La dopamina è connessa all’ADHD?

dopamina e adhd

Indice Contenuti

Gli studi sul Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD) sono attualmente numerosi e avanzati, tra i vari fattori spesso analizzati nelle ricerche scientifiche, perchè coinvolti nella manifestazione dell’ADHD, c’è il ruolo giocato dalla dopamina, un neurotrasmettitore fondamentale per la regolazione dell’umore, della motivazione e delle funzioni cognitive. La relazione tra l’ADHD e la dopamina è oggetto di un’ampia ricerca scientifica, poiché comprendere come questa sostanza chimica influenzi il comportamento e le funzioni cognitive può aprire la strada a nuove prospettive terapeutiche e a una migliore comprensione di questa condizione.

In questo articolo, esploreremo il legame tra l’ADHD e la dopamina, spiegando che cosa è quest’ultima e quali possono essere alcune strategie efficaci per aiutare persone ADHD ad aumentare i livelli di dopamina. Se pensi di presentare alcuni dei sintomi ADHD di cui tratteremo nell’articolo, GAM Medical mette a disposizione per te un test ADHD gratuito che può offrire un’indicazione circa l’eventuale presenza della condizione in età adulta!

Cos’è la dopamina?

La dopamina è un tipo di neurotrasmettitore che funziona come un messaggero chimico all’interno del cervello. La dopamina svolge infatti un ruolo fondamentale nella trasmissione di segnali tra i neuroni del cervello. Questo neurotrasmettitore è diffuso in diverse regioni cerebrali ed è importante nella regolazione dell’umore, della motivazione, della memoria e del sistema di ricompensa.

Il sistema della dopamina o dopaminergico è composto da intricate reti di neuroni che comunicano tra loro proprio tramite il neurotrasmettitore della dopamina. Una delle vie, all’interno della rete, più rilevanti, è quella conosciuta come la “via della ricompensa” cerebrale. Quando ci si impegna in attività piacevoli o fondamentali per la nostra sopravvivenza, come mangiare, socializzare o raggiungere un obiettivo, la dopamina viene rilasciata lungo il percorso della ricompensa. Questo rilascio è associato a sensazioni di piacere e gratificazione, rinforzando così il comportamento e incentivandoci a ripeterlo in futuro. Si può dire che questo è il modo in cui il cervello motiva a compiere azioni benefiche e a trarne un insegnamento.

Oltre a influenzare il piacere, la dopamina gioca un ruolo chiave nell’apprendimento, nella concentrazione e nel controllo motorio. Essa agevola la pianificazione e la strategia, consentendoci di pensare al futuro e prendere decisioni. Pertanto, la dopamina contribuisce al piacere, anche a livello sentimentale, ed è anche essenziale per un pensiero logico, una pianificazione mirata e il perseguimento degli obiettivi.

Se vuoi scoprire di più sul ruolo della dopamina nelle relazioni romantiche l’articolo ‘È amore o è ADHD?’ sul blog di GAM Medical tratta proprio di questo.

In che modo la dopamina è correlata all’ADHD?

Gli studi indicano una relazione tra dopamina e ADHD. Negli individui ADHD, la regolazione e la trasmissione della dopamina appaiono compromesse, contribuendo allo sviluppo di alcuni sintomi ADHD come la difficoltà nel prestare attenzione, nel controllo degli impulsi e l’iperattività.

Un’ipotesi importante è che i sintomi dell’ADHD possano derivare da livelli carenti di dopamina in specifici circuiti cerebrali. Individui ADHD mostrano spesso livelli di dopamina più bassi, il che può contribuire allo sviluppo di sintomi ADHD. Nello specifico, la ricerca ha dimostrato che le persone ADHD possono avere meno recettori della dopamina in alcune parti del cervello, portando a una segnalazione di questo neurotrasmettitore meno efficiente. Inoltre, potrebbero esserci anche anomalie nella ricaptazione della dopamina, un processo mediante il quale il neurotrasmettitore viene riciclato dopo essere stato rilasciato, e ciò potrebbe comportare una ridotta disponibilità di dopamina nel cervello.

L’intricato legame tra dopamina e sintomi ADHD è parte integrante della comprensione e delle strategie terapeutiche per questa condizione, un mezzo efficace che si può usare per verificare la presenza di sintomi ADHD e l’eventuale diminuzione di dopamina è il test ADHD gratuito che GAM Medical offre.

Il legame con i sintomi ADHD

La disfunzione del sistema dopaminergico che abbiamo appena visto può contribuire allo sviluppo alcuni sintomi tipici dell’ADHD tra cui: 

  • Difficoltà di attenzione: la carenza di dopamina può rendere difficile focalizzare e mantenere la concentrazione, portando a distraibilità e disattenzione.
  • Iperattività: l’eccessiva ricerca di stimolazione esterna può manifestarsi come iperattività e irrequietezza.
  • Impulsività: la difficoltà nel regolare le emozioni e l’impulsività può portare a comportamenti avventati e a difficoltà nel seguire le regole.

Esistono però dei modi efficaci per aumentare i livelli di dopamina, ecco quali!

Come aumentare i livelli di dopamina?

Nel trattamento ADHD uno degli obiettivi principali è mitigare i sintomi ADHD e migliorare la qualità della vita delle persone che vivono la condizione. Questo sforzo si concentra anche sull’aumento dei livelli di dopamina nel cervello, un approccio che può essere diviso in due metodologie principali: l’approccio farmacologico e l’approccio non farmacologico. 

  • Approccio farmacologico: questo approccio prevede in genere l’uso di farmaci prescritti appositamente progettati per regolare i livelli di dopamina nel cervello. Questi possono essere classificati in due classi distinte: farmaci a base di metilfenidato e farmaci a base di anfetamine.
    • Farmaci a base di metilfenidato:
      Questi farmaci funzionano inibendo la ricaptazione della dopamina, aumentandone successivamente la prevalenza nel cervello. 
    • Farmaci a base di anfetamine:
      Questa classe di farmaci funziona in modo simile ai farmaci a base di metilfenidato, con l’ulteriore vantaggio di stimolare il rilascio di ulteriore dopamina nel cervello.

L’approccio della terapia farmacologica è un aspetto fondamentale nel trattamento dell’ADHD, grazie al sito di GAM Medical puoi approfondire questo metodo di trattamento ADHD  nella pagina: Terapia farmacologica per l’ADHD.

  • Approcci non farmacologici: esistono anche diverse strategie non farmacologiche per aumentare i livelli di dopamina e gestire i sintomi dell’ADHD.
    • Esercizio fisico regolare: 

L’attività fisica è riconosciuta per la sua capacità di elevare i livelli di dopamina e, a sua volta, di aiutare nella gestione dei sintomi ADHD. Ciò può comprendere attività organizzate come la partecipazione a sport di squadra, allenamenti in palestra o anche andare in bicicletta, camminare o svolgere le faccende domestiche. 

  • Dieta equilibrata:
    Una dieta equilibrata, che comprende alcuni alimenti noti per la loro capacità di potenziamento della dopamina, può contribuire alla gestione efficace dell’ADHD. Questi includono alimenti ricchi di proteine ​​come carni magre, uova e latticini, nonché frutta e verdura ricche di antiossidanti.
  • Tecniche di consapevolezza:
    Tecniche come la meditazione, lo yoga e la terapia cognitiva basata sulla consapevolezza possono aiutare a gestire lo stress e migliorare la concentrazione, aumentando potenzialmente i livelli di dopamina.
  • Gestione del sonno:
    Stabilire un programma di sonno coerente e garantire un riposo adeguato può contribuire in modo significativo alla regolazione dei livelli di dopamina, svolgendo così un ruolo cruciale nella gestione dei sintomi dell’ADHD. Se vuoi scoprire come migliorare il tuo riposo ti consigliamo la lettura dell’articolo: ‘Come migliorare il sonno se sei adulto ADHD’ del blog di GAM Medical. 

È necessario sottolineare però l’importanza di effettuare un test ADHD seguito dalla diagnosi ADHD e da un percorso con professionisti specializzati in ADHD per comprendere l’approccio e trovare un equilibrio tra queste metodologie di trattamento ADHD perché in alcuni casi si potrebbe passare a una presenza eccessiva di dopamina che a sua volta può causare vari problemi. 

Come evitare un eccesso di dopamina nell’ADHD?

Un eccesso di dopamina negli individui con ADHD può aggravare i sintomi o causare l’insorgere di nuovi problemi tra cui: 

  • Aumento dell’iperattività e dell’impulsività: mentre un certo livello di dopamina può migliorare i sintomi ADHD, un livello troppo alto può provocare un aumento dell’iperattività e dell’impulsività. Ciò può portare a una maggiore irrequietezza, difficoltà a restare fermi e a prendere decisioni impulsive.
  • Ansia accresciuta: livelli elevati di dopamina possono contribuire ad aumentare i livelli di ansia, e ciò può essere particolarmente problematico per gli individui ADHD che spesso sperimentano stati d’ansia superiori al livello base della popolazione media.
  • Rischio di dipendenza: è interessante notare che una sovrapproduzione di dopamina potrebbe potenzialmente aumentare il rischio di sviluppare una dipendenza da sostanze. Questo rischio è particolarmente preoccupante per gli individui ADHD che già manifestano comportamenti impulsivi e spesso vengono sottoposti a un regime di farmaci stimolanti. Oltre al rischio di sviluppare una dipendenza da sostanze, la dopamina può comportare anche un uso problematico della pornografia portando a una vera e propria dipendenza dal porno.

Vediamo quindi come è possibile trovare un equilibrio nella regolazione della dopamina. 

Trovare un equilibrio: regolazione della dopamina negli adulti ADHD 

L’obiettivo della regolazione della dopamina negli individui ADHD è raggiungere un equilibrio ottimale per garantire che la dopamina sia sufficiente per alleviare i sintomi dell’ADHD ma non eccessiva a un livello tale da provocare effetti negativi.

Negli adulti ADHD, la strategia ottimale per ottenere questo equilibrio è rivolgersi a un centro specializzato in ADHD negli adulti come GAM Medical, che offre la possibilità di svolgere un test ADHD gratuito che può fornire un’indicazione circa la diagnosi ADHD nell’adulto. Questo è il primo passo fondamentale da effettuare se pensi di essere ADHD, è il primo passo per iniziare un percorso che può migliorarti la vita. GAM Medical vuole aiutarti a rispondere alle tue domande in caso di dubbi riguardo il Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività perché è importante comprendere come questo può influire sulla tua vita e come poterlo affrontare. Non aspettare, fai il Test dell’ADHD ora, bastano tre minuti!

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Stai vivendo con l’ADHD da adulto?
Ora puoi scoprirlo

Prima di andare via, ti suggeriamo di leggere questi articoli

Se ti è piaciuto l'articolo iscriviti alla newsletter per non perdere tutte le nostre comunicazioni.

×

Ciao!

Clicca il tasto qui sotto per contattarci su Whatsapp

×