Indice dei contenuti

Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo

Il Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo (Avoidant/Restrictive Food Intake Disorder, ARFID) è un disturbo alimentare che rientra nella categoria dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione secondo il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5), pubblicato dall’American Psychiatric Association.

L’ARFID è, infatti, classificato in questa categoria insieme ad altri disturbi alimentari come l’anoressia, la bulimia e il disturbo da alimentazione incontrollata.

Il termine “evitante” si riferisce al comportamento di evitare determinati alimenti o situazioni legate all’alimentazione.

Il termine “restrittivo” si riferisce alla limitazione o riduzione significativa della varietà o quantità di cibo consumato.

Si tratta infatti di una condizione caratterizzata da un’evidente evitazione o restrizione dell’assunzione di cibo, che porta a carenze nutrizionali significative, perdita di peso, dipendenza da integratori alimentari o alimentazione assistita, e/o interferenza significativa con il funzionamento psicosociale.

Questo disturbo non è dovuto a una mancanza di disponibilità di cibo o a pratiche culturali o religiose, e si distingue dagli altri disturbi alimentari come l’anoressia nervosa e la bulimia nervosa, in quanto non è associato a preoccupazioni per l’immagine corporea o il peso.

Le persone con ARFID possono evitare il cibo a causa di una varietà di fattori, tra cui una mancanza di interesse nel mangiare, avversione per determinate caratteristiche sensoriali del cibo (come la consistenza, il gusto, l’odore o il colore), o preoccupazioni per le conseguenze negative del mangiare (come paura di soffocare, vomitare o avere una reazione allergica).

Questo comportamento può portare a una dieta estremamente limitata e a una riduzione significativa della varietà degli alimenti consumati.

L’ARFID è un disturbo alimentare complesso che richiede un trattamento integrato e personalizzato.

Con l’approccio giusto, è possibile migliorare significativamente le abitudini alimentari, la salute nutrizionale e il benessere generale del paziente, riducendo l’impatto negativo del disturbo sulla vita quotidiana.


Categoria Diagnostica: Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione


Sintomatologia: Criteri Diagnostici del Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo (ARFID)

Il DSM-5 specifica i criteri diagnostici per l’ARFID come segue:

A. Disturbo dell’alimentazione o della nutrizione (es. apparente disinteresse verso il cibo o l’alimentazione; evitamento basato sulle caratteristiche sensoriali del cibo; preoccupazioni riguardanti le conseguenze avverse del mangiare) manifestato da una persistente incapacità di soddisfare adeguatamente le appropriate esigenze nutrizionali e/o energetiche associate a uno (o più) dei seguenti aspetti:

  • Perdita di peso significativa (o mancato raggiungimento del peso previsto o crescita nei bambini).
  • Deficit nutrizionale significativo.
  • Dipendenza da alimenti supplementari orali o da alimentazione enterale.
  • Interferenza marcata con il funzionamento psicosociale.

B. Il disturbo non è meglio spiegato da una mancanza di disponibilità di cibo o da una pratica culturalmente sancita.

C. Il disturbo alimentare non si manifesta esclusivamente durante il decorso dell’anoressia nervosa o della bulimia nervosa, e non vi è evidenza di un disturbo nella percezione del peso o della forma del corpo.

D. Il disturbo alimentare non è attribuibile a una condizione medica concomitante o non è meglio spiegato da un altro disturbo mentale. Quando il disturbo alimentare si verifica in presenza di un’altra condizione o disturbo, la gravità del disturbo alimentare supera quella comunemente associata alla condizione o disturbo e giustifica un’attenzione clinica supplementare.

Per quanto riguarda gli specificatori, in realtà il DSM-5 non include specificatori formali per l’ARFID.

Tuttavia, è utile considerare alcune caratteristiche aggiuntive che possono influenzare il trattamento e la gestione del disturbo, quali:

  • Tipo di evitamento:
    • Evitamento basato sulle caratteristiche sensoriali: preferenza per cibi di specifiche consistenze, colori, odori.
    • Evitamento basato su conseguenze avverse: paura di soffocare, di vomitare, o di avere reazioni allergiche.
    • Disinteresse per il cibo: mancanza di appetito o disinteresse per l’alimentazione

Età di insorgenza dell’ARFID

Il Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo (ARFID) può manifestarsi a qualsiasi età, ma è più comunemente diagnosticato durante l’infanzia o l’adolescenza.

Tuttavia, può persistere nell’età adulta se non trattato adeguatamente.

In particolare:

  • Infanzia: l’ARFID spesso esordisce in età precoce, talvolta già durante i primi anni di vita. Nei bambini molto piccoli, i segni del disturbo possono emergere in concomitanza con lo svezzamento o l’introduzione di nuovi alimenti. Ad esempio, un bambino può iniziare a rifiutare determinati cibi o gruppi alimentari, mostrando una preferenza limitata per alimenti specifici con determinate texture o sapori. Il disinteresse verso il cibo può manifestarsi con una mancanza di appetito, il rifiuto di sedersi a tavola durante i pasti, o il mostrare fastidio o disagio durante l’ora dei pasti. Questo comportamento può portare a preoccupazioni significative per i genitori, che potrebbero osservare una crescita inadeguata o una perdita di peso nel bambino. Gli interventi precoci in questa fase possono essere cruciali per prevenire complicazioni nutrizionali e per promuovere abitudini alimentari sane.
  • Età scolare: la diagnosi di ARFID è comune tra i bambini in età prescolare e scolare. Durante questi anni, i genitori e gli insegnanti possono notare comportamenti alimentari insoliti che vanno oltre la normale pignoleria alimentare dei bambini. Ad esempio, un bambino potrebbe limitare drasticamente la varietà di cibi che è disposto a mangiare, mostrando una selettività alimentare estrema che non si risolve con il tempo o con l’esposizione ripetuta a nuovi alimenti. Il rifiuto di mangiare determinati alimenti può essere accompagnato da ansia significativa o da comportamenti di evitamento attivo, come allontanarsi da situazioni in cui sono presenti i cibi evitati. Questo comportamento può portare a deficit nutrizionali significativi, interferire con le attività sociali come pranzi scolastici e feste, e causare preoccupazioni tra genitori e insegnanti. L’intervento di specialisti in nutrizione pediatrica e psicologi può essere essenziale per affrontare e gestire questi comportamenti.
  • Adolescenza: l’ARFID può emergere o essere riconosciuto durante l’adolescenza. In questa fase della vita, le esigenze nutrizionali aumentano significativamente a causa della rapida crescita e dello sviluppo fisico. Inoltre, le aspettative sociali riguardo al comportamento alimentare diventano più pronunciate, e i giovani possono sperimentare pressioni sociali per conformarsi a determinati modelli alimentari. Gli adolescenti con ARFID possono manifestare una preoccupazione eccessiva per le conseguenze avverse del mangiare, come il timore di soffocare o vomitare, che può portarli a evitare certi alimenti o interi gruppi alimentari. La selettività alimentare può diventare più evidente e problematico in questa fase, influenzando negativamente la crescita, la performance scolastica, e le relazioni sociali. L’intervento in adolescenza richiede un approccio multidisciplinare, coinvolgendo medici, nutrizionisti, psicologi e talvolta terapisti occupazionali per affrontare le complesse interazioni tra alimentazione, sviluppo psicologico e pressioni sociali.
  • Età adulta: anche se meno comune, l’ARFID può essere diagnosticato per la prima volta in età adulta. Gli adulti possono sviluppare il disturbo a causa di vari fattori, inclusi traumi, malattie fisiche, o cambiamenti significativi nella loro vita che influenzano il comportamento alimentare. Per esempio, un adulto può sviluppare un evitamento alimentare dopo un episodio traumatico legato al cibo, come una grave reazione allergica o un episodio di soffocamento. Altri possono sperimentare cambiamenti nelle preferenze alimentari a seguito di condizioni mediche che alterano la percezione del gusto o l’appetito. Il disturbo può anche manifestarsi in individui che hanno sempre avuto abitudini alimentari particolari, ma che non erano mai stati diagnosticati o trattati per ARFID. La diagnosi e il trattamento di ARFID negli adulti possono essere complicati dalla presenza di altre condizioni mediche o condizioni mentali comorbide. Gli approcci terapeutici devono essere adattati alle esigenze specifiche dell’adulto, e possono includere la terapia cognitivo-comportamentale, la consulenza nutrizionale, e il supporto psicosociale per affrontare le radici profonde del disturbo e promuovere abitudini alimentari sane e sostenibili.

Pertanto, l’ARFID può manifestarsi in varie fasi della vita, ciascuna con le proprie sfide e implicazioni per la salute e il benessere.

Un riconoscimento precoce e un intervento tempestivo sono fondamentali per prevenire le conseguenze negative a lungo termine e per migliorare la qualità della vita delle persone affette da questo disturbo.

Diagnosi Differenziale del Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo (ARFID)

La diagnosi differenziale dell’ARFID (Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo) è un processo complesso che richiede di distinguere questo disturbo da altre condizioni che possono presentare sintomi simili.

Le condizioni che possono essere più frequentemente confuse con l’ARFID sono:

  1. Anoressia nervosa: L’anoressia nervosa è caratterizzata da una restrizione dell’assunzione di cibo che porta a un peso corporeo significativamente basso, una paura intensa di aumentare di peso e una percezione distorta del proprio corpo.
    • Differenze chiave: Nella anoressia nervosa, la restrizione alimentare è motivata principalmente da una paura intensa di ingrassare e da una distorsione dell’immagine corporea. Invece, nell’ARFID, la restrizione è legata a una mancanza di interesse per il cibo, preoccupazioni sensoriali o paura di conseguenze avverse (come soffocare).I pazienti con ARFID non hanno solitamente preoccupazioni riguardo al peso corporeo o alla forma del corpo, che sono invece centrali nella anoressia nervosa.
  2. Bulimia nervosa: la bulimia nervosa si manifesta con episodi ricorrenti di abbuffate seguiti da comportamenti compensatori inappropriati (come vomito autoindotto, uso di lassativi, digiuno o esercizio fisico eccessivo).
    • Differenze chiave: nell’ARFID non si verificano episodi di abbuffate né comportamenti compensatori. La preoccupazione principale è l’evitamento di cibi specifici o la restrizione dell’assunzione alimentare senza la presenza di abbuffate.
  3. Binge Eating: Il disturbo da alimentazione incontrollata (binge eating disorder) è caratterizzato da episodi ricorrenti di abbuffate senza comportamenti compensatori inappropriati.
    • Differenze chiave: L’ARFID non coinvolge episodi di abbuffate. I pazienti con ARFID tendono a evitare o limitare l’assunzione di cibo piuttosto che avere periodi di consumo eccessivo.
  4. Disturbi d’ansia: Alcuni disturbi d’ansia, come il disturbo d’ansia sociale, possono influenzare le abitudini alimentari.
    • Differenze chiave: Nei disturbi d’ansia, l’evitamento del cibo può essere una conseguenza dell’ansia sociale o delle ossessioni legate alla contaminazione. Nell’ARFID, l’evitamento alimentare è primariamente legato a preoccupazioni sensoriali, mancanza di interesse o paura delle conseguenze avverse del cibo.
  5. Disturbi dello spettro autistico: I disturbi dello spettro autistico (ASD) spesso includono comportamenti alimentari ristretti o selettivi.
    • Differenze chiave: Sebbene i comportamenti alimentari selettivi siano comuni nei bambini con autismo, non tutti i bambini con questi sintomi soddisfano i criteri per l’ARFID. È importante valutare se i sintomi alimentari ristretti superano quelli comunemente associati all’ASD e giustificano una diagnosi separata di ARFID.
  6. Disturbi Gastrointestinali: Condizioni come il reflusso gastroesofageo (GERD), la malattia celiaca, o altre patologie gastrointestinali possono causare avversione al cibo e sintomi di evitamento.
    • Differenze chiave: In presenza di disturbi gastrointestinali, l’evitamento del cibo è direttamente correlato al disagio fisico provocato dal consumo di certi alimenti. Una volta trattate le condizioni mediche sottostanti, i sintomi alimentari possono migliorare, mentre l’ARFID può persistere nonostante il trattamento delle condizioni fisiche.
  7. Disturbi Depressivi: I disturbi depressivi possono influenzare l’appetito e l’interesse per il cibo, portando a una riduzione dell’assunzione alimentare.
    • Differenze chiave: In presenza di disturbi depressivi, la perdita di interesse per il cibo è spesso accompagnata da altri sintomi depressivi come umore depresso, perdita di interesse per le attività, e alterazioni del sonno. Nell’ARFID, l’evitamento del cibo non è necessariamente accompagnato da questi sintomi depressivi.

La diagnosi differenziale dell’ARFID richiede una valutazione dettagliata e approfondita da parte di un professionista della salute mentale o un team multidisciplinare.

È essenziale considerare tutte le possibili condizioni che possono presentare sintomi simili e determinare se l’evitamento o la restrizione alimentare osservati sono meglio spiegati dall’ARFID o da un’altra condizione medica o psicologica.

Questo processo consente di garantire che il paziente riceva il trattamento più appropriato e mirato alle sue specifiche esigenze.

Comorbilità del Disturbo Evitante/Restrittivo nell’Assunzione di Cibo (ARFID)

Le comorbidità dell’ARFID (Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo) sono numerose e variegate, riflettendo la complessità del disturbo stesso e le interazioni con altri problemi di salute mentale e fisica.

La comprensione delle comorbidità è essenziale per una gestione efficace e integrata del disturbo.

Le condizioni più comunemente associate all’ARFID sono:

  • Disturbi d’Ansia: Molti pazienti con ARFID presentano anche disturbi d’ansia. Questi possono includere disturbo d’ansia generalizzata, disturbo d’ansia sociale, fobie specifiche, e disturbo di panico. L’ansia può contribuire all’evitamento alimentare attraverso la paura delle conseguenze negative del mangiare, come soffocare o vomitare. L’ansia sociale, in particolare, può essere rilevante in quanto i pasti sono spesso situazioni sociali, e la paura di essere osservati o giudicati può portare all’evitamento dei pasti in compagnia.
  • Disturbi Ossessivo-Compulsivi (DOC): Il DOC è un’altra comorbidità comune, con molti pazienti che presentano comportamenti ossessivi legati al cibo e all’alimentazione. Questi comportamenti possono includere rituali complessi attorno alla preparazione e al consumo del cibo, preoccupazioni eccessive per la pulizia e la contaminazione, o paure intense riguardo agli ingredienti e alla sicurezza degli alimenti. Questi sintomi ossessivi possono contribuire significativamente all’evitamento di determinati cibi o all’adozione di diete estremamente ristrette.
  • Disturbi dello Spettro Autistico (ASD): La selettività alimentare è comune tra le persone con disturbi dello spettro autistico. Le persone con ASD possono mostrare una preferenza marcata per determinati cibi basata su texture, sapore, colore, o altre caratteristiche sensoriali. L’ipersensibilità sensoriale associata all’ASD può esacerbare i sintomi dell’ARFID. Inoltre, la rigidità comportamentale e la necessità di routine possono rendere difficile l’introduzione di nuovi alimenti nella dieta.
  • Disturbi Depressivi: La depressione può coesistere con l’ARFID, influenzando negativamente l’appetito e l’interesse per il cibo. Le persone con depressione possono sperimentare una perdita di appetito, una mancanza di interesse nel mangiare, o una riduzione del piacere associato ai pasti, che può sovrapporsi ai sintomi dell’ARFID. La presenza di sintomi depressivi può complicare ulteriormente la gestione del disturbo alimentare.
  • Disturbi da Deficit di Attenzione/Iperattività (ADHD): L’ADHD è frequentemente riscontrato in concomitanza con l’ARFID. I sintomi di impulsività e disattenzione associati all’ADHD possono influire negativamente sui comportamenti alimentari. I bambini con ADHD possono avere difficoltà a rispettare i pasti regolari, mostrare preferenze alimentari limitate, o essere più sensibili ai cambiamenti nella routine alimentare.
  • Disturbi del Comportamento Alimentare: Altri disturbi del comportamento alimentare, come l’anoressia nervosa e la bulimia nervosa, possono sovrapporsi con l’ARFID, anche se con motivazioni e comportamenti distinti. Ad esempio, mentre l’anoressia nervosa è caratterizzata da una paura intensa di aumentare di peso e da un comportamento di restrizione alimentare motivato dal desiderio di controllare il peso corporeo, l’ARFID non coinvolge queste preoccupazioni legate al peso e alla forma del corpo.
  • Disturbi del Sonno-veglia: disturbi del sonno-veglia, come l’insonnia e i disturbi del ritmo circadiano, possono essere più comuni nei pazienti con ARFID. L’ansia e lo stress associati al disturbo alimentare possono contribuire a difficoltà nel sonno, che a loro volta possono aggravare i sintomi dell’ARFID, creando un ciclo di problemi interconnessi che influenzano negativamente la qualità della vita.
  • Disturbi Sensoriali: Le persone con ARFID spesso mostrano ipersensibilità sensoriale, che può includere una risposta avversa a certe texture, sapori, odori, o colori dei cibi. Questa sensibilità sensoriale può essere particolarmente marcata nei bambini con ASD ma può anche presentarsi indipendentemente da altre condizioni. La difficoltà nell’accettare una varietà di alimenti può rendere complicata la dieta e la nutrizione complessiva.
  • Disturbi di Personalità: Alcuni studi suggeriscono che i disturbi di personalità, come il disturbo ossessivo-compulsivo di personalità (OCPD), possono coesistere con l’ARFID. Le caratteristiche di rigidità, perfezionismo, e controllo presenti in questi disturbi di personalità possono influenzare negativamente i comportamenti alimentari e contribuire alla persistenza del disturbo.

Quindi, le comorbidità dell’ARFID sono complesse e multifattoriali, richiedendo un approccio di trattamento integrato e multidisciplinare per affrontare efficacemente i vari aspetti del disturbo.

La comprensione delle comorbidità è cruciale per sviluppare piani di trattamento personalizzati e migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da ARFID.

Abuso di Sostanze correlato all’ARFID

L’abuso di sostanze è un problema significativo che può coesistere con l’ARFID (Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo), anche se la prevalenza specifica di questa comorbidità non è ben documentata.

Tuttavia, è noto che i disturbi alimentari in generale, come l’anoressia nervosa e la bulimia nervosa, presentano alti tassi di abuso di sostanze, il che suggerisce una potenziale sovrapposizione anche con l’ARFID.

Le sostanze comunemente abusate includono alcool, droghe illegali, farmaci prescritti e sostanze da banco.

Le motivazioni per l’abuso di sostanze tra le persone con ARFID possono variare.

Alcuni individui possono utilizzare sostanze per cercare di alleviare l’ansia associata ai pasti o alla situazione alimentare.

Altri possono usare l’alcool o le droghe per stimolare l’appetito o per ridurre le avversioni sensoriali verso certi cibi.

Altri ancora potrebbero anche abusare di sostanze per far fronte a sentimenti di isolamento sociale o per migliorare temporaneamente il loro umore, specialmente se soffrono di depressione comorbida.

L’uso di sostanze può diventare un meccanismo di coping maladattivo per affrontare le difficoltà legate all’ARFID.

Per esempio, l’alcool può essere utilizzato per ridurre l’inibizione sociale e facilitare la partecipazione a eventi sociali che includono pasti, riducendo temporaneamente l’ansia.

Tuttavia, questo comportamento può rapidamente evolvere in una dipendenza, aggravando ulteriormente i problemi alimentari e creando un ciclo di dipendenza e disfunzione alimentare.

L’abuso di sostanze può avere gravi effetti fisici e psichiatrici, peggiorando la salute generale e complicando il trattamento dell’ARFID.

L’abuso di alcool può portare a malnutrizione, danni epatici, e problemi gastrointestinali, che possono esacerbare i sintomi dell’ARFID.

L’uso di droghe illegali può causare perdita di appetito, nausea, e vomito, complicando ulteriormente l’assunzione alimentare.

Gli effetti psichiatrici includono aumento dell’ansia, depressione, e rischio di psicosi, che possono rendere più difficile la gestione dell’ARFID.

L’abuso di sostanze può, inoltre, interferire con la terapia per l’ARFID. La presenza di dipendenza può rendere i pazienti meno aderenti ai programmi di trattamento e meno responsivi alle terapie psicologiche e nutrizionali.

L’uso di sostanze può compromettere la capacità del paziente di partecipare attivamente alle sessioni terapeutiche e di implementare le strategie apprese.

Inoltre, la necessità di trattare contemporaneamente l’abuso di sostanze e l’ARFID può complicare ulteriormente il piano terapeutico.

La diagnosi di abuso di sostanze in pazienti con ARFID richiede una valutazione approfondita da parte di un team multidisciplinare.

Gli operatori sanitari devono essere attenti ai segnali di abuso di sostanze, che possono includere cambiamenti comportamentali, problemi di salute non spiegabili, e segnalazioni di uso di sostanze da parte del paziente o dei familiari.

È importante utilizzare strumenti di valutazione standardizzati per identificare la presenza e la gravità dell’abuso di sostanze, considerando anche le interazioni con i sintomi dell’ARFID.

Familiarità del Disturbo Evitante/Restrittivo nell’Assunzione di Cibo (ARFID)

La familiarità dell’ARFID (Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo) rappresenta un aspetto significativo nella comprensione delle cause e dei fattori di rischio associati a questo disturbo.

La familiarità può riferirsi a vari elementi, tra cui la predisposizione genetica, l’influenza dell’ambiente familiare, e le dinamiche interpersonali all’interno della famiglia.

La comprensione di questi aspetti è essenziale per sviluppare interventi preventivi e terapeutici efficaci.

In particolare, occorre tenere in considerazione:

  • Epidemiologia e Prevalenza: La familiarità dell’ARFID è evidente quando si osserva la frequenza con cui questo disturbo si presenta all’interno delle famiglie. Gli studi di ricerca indicano che i disturbi alimentari, in generale, tendono a manifestarsi con maggiore frequenza tra i parenti stretti, suggerendo una componente genetica. Anche se la specifica ereditarietà dell’ARFID non è stata chiaramente determinata, la presenza di altri disturbi alimentari o problemi psicologici nei membri della famiglia può indicare una vulnerabilità genetica condivisa. Questo implica che i bambini con genitori o fratelli che soffrono di disturbi alimentari o di altre condizioni psicologiche potrebbero essere a maggior rischio di sviluppare l’ARFID.
  • Predisposizione Genetica: La predisposizione genetica è uno dei fattori chiave da considerare nella familiarità dell’ARFID. Studi di ricerca hanno dimostrato che i disturbi alimentari tendono a presentarsi con una maggiore frequenza all’interno delle famiglie, suggerendo una componente genetica. Anche se la specifica ereditarietà dell’ARFID non è stata ancora chiaramente determinata, la presenza di altri disturbi alimentari o problemi psicologici nei membri della famiglia può indicare una vulnerabilità genetica condivisa. Questo implica che i bambini con genitori o fratelli che soffrono di disturbi alimentari o di altre condizioni psicologiche potrebbero essere a maggior rischio di sviluppare l’ARFID.
  • Influenza dell’Ambiente Familiare: Oltre alla predisposizione genetica, l’ambiente familiare gioca un ruolo cruciale nello sviluppo dell’ARFID. Le dinamiche familiari, come le pratiche alimentari, le attitudini verso il cibo, e le interazioni durante i pasti, possono influenzare significativamente i comportamenti alimentari dei bambini. Ad esempio, in famiglie dove c’è un’elevata enfasi sulla dieta e sul controllo del peso, i bambini possono sviluppare un rapporto problematico con il cibo. Allo stesso modo, genitori eccessivamente preoccupati per l’alimentazione del loro bambino possono, senza volerlo, rinforzare i comportamenti evitanti o restrittivi. L’ansia genitoriale riguardo all’alimentazione può essere trasmessa ai figli, creando un ciclo di preoccupazione e controllo che alimenta l’ARFID.
  • Esperienze Precoci e Interazioni Interpersonali: Le esperienze precoci e le interazioni interpersonali all’interno della famiglia sono altrettanto influenti. I bambini imparano molto osservando i comportamenti dei loro genitori e dei fratelli. Se un bambino vede un membro della famiglia evitare certi cibi o avere un atteggiamento negativo verso l’alimentazione, può imitarne il comportamento. Inoltre, esperienze traumatiche legate al cibo, come soffocamento o vomito, possono essere amplificate se non adeguatamente affrontate dai genitori. La risposta della famiglia a tali episodi può determinare se il bambino sviluppa o meno paure persistenti riguardo al cibo.
  • Comunicazione all’Interno della Famiglia: La comunicazione all’interno della famiglia è un altro fattore critico. Le famiglie con una comunicazione aperta e supportiva sono meglio equipaggiate per affrontare i problemi alimentari rispetto alle famiglie con comunicazione conflittuale o inesistente. Nei casi in cui la famiglia non riesce a discutere apertamente dei problemi alimentari, il bambino può sentirsi isolato e non compreso, aggravando ulteriormente i sintomi dell’ARFID. Un ambiente familiare che promuove il dialogo e il supporto emotivo può facilitare la gestione e il trattamento del disturbo.
  • Ruolo dei Genitori: Il ruolo dei genitori è particolarmente importante nella gestione dell’ARFID. I genitori possono fungere da modelli positivi, mostrando comportamenti alimentari sani e un atteggiamento equilibrato verso il cibo. Possono anche aiutare a creare un ambiente alimentare non stressante, offrendo una varietà di cibi in modo non coercitivo e permettendo al bambino di esplorare nuovi alimenti senza pressione. L’approccio genitoriale deve essere basato sul supporto e sulla comprensione, piuttosto che sul controllo e sulla critica.
  • Abitudini Alimentari Familiari: È anche importante considerare l’impatto delle abitudini alimentari familiari sulla familiarità dell’ARFID. Le abitudini alimentari familiari possono influenzare la varietà e la qualità della dieta del bambino. Ad esempio, famiglie che hanno un’alimentazione limitata o ripetitiva possono non offrire al bambino l’opportunità di sviluppare un palato vario e di adattarsi a una gamma di sapori e texture. D’altra parte, famiglie che incoraggiano l’esplorazione alimentare e la sperimentazione possono aiutare il bambino a superare le avversioni e ad accettare una dieta più equilibrata.

L’intervento precoce e il supporto familiare sono fondamentali per affrontare l’ARFID.

Le famiglie possono beneficiare di programmi educativi e di supporto che li aiutino a comprendere meglio il disturbo e a sviluppare strategie per affrontare i comportamenti alimentari problematici.

La terapia familiare può essere un’opzione efficace, fornendo uno spazio sicuro per discutere delle preoccupazioni alimentari e migliorare la comunicazione e la coesione familiare.

I professionisti della salute possono lavorare con le famiglie per sviluppare piani alimentari personalizzati e per implementare tecniche di gestione del comportamento che promuovano un atteggiamento positivo verso il cibo.

Fattori di rischio nell’insorgenza dell’ARFID

I fattori di rischio per l’insorgenza del Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo (ARFID) includono molteplici e comprendono elementi psicologici, biologici, sociali e ambientali.

Nella fattispecie, oltre alla familiarità (affrontata nella sezione precedente), troviamo:

  • Traumi Alimentari Precoci: Esperienze traumatiche legate al cibo, come episodi di soffocamento, vomito, o reazioni allergiche severe, possono portare allo sviluppo di paure e ansie associate all’alimentazione. Tali esperienze possono creare un’avversione persistente verso determinati alimenti o situazioni alimentari.
  • Problemi Sensomotori e Sensoriali: Bambini con sensibilità sensoriale accentuata possono essere più predisposti all’ARFID. Questi bambini possono trovare alcune texture, sapori, odori, o temperature del cibo estremamente sgradevoli, portandoli a evitare molti alimenti. Le difficoltà con la motricità orale, come problemi di masticazione o deglutizione, possono anche contribuire a comportamenti alimentari evitanti.
  • Condizioni Mediche e Gastrointestinali: Condizioni mediche croniche, in particolare disturbi gastrointestinali come il reflusso gastroesofageo, la malattia infiammatoria intestinale, o altre problematiche digestive, possono influenzare negativamente l’alimentazione. I sintomi fisici spiacevoli associati a queste condizioni possono portare a un’associazione negativa con il cibo.
  • Disturbi dello Sviluppo e Neurodiversità: I bambini con disturbi dello sviluppo, come il Disturbo dello Spettro Autistico (ASD), il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (ADHD), o la Disprassia, sono a maggiore rischio di sviluppare ARFID. Le difficoltà con le routine, la regolazione sensoriale, e le rigidità comportamentali comuni in queste condizioni possono contribuire all’evidente selettività alimentare e all’evitamento del cibo.
  • Problemi Psicologici e Comportamentali: Ansia, depressione, e altre condizioni psicologiche possono aumentare il rischio di ARFID. L’ansia generalizzata, in particolare, può manifestarsi come ansia legata al cibo, portando il bambino a evitare l’alimentazione per paura di soffocare, vomitare, o avere altre reazioni avverse. Le difficoltà emotive possono anche portare a una riduzione dell’appetito e all’evitamento del cibo.
  • Pessima Esperienza con i Pasti: Esperienze negative ripetute durante i pasti, come conflitti familiari o pressioni per mangiare, possono contribuire allo sviluppo di ARFID. I bambini possono associare i pasti con situazioni di stress e disagio, portandoli a evitare l’alimentazione come un modo per evitare queste esperienze negative.
  • Modelli Alimentari Rigidi e Rituali: Alcuni bambini possono sviluppare rituali alimentari rigidi o preferenze alimentari altamente specifiche, che, se non soddisfatte, portano all’evitamento del cibo. Questi comportamenti possono essere esacerbati da un temperamento perfezionista o da tratti ossessivo-compulsivi.
  • Disturbi dell’Alimentazione Primitiva: Alcuni bambini possono avere difficoltà innate con la regolazione della fame e della sazietà. Questi disturbi dell’alimentazione primitiva possono rendere difficile per il bambino riconoscere quando ha fame o è sazio, portando a un’alimentazione disorganizzata e all’evitamento del cibo.
  • Impatto della Cultura e dei Pari: Le influenze culturali e sociali, inclusi i messaggi mediatici riguardanti il cibo, il peso e l’immagine corporea, possono giocare un ruolo nel rischio di ARFID. Anche se questo è più comunemente associato a disturbi alimentari come l’anoressia o la bulimia, la pressione sociale può anche contribuire all’evitamento del cibo in alcuni individui, specialmente se c’è una componente di ansia sociale o preoccupazione riguardo al giudizio degli altri.
  • Pratiche Alimentari Inadatte durante l’Infanzia: L’introduzione tardiva o inadeguata di alimenti solidi durante lo svezzamento può contribuire allo sviluppo di ARFID. Bambini che non sono esposti a una varietà di cibi e texture durante le fasi critiche dello sviluppo alimentare possono essere più inclini a sviluppare avversioni alimentari e comportamenti restrittivi.
  • Supporto Inadeguato durante la Transizione Alimentare: Il passaggio da un’alimentazione liquida a una solida è una fase critica per lo sviluppo delle abitudini alimentari. Un supporto inadeguato durante questa transizione può portare a problemi alimentari. L’assenza di interventi appropriati quando emergono segni di difficoltà alimentari può aggravare il rischio di ARFID.
  • Esperienze di Alimentazione Sondino e Alimentazione Forzata: Bambini che hanno necessitato di nutrizione attraverso un sondino nasogastrico o alimentazione forzata per condizioni mediche possono sviluppare associazioni negative con il cibo e l’alimentazione. Anche se queste pratiche sono a volte necessarie per la sopravvivenza e la crescita, possono avere effetti psicologici a lungo termine sull’alimentazione.
  • Aspetti Sociali e Ambientali: Fattori sociali come la disponibilità di cibo, le norme culturali e le abitudini alimentari della comunità possono influenzare lo sviluppo di ARFID. In ambienti dove c’è una grande enfasi sulla dieta o dove c’è accesso limitato a una varietà di cibi sani, i bambini possono essere più inclini a sviluppare comportamenti alimentari disfunzionali.

Pertanto, il Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo (ARFID) è un disturbo complesso influenzato da una varietà di fattori di rischio che vanno oltre la familiarità genetica.

La comprensione e l’identificazione di questi fattori di rischio sono essenziali per la prevenzione e il trattamento efficace dell’ARFID, sottolineando l’importanza di un approccio multidisciplinare che coinvolga la famiglia, gli operatori sanitari e il supporto sociale.

Differenze di Genere e Geografiche nel Disturbo Evitante/Restrittivo nell’Assunzione di Cibo (ARFID)

Il Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo (ARFID) presenta alcune differenze di genere e geografiche che possono influenzare la prevalenza, la manifestazione e il trattamento del disturbo.

Comprendere queste differenze è cruciale per fornire un’assistenza appropriata e culturalmente sensibile.

Differenze di Genere

  • Prevalenza: Studi hanno indicato che l’ARFID può essere diagnosticato più frequentemente nei maschi rispetto alle femmine, soprattutto durante l’infanzia. Questo contrasta con altri disturbi alimentari come l’anoressia e la bulimia, che sono più comuni nelle femmine. Tuttavia, la prevalenza può variare con l’età e può essere influenzata da fattori come le aspettative sociali e le norme culturali.
  • Manifestazioni Cliniche: Le differenze di genere possono influenzare come si manifesta l’ARFID. Nei maschi, può essere più comune vedere una selettività alimentare estrema e un rifiuto basato su caratteristiche sensoriali del cibo (come la texture o il sapore). Nelle femmine, l’ARFID può essere più frequentemente associato a preoccupazioni somatiche o a esperienze traumatiche legate al cibo.
  • Impatto Psicologico: L’impatto psicologico del disturbo può variare tra i generi. I maschi con ARFID possono sperimentare maggiore stigmatizzazione sociale legata alla percezione di “pignoleria” alimentare o alla mancata conformità agli ideali di mascolinità. Le femmine, d’altra parte, possono essere più soggette a pressioni culturali riguardo all’immagine corporea e alla dieta, che possono influenzare i loro comportamenti alimentari.
  • Ricerca e Diagnosi: La ricerca sull’ARFID e le sue differenze di genere è ancora in evoluzione. La maggiore attenzione tradizionalmente posta sui disturbi alimentari nelle femmine potrebbe portare a una sottodiagnosi del disturbo nei maschi. È importante che i professionisti della salute siano consapevoli di queste differenze per evitare bias diagnostici.

Differenze Geografiche

  • Prevalenza e Consapevolezza: La prevalenza dell’ARFID può variare significativamente tra diverse regioni geografiche. In alcune aree, la consapevolezza del disturbo è ancora limitata, portando a una sottodiagnosi o a una mancata diagnosi. I sistemi sanitari e le pratiche diagnostiche locali possono influenzare il riconoscimento e la registrazione dei casi di ARFID.
  • Fattori Culturali e Ambientali: Le pratiche alimentari culturali e le norme sociali possono influenzare la manifestazione dell’ARFID. In alcune culture, i bambini possono essere esposti a una dieta molto diversificata fin dalla tenera età, riducendo il rischio di sviluppare avversioni alimentari. In altre culture, dove l’alimentazione è più monotona o dove ci sono norme rigide riguardo ai pasti, l’ARFID può essere più prevalente.
  • Accesso alle Risorse e ai Trattamenti: L’accesso ai servizi di salute mentale e ai trattamenti per l’ARFID può variare ampiamente in base alla località geografica. In paesi con risorse limitate per la salute mentale, i trattamenti specifici per l’ARFID possono essere difficili da ottenere. Anche nelle regioni dove esistono risorse adeguate, le barriere linguistiche e culturali possono ostacolare l’accesso ai servizi.
  • Evoluzione delle Pratiche Alimentari: Le pratiche alimentari stanno cambiando in molte parti del mondo a causa della globalizzazione e della migrazione. Questo può portare a un aumento della consapevolezza e della diagnosi dell’ARFID in regioni dove prima era poco riconosciuto. Tuttavia, può anche introdurre nuove sfide, come l’adattamento a diete diverse e la gestione delle aspettative alimentari interculturali.

Pertanto, le differenze di genere e geografiche nell’ARFID sono significative e influenzano vari aspetti del disturbo, dalla prevalenza alla manifestazione, fino all’accesso ai trattamenti.

È fondamentale che i professionisti della salute tengano conto di queste differenze per fornire cure efficaci e culturalmente competenti.

La ricerca continua è necessaria per approfondire la comprensione di queste variabili e per sviluppare interventi mirati che possano affrontare le specifiche esigenze di diverse popolazioni.

Diagnosi del Disturbo Evitante/Restrittivo nell’Assunzione di Cibo (ARFID): come si effettua?

La diagnosi del Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva viene effettuata attraverso una combinazione di valutazioni cliniche, psicologiche e mediche.

I passaggi principali che vengono generalmente seguiti sono:

  1. Valutazione Clinica
    • Intervista Clinica: La valutazione inizia con un’intervista dettagliata in cui il medico esplora la storia alimentare del paziente. Questo include domande su abitudini alimentari passate e presenti, cibi evitati, cibi preferiti e difficoltà legate all’alimentazione. Il medico indaga anche sui sintomi fisici come perdita di peso, carenze nutrizionali e affaticamento, nonché su comportamenti durante i pasti come ansia, paura del soffocamento, disgusto per certi alimenti e routine alimentari rigide.
    • Osservazione: Durante l’osservazione, il medico può valutare direttamente il comportamento alimentare del paziente. Questo permette di identificare eventuali pattern di evitamento o restrizione, fornendo un quadro più chiaro del problema.
  2. Valutazione Psicologica
    • Questionari e Test: Per una valutazione psicologica approfondita, vengono utilizzati vari questionari e test strutturati. Strumenti come l’Eating Disorder Examination (EDE) possono valutare l’entità del disturbo e il suo impatto sulla vita quotidiana del paziente. Inoltre, possono essere impiegate scale di valutazione specifiche per misurare i sintomi di ARFID e la gravità del disturbo, aiutando a quantificare i comportamenti di evitamento e restrizione.
  3. Valutazione Medica
    • Esami Fisici: La valutazione medica inizia con una valutazione completa dello stato nutrizionale del paziente, che include la misurazione del peso, dell’altezza e dell’indice di massa corporea (IMC). Vengono eseguiti esami del sangue per identificare eventuali carenze nutrizionali o anomalie metaboliche. Altri esami medici possono includere analisi delle urine, test di funzionalità epatica e renale, e altri test specifici per valutare l’impatto fisico del disturbo.
  4. Consultazione Multidisciplinare
    • Collaborazione tra specialisti: La diagnosi e il trattamento di ARFID richiedono una stretta collaborazione tra diversi specialisti, tra cui medici, nutrizionisti, psicologi e psichiatri. Questo approccio multidisciplinare assicura una diagnosi accurata e un piano di trattamento personalizzato, che considera tutti gli aspetti del disturbo.
  5. Valutazione del Comportamento e dell’Ambiente Familiare
    • Analisi dell’ambiente: Un’analisi dettagliata dell’ambiente familiare è cruciale per comprendere il supporto disponibile e le dinamiche che possono influenzare il disturbo alimentare. Questo include la valutazione delle interazioni familiari durante i pasti e il livello di supporto emotivo fornito al paziente.
  6. Follow-up e Monitoraggio
    • Monitoraggio continuo: Il trattamento di ARFID richiede un monitoraggio continuo attraverso visite regolari. Questo permette ai medici di valutare i progressi del paziente, apportare eventuali modifiche al piano di trattamento e fornire supporto continuo per affrontare le sfide che possono emergere durante il percorso di guarigione.

La diagnosi di ARFID è un processo complesso che richiede un’analisi approfondita e un approccio multidisciplinare.

Questo assicura che ogni paziente riceva un trattamento personalizzato e adeguato alle proprie esigenze specifiche, migliorando così le probabilità di successo nel lungo termine.

Psicoterapia dell’ARFID

La psicoterapia per il Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva (ARFID) è essenziale per affrontare le radici psicologiche e comportamentali del disturbo.

Gli approcci che si sono rivelati più efficaci:

  1. Terapia cognitivo-comportamentale: La psicoterapia per il Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva (ARFID) è essenziale per affrontare le radici psicologiche e comportamentali del disturbo. Uno degli approcci terapeutici più efficaci è la Terapia Cognitivo-Comportamentale (CBT), che si concentra sulla modifica dei pensieri negativi e irrazionali riguardanti il cibo e l’alimentazione. Attraverso tecniche di esposizione graduale, i pazienti sono incoraggiati a provare nuovi alimenti e a superare la paura del soffocamento o del disgusto. Gli obiettivi della CBT includono l’identificazione e la modifica dei pensieri disfunzionali, lo sviluppo di una maggiore flessibilità alimentare e la riduzione dell’ansia associata al cibo. La terapia può includere sessioni individuali o di gruppo, durante le quali i pazienti apprendono strategie di coping per gestire l’ansia e migliorare le loro abitudini alimentari. La CBT spesso incorpora tecniche di rilassamento e mindfulness per aiutare i pazienti a rimanere calmi e concentrati durante i pasti.
  2. Terapia Familiare: La Terapia Familiare è particolarmente utile nei casi di ARFID nei bambini e negli adolescenti. Questo approccio coinvolge i membri della famiglia nel processo terapeutico, riconoscendo l’importanza del supporto familiare per il successo del trattamento. I genitori e altri membri della famiglia vengono educati sui sintomi e le cause dell’ARFID e imparano strategie per supportare il loro caro durante i pasti. La terapia familiare mira a migliorare la comunicazione e la dinamica familiare, riducendo i conflitti e promuovendo un ambiente alimentare positivo. I terapeuti lavorano con le famiglie per sviluppare routine alimentari strutturate e strategie di supporto che incoraggino il paziente a provare nuovi alimenti e a migliorare le sue abitudini alimentari. Questo approccio aiuta a ridurre lo stress e l’ansia associati ai pasti, sia per il paziente che per la famiglia.
  3. Supporto nutrizionale: il supporto nutrizionale è un componente cruciale del trattamento dell’ARFID. I dietisti lavorano con i pazienti per sviluppare piani alimentari che soddisfino le loro esigenze nutrizionali e che siano compatibili con le loro preferenze alimentari e avversioni. Questo può includere l’introduzione graduale di nuovi alimenti e l’uso di supplementi nutrizionali per garantire che il paziente riceva tutti i nutrienti necessari. I dietisti collaborano strettamente con i terapeuti per monitorare i progressi del paziente e apportare modifiche al piano alimentare secondo necessità. Questo approccio integrato assicura che i pazienti ricevano un supporto completo e personalizzato per migliorare la loro alimentazione e il loro stato di salute generale. La terapia farmacologica può essere considerata nei casi in cui l’ARFID è associato a gravi sintomi di ansia o depressione che non rispondono adeguatamente alla psicoterapia. I farmaci ansiolitici o antidepressivi possono essere prescritti per alleviare questi sintomi e migliorare la qualità della vita del paziente. Tuttavia, la terapia farmacologica deve essere sempre accompagnata da un trattamento psicoterapeutico per affrontare le cause sottostanti del disturbo. La decisione di utilizzare farmaci deve essere presa in collaborazione con il paziente, la sua famiglia e il team terapeutico, considerando attentamente i potenziali benefici e rischi.

Questi sono alcuni degli approcci dimostrati più efficaci dal punto di vista psicoterapeutico per l’ARFID.

Farmacoterapia del Disturbo Evitante/Restrittivo nell’Assunzione di Cibo (ARFID)

La farmacoterapia per il Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva (ARFID) può essere un componente utile del trattamento, soprattutto nei casi in cui sono presenti sintomi concomitanti di ansia o depressione che non rispondono adeguatamente alla sola psicoterapia.

Tuttavia, la farmacoterapia non è generalmente la prima linea di trattamento per l’ARFID e deve essere sempre considerata come parte di un approccio integrato e multidisciplinare.

  • Antidepressivi: Gli antidepressivi, in particolare gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), possono essere utilizzati per trattare sintomi di ansia e depressione associati all’ARFID. Questi farmaci aiutano a migliorare l’umore e a ridurre i livelli di ansia, permettendo ai pazienti di essere più aperti e ricettivi alle terapie comportamentali e cognitive. Gli SSRI come la fluoxetina, la sertralina e l’escitalopram sono spesso prescritti, ma la scelta del farmaco specifico dipende dalle caratteristiche individuali del paziente, comprese eventuali altre condizioni mediche e la tolleranza ai farmaci.
  • Ansiolitici: In alcuni casi, i farmaci ansiolitici possono essere prescritti per aiutare a gestire l’ansia acuta associata ai pasti. Le benzodiazepine, come il lorazepam o il diazepam, possono essere utilizzate a breve termine per ridurre l’ansia intensa che può ostacolare l’assunzione di cibo. Tuttavia, l’uso a lungo termine di benzodiazepine è generalmente evitato a causa del rischio di dipendenza e degli effetti collaterali. Gli ansiolitici non benzodiazepinici, come la buspirone, possono essere un’opzione per il trattamento dell’ansia cronica senza i rischi associati alle benzodiazepine.
  • Antipsicotici Atipici: In alcuni casi, possono essere utilizzati farmaci antipsicotici atipici, come l’aripiprazolo o la risperidone, per trattare i sintomi severi di ansia e ossessioni alimentari che possono essere presenti in alcuni pazienti con ARFID. Questi farmaci sono generalmente riservati a casi gravi e complessi e devono essere prescritti con cautela, monitorando attentamente gli effetti collaterali e l’efficacia del trattamento. Gli antipsicotici atipici possono aiutare a ridurre i pensieri ossessivi e il comportamento rigido legato all’alimentazione, migliorando così la capacità del paziente di partecipare attivamente alla terapia comportamentale.
  • Stimolanti dell’Appetito: I farmaci stimolanti dell’appetito, come il dronabinol (un derivato della cannabis) o la ciproeptadina (un antistaminico), possono essere utilizzati in alcuni casi per stimolare l’appetito e aumentare l’assunzione di cibo. Questi farmaci possono essere particolarmente utili nei pazienti con ARFID che presentano una perdita di peso significativa o una malnutrizione grave. Tuttavia, l’uso di questi farmaci deve essere attentamente monitorato per valutare la loro efficacia e per gestire eventuali effetti collaterali.

Nella pratica clinica è importante inoltre considerare:

  • Collaborazione e Decisioni Terapeutiche: La decisione di utilizzare la farmacoterapia deve essere presa in collaborazione con il paziente, la sua famiglia e il team terapeutico, considerando attentamente i potenziali benefici e rischi. La farmacoterapia deve essere sempre accompagnata da un trattamento psicoterapeutico per affrontare le cause sottostanti del disturbo e per supportare il paziente nel processo di cambiamento comportamentale. È importante che i pazienti siano informati sugli effetti collaterali potenziali dei farmaci e che siano monitorati regolarmente per valutare la risposta al trattamento e per apportare eventuali modifiche necessarie.
  • Monitoraggio Continuo: Il monitoraggio continuo è cruciale per garantire che il trattamento farmacologico sia efficace e sicuro. I pazienti devono essere seguiti regolarmente dal loro medico per valutare i progressi, monitorare gli effetti collaterali e apportare eventuali modifiche al regime terapeutico. Questo approccio integrato e coordinato aiuta a garantire che i pazienti ricevano il supporto necessario per affrontare il disturbo e migliorare la loro qualità di vita.
  • Approccio Multidisciplinare: La farmacoterapia può essere un’aggiunta preziosa al trattamento dell’ARFID, ma deve essere utilizzata con attenzione e in combinazione con altre terapie. Un approccio multidisciplinare che include psicoterapia, supporto nutrizionale e monitoraggio continuo è essenziale per il successo a lungo termine nel trattamento di questo complesso disturbo alimentare.
  • Supporto e Educazione: Educare i pazienti e le loro famiglie sull’uso dei farmaci, gli effetti collaterali e l’importanza di un approccio integrato è fondamentale per il successo del trattamento. Il supporto continuo da parte del team terapeutico aiuta a costruire fiducia e a migliorare la compliance del paziente con il piano di trattamento.

La farmacoterapia per l’ARFID è un componente del trattamento che può offrire benefici significativi quando utilizzata in modo appropriato e in combinazione con altri interventi terapeutici.

Il monitoraggio continuo e l’approccio multidisciplinare sono essenziali per garantire che i pazienti ricevano il massimo beneficio dal trattamento e per migliorare la loro relazione con il cibo e la loro qualità di vita complessiva.

Resistenza al trattamento nei pazienti con ARFID

La resistenza al trattamento nei pazienti con Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva (ARFID) è un fenomeno comune e può manifestarsi in vari modi, sia da parte dei pazienti stessi che dei loro genitori.

Diversi fattori contribuiscono a questa resistenza, rendendo il trattamento complesso e sfidante.

Una prima resistenza da parte dei pazienti può essere determinata da:

  • Paura del Cambiamento: Molti pazienti con ARFID provano una forte ansia e paura legata all’introduzione di nuovi alimenti o cambiamenti nelle loro abitudini alimentari. Questa paura può derivare da esperienze passate di soffocamento, vomito, o da sensazioni di disgusto per determinate consistenze o sapori. La prospettiva di affrontare queste paure può portare a una significativa resistenza al trattamento.
  • Comportamenti Rigidi e Rituali: I pazienti con ARFID spesso sviluppano routine alimentari rigide e rituali che percepiscono come sicuri. La terapia mira a interrompere questi comportamenti, il che può essere vissuto come estremamente stressante e minaccioso, portando a resistenza.
  • Mancanza di Consapevolezza: Alcuni pazienti, specialmente i bambini, potrebbero non riconoscere l’impatto negativo del loro comportamento alimentare sulla salute. Questa mancanza di consapevolezza può ridurre la loro motivazione a partecipare attivamente al trattamento.
  • Disturbi Concomitanti: Molti pazienti con ARFID hanno altri disturbi psicologici, come ansia o disturbi ossessivo-compulsivi, che possono complicare il trattamento e aumentare la resistenza.

La resistenza da parte dei genitori, nel caso in cui il soggetto ARFID sia un bambino o un adolescente, può essere invece dovuta a:

  • Paura per la Salute del Figlio: I genitori possono essere comprensibilmente preoccupati per la salute e la sicurezza del loro bambino, specialmente se ha sperimentato perdita di peso significativa o carenze nutrizionali. Questa preoccupazione può portare i genitori a essere iperprotettivi e resistenti a cambiare le abitudini alimentari che percepiscono come sicure.
  • Senso di Colpa: Alcuni genitori possono sentirsi in colpa o responsabili per le difficoltà alimentari del loro bambino. Questo senso di colpa può manifestarsi come resistenza al trattamento, poiché possono percepirlo come un fallimento personale o familiare.
  • Conflitti Familiari: La gestione del pasto può diventare una fonte di tensione e conflitto all’interno della famiglia. La terapia spesso richiede cambiamenti nella dinamica familiare e nelle routine quotidiane, che possono essere visti come stressanti e difficili da implementare.
  • Speranza in Soluzioni Rapide: I genitori possono essere alla ricerca di soluzioni rapide e immediate ai problemi alimentari del loro bambino. La natura graduale e a lungo termine del trattamento dell’ARFID può essere frustrante e può portare a resistenza se non vedono miglioramenti rapidi.

Alcune strategie per affrontare la resistenza al trattamento possono essere:

  • Educazione e Informazione: Fornire informazioni chiare e complete sul disturbo e sul processo di trattamento può aiutare a ridurre la paura e l’ansia. Educare i pazienti e le loro famiglie sugli obiettivi della terapia e sui benefici a lungo termine può aumentare la loro motivazione e collaborazione.
  • Supporto Psicologico: Lavorare con un terapeuta esperto in disturbi alimentari può aiutare i pazienti e le loro famiglie a gestire l’ansia e il disagio associati al cambiamento. Tecniche di rilassamento e mindfulness possono essere particolarmente utili.
  • Coinvolgimento Familiare: La terapia familiare può migliorare la comunicazione e la collaborazione all’interno della famiglia. I genitori possono imparare strategie per supportare il loro bambino in modo efficace e ridurre i conflitti durante i pasti.
  • Pazienza e Gradualità: È importante procedere gradualmente, introducendo cambiamenti piccoli e gestibili. Questo approccio può aiutare a costruire la fiducia e a ridurre la resistenza.
  • Creazione di Routine e Strutture: Stabilire routine alimentari prevedibili e strutturate può ridurre l’ansia e aiutare i pazienti a sentirsi più sicuri durante i pasti.
  • Monitoraggio Continuo: Il follow-up regolare con il team terapeutico è cruciale per valutare i progressi, affrontare le sfide emergenti e adattare il piano di trattamento secondo necessità.

La resistenza al trattamento nei pazienti con ARFID è una sfida significativa ma affrontabile.

Un approccio empatico, informato e collaborativo, che coinvolge sia i pazienti che le loro famiglie, è essenziale per superare questa resistenza e promuovere un percorso di guarigione efficace e sostenibile.

Impatto Cognitivo e nelle Performances nel Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva

Il Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva (ARFID) può avere un impatto significativo sulle funzioni cognitive e sulle prestazioni lavorative, accademiche e sociali dei pazienti.

Questo impatto è dovuto a una combinazione di fattori, tra cui malnutrizione, carenze nutrizionali specifiche, e il disagio psicologico associato al disturbo.

La malnutrizione causata da ARFID può portare a una serie di carenze nutrizionali che influenzano direttamente la funzione cerebrale.

Vitamine e minerali come la vitamina B12, il ferro e gli acidi grassi essenziali sono cruciali per il funzionamento cognitivo ottimale.

La carenza di queste sostanze può portare a problemi di memoria, difficoltà di concentrazione e riduzione della capacità di apprendimento.

La mancanza di energia derivante da un apporto calorico insufficiente può anche contribuire alla fatica mentale, rendendo difficile mantenere l’attenzione e la produttività.

Le prestazioni accademiche possono essere gravemente compromesse nei bambini e negli adolescenti con ARFID.

Le difficoltà di concentrazione e memoria possono tradursi in scarsi risultati scolastici. Inoltre, il tempo e l’energia mentale dedicati a preoccuparsi del cibo e dei pasti possono distogliere l’attenzione dagli studi e dalle attività scolastiche.

Questo può portare a un ciclo di frustrazione e scoraggiamento, ulteriormente aggravando il problema.

Sul posto di lavoro, gli adulti con ARFID possono incontrare difficoltà simili.

La ridotta capacità di concentrazione e l’affaticamento possono influire negativamente sulla produttività e sull’efficacia lavorativa.

I problemi cognitivi possono anche rendere difficile la gestione delle responsabilità lavorative, portando a un aumento dello stress e, in alcuni casi, a conflitti con colleghi e superiori.

La necessità di gestire i sintomi del disturbo può portare a frequenti assenze dal lavoro, compromettendo ulteriormente le performance lavorative e la stabilità professionale.

Le interazioni sociali possono essere notevolmente influenzate da ARFID.

I pazienti spesso evitano situazioni sociali che coinvolgono il cibo, come cene di gruppo, feste e altre occasioni conviviali, per paura di essere giudicati o di non riuscire a trovare cibi che ritengano sicuri.

Questo isolamento sociale può portare a sentimenti di solitudine e depressione, aggravando il disturbo.

Inoltre, le interazioni quotidiane possono essere influenzate dal disagio psicologico e dalla preoccupazione costante per il cibo, rendendo difficile stabilire e mantenere relazioni personali soddisfacenti.

Il disagio psicologico associato a ARFID può ulteriormente peggiorare le performance cognitive e sociali.

Ansia e depressione, comuni tra i pazienti con ARFID, possono esacerbare le difficoltà cognitive e ridurre la motivazione e l’energia necessarie per impegnarsi in attività lavorative e sociali.

La bassa autostima e la percezione negativa del proprio corpo possono anche contribuire a un atteggiamento di evitamento e isolamento.

Per mitigare questi impatti, è cruciale un intervento tempestivo e multidisciplinare che affronti non solo le problematiche alimentari, ma anche i fattori psicologici e sociali associati.

Qualità della vita nei pazienti ARFID

La qualità della vita dei pazienti con ARFID può essere significativamente compromessa in vari aspetti che vanno oltre le difficoltà cognitive, lavorative, accademiche e sociali.

La complessità di questo disturbo influenza profondamente il benessere fisico, emotivo e psicologico dei pazienti, con ripercussioni a lungo termine sulla loro vita quotidiana.

  • Benessere Fisico: I pazienti con ARFID spesso affrontano una serie di problemi fisici legati alla malnutrizione e alla carenza di nutrienti essenziali. Questo può includere debolezza muscolare, stanchezza cronica, problemi di crescita nei bambini, e un sistema immunitario indebolito che li rende più suscettibili a infezioni e malattie. La salute dentale può anche essere compromessa a causa di diete limitate che non forniscono nutrienti adeguati per mantenere denti e gengive sani.
  • Qualità del Sonno: I problemi alimentari possono influenzare negativamente la qualità del sonno. La malnutrizione e l’ansia legata al cibo possono causare insonnia o disturbi del sonno, portando a una sensazione di stanchezza e affaticamento durante il giorno. Questo ciclo di sonno disturbato può aggravare ulteriormente i sintomi fisici e psicologici del disturbo, creando un ciclo difficile da interrompere.
  • Benessere Emotivo: La preoccupazione costante per il cibo e i pasti può causare un notevole stress emotivo. I pazienti possono provare sentimenti di frustrazione, vergogna e bassa autostima a causa delle loro difficoltà alimentari. La paura di giudizio o di non essere compresi dagli altri può portare a un isolamento emotivo, aggravando sentimenti di solitudine e depressione. La difficoltà nel partecipare a eventi sociali e attività che coinvolgono il cibo può anche limitare le opportunità di costruire relazioni significative, aumentando il senso di isolamento.
  • Impatto sulle Attività Quotidiane: Le limitazioni alimentari possono influenzare la capacità di partecipare a molte attività quotidiane che implicano il cibo, come pranzi di lavoro, cene con amici, vacanze e feste. Questo può limitare le esperienze di vita e ridurre la spontaneità e il piacere associati a tali eventi. Anche le attività ricreative e gli hobby possono essere influenzati se richiedono energia fisica e mentale che il paziente non riesce a sostenere a causa della malnutrizione o della stanchezza.
  • Effetti sulla Famiglia: Il disturbo alimentare di un membro della famiglia può avere un impatto significativo sulla dinamica familiare. I pasti possono diventare momenti di tensione e conflitto, e i genitori possono sentirsi ansiosi e preoccupati per la salute del loro bambino. Questo può creare un ambiente domestico stressante, influenzando negativamente il benessere di tutti i membri della famiglia. Le relazioni familiari possono soffrire a causa del focus continuo sui problemi alimentari e della necessità di adattare le attività quotidiane per accontentare il paziente.
  • Autonomia e Indipendenza: I pazienti con ARFID, specialmente i giovani adulti, possono avere difficoltà a sviluppare un senso di autonomia e indipendenza a causa delle loro limitazioni alimentari. Questo può influire sulla loro capacità di vivere da soli, gestire le proprie finanze e prendersi cura della propria salute. La dipendenza dai genitori o dai caregiver può prolungarsi, creando ulteriori tensioni e sentimenti di inadeguatezza.

Migliorare la qualità della vita dei pazienti con ARFID richiede un approccio comprensivo che affronti non solo le difficoltà alimentari e cognitive, ma anche gli aspetti emotivi, sociali e culturali del disturbo.

Prognosi del Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo

La prognosi del Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva può variare significativamente da individuo a individuo, e dipende da diversi fattori, tra cui l’età di insorgenza, la gravità del disturbo, l’accesso al trattamento e la risposta individuale alla terapia.

In generale, è importante considerare che l’ARFID può mostrare una gamma di esiti a lungo termine, che vanno dalla persistenza cronica alla remissione completa del disturbo.

  • Persistenza del disturbo: Nei casi più gravi e cronici di ARFID, il disturbo può persistere nel tempo senza miglioramenti significativi nonostante il trattamento. Questi pazienti possono continuare a sperimentare limitazioni significative nella varietà e nella quantità di cibo che consumano, con conseguenze negative sulla loro salute fisica, emotiva e sociale. La persistenza del disturbo può essere influenzata da fattori come una storia lunga e persistente di restrizioni alimentari, gravi carenze nutrizionali che possono aver causato danni fisici a lungo termine, o una mancanza di risposta adeguata al trattamento.
  • Remissione del disturbo: In molti casi, soprattutto se il disturbo è riconosciuto e trattato precocemente, è possibile ottenere significativi miglioramenti nel ARFID. La remissione può significare che il paziente riesce a espandere gradualmente la varietà di alimenti che accetta di mangiare e a ridurre l’ansia associata al cibo. I bambini e gli adolescenti, in particolare, possono beneficiare di interventi precoci che includono terapia nutrizionale, supporto psicologico e l’implicazione della famiglia nel processo di guarigione.

I fattori che più influenzano la prognosi sono:

  • Età di insorgenza: Il ARFID che si sviluppa in età precoce può essere più difficile da trattare rispetto a quello che si sviluppa più tardi nell’infanzia o nell’adolescenza. L’intervento precoce può prevenire la cronificazione del disturbo.
  • Gravità del disturbo: I casi più gravi e estremi di ARFID possono richiedere un trattamento più intensivo e prolungato per ottenere miglioramenti significativi.
  • Supporto familiare e sociale: Il sostegno emotivo e pratico della famiglia e della rete sociale del paziente è cruciale per favorire la remissione. Un ambiente di supporto può facilitare il cambiamento di comportamenti alimentari e migliorare l’adattamento psicologico del paziente.
  • Comorbilità: La presenza di disturbi psicologici o condizioni mediche concomitanti può influenzare la prognosi. Il trattamento di queste comorbilità può essere necessario per un miglioramento completo del ARFID.

Pertanto, sebbene il ARFID possa essere un disturbo cronico e complesso da trattare, molte persone possono beneficiare di interventi mirati che mirano a migliorare l’assortimento alimentare e ad affrontare le paure associate al cibo.

Mortalità nel Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva

La mortalità nel Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva (ARFID) è un argomento di interesse clinico e di ricerca, anche se non è comunemente associata a una elevata mortalità come in altri disturbi alimentari come l’anoressia nervosa.

Bisogna comunque considerare, rispetto alla mortalità:

  1. Carenze nutrizionali e complicazioni fisiche: Il ARFID può portare a gravi carenze nutrizionali a lungo termine se non trattato adeguatamente. Queste carenze possono influenzare la salute fisica generale e aumentare il rischio di complicazioni mediche serie. Ad esempio, la carenza prolungata di nutrienti essenziali come proteine, vitamine e minerali può compromettere il funzionamento degli organi vitali e aumentare la vulnerabilità a infezioni e altre malattie.
  2. Ritardi nella crescita e nello sviluppo: Nei bambini e negli adolescenti, ARFID non trattato può influenzare negativamente la crescita fisica e lo sviluppo. Il ritardo nella crescita può avere implicazioni a lungo termine sulla salute generale e sulla qualità della vita.
  3. Comorbilità psicologiche: I pazienti con ARFID possono anche soffrire di disturbi psicologici concomitanti come depressione, ansia o disturbi d’ansia sociale. Questi disturbi possono aumentare il rischio di comportamenti autodistruttivi o di isolamento sociale, con un impatto negativo sulla salute mentale e sulla qualità della vita complessiva.
  4. Comorbilità medica: Alcuni pazienti con ARFID possono avere condizioni mediche preesistenti o sviluppare complicazioni mediche secondarie a causa delle carenze nutrizionali. Ad esempio, problemi cardiaci, disturbi endocrini o problemi ossei possono derivare da una nutrizione inadeguata nel lungo periodo.
  5. Interventi e trattamento: La gestione precoce e appropriata del ARFID è essenziale per prevenire gravi complicazioni e migliorare l’esito clinico. L’approccio terapeutico deve essere multidisciplinare, coinvolgendo nutrizionisti, psicologi, psichiatri e altri specialisti per affrontare in modo completo le sfide alimentari, psicologiche e mediche associate al disturbo.

In sintesi, sebbene la mortalità diretta nel ARFID non sia comunemente riportata, il disturbo può avere gravi implicazioni sulla salute fisica e mentale se non trattato adeguatamente.

È cruciale identificare precocemente i sintomi del ARFID con l’aiuto di un esperto della salute mentale, per poter fornire un trattamento appropriato per prevenire complicazioni a lungo termine e migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da questo disturbo alimentare.

Malattie organiche correlate all’ARFID

Il Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva (ARFID) può portare a diverse malattie organiche e complicazioni fisiche a causa delle restrizioni alimentari e delle carenze nutrizionali.

Queste condizioni possono svilupparsi nel tempo se il disturbo non viene trattato adeguatamente.

Le principali malattie organiche correlate all’ARFID sono:

  1. Carenze nutrizionali: Uno dei rischi più comuni associati all’ARFID sono le carenze nutrizionali. Poiché i pazienti con ARFID tendono a limitare notevolmente la varietà di alimenti che consumano, possono non ricevere una quantità adeguata di nutrienti essenziali come proteine, vitamine (ad esempio, vitamina B12, vitamina D) e minerali (ad esempio, ferro, calcio). Le carenze nutrizionali possono causare una serie di problemi di salute, tra cui affaticamento cronico, debolezza muscolare, problemi di crescita nei bambini, disturbi cognitivi e compromissione del sistema immunitario.
  2. Anemia: La carenza di ferro è una delle complicazioni più comuni dell’ARFID. L’anemia da carenza di ferro può causare sintomi come stanchezza persistente, debolezza, pallore della pelle, difficoltà di concentrazione e aumento della frequenza cardiaca.
  3. Osteoporosi e problemi ossei: La mancanza di calcio e vitamina D, spesso associata all’ARFID, può contribuire allo sviluppo di osteoporosi o altri problemi ossei. Questo può rendere le ossa fragili e più suscettibili a fratture.
  4. Problemi gastrointestinali: Alcuni pazienti con ARFID possono sviluppare disturbi gastrointestinali come costipazione cronica o problemi di digestione a causa della dieta limitata e della mancanza di fibra alimentare.
  5. Disturbi cardiaci: La malnutrizione e le carenze nutrizionali prolungate possono influenzare negativamente il sistema cardiovascolare. Ad esempio, un’assunzione insufficiente di omega-3 e altri grassi essenziali può aumentare il rischio di disturbi cardiaci.
  6. Disturbi endocrini: L’ARFID può influenzare il sistema endocrino, con conseguenze come alterazioni del metabolismo, disfunzioni della tiroide e squilibri ormonali.
  7. Ritardo nella crescita e nello sviluppo: Nei bambini e negli adolescenti, l’ARFID non trattato può influenzare negativamente la crescita fisica e lo sviluppo. Il ritardo nella crescita può manifestarsi come bassa statura o basso peso corporeo rispetto alla media per l’età.
  8. Problemi neurologici: La carenza di nutrienti chiave come vitamine del gruppo B può avere un impatto sulla salute del sistema nervoso. Ciò può portare a sintomi neurologici come formicolio nelle estremità, difficoltà di concentrazione e problemi di memoria.

È importante sottolineare che le malattie organiche correlate all’ARFID possono essere prevenute o gestite efficacemente con un intervento precoce e un trattamento mirato.

ADHD e ARFID

L’ADHD (Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività) e l’ARFID (Disturbo da Alimentazione Selettiva o Restrittiva) sono due disturbi distinti ma possono presentare un certo grado di comorbilità e sovrapposizione nelle loro manifestazioni e impatti sui pazienti.

In particolare, bisogna considerare:

  1. Comorbilità: È stato osservato che i pazienti con ADHD hanno una maggiore prevalenza di disturbi alimentari, inclusi i disturbi alimentari selettivi o restrittivi come l’ARFID. Questo suggerisce una possibile comorbilità tra i due disturbi, sebbene non sia sempre chiaro se vi sia una relazione causale diretta o se entrambi i disturbi condividano fattori di rischio comuni.
  2. Difficoltà di regolazione dell’attenzione e del comportamento: I pazienti con ADHD possono avere difficoltà significative nella regolazione dell’attenzione, dell’impulsività e del comportamento. Queste difficoltà possono influenzare anche i modelli alimentari e le abitudini alimentari. Ad esempio, possono manifestarsi come iperattività durante i pasti, difficoltà a rimanere seduti a tavola o a concentrarsi sul cibo.
  3. Rigidezza comportamentale e selettività alimentare: L’ARFID è caratterizzato da un rigido schema comportamentale legato all’alimentazione, che può includere la selettività estrema degli alimenti basata su caratteristiche sensoriali come il colore, la texture o il gusto. Questa rigidezza può essere amplificata in pazienti con ADHD, che possono avere difficoltà ad adattarsi a nuove situazioni o a cambiamenti nelle routine alimentari.
  4. Problemi di gestione dell’organizzazione e della pianificazione: I pazienti con ADHD possono anche incontrare difficoltà nella gestione dell’organizzazione e della pianificazione, inclusi gli aspetti pratici della preparazione e della pianificazione dei pasti. Questo può influenzare negativamente la varietà e la qualità dei cibi consumati, contribuendo alla restrizione alimentare osservata in ARFID.
  5. Impulsività alimentare: Sebbene l’ARFID sia caratterizzato principalmente da restrizioni alimentari, in alcuni casi i pazienti possono anche manifestare comportamenti impulsivi alimentari, spesso associati a situazioni di stress o a cambiamenti emotivi. Questi comportamenti possono essere accentuati nei pazienti con ADHD, che possono lottare con l’autocontrollo e la regolazione delle emozioni.
  6. Complicazioni psicosociali: Entrambi i disturbi possono avere un impatto significativo sulla qualità della vita psicosociale dei pazienti. Le difficoltà nell’affrontare le interazioni sociali, inclusi eventi legati al cibo, possono essere comuni sia per i pazienti con ADHD che per quelli con ARFID, contribuendo a sentimenti di isolamento e ridotta qualità della vita.
  7. Approccio terapeutico integrato: Data la possibile comorbilità e sovrapposizione, è importante considerare un approccio terapeutico integrato per i pazienti che presentano entrambi i disturbi. Questo può includere interventi cognitivo-comportamentali per affrontare le restrizioni alimentari e migliorare la varietà alimentare, strategie di gestione dell’attenzione e del comportamento per affrontare le difficoltà legate all’ADHD, nonché il coinvolgimento di una rete di supporto multidisciplinare che comprende nutrizionisti, psicologi e altri specialisti.

Pertanto, nonostante l’ADHD e l’ARFID siano disturbi distinti, possono coesistere in alcuni pazienti con una certa frequenza.

4.8 su 5 sulla base di 261 recensioni

jp
jp
2023-11-14
Leggi Tutto
Sono estremamente soddisfatto dell'esperienza con GAM MEDICAL. Il loro impegno nella diagnosi e cura dell'ADHD è evidente attraverso un supporto impeccabile. Il personale è altamente disponibile e professionale, offrendo un servizio che va al di là delle aspettative. Consiglio vivamente GAM MEDICAL a chiunque cerchi un approccio attento e specializzato per affrontare l'ADHD in Italia.
Moira Cristini
Moira Cristini
2023-11-13
Leggi Tutto
Una porta aperta ed un metaforico divano comodo dove potersi finalmente aprire e capire fino ad arrivare alle risposte. Il percorso è stato veloce e semplice da prenotare, semplice da utilizzare e il dott. Preziosi che mi ha seguita ha saputo sempre accompagnarmi in un percorso che comunque può essere impegnativo. Avere una diagnosi finalmente apre e spiega tanti aspetti di me che per una vita non capivo o addirittura stigmatizzavo. Ora il percorso davanti a me ha una nuova e diversa consapevolezza. Grazie
Rossella Muro
Rossella Muro
2023-11-13
Leggi Tutto
Mi hanno consigliato la GAM Medical e mi sono trovata molto bene. Sono ancora in attesa di un'eventuale diagnosi ma, a prescindere da ciò, consiglio questo percorso a tutti. Grande professionalità e disponibilità dall'inizio alla fine.
Elisa Sanna
Elisa Sanna
2023-11-12
Leggi Tutto
Ottima esperienza. Oltre il percorso di diagnosi, mi trovo benissimo anche con la Psicoeducazione, c'è la possibilità di scegliere tra un percorso individuale o di gruppo.
Stefania Taranu
Stefania Taranu
2023-11-11
Leggi Tutto
Esperienza decisamente positiva! Ho scoperto l'esistenza della clinica grazie ad un Tik Tok (i social network possono essere molto utili, non neghiamolo). Offrono la possibilità di effettuare un test di screening gratuito che già può dare delle indicazioni o meno se proseguire con le sedute di diagnosi. I vari step sono stati chiariti fin da subito e sono stata acconpagnata passo passo fino alla diagnosi e alla scoperta di se stessi. Inoltre la segreteria è super disponibile e sono gentilissimi. Lo rifarei? Si Grazie ♡
Federica Cantrigliani
Federica Cantrigliani
2023-09-16
Leggi Tutto
La mia esperienza in GAM è stata positiva. Lo staff è gentile, accogliente e molto preparato. Consigliato a chi cerca un supporto sulle tematiche ADHD!
Michaela Buono
Michaela Buono
2023-09-15
Leggi Tutto
Esperienza molto positiva, ho trovato una Dottoressa disponibile, chiara, paziente e pronta a rispondere a tutte le mie domande ed eventuali dubbi e chiarimenti riguardo ADHD. Consiglio la clinica on line. Tra l'altro molto comoda perchè ovunque tu sia, hai il supporto necessario.
Chimy
Chimy
2023-09-16
Leggi Tutto
Sono convinta che la perfezione non esista, ma la GAM medical c’è vicina. Ero estremamente in difficoltà nel trovare una clinica affidabile in grado di fare una diagnosi di ADHD, in Italia sembra impossibile, ma loro sono stati davvero efficienti, disponibili e sempre pronti a rispondere ai miei dubbi tramite messaggi e telefono. Devo cominciare il mio percorso con loro post-diagnosi, ma sono sicura che mi troverò bene☺️
Antonio De Luca
Antonio De Luca
2023-08-10
Leggi Tutto
Una vita intera nella quale ho provato in tutti i modi a comprendere precisamente cosa non andasse in me. Appena compreso che i miei sintomi fossero vicini all'adhd nessuno mi ha aperto le porte, i privati e i pubblici si sono tirati tutti indietro perché nessuno voleva prendersi la responsabilità di diagnosticare tale deficit ad un adulto. Poi ho scoperto questa realtà, fatta da professionisti e da persone serie nonché sempre disponibili a rispondere ad ogni mio quesito. Qualcosa che senza di loro sarebbe stato impossibile.
Stela Lamaj
Stela Lamaj
2023-08-09
Leggi Tutto
Ottima esperienza, professionisti preparati ed empatici.
Mara Velati
Mara Velati
2023-08-09
Leggi Tutto
La mia salvezza dopo 9 mesi di diagnosi a metà. La dottoressa Clementi, che mi ha seguita, è precisa e anche molto dolce. Consigliato ❤️
jerrydelmonte
jerrydelmonte
2023-07-20
Leggi Tutto
Mi sono trovata molto bene, cortesia e professionalità da parte di tutti i membri dello staff. Unico appunto i tempi sono un po’ lunghi per la valutazione.
Beatrice Loi
Beatrice Loi
2023-07-15
Leggi Tutto
Professionali, precisi, chiari. Clinica assolutamente raccomandata! ✅
Eduardo Guerra
Eduardo Guerra
2023-05-26
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso di psicoeducazione di grupo per ADHD online e per me è stato di molto aiuto. Il corso mi ha fatto capire meglio come gestire i sintomi e essere accorto di alcune cose che non avevo percepito prima.
Mariagrazia Picardi
Mariagrazia Picardi
2023-06-20
Leggi Tutto
Grazie alla Gam Medical finalmente abbiamo messo fine ad un percorso tortuoso, lungo e poco convincente e ne abbiamo cominciato uno fatto di ascolto, accoglienza e competenza. Proseguiremo con loro il percorso proposto.
Cristiana Nasi
Cristiana Nasi
2023-05-18
Leggi Tutto
Esperienza superpositiva su tutti i fronti. Gam medical eccelle nell organizzazione, precisione e nella velocità a dare gli appuntamenti. Mia figlia ha fatto la diagnosi con Gam medical ed è molto soddisfatta per la competenza dello staff medico e non. Davvero professionali . La dottoressa Vargiu ha seguito mia figlia nel suo percorso verso la diagnosi in modo esemplare e molto accogliente. Gam medical colma il vuoto che inevitabilmente si incontra in Italia per avere una diagnosi adhd . Un' ancora su cui contare e un punto di riferimento davvero importante per chi ha l adhd. Ultima cosa ma non di scarsa importanza , costi contenuti e sostenibili. Non potrei essere più soddisfatta. Grazie davvero.
Chiara Totaro
Chiara Totaro
2023-05-10
Leggi Tutto
Ho intrapreso il mio percorso diagnostico con la Clinica GAM, non potevo fare scelta migliore, disponibili per ogni necessità o chiarimento, ottima organizzazione, psicologi molto preparati! Contenta di continuare con loro il mio percorso dopo la diagnosi!
Lorenza Barbalucca
Lorenza Barbalucca
2023-05-07
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso diagnostico con la dottoressa Gozzi che ha saputo mettermi subito a mio agio. È stato affrontato tutto con serietà e delicatezza e per la prima volta ho sentito di essermi rivolta alle persone giuste. Il personale è disponibile e cordiale
Precedente
Successivo

Specialisti nella diagnosi ADHD

Il Centro ADHD GAM Medical si distingue per la sua specializzazione nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione dell’ADHD (Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività), offrendo terapie personalizzate e di alta qualità.