazione.

 

La reciprocità sociale è un altro aspetto critico delle interazioni sociali che può essere influenzato dall’autismo. 

Questo concetto si riferisce alla capacità di partecipare attivamente a una conversazione o a un’attività sociale, rispondendo in modo appropriato ai segnali e alle esigenze degli altri.

 

Le persone con autismo possono avere difficoltà a mantenere questo equilibrio, dando l’impressione di essere distanti o poco interessate agli altri, anche se questo non è il caso.

 

La Teoria della Mente e la prospettiva sociale rappresentano ulteriori sfide per le persone con autismo.

 

Questi concetti si riferiscono alla capacità di comprendere le prospettive e i pensieri degli altri, nonché di prevedere il loro comportamento in base a queste informazioni. 

  • Le persone con autismo possono avere difficoltà a mettersi nei panni degli altri e a comprendere le loro motivazioni, il che può complicare ulteriormente le interazioni sociali.
  • Le persone con autismo possono mostrare scarso interesse per le interazioni sociali e le attività di gruppo. 
  • Possono evitare il contatto visivo, mostrare una postura rigida o poco naturale durante le conversazioni e sembrare distanti o disinteressati agli altri. 
  • Una delle caratteristiche distintive delle persone con disturbo dello spettro autistico (disturbo dello spettro dell’autismo) è la difficoltà nel sostenere lo sguardo durante le interazioni sociali. 
  • Questo può manifestarsi come guardare altrove durante le conversazioni, fissare oggetti piuttosto che volti, o guardare rapidamente per poi distogliere lo sguardo. 
  • In alcuni casi, le persone con autismo possono fare brevi contatti visivi ma non riuscire a mantenerli a lungo. 
  • Questo sguardo fuggente può essere intermittente e meno frequente rispetto ai coetanei neurotipici.
  • Ciò può portare a difficoltà nel creare e mantenere relazioni sociali significative e soddisfacenti.
  • Le persone con autismo possono avere difficoltà nel comprendere le regole sociali non scritte che governano le interazioni sociali. 
  • Possono non essere consapevoli delle aspettative sociali riguardanti il turno di parola, la conversazione reciproca, l’uso dello spazio personale e altre norme sociali. 
  • Questo può portare a comportamenti socialmente inappropriati o a malintesi durante le interazioni con gli altri.
  • Infine, l’empatia è un’altra area in cui le persone con autismo possono incontrare difficoltà. 

 

Nonostante molte persone con autismo provino empatia e si preoccupano per gli altri, possono avere difficoltà a esprimere questo sentimento in modo tradizionale o a riconoscere quando gli altri potrebbero aver bisogno di supporto emotivo.

Le difficoltà nell’interazione e nella comunicazione sociale rappresentano, quindi, una sfida significativa per molte persone con autismo, influenzando diversi aspetti delle loro relazioni e della loro vita quotidiana.

Gli interessi ristretti e stereotipati sono un’altra caratteristica comune dell’autismo e si riferiscono alla tendenza di concentrarsi intensamente su determinati argomenti, attività o oggetti, spesso a scapito di interessi più diversificati o flessibili. 

Questo comportamento può manifestarsi in diversi modi e può influenzare diversi aspetti della vita di una persona con autismo.

Nello specifico:

  1. Forte focalizzazione su interessi specifici: Le persone con autismo spesso sviluppano una passione intensa e duratura per argomenti specifici. Questi interessi possono emergere fin dalla prima infanzia e persistere nel tempo, diventando una parte significativa della loro identità e della loro esperienza di vita. La focalizzazione su questi interessi può essere così intensa da dominare gran parte del loro tempo e delle loro attenzioni quotidiane. Ad esempio, un individuo potrebbe essere ossessionato da automobili d’epoca, conoscerle fino al più piccolo dettaglio e trascorrere ore a raccogliere informazioni su modelli, anni di produzione e prestazioni. Questa passione può essere una fonte di grande gioia e soddisfazione per la persona con autismo e può anche essere canalizzata in attività costruttive come la ricerca, la collezione o l’arte.
  2. Rigidezza e resistenza al cambiamento: La rigidità cognitiva è una caratteristica comune dell’autismo e si riflette spesso nella resistenza al cambiamento e nella preferenza per la routine. Le persone con autismo possono trovare difficile adattarsi a nuove situazioni o modificare le loro abitudini consolidate. Questo può includere la resistenza ai cambiamenti nelle loro routine quotidiane, nelle attività o negli interessi. Ad esempio, una persona potrebbe essere molto ansiosa all’idea di dover cambiare il percorso per andare al lavoro o potrebbe reagire negativamente alla prospettiva di fare una vacanza in un luogo nuovo. Questa resistenza al cambiamento può essere una fonte di stress per la persona con autismo e per coloro che sono coinvolti nella loro vita quotidiana, richiedendo pazienza, comprensione e strategie di gestione del cambiamento.
  3. Comportamenti ripetitivi e stereotipati (stereotipie): I comportamenti ripetitivi e stereotipati sono una caratteristica comune dell’autismo e possono manifestarsi in una varietà di modi. Questi comportamenti possono includere azioni come dondolarsi avanti e indietro, agitare le mani, fare movimenti con le dita o con i piedi, ruotare oggetti o ripetere frasi o parole. Questi comportamenti possono sembrare senza scopo o incomprensibili per gli osservatori esterni, ma possono svolgere una funzione importante per la persona con autismo. Possono essere un modo per autoregolarsi in risposta a stimoli sensoriali intensi o possono fornire una sensazione di comfort e sicurezza in situazioni di stress. Sebbene questi comportamenti possano sembrare strani o inappropriati agli occhi degli altri, è importante riconoscere che sono una parte importante dell’esperienza di vita della persona con autismo e possono essere gestiti in modo sensibile e rispettoso. Spesso si parla di stimming, cioè è un comportamento ripetitivo o stereotipato comunemente osservato nelle persone con autismo e in altri disturbi dello sviluppo. Questi comportamenti possono includere movimenti delle mani, dondolamenti del corpo, agitazioni delle dita, sbattere le mani o altri gesti ripetitivi. Lo stimming può anche coinvolgere stimolazioni sensoriali non motorie, come sussurrare o ripetere parole, fare rumori o suoni, guardare in modo fisso oggetti o parti del corpo, o esplorare in modo ripetitivo texture o superfici.
  1. Ipersensibilità sensoriale: Le persone con autismo spesso manifestano sensibilità sensoriali aumentate o diminuite rispetto agli individui neurotipici. Queste sensibilità possono influenzare la loro percezione del mondo e possono avere un impatto significativo sul loro comportamento e sulle loro interazioni sociali. Ad esempio, una persona potrebbe essere ipersensibile al rumore e potrebbe reagire in modo estremamente avverso a suoni forti o fastidiosi. Questo può influenzare la loro partecipazione a eventi sociali, alla scuola o al lavoro e può richiedere l’adozione di strategie di coping per gestire queste sensibilità. D’altra parte, una persona potrebbe essere iposensibile a determinati stimoli sensoriali, come al tatto o al gusto, e potrebbe cercare stimoli sensoriali più intensi o ripetitivi per soddisfare il loro bisogno di stimolazione. Queste sensibilità sensoriali possono influenzare gli interessi e i comportamenti della persona con autismo, contribuendo agli interessi ristretti e stereotipati che spesso caratterizzano il disturbo.
  2. Ecolalia ed ecoprassia: L’ecolalia e l’ecoprassia sono entrambi fenomeni comportamentali che possono essere osservati nelle persone autistiche, sebbene non tutte le persone con autismo manifestino questi comportamenti.
  • Ecolalia: Si tratta della ripetizione involontaria o volontaria delle parole o frasi udite precedentemente. Può manifestarsi in diverse forme: immediata (ripetizione immediata di ciò che è stato detto), ritardata (ripetizione ritardata di parole o frasi udite in precedenza) o inversa (ripetizione delle parole o frasi in ordine inverso). L’ecolalia può essere un modo per la persona autistica di elaborare le informazioni uditive o di comunicare, anche se non sempre la sua funzione è chiara.
  • Ecoprassia: Si riferisce alla ripetizione involontaria di movimenti o gesti osservati in altre persone. Questi movimenti possono essere riprodotti esattamente o in modo simile. Nelle persone autistiche, l’ecoprassia può essere un modo per imitare o interagire con l’ambiente circostante, anche se può anche essere un comportamento che si verifica senza una chiara motivazione o comprensione da parte della persona.

    Entrambi questi comportamenti possono avere una varietà di motivazioni e possono manifestarsi in modi diversi in base alle caratteristiche individuali della persona autistica. È importante che chiunque interagisca con individui autistici cerchi di capire il significato dietro questi comportamenti e di adottare strategie di comunicazione e interazione che tengano conto delle esigenze e delle preferenze della persona.
  1. Difficoltà motorie: Le difficoltà motorie rappresentano un aspetto significativo delle sfide che molte persone con autismo affrontano nel loro quotidiano. Queste difficoltà si manifestano in varie forme, influenzando diverse abilità motorie e comportamentali. In particolare, alcune persone con autismo possono sperimentare una coordinazione motoria ridotta, che si traduce in movimenti rigidi, impacciati o meno fluidi rispetto alla popolazione generale. La compromissione della coordinazione motoria può avere un impatto considerevole sulla vita di chi ne è affetto, limitando la capacità di svolgere attività quotidiane e partecipare a esperienze motorie più complesse. Ad esempio, compiti apparentemente semplici come vestirsi o mangiare possono richiedere uno sforzo aggiuntivo e possono richiedere più tempo del previsto. Movimenti come allacciarsi i lacci delle scarpe o maneggiare posate possono risultare particolarmente complessi e frustranti. Inoltre, le difficoltà motorie possono influenzare la partecipazione a attività fisiche e sportive. Le persone con autismo possono trovare difficile coordinare i movimenti durante l’esecuzione di esercizi o giochi sportivi, il che può limitare le loro opportunità di partecipare a queste attività. Questo può avere conseguenze significative sulla salute fisica e mentale, poiché l’attività fisica è importante per il benessere generale e può contribuire alla gestione dello stress e all’aumento della fiducia in sé stessi. Il controllo dell’equilibrio richiede un’integrazione complessa di informazioni sensoriali e motorie, e alcune persone con autismo possono avere difficoltà a stabilizzare il proprio corpo in diverse posizioni o durante movimenti dinamici. Le difficoltà nel mantenere l’equilibrio possono essere un’altra sfida per le persone con autismo: Ciò può influenzare la partecipazione a attività come camminare su terreni irregolari, fare passeggiate in bicicletta o partecipare a giochi di gruppo che coinvolgono movimenti rapidi e imprevedibili. In sintesi, le difficoltà motorie possono rappresentare una sfida significativa per molte persone con autismo, influenzando diversi aspetti della loro vita quotidiana e delle loro esperienze motorie. È importante riconoscere queste sfide e fornire il supporto e le risorse necessarie per aiutare le persone con autismo a superarle e a vivere una vita piena e soddisfacente.
  1. Difficoltà nella regolazione emotiva: Le difficoltà nella regolazione emotiva rappresentano un aspetto significativo dell’esperienza delle persone con autismo, influenzando profondamente il loro benessere emotivo e le loro interazioni sociali. Queste difficoltà possono manifestarsi in una serie di modi e possono avere un impatto significativo sulla qualità della vita della persona e sulle relazioni con gli altri. In primo luogo, è importante sottolineare che le persone con autismo possono avere difficoltà a identificare, comprendere e esprimere le proprie emozioni in modo efficace. Possono avere difficoltà a riconoscere e interpretare le sensazioni interne e possono avere difficoltà a comunicare i loro sentimenti agli altri. Questa mancanza di consapevolezza emotiva può rendere difficile per la persona con autismo comprendere il motivo per cui si sentono in un certo modo e può portare a frustrazione e disagio. Inoltre, le persone con autismo possono avere difficoltà a regolare le proprie emozioni e a gestire situazioni di stress o di sovraccarico sensoriale. Possono sperimentare una maggiore sensibilità agli stimoli sensoriali e possono essere facilmente sopraffatti da sensazioni di ansia, tensione o sovraccarico sensoriale. Questo può portare a comportamenti reattivi come scoppi d’ira, crisi di pianto o comportamenti aggressivi come morsi, graffi o colpi quando si sentono sopraffatti o frustrati. Questi comportamenti possono essere un modo per la persona con autismo di esprimere la propria angoscia o di cercare sollievo da sensazioni spiacevoli. Le difficoltà nella regolazione emotiva possono influenzare la capacità della persona con autismo di partecipare alle attività quotidiane e di interagire con gli altri in modo significativo. Possono sentirsi isolati o incomprese dagli altri a causa dei loro comportamenti emotivi, e questo può influenzare la loro autostima e la loro fiducia in sé stessi. Inoltre, queste difficoltà possono mettere a dura prova le relazioni familiari e sociali, poiché gli altri possono lottare per comprendere e gestire i comportamenti emotivi della persona con autismo.

È importante fornire supporto e risorse adeguate per aiutare le persone con autismo a sviluppare strategie efficaci per la regolazione emotiva e per gestire situazioni di stress o sovraccarico sensoriale.

Questo può includere l’insegnamento di tecniche di rilassamento e di gestione dello stress, l’uso di routine e strutture prevedibili per ridurre l’ansia, e l’offerta di sostegno emotivo e sociale per aiutare la persona con autismo a sentirsi sostenuta e compresa.

Con il supporto adeguato, le persone con autismo possono imparare a gestire le proprie emozioni in modo più efficace e a vivere una vita piena e soddisfacente.

Tipologie di Autismo

L’autismo può manifestarsi in 3 diverse tipologie a seconda del funzionamento, che si riferisce alle sue capacità complessive e alla sua autonomia nelle attività quotidiane, nelle relazioni sociali, e nei contesti educativi e lavorativi.

Autismo a basso funzionamento (Autismo severo o di tipo 3):

  • Le persone con autismo a basso funzionamento hanno una maggiore necessità di supporto nelle attività quotidiane, nelle interazioni sociali e nell’apprendimento.
  • Possono avere difficoltà significative nella comunicazione verbale e non verbale e possono essere non verbali.
  • Spesso manifestano comportamenti ripetitivi e stereotipati e possono avere difficoltà nell’adattarsi ai cambiamenti nelle routine.
  • Possono richiedere un ambiente strutturato e prevedibile e un supporto costante da parte di caregiver, insegnanti o operatori sanitari.
  • Il livello di indipendenza varia notevolmente da persona a persona, ma in genere queste persone hanno bisogno di sostegno costante per soddisfare le loro esigenze quotidiane.

Autismo a medio funzionamento (autismo moderato o di tipo 2):

  • Le persone con autismo a medio funzionamento mostrano un livello moderato di abilità e indipendenza nelle attività quotidiane e nelle interazioni sociali.
  • Possono avere capacità linguistiche limitate o atipiche e possono presentare difficoltà nella comprensione e nell’uso della comunicazione sociale.
  • Potrebbero manifestare comportamenti ripetitivi, ma in genere sono in grado di gestire meglio le situazioni di routine e di adattarsi ai cambiamenti nell’ambiente.
  • Possono avere successo in ambienti strutturati e con un supporto adeguato da parte di familiari, insegnanti e operatori sanitari.
  • Il livello di indipendenza può variare notevolmente all’interno di questa categoria, ma molte persone con autismo a medio funzionamento possono avere una vita relativamente indipendente con il supporto adeguato.

Autismo ad alto funzionamento (autismo lieve o di tipo 1):

  • Le persone con autismo ad alto funzionamento hanno una gamma più ampia di abilità e indipendenza nelle attività quotidiane e nelle interazioni sociali.
  • Possono avere un linguaggio verbale relativamente sviluppato e possono essere in grado di comunicare in modo efficace, anche se possono presentare difficoltà nella comprensione delle sfumature della comunicazione sociale.
  • Hanno meno probabilità di manifestare comportamenti ripetitivi e stereotipati rispetto ad altri profili di autismo.
  • Possono avere successo in ambienti educativi e lavorativi e possono vivere in modo relativamente indipendente.
  • Tuttavia, possono ancora avere bisogno di supporto e adattamenti nelle situazioni sociali complesse o in ambienti stressanti.

Evoluzione dell’Autismo ad alto funzionamento nell’età adulta

È interessante notare che molte persone con autismo ad alto funzionamento tendono ad adattarsi all’ambiente circostante, spesso attraverso un processo di mimetismo sociale e di sviluppo di strategie di compensazione. 

Questo adattamento può essere così efficace da mascherare i segni evidenti dell’autismo, portando alcune persone a scoprire di essere parte dello spettro autistico solo in età adulta.

 

autismo mimetismo sociale

Il processo di adattamento delle persone con autismo può manifestarsi in diversi modi.

 

In primis per via di una forma di mimetismo sociale.

 

Alcune persone con autismo imparano infatti ad imitare i comportamenti degli altri per integrarsi meglio nella società. 

 

Possono osservare attentamente le interazioni sociali e imparare le convenzioni sociali apparentemente “normali”, anche se non le comprendono pienamente.

 

Questo mimetismo può rendere più difficile il riconoscimento dell’autismo, poiché le persone sembrano integrarsi bene nel contesto sociale. 

 

In secondo luogo perchè può esserci una sorta di evoluzione dell’autismo.

L’evoluzione dell’autismo ad alto funzionamento nell’età adulta può variare notevolmente da persona a persona, ma ci sono alcuni modelli e tendenze comuni che possono essere osservati. 

 

Alcuni aspetti significativi dell’evoluzione dell’autismo ad alto funzionamento nell’età adulta sono:

 

  • Sviluppo delle abilità sociali: Mentre alcune persone con autismo ad alto funzionamento possono continuare a lottare con le interazioni sociali e le abilità comunicative nell’età adulta, altre possono sviluppare strategie di adattamento e imparare a navigare meglio le relazioni sociali nel tempo. Possono acquisire maggiore consapevolezza delle norme sociali e migliorare la loro capacità di comprendere e rispondere ai segnali sociali.
  • Indipendenza e autonomia: Molte persone con autismo ad alto funzionamento possono sviluppare un certo grado di indipendenza e autonomia nell’età adulta, specialmente se ricevono il supporto adeguato e gli adattamenti necessari. Possono essere in grado di gestire le proprie attività quotidiane, stabilire relazioni significative e perseguire obiettivi personali e professionali.
  • Crescita professionale: Alcune persone con autismo ad alto funzionamento possono avere carriere professionali soddisfacenti e di successo. Possono sfruttare le loro abilità cognitive e specializzate per eccellere in campi come la scienza, la tecnologia, l’ingegneria, le arti e molti altri settori. Tuttavia, possono ancora affrontare sfide sul posto di lavoro legate alle relazioni interpersonali e alla gestione dello stress.
  • Gestione dell’ansia e dello stress: Molte persone con autismo ad alto funzionamento possono continuare a lottare con l’ansia e lo stress nell’età adulta. Possono avere difficoltà a gestire situazioni sociali complesse, a fare i conti con i cambiamenti imprevisti o a gestire le pressioni quotidiane. È importante fornire loro strategie di coping e supporto emotivo per affrontare queste sfide.
  • Relazioni interpersonali: Le relazioni interpersonali possono rappresentare una sfida per molte persone con autismo ad alto funzionamento nell’età adulta. Possono avere difficoltà a stabilire e mantenere relazioni romantiche, amicali o familiari, specialmente se hanno difficoltà a comprendere le emozioni degli altri o a interpretare i segnali sociali sottili.
  • Mantenimento delle abilità: Alcune persone con autismo ad alto funzionamento possono mantenere o migliorare le loro abilità cognitive e linguistiche nell’età adulta, mentre altre possono sperimentare un declino legato all’invecchiamento o ad altre condizioni di salute. È importante fornire loro opportunità di stimolazione e supporto per mantenere il loro benessere generale e le loro capacità cognitive.
sfide difficoltà autismo

In sintesi, l’evoluzione dell’autismo ad alto funzionamento nell’età adulta può essere caratterizzata da una varietà di esperienze e sfide. 

 

Con il supporto adeguato e gli adattamenti necessari, molte persone con autismo ad alto funzionamento possono condurre vite significative e soddisfacenti, realizzando i loro obiettivi personali e professionali. 

 

Tuttavia, è importante riconoscere che ogni individuo è unico e che le loro esperienze possono variare notevolmente.

GAM-MEDICAL: Diagnosi di Autismo ad Alto Funzionamento

L’autismo può essere diagnosticato in diverse fasi della vita, ma i primi segnali possono essere osservati già durante la primissima l’infanzia. 

Primi Mesi:

Nei primi mesi di vita, i segnali precoci possono includere la mancanza di contatto visivo, la mancanza di reazione ai suoni, l’assenza di sorrisi sociali o la difficoltà nel mantenere l’attenzione su volti umani.

6-12 Mesi:

Durante questo periodo, i segnali possono includere ritardi nel linguaggio e nella comunicazione non verbale, come il gesto del puntare o fare cenni. Altri segnali possono essere movimenti ripetitivi o eccessiva sensibilità sensoriale.

12-24 Mesi:

I bambini potrebbero mostrare difficoltà nell’interagire con gli altri, come non rispondere al proprio nome, non mostrare interesse per i giochi di imitazione o non indicare oggetti di interesse.

0-3 anni:

I bambini potrebbero non rispondere al sorriso o agli sguardi rivolti verso di loro, non mostrando interesse per le persone intorno a loro. Possono verificarsi ritardi nel linguaggio parlato o nella comprensione del linguaggio. Alcuni bambini possono mostrare comportamenti ripetitivi, come movimenti delle mani, dondolamenti del corpo o fissazioni su particolari oggetti.

autismo stress ansia

L’autismo ad alto funzionamento può però essere diagnosticato più tardi rispetto ad altre forme di autismo, in parte perché i segni e i sintomi possono essere meno evidenti o mascherati, specialmente durante l’infanzia e l’adolescenza.

 

Anche se le persone con autismo ad alto funzionamento possono adattarsi e mimetizzarsi bene in determinati contesti sociali, ciò non significa che non abbiano bisogno di supporto e assistenza. 

La capacità di camuffarsi può essere un meccanismo di coping che consente loro di affrontare le sfide quotidiane, ma ciò non elimina le difficoltà sottostanti che possono influenzare il loro benessere e la loro qualità di vita.

 

Anche se possono sembrare funzionare bene esternamente, le persone con autismo ad alto funzionamento possono ancora sperimentare elevati livelli di stress e ansia a causa delle sfide quotidiane legate alla comunicazione, alle interazioni sociali e all’adattamento agli ambienti in continua evoluzione.

Ma come capire se si è autistici da adulti?

Capire se si è autistici può essere un percorso complesso e delicato, specialmente se si arriva a questa consapevolezza da adulti.

 

L’autismo ad alto funzionamento può essere particolarmente difficile da individuare, poiché le persone che ne sono affette spesso sviluppano strategie di adattamento che mascherano i sintomi.

 

Questo può far sì che il dubbio emerga solo leggendo i sintomi in età adulta e ripercorrendo la propria infanzia con una nuova prospettiva.

come capire autismo

Se ti riconosci in molti dei sintomi dell’autismo, è essenziale cercare una diagnosi di autismo professionale.

 

 

Affidarsi a psicologi e psichiatri esperti in autismo, come quelli di GAM-MEDICAL, è fondamentale per diversi motivi:

I professionisti di GAM-MEDICAL possono eseguire una valutazione completa che include colloqui clinici, osservazioni comportamentali, e test psicologici standardizzati.

Solo professionisti come psicologi e psichiatri possono fornire una diagnosi accurata, distinguendo l’autismo da altre condizioni che possono presentare sintomi simili, come il disturbo d’ansia, il mutismo selettivo, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), o la schizofrenia

Una diagnosi precisa permette di sviluppare un piano di trattamento e supporto adeguato alle tue esigenze specifiche. 

I professionisti di GAM-MEDICAL possono offrire supporto continuo e adattare il trattamento in base alle tue necessità e progressi. Inoltre, possono aiutarti a connetterti con risorse e gruppi di supporto.

Sicuramente, per una persona che sospetta di avere l’autismo ad alto funzionamento da adulto, poter accedere a un percorso diagnostico e terapeutico online può essere estremamente prezioso.

 

La possibilità di effettuare valutazioni e terapie da casa propria offre numerosi vantaggi, specialmente per chi può sentirsi sopraffatto da interazioni sociali e ambienti esterni.

 

In particolare, poter accedere ad un percorso diagnostico online per l’autismo consente:

la diagnosi da casa riduce lo stress associato al doversi recare in un ambiente clinico, che può essere fonte di agitazione e sovraccarico sensoriale. La familiarità e il comfort del proprio ambiente domestico possono rendere più facile per la persona essere se stessa e rispondere in modo genuino durante le valutazioni.

la diagnosi online elimina la necessità di interazioni faccia a faccia con più persone, che possono essere fonte di ansia per molti adulti con autismo lieve. Questo approccio consente di evitare sale d’attesa affollate e potenziali situazioni sociali stressanti.

le sedute online offrono una maggiore flessibilità nella programmazione degli appuntamenti, permettendo di scegliere orari che si adattano meglio alle proprie esigenze e routine, spesso molto rigide nei soggetti autistici.

autismo alto funzionamento diagnosi

Una volta ottenuta la diagnosi, la terapia online (farmacologica e psicoterapeutica) rappresenta un’opzione di trattamento molto efficace per gli adulti con autismo ad alto funzionamento

 

  • Riduzione del Sovraccarico Sensoriale: Partecipare alle sessioni terapeutiche online permette di evitare i sovraccarichi sensoriali che possono essere causati da viaggi, rumori ambientali e luci intense negli studi clinici. L’ambiente domestico può essere controllato per ridurre al minimo le distrazioni sensoriali, permettendo una maggiore concentrazione sulla terapia.
  • Comodità e Accessibilità: La terapia online consente di accedere ai nostri professionisti qualificati indipendentemente dalla propria posizione geografica, superando le barriere legate alla distanza. È particolarmente utile per le persone che vivono in aree rurali o remote, dove l’accesso a specialisti può essere limitato o ostacolato da difficoltà di prendere i mezzi, come il sovraccarico sensoriale.
  • Adattamento ai Propri Ritmi:  Le sessioni possono essere adattate ai ritmi personali e alle esigenze individuali, permettendo di lavorare sui propri obiettivi terapeutici in modo più personalizzato. 
autismo come fare diagnosi

Per gli adulti che sospettano di avere l’autismo ad alto funzionamento, accedere a un percorso diagnostico e terapeutico online può essere una risorsa inestimabile.

 

Questa modalità offre un approccio più comodo, meno stressante e altamente personalizzabile, permettendo di affrontare le proprie difficoltà in un ambiente sicuro e controllato.

 

La possibilità di evitare sovraccarichi sensoriali e interazioni sociali stressanti rende la diagnosi e la terapia online particolarmente adatte a chi vive con autismo lieve, facilitando un percorso di supporto e trattamento continuo ed efficace.

Comorbilità dell’autismo ad alto funzionamento

Le persone con autismo ad alto funzionamento possono manifestare diverse comorbilità, cioè condizioni mediche o psicologiche che coesistono con l’autismo e che possono influenzare il loro benessere complessivo e il loro funzionamento quotidiano. 

 

Alcune delle comorbilità più comuni associate all’autismo ad alto funzionamento includono:

  • Disturbo d’ansia generalizzata: Le persone con autismo ad alto funzionamento possono sperimentare una preoccupazione eccessiva e persistente riguardo a una vasta gamma di eventi o situazioni, che possono interferire con il loro funzionamento quotidiano
  • Fobia sociale: L’ansia sociale e la paura del giudizio degli altri possono essere particolarmente significative per le persone con autismo ad alto funzionamento, che possono lottare per navigare in situazioni sociali complesse.
  • Depressione: Le persone con autismo ad alto funzionamento possono essere a rischio di depressione, sia a causa delle sfide legate alla gestione delle relazioni sociali e delle aspettative sociali, sia a causa della lotta con i sentimenti di isolamento e incomprensione
  • Insonnia: Le difficoltà nel dormire o nel mantenere un ritmo sonno-veglia regolare possono essere comuni nelle persone con autismo ad alto funzionamento, a causa dell’ipersensibilità sensoriale, dell’ansia o dei pattern comportamentali rigidi.
  • Disturbo dell’alimentazione selettiva: Alcune persone con autismo ad alto funzionamento possono avere preferenze alimentari estremamente limitate o rigide, che possono portare a una dieta squilibrata o a problemi di nutrizione.
  • ADHD combinato: L’ADHD è comune nelle persone con autismo ad alto funzionamento, con sintomi che includono difficoltà a mantenere l’attenzione, iperattività e impulsività.
  • Disturbi della coordinazione motoria: Alcune persone con autismo ad alto funzionamento possono avere difficoltà nella coordinazione motoria fine e grossolana, che possono influenzare le loro abilità nell’attività fisica e nell’autonomia quotidiana.

I sintomi ossessivi e compulsivi possono essere presenti nelle persone con autismo ad alto funzionamento, contribuendo a un aumento dello stress e dell’ansia.

Alcune persone con autismo ad alto funzionamento possono sviluppare PTSD a seguito di esperienze traumatiche, come il bullismo o situazioni di abuso.

L’epilessia è una comorbidità comune nelle persone con disturbo dello spettro autistico, con una prevalenza che varia dal 20% al 30%. Le crisi epilettiche possono influenzare lo sviluppo cognitivo e comportamentale, complicando ulteriormente il quadro clinico.

Diagnosi differenziale di Autismo ad Alto Funzionamento: è importante?

La diagnosi differenziale dell’autismo ad alto funzionamento è importante per escludere altre condizioni che possono presentare sintomi simili, ma che richiedono approcci di trattamento e gestione diversi. 

 

Disturbi dello Spettro Autistico a Basso e Medio Funzionamento:

È importante distinguere l’autismo ad alto funzionamento da altre forme di autismo con maggiore compromissione del funzionamento, come il disturbo autistico o il disturbo dello sviluppo pervasivo non altrimenti specificato. I criteri diagnostici dell’autismo lieve si concentrano sull’intelligenza e il linguaggio nella norma o superiori alla media, mentre altre forme di autismo possono presentare ritardi significativi in queste aree.

Disturbi d'Ansia:

Disturbi d’ansia come il disturbo d’ansia generalizzata e la fobia sociale possono manifestare sintomi simili all’autismo ad alto funzionamento, come la socializzazione ridotta e i comportamenti ripetitivi. Una valutazione accurata può aiutare a distinguere tra i sintomi dell’autismo e quelli dei disturbi d’ansia.

ADHD:

Il Deficit di Attenzione e Iperattività può condividere alcuni sintomi con l’autismo ad alto funzionamento, come l’iperattività, l’impulsività e la difficoltà di concentrazione. Tuttavia, nel ADHD, i sintomi si manifestano tipicamente in modi diversi e possono essere associati a una maggiore variabilità comportamentale e di adattamento.

Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA):

Alcuni disturbi specifici dell’apprendimento, come la dislessia o la discalculia, possono essere presenti insieme all’autismo ad alto funzionamento e influenzare il funzionamento accademico e cognitivo. È importante eseguire valutazioni approfondite per identificare eventuali difficoltà specifiche nell’apprendimento e fornire supporto adeguato.

Mutismo Selettivo:

Il mutismo selettivo è un disturbo d’ansia che si manifesta con la persistente incapacità di parlare in determinati contesti sociali, nonostante la capacità di parlare in altri contesti. Alcuni sintomi del mutismo selettivo, come la difficoltà a comunicare in situazioni sociali specifiche, possono sovrapporsi ai sintomi sociali dell’autismo ad alto funzionamento. Tuttavia, nel mutismo selettivo, la comunicazione verbale è presente in alcuni contesti, mentre nell’autismo ad alto funzionamento, la difficoltà nella comunicazione può essere più generalizzata e influenzare diversi aspetti della vita quotidiana.

Schizofrenia:

La schizofrenia è un disturbo psichiatrico grave che può comportare sintomi come allucinazioni, deliri, discorsi disorganizzati e compromissione della funzione sociale. Alcuni sintomi della schizofrenia, come le allucinazioni o i deliri, possono essere confusi con i comportamenti ripetitivi o i deficit nella comunicazione sociale dell’autismo. Anche alcuni sintomi negativi, come l’asocialità e l’isolamento sociale della schizofrenia possono essere confusi con l’autismo. Tuttavia, mentre l’autismo è caratterizzato da difficoltà persistenti nella comunicazione sociale e nei comportamenti ripetitivi, la schizofrenia è associata a sintomi psicotici più gravi che possono avere un esordio più tardivo nell’età adulta

Cause dell’Autismo

L’autismo è considerato un disturbo del neurosviluppo perché coinvolge anomalie nello sviluppo del cervello e del sistema nervoso centrale che influenzano diverse aree del funzionamento cognitivo, comportamentale e socio-emotivo.

 

Queste anomalie si manifestano fin dalla prima infanzia e hanno un impatto duraturo sulla vita della persona, influenzando il modo in cui pensa, si comporta e interagisce con il mondo circostante.

 

Questo tipo di disturbo implica anomalie nel modo in cui il cervello elabora le informazioni, influenzando diverse aree dello sviluppo e del comportamento umano.

 

L’autismo è caratterizzato, infatti, da alterazioni nella struttura e nella funzione del cervello. 

autismo cause sistema nervoso
anatomia cervello autismo

Studi neuroimaging hanno mostrato differenze nell’anatomia cerebrale, come variazioni nel volume di specifiche aree cerebrali, inclusi il lobo frontale, il lobo temporale e il cervelletto.

 

Ci sono anche differenze nella connettività cerebrale, ovvero nel modo in cui le diverse regioni del cervello comunicano tra loro.

 

 

Queste differenze possono portare a una sincronizzazione atipica delle attività cerebrali, influenzando processi cognitivi e comportamentali.

 

Le cause dell’autismo sono complesse e multifattoriali, ancora non del tutto note ma i pensa che coinvolgano una combinazione di fattori genetici, ambientali e biologici.

 

 

Ecco di seguito esplicate, le principali cause conosciute.

L’autismo ha una forte componente genetica, si stima che i fattori genetici possano contribuire fino al 80-90% dei casi di autismo.

 

Alcune delle principali evidenze e scoperte relative alla predisposizione genetica all’autismo:

  • Ereditarietà: La ricerca ha dimostrato che l’autismo tende a presentarsi nelle famiglie. Studi sui gemelli hanno rilevato che se un gemello identico è affetto da disturbo dello spettro dell’autismo, c’è una probabilità significativamente alta che anche l’altro gemello lo sia, suggerendo una forte componente genetica. Per i gemelli fraterni, che condividono solo circa il 50% del loro DNA, il rischio è comunque maggiore rispetto alla popolazione generale, ma inferiore rispetto ai gemelli identici.
  • Varianti genetiche comuni: Alcuni geni, come quelli coinvolti nella segnalazione sinaptica, nello sviluppo neuronale e nella plasticità cerebrale, sono stati associati a un rischio aumentato di autismo. Queste varianti sono presenti in una buona parte della popolazione e contribuiscono ciascuna solo in minima parte al rischio complessivo di disturbo dello spettro dell’autismo. Tuttavia, la presenza contemporanea di più di queste varianti può incrementare significativamente il rischio.
  • Varianti genetiche rare: Esistono mutazioni genetiche rare che hanno un effetto più potente sul rischio di autismo. Alcune di queste mutazioni sono note come CNV (copy number variations), che implicano duplicazioni o delezioni di segmenti di DNA. Queste variazioni possono interrompere geni cruciali per lo sviluppo cerebrale, portando a disfunzioni neurologiche. Esempi includono mutazioni nei geni SHANK3, NRXN1, e CHD8.
  • Sindrome genetiche: Alcuni disturbi genetici sono strettamente associati all’autismo. Ad esempio, la sindrome dell’X fragile, una condizione ereditaria causata da una mutazione nel gene FMR1, spesso comporta sintomi dello spettro autistico. Altre sindromi genetiche legate all’autismo includono la sclerosi tuberosa e la sindrome di Rett.
  • Interazione genica: Non solo le singole varianti genetiche, ma anche l’interazione tra diversi geni può influenzare il rischio di sviluppare l’autismo. Gli studi di associazione genome-wide (GWAS) hanno identificato molteplici loci genetici che, quando combinati, possono predisporre un individuo all’autismo.
  • Genetica e neurobiologia: Le varianti genetiche associate all’autismo spesso influenzano i percorsi neurobiologici critici per lo sviluppo del cervello, inclusi i processi di migrazione neuronale, la formazione delle sinapsi, e la trasmissione sinaptica. Questo può portare a una connettività cerebrale atipica e a differenze strutturali e funzionali nelle aree del cervello coinvolte nella comunicazione e nell’interazione sociale.

Tra i molteplici fattori Biologici correlati all’Autismo possiamo riscontrare:

 

  • Disfunzioni del sistema nervoso centrale: Le anomalie nello sviluppo del cervello e delle sue reti neurali sono spesso osservate nei bambini con disturbo dello spettro autistico (disturbo dello spettro dell’autismo). Queste anomalie possono includere una crescita cerebrale accelerata durante i primi anni di vita, un’alterata connettività tra diverse aree del cervello e alterazioni nella struttura e funzione delle sinapsi. Le disfunzioni del sistema nervoso centrale giocano un ruolo cruciale nella manifestazione dei sintomi dell’autismo, come i deficit nella comunicazione sociale e i comportamenti ripetitivi.
  • Macrocèfalia: Alcuni bambini con disturbo dello spettro dell’autismo presentano una crescita cerebrale accelerata durante i primi anni di vita, che può portare a una condizione chiamata macrocèfalia (testa di dimensioni maggiori rispetto alla norma). Studi di neuroimaging hanno dimostrato che questa crescita rapida può essere associata a un aumento del volume della materia bianca e della materia grigia.
  • Impatti funzionali: La crescita cerebrale accelerata può influire sulla maturazione delle reti neuronali, causando uno sviluppo atipico delle connessioni sinaptiche e della plasticità neurale. Questo sviluppo anomalo può contribuire ai deficit nelle capacità di elaborazione delle informazioni e nella comunicazione tra diverse aree cerebrali.
  • Connettività a lungo raggio: Nei bambini con disturbo dello spettro dell’autismo, è spesso osservata un’alterata connettività tra le diverse regioni del cervello, particolarmente tra le aree corticali e subcorticali. Questo può manifestarsi come ipoconnettività (connessioni ridotte) tra regioni distanti, che sono cruciali per l’integrazione delle informazioni sensoriali e cognitive.
  • Connettività locale: Al contrario, può essere presente un’eccessiva connettività locale (iperconnettività) nelle regioni cerebrali coinvolte nell’elaborazione sensoriale e motoria. Questo squilibrio nella connettività può contribuire ai sintomi sensoriali e comportamentali osservati nell’autismo, come l’ipersensibilità agli stimoli sensoriali e i comportamenti ripetitivi.
  • Struttura e funzione sinaptica: Le sinapsi, i punti di comunicazione tra i neuroni, mostrano spesso alterazioni strutturali e funzionali nei soggetti con disturbo dello spettro dell’autismo. Queste alterazioni possono includere cambiamenti nella densità sinaptica, nella morfologia delle spine dendritiche e nella trasmissione sinaptica
  • Neurotrasmettitori: Gli squilibri nei livelli di neurotrasmettitori, come il glutammato e il GABA, possono influenzare l’eccitabilità neuronale e la plasticità sinaptica. Questi squilibri sono stati implicati nella disfunzione delle reti neuronali che caratterizza l’autismo.
  • Condizioni mediche concomitanti: Alcuni bambini con disturbo dello spettro dell’autismo hanno anche altre condizioni mediche che possono influenzare lo sviluppo neurologico e contribuire alla complessità del disturbo. Queste condizioni includono sindromi genetiche, disturbi metabolici e mitocondriali, e altre comorbidità che possono avere un impatto significativo sulla presentazione clinica e sulla gestione dell’autismo.
  • Manifestazioni neurologiche: I bambini con sclerosi tuberosa possono avere crisi epilettiche, ritardi nello sviluppo e disturbo dello spettro dell’autismo. Le anomalie cerebrali associate, come i tuberi corticali e i noduli sottoventricolari, possono contribuire ai sintomi neurologici e comportamentali.
  • Disfunzione mitocondriale: Le anomalie nella funzione dei mitocondri, le centrali energetiche delle cellule, sono state osservate in alcuni bambini con disturbo dello spettro dell’autismo. La disfunzione mitocondriale può portare a deficit energetici nel cervello, influenzando la plasticità sinaptica e lo sviluppo neuronale.
  • Malattie metaboliche: Alcuni disturbi metabolici, come le malattie del ciclo dell’urea e i disordini della β-ossidazione degli acidi grassi, sono stati associati a un aumento del rischio di autismo. Questi disturbi possono causare accumulo di metaboliti tossici che danneggiano il sistema nervoso centrale.

Vari sono anche i fattori ambientali dell’autismo, il contesto/ambiente di nascita, crescita e vita di un individuo potrebbero anch’essi determinare l’insorgere del disturbo dell’autismo.

 

Ad esempio, l’età avanzata dei genitori al momento del concepimento è un fattore di rischio significativo per lo sviluppo di disturbi dello spettro autistico nei figli.

 

Questo rischio è mediato da una combinazione di fattori genetici, epigenetici e ambientali, nonché da comorbidità mediche che aumentano con l’età.

 

Nello specifico le donne che concepiscono in età avanzata, tipicamente oltre i 35 anni, presentano un rischio maggiore di avere figli con disturbo dello spettro dell’autismo.

 

Questo rischio incrementato può essere attribuito a vari fattori biologici.

 

Ad esempio, con l’aumentare dell’età, gli ovuli delle donne subiscono più divisioni cellulari, aumentando la probabilità di errori genetici o mutazioni de novo che possono influenzare negativamente lo sviluppo del feto.

 

Inoltre, le donne più anziane sono anche più suscettibili a complicazioni durante la gravidanza, come diabete gestazionale e ipertensione, che possono influenzare negativamente lo sviluppo neurologico del feto.

 

Anche l’età avanzata del padre è stata collegata a un rischio maggiore di autismo nei figli.

 

Gli uomini continuano a produrre spermatozoi per tutta la vita, e con l’avanzare dell’età, il numero di divisioni cellulari che le cellule progenitrici degli spermatozoi devono subire aumenta significativamente.

Ogni divisione cellulare rappresenta un’opportunità per errori e mutazioni genetiche.

 

Studi hanno dimostrato che il numero di mutazioni de novo è significativamente più alto nei figli di padri più anziani.

Queste mutazioni possono riguardare geni cruciali per lo sviluppo del sistema nervoso e aumentare il rischio di disturbo dello spettro dell’autismo.

 

  • Interazioni geniche ed epigenetiche: Con l’avanzare dell’età dei genitori, non solo aumentano le mutazioni genetiche, ma si verificano anche cambiamenti epigenetici, cioè modifiche nell’espressione genica senza alterazioni nella sequenza del DNA. Questi cambiamenti possono essere trasmessi ai figli e influenzare lo sviluppo embrionale e fetale, contribuendo a un rischio maggiore di disturbi neurologici, inclusi l’autismo.
  • Fattori ambientali associati all’età: I genitori più anziani possono essere esposti a una maggiore quantità di fattori ambientali potenzialmente dannosi nel corso della loro vita. L’esposizione prolungata a inquinanti ambientali, sostanze chimiche industriali e altre tossine può accumularsi e influire negativamente sulla qualità degli ovuli e degli spermatozoi. Inoltre, i genitori anziani possono avere stili di vita o condizioni mediche che aumentano il rischio di complicazioni durante la gravidanza e il parto.
  • Comorbidità genetiche e mediche: Con l’aumentare dell’età, i genitori hanno anche un rischio maggiore di sviluppare comorbidità mediche, come malattie cardiovascolari, disturbi metabolici e condizioni autoimmuni, che possono influenzare negativamente lo sviluppo del feto. La presenza di queste condizioni mediche può complicare la gravidanza e il parto, aumentando ulteriormente il rischio di disturbo dello spettro dell’autismo nei bambini.
  • Complicazioni prenatali e perinatali: Problemi durante la gravidanza e il parto, noti come complicazioni prenatali e perinatali, sono stati identificati come fattori di rischio significativi per lo sviluppo dell’autismo. Queste complicazioni possono influenzare negativamente lo sviluppo del feto e del neonato attraverso una serie di meccanismi biologici e ambientali.
  • Infezioni materne: Le infezioni durante la gravidanza, come la rosolia, la toxoplasmosi, e l’influenza, sono state associate a un aumento del rischio di disturbo dello spettro dell’autismo nel bambino. Le infezioni possono innescare una risposta infiammatoria sistemica nella madre, che può attraversare la barriera placentare e influenzare lo sviluppo del cervello del feto. Inoltre, alcune infezioni possono direttamente infettare il feto, causando danni neurologici.
  • Esposizione a sostanze tossiche: L’esposizione della madre a sostanze chimiche tossiche durante la gravidanza, come pesticidi, metalli pesanti (ad esempio, mercurio e piombo), e farmaci teratogeni, può aumentare il rischio di autismo nel bambino. Queste sostanze possono attraversare la placenta e interferire con i processi di sviluppo neurale, alterando la migrazione dei neuroni, la formazione delle sinapsi e altre funzioni cruciali per il corretto sviluppo del cervello.
  • Nascita pretermine: La nascita pretermine, definita come la nascita prima della 37ª settimana di gestazione, è stata associata a un rischio aumentato di disturbo dello spettro dell’autismo. I neonati prematuri spesso hanno un sistema nervoso centrale non completamente sviluppato e sono più vulnerabili a complicazioni come emorragie intracraniche, leucomalacia periventricolare (un tipo di lesione della materia bianca del cervello), e infezioni postnatali. Queste condizioni possono compromettere lo sviluppo neurologico e aumentare il rischio di disturbi dello spettro autistico.
  • Basso peso alla nascita: Il basso peso alla nascita, spesso associato a nascite pretermine o a ritardi di crescita intrauterina, è un altro fattore di rischio per disturbo dello spettro dell’autismo. I neonati con basso peso alla nascita possono avere una crescita cerebrale ritardata e essere più suscettibili a danni neurologici. La malnutrizione materna e le complicazioni della placenta possono contribuire a un basso peso alla nascita e influenzare negativamente lo sviluppo del cervello del feto.
  • Complicazioni durante il parto: Eventi avversi durante il parto, come l’asfissia neonatale (mancanza di ossigeno al neonato), trauma da parto e parto cesareo d’urgenza, possono aumentare il rischio di disturbo dello spettro dell’autismo. L’asfissia neonatale può causare danni cerebrali permanenti, mentre il trauma da parto può danneggiare fisicamente il cervello del neonato.
  • Diabete gestazionale e ipertensione: Le condizioni mediche materne durante la gravidanza, come il diabete gestazionale e l’ipertensione, sono state associate a un aumento del rischio di autismo. Queste condizioni possono influenzare negativamente la circolazione sanguigna e l’apporto di ossigeno al feto, compromettendo lo sviluppo neurologico.
  • Sindrome da trasfusione feto-fetale (TTTS): Nei casi di gravidanze gemellari monocoriali, la TTTS può verificarsi quando c’è un squilibrio nella condivisione del sangue tra i gemelli attraverso la placenta condivisa. Questo può portare a complicazioni gravi, inclusi la nascita pretermine e danni cerebrali, aumentando il rischio di autismo
  • Esposizioni ambientali in gravidanza: L’esposizione a sostanze chimiche e inquinanti ambientali durante la gravidanza è stata identificata come un importante fattore di rischio per lo sviluppo dell’autismo. Queste esposizioni possono influenzare negativamente il feto attraverso vari meccanismi, interferendo con i processi di sviluppo del sistema nervoso e altre funzioni cruciali.
  • Pesticidi: Numerosi studi hanno mostrato un’associazione tra l’esposizione materna a pesticidi agricoli durante la gravidanza e un aumento del rischio di disturbo dello spettro dell’autismo nei bambini. I pesticidi possono attraversare la barriera placentare e interferire con i processi di sviluppo del cervello, come la migrazione neuronale e la formazione delle sinapsi. In particolare, l’esposizione a pesticidi organofosfati, noti per la loro neurotossicità, è stata collegata a un rischio aumentato di autismo.
  • Inquinamento atmosferico: L’esposizione all’inquinamento atmosferico, in particolare al particolato fine (PM2.5) e al biossido di azoto (NO2), durante la gravidanza è stata associata a un rischio maggiore di autismo. Questi inquinanti possono attraversare la barriera placentare e causare infiammazioni e stress ossidativo nel feto.

Studi a lungo termine hanno seguito i bambini dall’utero fino all’infanzia e hanno trovato che quelli esposti a livelli elevati di inquinanti atmosferici avevano tassi più alti di diagnosi di autismo.

 

Anche Il BPA, una sostanza chimica utilizzata nella produzione di plastiche, è un noto interferente endocrino.

 

L’esposizione al BPA durante la gravidanza può alterare lo sviluppo neurologico del feto, aumentando il rischio di disturbi neuropsichiatrici, incluso l’autismo.

 

Gli ftalati, presenti in molti prodotti di plastica e cosmetici, sono stati associati a disturbi dello sviluppo neurologico.

 

Studi sugli animali hanno dimostrato che l’esposizione agli ftalati può alterare i livelli di neurotrasmettitori e influenzare negativamente la formazione sinaptica.

inquinanti atmosferici autismo

Ipotesi sui Sintomi dell'Autismo: Funzioni Esecutive e Teoria della Mente

autismo difficoltà sociali

L’autismo è caratterizzato da una varietà di sintomi comportamentali e cognitivi che influenzano la comunicazione sociale, la percezione sensoriale e il comportamento ripetitivo.

 

Due delle principali ipotesi che cercano di spiegare questi sintomi sono l’ipotesi delle funzioni esecutive e l’ipotesi della teoria della mente.

 

Queste teorie offrono prospettive complementari sulle disfunzioni cognitive che possono contribuire alle difficoltà osservate nei soggetti con disturbo dello spettro autistico (disturbo dello spettro dell’autismo).

Ipotesi delle Funzioni Esecutive

Le funzioni esecutive sono un insieme di abilità cognitive di alto livello che permettono agli individui di pianificare, organizzare, prendere decisioni, risolvere problemi e regolare i propri comportamenti.

 

Le difficoltà nelle funzioni esecutive sono state ampiamente osservate nei soggetti con disturbo dello spettro dell’autismo e possono contribuire a molti dei sintomi comportamentali e cognitivi dell’autismo.

 

Le componenti delle Funzioni Esecutive dell’Autismo sono:

  • Pianificazione e Organizzazione: La capacità di pianificare e organizzare attività è spesso compromessa nei soggetti con disturbo dello spettro dell’autismo. Questa difficoltà può manifestarsi nella difficoltà a seguire routine complesse, a completare compiti scolastici o a gestire attività quotidiane
  • Inibizione: La capacità di inibire risposte impulsive o comportamenti inappropriati può essere ridotta nei soggetti con disturbo dello spettro dell’autismo. Questo può portare a comportamenti ripetitivi e stereotipati, nonché a difficoltà nel controllo degli impulsi
  • Memoria di Lavoro: La memoria di lavoro, che permette di mantenere e manipolare informazioni temporanee, è spesso compromessa. Questo può influire sulla capacità di seguire istruzioni multiple o di svolgere compiti che richiedono la gestione simultanea di diverse informazioni
  • Flessibilità Cognitiva: La capacità di adattarsi a nuove situazioni o di cambiare strategie in risposta a nuovi compiti è spesso limitata nei soggetti con disturbo dello spettro dell’autismo. Questa rigidità cognitiva può contribuire alla preferenza per routine rigide e alla difficoltà di affrontare cambiamenti.
 

Studi che utilizzano test neuropsicologici hanno dimostrato che i bambini con disturbo dello spettro dell’autismo mostrano deficit significativi nelle funzioni esecutive rispetto ai loro coetanei neurotipici.

 

Ad esempio, possono avere difficoltà nei compiti di set-shifting, che richiedono il passaggio da un’attività all’altra.

 

Le risonanze magnetiche funzionali (fMRI) hanno rivelato che i soggetti con disturbo dello spettro dell’autismo spesso mostrano attività atipiche nelle regioni del cervello coinvolte nelle funzioni esecutive, come la corteccia prefrontale.

Queste anomalie possono contribuire alle difficoltà esecutive osservate.

Ipotesi della Teoria della Mente

La teoria della mente (ToM) si riferisce alla capacità di comprendere e prevedere gli stati mentali degli altri, come credenze, desideri, emozioni e intenzioni.

 

Questa capacità è fondamentale per l’interazione sociale e la comunicazione.

 

La difficoltà nel comprendere gli stati mentali degli altri è una caratteristica centrale dell’disturbo dello spettro dell’autismo, e l’ipotesi della teoria della mente cerca di spiegare i deficit sociali e comunicativi osservati nei soggetti con autismo.

 

Le componenti della Teoria della Mente sono:

  • Riconoscimento delle Emozioni: La capacità di riconoscere e interpretare le emozioni degli altri attraverso espressioni facciali, tono di voce e altri segnali sociali è spesso compromessa nei soggetti con disturbo dello spettro dell’autismo. Questo può portare a difficoltà nel comprendere le reazioni emotive degli altri e nel rispondere in modo appropriato
  • Attribuzione delle Intenzioni: La capacità di attribuire intenzioni agli altri, ovvero capire cosa gli altri intendono fare o dire, è spesso limitata. Questo può rendere difficile per i soggetti con disturbo dello spettro dell’autismo prevedere il comportamento degli altri e rispondere in modo adeguato nelle interazioni sociali
  • Comprensione delle Basi False: La capacità di comprendere che gli altri possono avere credenze false o errate è una componente chiave della teoria della mente. I bambini con disturbo dello spettro dell’autismo spesso mostrano difficoltà nei compiti che richiedono di attribuire credenze false agli altri, come i classici test di false belief.
 

Numerosi studi comportamentali hanno dimostrato che i bambini con disturbo dello spettro dell’autismo hanno difficoltà significative nei compiti che richiedono l’uso della teoria della mente.

 

Ad esempio, possono fallire nei compiti di false belief che bambini neurotipici della stessa età riescono a completare.

 

Le risonanze magnetiche funzionali (fMRI) hanno identificato anomalie nelle reti cerebrali coinvolte nella teoria della mente, come il solco temporale superiore e la giunzione temporo-parietale.

 

Queste regioni mostrano attività atipiche nei soggetti con disturbo dello spettro dell’autismo durante compiti di teoria della mente.

 

Le ipotesi delle funzioni esecutive e della teoria della mente offrono spiegazioni complementari per i sintomi cognitivi e comportamentali osservati nei soggetti con disturbo dello spettro dell’autismo.

 

Mentre l’ipotesi delle funzioni esecutive si concentra sulle difficoltà cognitive di alto livello che influenzano la regolazione del comportamento e la pianificazione, l’ipotesi della teoria della mente si focalizza sui deficit nella comprensione e previsione degli stati mentali degli altri, che sono cruciali per le interazioni sociali.

 

Entrambe le ipotesi sono supportate da robuste evidenze empiriche e hanno implicazioni significative per lo sviluppo di interventi terapeutici e educativi mirati.

 

La comprensione di queste disfunzioni cognitive può aiutare a migliorare la diagnosi, il trattamento e il supporto per i soggetti con disturbo dello spettro dell’autismo, contribuendo a una migliore qualità della vita e a una maggiore inclusione sociale.

Relazione tra Autismo e Intelligenza

Al contrario di come spesso si potrebbe pensare, l’autismo non è direttamente correlato al livello di intelligenza di una persona.

 

Le persone con autismo possono avere una vasta gamma di livelli di intelligenza, così come individui senza autismo. 

autismo intelligenza superiore

È importante sottolineare che l’autismo è un disturbo dello spettro, il che significa che coinvolge una varietà di caratteristiche e comportamenti che possono manifestarsi in modo diverso da persona a persona.

 

Le persone con autismo ad alto funzionamento possono avere un’intelligenza nel normale range o persino superiore alla media (plusdotazione).

 

Queste persone possono avere abilità eccezionali in determinati campi, come la matematica, la scienza, l’arte o la musica. 

Molte persone con autismo hanno infatti abilità straordinarie o interessi particolari in specifici ambiti. 

 

Queste abilità possono essere notevoli e contribuire alla società in modi unici, se coltivate e sostenute.

Uno dei sintomi caratteristici dell’autismo è, come visto, la presenza di interessi ristretti e stereotipati, ossia un focus particolarmente intenso su specifici argomenti o attività, spesso accompagnato da comportamenti ripetitivi o ritualizzati.

 

Questo tratto può essere notevolmente accentuato nelle persone con autismo ad alto funzionamento e, se gestito in modo appropriato, può essere sfruttato in maniera funzionale.

 

Tuttavia, si tratta comunque di persone che possono lottare con le abilità sociali, la comunicazione non verbale o la gestione delle emozioni.

autismo alto funzionamento

Altri individui con autismo possono avere una disabilità intellettiva, che si manifesta con un’intelligenza al di sotto della media.

 

 

Queste persone possono avere maggiori difficoltà nell’apprendimento accademico, nell’acquisizione di abilità sociali e nell’indipendenza quotidiana.

 

 

È importante notare che l’autismo non è la causa diretta della disabilità intellettiva, ma possono coesistere in alcuni casi.

Autismo ad alto funzionamento nello studio a scuola e all’università

Gli studenti con autismo ad alto funzionamento possono affrontare una serie di difficoltà e condizioni a scuola e all’università , anche se possono variare notevolmente da individuo a individuo. 

Alcune delle sfide comuni che possono incontrare includono:

Anche se possono avere abilità sociali più sviluppate rispetto ad altri individui autistici, gli studenti con autismo ad alto funzionamento possono comunque lottare nelle interazioni sociali complesse. Possono avere difficoltà nel comprendere le dinamiche sociali sottili, nel decifrare le espressioni facciali o nel capire le norme non scritte del comportamento sociale.

Anche se hanno un linguaggio verbale sviluppato, possono avere difficoltà nella comunicazione reciproca, come la mancanza di competenze di conversazione, la presa di turno in una conversazione o la comprensione del linguaggio figurato e non letterale.

Molti individui con autismo, compresi quelli ad alto funzionamento, possono avere ipersensibilità o iposensibilità sensoriali, che possono rendere difficile concentrarsi in classe o partecipare ad attività che coinvolgono stimoli sensoriali intensi come luci o rumori forti.

Alcuni studenti con autismo ad alto funzionamento possono essere particolarmente inclini alla rigidezza mentale e alla resistenza al cambiamento. Possono lottare quando le routine vengono interrotte o quando devono affrontare nuove situazioni o ambienti.

Possono avere difficoltà nell’organizzare il loro lavoro, nel seguire istruzioni complesse o nel pianificare il proprio tempo, il che può influire sulla loro capacità di completare i compiti o partecipare alle attività scolastiche.

Molti studenti con autismo ad alto funzionamento hanno interessi speciali molto intensi e concentrati. Sebbene questi interessi possano essere una fonte di motivazione e di eccellenza accademica, possono anche distrarre dagli obiettivi scolastici e interferire con il coinvolgimento in altre attività.

È importante che gli educatori e il personale scolastico siano consapevoli di queste sfide e adottino strategie di supporto appropriate per aiutare gli studenti con autismo ad alto funzionamento a superarle.

 

Ciò può includere la fornitura di ambienti strutturati e prevedibili, il sostegno nelle interazioni sociali, l’adattamento delle attività per soddisfare le esigenze individuali e il coinvolgimento attivo della famiglia nell’elaborazione di strategie di supporto.

Autismo ad Alto Funzionamento e Lavoro

Le persone con autismo ad alto funzionamento possono incontrare una serie di considerazioni uniche quando si tratta di scegliere un lavoro.

 

Nonostante il loro funzionamento sia alto in molte aree, possono comunque affrontare sfide significative nelle interazioni lavorative.

autismo lavoro sfide

Ad esempio, possono avere difficoltà nel comprendere le dinamiche sociali complesse o nel decifrare il linguaggio non verbale nei contesti lavorativi.

 

Questo può rendere difficile il lavoro in team o in ambienti che richiedono una comunicazione intensiva e una cooperazione costante.

 

Di conseguenza, molte persone con autismo ad alto funzionamento potrebbero preferire lavori che consentano loro di lavorare in modo più indipendente e solitario. 

 

Questo può includere carriere che permettono loro di concentrarsi sulle loro passioni e interessi, come lavorare come scienziati, programmatori informatici, artisti o ricercatori.

 

In questi ruoli, possono godere della libertà di lavorare in un ambiente tranquillo e concentrarsi sulle loro attività senza le distrazioni delle interazioni sociali.

 

Inoltre, le persone con autismo ad alto funzionamento possono essere particolarmente sensibili agli stimoli sensoriali, come rumori forti o luci brillanti, e potrebbero lottare nel gestire il sovraccarico sensoriale sul posto di lavoro.

 

Di conseguenza, possono preferire lavori in contesti dove possono controllare l’ambiente e ridurre al minimo gli stimoli sensoriali stressanti. 

Ad esempio, potrebbero optare per ruoli che consentono loro di lavorare da remoto o in ambienti tranquilli e ben strutturati.

 

In definitiva, la scelta del lavoro per le persone con autismo ad alto funzionamento è un processo complesso che tiene conto delle loro esigenze individuali, delle loro abilità e delle loro preferenze personali. 

sovraccarico sensoriale autismo

Autismo ad Alto Funzionamento e Relazioni Romantiche

Le relazioni romantiche sono un aspetto importante della vita per molte persone, comprese quelle con autismo ad alto funzionamento. 

Queste persone possono desiderare connessioni intime e significative con un partner, ma possono incontrare alcune sfide uniche lungo il percorso.

Una delle prime sfide può essere il corteggiamento e la fase iniziale di incontri. 

Le persone con autismo ad alto funzionamento potrebbero avere difficoltà nel riconoscere i segnali di interesse romantico o nel comunicare in modo appropriato i propri sentimenti. 

Possono essere incerte su come iniziare o mantenere una conversazione romantica e potrebbero sentirsi impacciate o goffe durante gli appuntamenti.

Inoltre, comprendere e rispondere in modo appropriato alle sfumature delle interazioni sociali può essere un’area di sfida. 

Potrebbero avere difficoltà nel leggere le espressioni facciali, interpretare il linguaggio del corpo e comprendere le emozioni degli altri. 

Questo può influenzare la reciproca comprensione e l’intimità emotiva nella relazione.

La gestione delle emozioni può essere un’altra area complessa. 

Possono avere difficoltà a regolare le proprie emozioni durante i conflitti o le situazioni stressanti, il che potrebbe portare a tensioni nella relazione. 

Possono anche lottare nel comprendere le emozioni del partner e nel fornire il supporto emotivo di cui hanno bisogno.

Le persone con autismo ad alto funzionamento, inoltre, possono affrontare diverse sfide riguardanti la sessualità all’interno delle relazioni romantiche.

Nella fattispecie:

  • Comunicazione sessuale: Possono avere difficoltà nel comunicare apertamente e chiaramente riguardo alle proprie preferenze, desideri e limiti sessuali. La comunicazione sessuale può essere complessa e richiedere una comprensione dei segnali non verbali e delle sfumature del linguaggio sessuale, che possono essere sfide per alcuni individui con autismo ad alto funzionamento.
  • Interpretazione dei segnali sessuali: Possono avere difficoltà nell’interpretare i segnali sessuali del partner o nel comprendere le sfumature del linguaggio del corpo e delle espressioni facciali durante l’intimità fisica. Questo può portare a fraintendimenti o a una mancanza di consapevolezza dei desideri e dei bisogni del partner.
  • Esperienza sensoriale: Alcune persone con autismo ad alto funzionamento possono essere ipersensibili o iposensibili a determinati stimoli sensoriali, compresi quelli legati all’intimità fisica. Possono lottare nel gestire le sensazioni tattili o le esperienze sensoriali durante l’attività sessuale, il che può influenzare il loro coinvolgimento e la loro soddisfazione.
  • Gestione delle emozioni e dell’ansia: L’ansia e lo stress possono influenzare l’esperienza sessuale e l’intimità emotiva. Le persone con autismo ad alto funzionamento possono lottare nel gestire le emozioni intense durante l’attività sessuale o nel navigare le sfumature delle relazioni intime, il che può influenzare negativamente la loro soddisfazione e il loro benessere.
  • Conoscenza e istruzione sessuale: Possono avere una comprensione limitata della sessualità o delle dinamiche relazionali, a causa di una mancanza di istruzione sessuale o di accesso a informazioni accurate e inclusivi. Questo può influenzare la loro capacità di navigare in modo sicuro e sano le relazioni romantiche e sessuali.
  • Norme sociali e comportamenti appropriati: Possono avere difficoltà nel comprendere le norme sociali e comportamentali associate alla sessualità e all’intimità, il che può influenzare il loro coinvolgimento nelle relazioni romantiche. Possono lottare nel capire le regole non scritte del corteggiamento o nel riconoscere i confini appropriati nelle interazioni fisiche.

Affrontare queste difficoltà richiede comprensione, pazienza e comunicazione aperta all’interno della relazione. 

L’educazione sessuale inclusiva e il supporto sessuologico possono anche essere utili per aiutare le persone con autismo ad alto funzionamento a sviluppare una comprensione sana e consapevole della sessualità e delle relazioni romantiche.