ADHD e mail: come non andare nel panico 

adhd e mail: ansia-panico

Indice Contenuti

Le email sono diventate un elemento essenziale nella nostra vita quotidiana, ma per chi vive con il Disturbo da Deficit dell’ Attenzione e Iperattività (ADHD), gestire la propria casella di posta può rappresentare una sfida significativa. L’ansia da email è comune tra gli individui ADHD, ma ci sono modi per gestire questo problema in modo efficace e ridurre lo stress associato.

In questo articolo, esploreremo le cause dell’ansia da email negli adulti ADHD e forniremo suggerimenti pratici su come migliorare le abilità di gestione delle email.

Cause dell’ansia da email negli individui con ADHD

Le persone ADHD spesso affrontano sfide nel gestire le proprie email a causa di diversi fattori, vediamone alcuni:

  1. Processamento sensoriale: Le persone ADHD possono essere più sensibili agli stimoli sensoriali, come suoni e notifiche di email. Questo può portare a una maggiore suscettibilità all’ansia da email quando la casella di posta è piena di messaggi non letti e notifiche in entrata. Le fonti di sovraccarico sensoriale possono includere: rumore, tecnologia, affollamento e media di massa (ad esempio, riviste, podcast, libri, programmi televisivi, film).
  2. Disturbi d’ansia concomitanti: Alcune persone ADHD possono anche soffrire di disturbi d’ansia, come il disturbo d’ansia sociale (SAD) di cui abbiamo già parlato in un articolo. Questo può aumentare ulteriormente l’ansia legata alle interazioni sociali, inclusa la risposta alle email.
  3. Difficoltà organizzative: La tendenza all’iperfocalizzazione e alla procrastinazione, tipica dell’ADHD, può rendere difficile mantenere la casella di posta organizzata e rispondere prontamente alle email. Abbiamo visto come non procrastinare nell’articolo “3 step per non procrastinare: adulti adhd”.

Come gestire l’ansia da Email

Imparare a gestire lo stress è importante per le persone ADHD. Se la casella di posta è motivo di stress, è bene mitigare questa sensazione adottando nuove tecniche che potrebbero migliorare la percezione delle mail e, di conseguenza, la vita di tutti i giorni. 

Eccoti alcuni suggerimenti pratici per gestire l’ansia da email e migliorare le abilità di gestione delle email per le persone ADHD:

  1. Riduci il numero di email nella tua casella di posta: Elimina le email non essenziali e iscriviti solo alle newsletter e ai servizi di notifica che sono davvero importanti per te.
  2. Utilizza filtri e regole di casella di posta: Organizza la tua casella di posta utilizzando filtri e regole per smistare automaticamente i messaggi in categorie specifiche.
  3. Contrassegna le email indesiderate come spam: Elimina le email indesiderate contrassegnandole come spam e bloccando i mittenti.
  4. Annulla l’iscrizione dalle email non pertinenti: Disiscriviti dalle newsletter e dai servizi che non ti interessano più. Per farlo ti basterà scorrere la mail che hai ricevuto fino in fondo e troverai in tasto “disiscriviti”. é un’operazione molto facile e veloce ma non viene mai messa in evidenza, dunque spesso il tasto per la disiscrizione può sfuggire. 
  5. Gestisci le email con regolarità: Dedica del tempo ogni giorno per controllare e rispondere alle email in modo da evitare che si accumulino nella tua casella di posta.
  6. Crea modelli di email: Utilizza modelli predefiniti per rispondere rapidamente alle email comuni e ridurre il tempo necessario per scrivere nuove risposte.
  7. Utilizza strumenti di gestione delle email: Sfrutta gli strumenti e le estensioni disponibili per semplificare la gestione delle email, come Notion per archiviare modelli di email, ChatGPT per riepilogare i contenuti delle email e Grammarly per correggere gli errori grammaticali. Inoltre, Boomerang for Gmail è uno strumento di pianificazione e gestione delle email che aiuta con la pianificazione di email e riunioni e il tracciamento delle risposte. Inoltre, questo strumento offre l’IA per migliorare le tue email e configurare email ricorrenti.

Sovraccarico e stress a causa delle mail 

Per le persone ADHD, la gestione delle email non è solo una questione di organizzazione, ma anche di navigare attraverso una serie di stimoli sensoriali e di mantenere la concentrazione su compiti specifici. La natura stessa delle email, con le loro notifiche e richiami costanti, può amplificare l’iperattività e la disattenzione caratteristiche dell’ADHD. Questo può portare facilmente a un senso di sovraccarico e stress quando si affronta la casella di posta. Tuttavia, integrando pratiche di gestione delle email specifiche per l’ADHD e sfruttando gli strumenti tecnologici disponibili, è possibile trasformare questa fonte di ansia in un’opportunità per migliorare la produttività e la tranquillità mentale.

GAM Medical: supporto adhd e “ansia da mail” 

La gestione dello stress legato alla casella di posta è un passaggio significativo per convivere con l’ADHD.

Il centro GAM Medical offre gratuitamente il test ADHD, il quale favorisce la possibilità di avere un’indicazione preventiva sull’eventuale presenza di ADHD negli adulti. I 18 quesiti del nostro test evidenziano le manifestazioni dei sintomi dell’ADHD negli adulti ed i risultati emersi da questa valutazione possono suggerire la necessità di un’analisi clinica più approfondita. È importante sottolineare che, per iniziare da subito a convivere al meglio con la tua ADHD, l’identificazione tempestiva e precisa dell’ADHD attraverso un test ADHD accurato , come quello che offre gratuitamente il centro ADHD GAM Medical, è essenziale.

Prova il nostro test ADHD ed in soli 3 minuti otterrai gratis il risultato. Se il risultato del test ADHD è positivo in età adulta, puoi prenotare il primo colloquio gratuito con uno dei nostri medici specializzati nel Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività.

Infatti, per coloro che potrebbero manifestare ADHD il test ADHD è lo strumento primario per raggiungere il benessere.

Scopri se hai l’ADHD e fai  il test ADHD di GAM Medical!

Questo è un contenuto informativo a scopo divulgativo, dunque non può sostituire la diagnosi di un professionista. 

Se questo articolo ti è stato utile puoi contribuire alla divulgazione e condividerlo!

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Stai vivendo con l’ADHD da adulto?
Ora puoi scoprirlo

Prima di andare via, ti suggeriamo di leggere questi articoli

Se ti è piaciuto l'articolo iscriviti alla newsletter per non perdere tutte le nostre comunicazioni.