Indice dei contenuti

Anoressia Nervosa

L’anoressia nervosa è un disturbo alimentare caratterizzato da una preoccupazione eccessiva per il peso e la forma del corpo, accompagnata da restrizioni alimentari estreme che portano a una significativa perdita di peso e alla paura di ingrassare.

Le persone affette da anoressia nervosa spesso vedono il proprio corpo in modo distorto, percependosi come sovrappeso nonostante il peso sottopeso evidente.

Questo disturbo può comportare gravi conseguenze per la salute fisica e mentale, tra cui malnutrizione, problemi cardiaci, disturbi del sonno, osteoporosi, e depressione.

Le cause esatte dell’anoressia nervosa non sono completamente comprese, ma possono includere una combinazione di fattori biologici, psicologici, sociali e culturali.

Fattori genetici possono predisporre alcune persone a sviluppare il disturbo, mentre fattori psicologici come bassa autostima, perfezionismo, e depressione possono contribuire al mantenimento dei comportamenti anoressici.

Pressioni sociali per conformarsi a ideali di bellezza irrealistici e messaggi culturali che associamo il valore personale al peso e all’aspetto fisico possono anche influenzare lo sviluppo dell’anoressia nervosa.

Il trattamento dell’anoressia nervosa richiede un approccio multidisciplinare che coinvolga professionisti della salute mentale, dietisti, medici e altri operatori sanitari.

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è spesso utilizzata per affrontare le distorsioni cognitive e modificare i comportamenti alimentari disfunzionali.

Il supporto nutrizionale è fondamentale per trattare la malnutrizione e ripristinare un peso corporeo sano.

In alcuni casi, possono essere prescritti farmaci per trattare sintomi associati come depressione o ansia.


Categoria Diagnostica d’appartenenza: Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione


Nel DSM-5, l’anoressia nervosa è classificata all’interno della categoria “Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione” (Feeding and Eating Disorders). 

Questa categoria comprende disturbi caratterizzati da comportamenti disfunzionali legati all’assunzione di cibo e al controllo del peso, che portano a gravi conseguenze fisiche e psicologiche. 

L’anoressia nervosa è riconosciuta come una delle psicopatologie più gravi e potenzialmente letali tra i disturbi della nutrizione e dell’alimentazione che porta a molteplici complicazioni mediche e psicologiche.

Il termine “anoressia nervosa” deriva dal greco antico e dal latino. 

  • “Anoressia”: Deriva dal greco “anorexia”, composta da “an-” (ἀν-), che significa “senza”, e “orexis” (ὄρεξις), che significa “appetito” o “desiderio”. Quindi, “anoressia” significa letteralmente “assenza di appetito”.
  • “Nervosa”: Questo termine latino indica che la condizione è legata a fattori psicologici o nervosi. Viene usato per differenziare l’anoressia nervosa da altre forme di anoressia che possono essere causate da condizioni mediche o fisiche.

Sebbene l’etimologia del termine “anoressia nervosa” significhi letteralmente “assenza di appetito nervosa”, questa definizione non cattura adeguatamente la complessità e le motivazioni sottostanti di questo disturbo psicopatologico. 

In realtà, la mancanza di appetito non è la causa primaria che spinge chi ne soffre a non mangiare. Questo disturbo è molto più legato a fattori psicologici e comportamentali che alla semplice assenza di fame.

Infatti, nelle fasi iniziali del disturbo, la restrizione dell’assunzione di cibo è generalmente volontaria e motivata da un desiderio cosciente di perdere peso o di mantenere un peso basso.

Contrariamente a quanto suggerisce l’etimologia del termine, la fame è spesso presente nelle fasi iniziali, ma viene ignorata o soppressa attraverso un forte controllo volontario.

Solo nelle fasi più avanzate dell’anoressia nervosa, dopo un prolungato periodo di restrizione alimentare, può verificarsi una reale riduzione dell’appetito.

Questo accade quando lo stomaco si è ristretto e il metabolismo si è rallentato in risposta alla carenza di nutrienti.

Sintomatologia: criteri diagnostici dell’anoressia nervosa 

Nel DSM-5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, quinta edizione), l’anoressia nervosa è definita come un disturbo della nutrizione e dell’alimentazione.

I criteri diagnostici specifici per l’anoressia nervosa includono diversi sintomi e comportamenti caratteristici, che devono essere presenti per poter formulare una diagnosi.

Ecco i principali criteri diagnostici secondo il DSM-5:

Criteri Diagnostici per l’Anoressia Nervosa nel DSM-5

  1. Restrizione dell’Assunzione di Energia rispetto al fabbisogno, che porta a un peso corporeo significativamente basso rispetto alla norma per età, sesso, sviluppo e salute fisica.
    • Questo criterio si riferisce alla restrizione volontaria dell’assunzione di cibo, spesso accompagnata da diete severe, digiuni o altri comportamenti per limitare l’assunzione calorica.
  2. Paura intensa di aumentare di peso o diventare grassi, anche se sottopeso.
    • Le persone con anoressia nervosa hanno una preoccupazione patologica e irrazionale per il peso corporeo e la forma del corpo, che non è proporzionata al reale peso corporeo.
  3. Alterazione della percezione del peso o della forma del corpo, con una valutazione disproporzionatamente influenzata dal peso corporeo o dalla forma corporea.
    • Questo criterio indica una distorsione della percezione di sé stessi, in cui il peso corporeo viene sovrastimato o la forma del corpo è giudicata in modo distorto.

Oltre ai criteri di base sopra elencati, il DSM-5 fornisce anche specificatori per l’anoressia nervosa che possono aiutare a descrivere ulteriormente la gravità del disturbo e le caratteristiche cliniche:

  • Tipo di Restrizione Alimentare: Può essere specificato se l’anoressia nervosa è di tipo restrittivo, dove la perdita di peso è ottenuta principalmente attraverso la restrizione dell’assunzione calorica, o di tipo binge-eating/purging (con abbuffate/condotte di eliminazione), dove sono presenti anche episodi di abbuffata o comportamenti compensatori come il vomito autoindotto o l’uso di lassativi.
  • Grado di gravità attuale:
    • Lieve: BMI (Indice di Massa Corporea) maggiore o uguale a 17.
    • Moderata: BMI tra 16-16.99.
    • Grave: BMI tra 15-15.99.
    • Estremamente grave: BMI inferiore a 15.

Per diagnosticare l’anoressia nervosa, i sintomi devono essere presenti per un periodo significativo e non devono essere attribuibili a altre condizioni mediche o psichiatriche. 

Inoltre, la diagnosi tiene conto del fatto che il disturbo può manifestarsi anche in giovani adolescenti, non limitandosi esclusivamente all’età adulta.

Età di insorgenza dell’Anoressia Nervosa

L’età di insorgenza dell’anoressia nervosa può variare, ma solitamente si manifesta durante l’adolescenza o all’inizio dell’età adulta. 

  • Adolescenza: L’anoressia nervosa si manifesta più comunemente durante l’adolescenza, spesso tra i 13 e i 18 anni. Questo periodo è caratterizzato da cambiamenti fisici e psicologici significativi, come lo sviluppo del corpo e delle identità personali, che possono influenzare il rapporto con il cibo e il peso corporeo.
  • Primi Anni Adulti: Anche se l’adolescenza è il periodo più comune per l’insorgenza, l’anoressia nervosa può svilupparsi anche nei primi anni della vita adulta, fino ai 25-30 anni. Questo è il periodo in cui molti individui affrontano transizioni significative come l’università, l’ingresso nel mondo del lavoro o l’indipendenza familiare, che possono essere stressanti e contribuire al manifestarsi del disturbo.

Negli ultimi anni, si è osservato un trend preoccupante di un’età di insorgenza dell’anoressia nervosa che sta gradualmente diminuendo. 

Questo significa che sempre più casi di anoressia nervosa vengono diagnosticati tra bambini e preadolescenti, segnalando una manifestazione del disturbo a età sempre più giovani rispetto al passato. 

Questo fenomeno evidenzia la necessità di una maggiore consapevolezza, di interventi preventivi mirati e di un trattamento tempestivo per mitigare l’impatto devastante del disturbo nelle fasi cruciali dello sviluppo.

Parallelamente, è importante notare che può verificarsi anche in età adulta più avanzata.

Sebbene meno comune rispetto alla sua insorgenza giovanile, ci sono casi documentati di persone che sviluppano anoressia nervosa anche oltre i 30 anni.

Pertanto, l’anoressia nervosa è solitamente diagnosticata durante l’adolescenza o i primi anni dell’età adulta, con un’età di insorgenza che riflette una combinazione di fattori biologici, psicologici e ambientali. 

Il riconoscimento precoce dei sintomi e l’accesso tempestivo a un trattamento appropriato sono fondamentali per migliorare le prospettive di recupero e ridurre le complicazioni associate a questa grave malattia.

Diagnosi differenziale dell’Anoressia Nervosa

La diagnosi differenziale dell’anoressia nervosa è un processo importante che aiuta a escludere altre condizioni mediche o psichiatriche che potrebbero presentare sintomi simili, ma che richiedono approcci di trattamento diversi. 

In particolare va distinta da:

1. Disturbo da Alimentazione Incontrollata (BED)

Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata (Binge Eating Disorder, BED) è caratterizzato da episodi regolari di abbuffata, durante i quali la persona consuma grandi quantità di cibo in un breve periodo di tempo, provando una perdita di controllo sul proprio comportamento alimentare. A differenza dell’anoressia nervosa, le persone con BED non mostrano comportamenti di restrizione alimentare e spesso non si impegnano in comportamenti compensatori come il vomito autoindotto o l’uso di lassativi.

2. Bulimia Nervosa

La Bulimia Nervosa è caratterizzata da episodi ricorrenti di abbuffate seguiti da comportamenti compensatori inappropriati per prevenire il guadagno di peso, come il vomito autoindotto, l’uso di lassativi o l’eccessivo esercizio fisico. A differenza dell’anoressia nervosa, le persone con bulimia nervosa mantengono solitamente un peso corporeo normale o anche sovrappeso.

3. Altri Disturbi dell’Alimentazione

Esistono altri disturbi dell’alimentazione che possono presentare sintomi simili all’anoressia nervosa, come il disturbo di evitamento/restrizione dell’assunzione di cibo, il disturbo della fame selettiva o il disturbo dell’alimentazione notturna.

6. Disturbo di Dismorfismo Corporeo

Il Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è caratterizzato da una preoccupazione eccessiva riguardo a uno o più difetti immaginati o minori nell’aspetto fisico. Le persone con BDD possono concentrarsi su aspetti specifici del loro corpo eccessivamente, percependoli come sgradevoli o difettosi. Questa preoccupazione può portare a comportamenti ossessivo-compulsivi e disturbi alimentari, se la preoccupazione riguarda principalmente il peso o la forma del corpo.

7. Disturbo Borderline di Personalità (DBP)

Il Disturbo Borderline di Personalità (DBP) è caratterizzato da instabilità emotiva, impulsività, difficoltà nelle relazioni interpersonali e un senso di identità disturbato. Le persone con DBP possono manifestare comportamenti autolesionistici, inclusi disturbi dell’alimentazione come la restrizione o le abbuffate, che possono superficialmente assomigliare ai sintomi dell’anoressia nervosa.

8. Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC)

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC) si manifesta con pensieri ossessivi ricorrenti e comportamenti compulsivi ripetitivi. Nei casi in cui i temi ossessivi si concentrano sull’alimentazione, sul peso corporeo o sulla forma del corpo, può essere difficile distinguere tra DOC e anoressia nervosa. Tuttavia, mentre nel DOC i comportamenti sono guidati dalla necessità di ridurre l’ansia, nell’anoressia nervosa sono motivati dal desiderio di controllo del peso e dell’alimentazione.

9. Depressione Maggiore

La Depressione Maggiore può presentare una serie di sintomi che influenzano l’alimentazione, tra cui l’appetito alterato, cambiamenti di peso e disinteresse per l’alimentazione. Questi sintomi possono superficialmente somigliare alla restrizione alimentare dell’anoressia nervosa. Tuttavia, la depressione maggiore è caratterizzata principalmente da umore depresso persistente, perdita di interesse o piacere nelle attività quotidiane e altri sintomi cognitivi e comportamentali

10. Selettività Alimentare dovuta ad Altri Disturbi

Nei casi in cui l’anoressia nervosa non è la causa principale della selettività alimentare, è essenziale considerare altre condizioni che possono influenzare l’alimentazione, come nel caso dell’autismo o di altri disturbi dello spettro autistico. Le persone con autismo possono manifestare una selettività alimentare basata su preferenze sensoriali o una rigidità nel regime alimentare, che non è motivata da preoccupazioni legate al peso o alla forma corporea, ma piuttosto da fattori sensoriali o comportamentali.

La diagnosi differenziale dell’anoressia nervosa è essenziale per garantire un trattamento appropriato e tempestivo. 

Una valutazione completa e una comprensione approfondita dei sintomi e dei fattori contribuenti sono fondamentali per distinguere l’anoressia nervosa da altre condizioni simili e per fornire un supporto clinico adeguato ai pazienti affetti da questo disturbo complesso dell’alimentazione.

Comorbilità dell’Anoressia Nervosa

Le persone affette da anoressia nervosa spesso presentano una serie di comorbilità, cioè condizioni mediche o psichiatriche aggiuntive che coesistono con il disturbo principale.

Queste comorbilità possono influenzare sia la gravità del disturbo che il trattamento. 

Nella fattispecie:

1. Disturbi dell’Umore

  • Depressione Maggiore: La depressione è una delle comorbilità più frequenti tra le persone con anoressia nervosa. Questo disturbo dell’umore può essere sia causa che conseguenza dell’anoressia nervosa, contribuendo a un peggioramento reciproco dei sintomi. Le persone con depressione maggiore possono sperimentare umore depresso persistente, perdita di interesse nelle attività quotidiane e sentimenti di disperazione, che possono complicare ulteriormente il trattamento dell’anoressia nervosa.
  • Disturbo Bipolare: Alcuni studi indicano che il disturbo bipolare è più prevalente tra le persone con anoressia nervosa rispetto alla popolazione generale. Il disturbo bipolare è caratterizzato da oscillazioni estreme dell’umore, con episodi di depressione profonda alternati a episodi di mania o ipomania. La gestione dell’anoressia nervosa in combinazione con il disturbo bipolare richiede un trattamento complesso e integrato.

2. Disturbi d’Ansia

  • Disturbo d’Ansia Generalizzata: L’ansia e la preoccupazione costante sono comuni tra le persone con anoressia nervosa. Questo disturbo d’ansia può aumentare la gravità dei sintomi dell’anoressia e aumentare il rischio di ricadute durante il percorso di recupero.
  • Disturbo d’Ansia Sociale: Le persone con anoressia nervosa possono manifestare un’elevata ansia sociale, con una marcata paura e evitamento delle situazioni sociali. Questo può influenzare negativamente il comportamento alimentare e compromettere la qualità della vita sociale.

3. Disturbi dell’Alimentazione

  • Bulimia Nervosa: È possibile che le persone con anoressia nervosa sviluppino bulimia nervosa in risposta alla restrizione alimentare.  Nella letteratura psichiatrica e clinica, è frequente l’uso del concetto di “spettro anoressico-bulimico” per descrivere una gamma di disturbi dell’alimentazione che condividono caratteristiche simili ma che non rientrano necessariamente nei criteri specifici dell’anoressia nervosa o della bulimia nervosa definiti dal DSM-5. Questo concetto suggerisce una continuità o una sovrapposizione tra i vari disturbi dell’alimentazione, anziché considerarli come entità distinte e separate. Possiamo dire che questa espressine vede le due condizioni come poste su un continuum, con una varietà di sintomi e severità che sfidano le definizioni diagnostiche tradizionali.

4. Disturbi della Personalità

  • Disturbo Borderline di Personalità (DBP): Le persone con anoressia nervosa possono presentare un rischio più elevato di sviluppare DBP. Il DBP è caratterizzato da instabilità emotiva, impulsività, problemi di identità e relazioni interpersonali turbolente. Questi tratti di personalità possono complicare la gestione dell’anoressia nervosa e richiedere un trattamento psicoterapeutico intensivo.
  • Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC): Le caratteristiche ossessive e compulsive possono essere presenti in persone con anoressia nervosa, influenzando il comportamento alimentare e il controllo del peso. Il DOC può portare a rituali e routine rigide legati all’alimentazione, aggravando ulteriormente il disturbo.

5. Problemi Fisici e Nutrizionali

  • Osteoporosi: La mancanza di assunzione di calcio e altri nutrienti essenziali può portare a problemi di salute ossea, come l’osteoporosi, nelle persone con anoressia nervosa. La carenza nutrizionale cronica può compromettere la densità ossea e aumentare il rischio di fratture.
  • Problemi Cardiovascolari: La malnutrizione e il basso peso corporeo possono causare problemi cardiaci significativi, come bradicardia, ipotensione e disturbi del ritmo cardiaco, tra le persone con anoressia nervosa.

Le comorbilità indubbiamente rendono ancora più difficili sia la diagnosi che il trattamento.

La comprensione e il trattamento delle comorbilità associate sono fondamentali per migliorare le prospettive di recupero e il benessere complessivo delle persone affette da anoressia nervosa.

Abuso di sostanze correlato all’anoressia nervosa

L’abuso di sostanze è un problema comune tra le persone affette da anoressia nervosa.

Questa correlazione può essere compresa considerando vari fattori psicologici, comportamentali e neurobiologici che influenzano entrambi i disturbi. 

  1. Alcol

Motivazioni all’Uso: L’alcol è spesso utilizzato da individui con anoressia nervosa per diversi motivi:

  • Soppressione dell’Appetito: L’alcol può agire come soppressore dell’appetito, riducendo temporaneamente il desiderio di cibo. Questo può essere particolarmente attraente per chi desidera controllare il peso attraverso la restrizione calorica.
  • Gestione dello Stress e dell’Ansia: Molte persone con disturbi dell’alimentazione utilizzano l’alcol per alleviare lo stress e ridurre l’ansia, sintomi comuni tra coloro che soffrono di anoressia nervosa.
  • Socializzazione: L’alcol può facilitare l’interazione sociale, riducendo le inibizioni e migliorando temporaneamente l’umore e la percezione di sé stessi.

Rischi Associati: Tuttavia, l’abuso di alcol può portare a problemi di salute significativi, come danni agli organi, dipendenza e complicazioni psichiatriche. Nei casi di anoressia nervosa, dove già esiste una vulnerabilità fisica e mentale, l’uso di alcol può aumentare il rischio di malnutrizione e complicare ulteriormente la gestione clinica del disturbo.

  1. Caffeina

Utilizzo e Motivazioni: La caffeina è un altro composto frequentemente consumato da individui con anoressia nervosa per diversi scopi:

  • Soppressione dell’Appetito: Come stimolante del sistema nervoso centrale, la caffeina può ridurre temporaneamente l’appetito e aumentare il metabolismo, risultando attraente per chi cerca di limitare l’assunzione calorica.
  • Aumento dell’Energia: La caffeina può migliorare l’energia e la concentrazione, aspetti che possono essere utilizzati per compensare la mancanza di energia derivante dalla malnutrizione.
  • Effetti di Controllo e Compenso: Alcune persone con anoressia nervosa possono utilizzare la caffeina per sentirsi in controllo e per compensare la fatica cronica derivante dalla malnutrizione.

Rischi Associati: Tuttavia, l’eccessivo consumo di caffeina può portare a sintomi come ansia, irrequietezza, insonnia e palpitazioni, che possono essere particolarmente problematici per chi già combatte con l’ansia e l’instabilità emotiva associata all’anoressia nervosa.

  1. Nicotina

Utilizzo e Motivazioni: La nicotina, trovata principalmente nei prodotti del tabacco, è anche utilizzata da individui con anoressia nervosa per vari scopi:

  • Soppressione dell’Appetito: Come stimolante del sistema nervoso centrale, la nicotina può sopprimere l’appetito e aumentare il metabolismo, risultando attrattiva per chi cerca di controllare il peso.
  • Gestione dello Stress e dell’Ansia: Alcune persone possono utilizzare il fumo come mezzo per gestire lo stress e ridurre l’ansia, offrendo un sollievo temporaneo dalla tensione emotiva.
  • Compensazione e Controllo: Il gesto del fumo può offrire una sensazione di controllo e può fungere da meccanismo di compensazione per le difficoltà affrontate nel contesto dell’anoressia nervosa.

Rischi Associati: L’uso di nicotina attraverso il fumo può comportare rischi significativi per la salute polmonare, cardiovascolare e generale. L’abuso di nicotina può anche aumentare il rischio di dipendenza e complicazioni associate, rendendo difficile il recupero completo dalla malattia.

  1. Droghe Illegali

Utilizzo e Motivazioni: Anche se meno comune rispetto all’alcol, alla caffeina e alla nicotina, l’uso di droghe illegali, come la cocaina, gli stimolanti e altre sostanze psicoattive, può verificarsi tra individui con anoressia nervosa per vari motivi:

  • Soppressione dell’Appetito: Molte droghe illegali hanno effetti soppressivi dell’appetito, che possono essere visti come vantaggiosi per chi desidera controllare il peso attraverso la restrizione calorica.
  • Effetti Psicologici: Le droghe illegali possono alterare la percezione, l’umore e la capacità di controllo, influenzando negativamente il comportamento alimentare e la gestione del peso.
  • Compensazione e Controllo: L’uso di droghe illegali può offrire una temporanea sensazione di controllo e può servire da meccanismo di compensazione per le difficoltà emotive vissute da chi lotta con l’anoressia nervosa.

Rischi Associati: L’uso di droghe illegali può portare a dipendenza, danni neurologici, problemi cardiaci e altri gravi rischi per la salute. Nei casi di anoressia nervosa, dove già esiste una vulnerabilità fisica e psicologica, l’uso di queste sostanze può aumentare significativamente il rischio di complicazioni e la severità del disturbo.

L’abuso di sostanze, inclusi alcol, caffeina, nicotina e droghe illegali, tra le persone con anoressia nervosa rappresenta una complessa sfida clinica e terapeutica. 

È cruciale per i professionisti della salute mentale e del benessere comprendere e affrontare questo comportamento in modo olistico, integrandolo nel trattamento multidisciplinare del disturbo alimentare. 

Un approccio personalizzato che consideri le motivazioni individuali, i rischi per la salute e le complicazioni potenziali può migliorare significativamente l’esito clinico e il benessere complessivo dei pazienti affetti da anoressia nervosa.

Familiarità nell’Anoressia Nervosa

La familiarità ed ereditarietà nell’anoressia nervosa sono argomenti di interesse nella ricerca scientifica, poiché suggeriscono un potenziale ruolo dei fattori genetici e familiari nello sviluppo del disturbo.

Ecco un approfondimento su questo tema:

Familiarità

  1. Prevalenza Familiare: È stato osservato che l’anoressia nervosa tende ad aggregarsi nelle famiglie. Questo significa che gli individui con un parente di primo grado (come un genitore o un fratello) affetto da anoressia nervosa hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo rispetto alla popolazione generale.
  2. Studi di Familiarità: Diversi studi hanno esplorato la familiarità dell’anoressia nervosa utilizzando tecniche epidemiologiche e analisi genetiche. I risultati suggeriscono che la probabilità di sviluppare il disturbo è più elevata tra i parenti biologici di primo grado rispetto alla popolazione generale.
  3. Fattori Ambientali vs Genetici: Sebbene l’influenza genetica sia rilevante, è importante notare che i fattori ambientali, come la cultura del corpo e la pressione sociale, giocano un ruolo significativo nello sviluppo dell’anoressia nervosa. Gli individui esposti a tali fattori possono essere più vulnerabili a manifestare comportamenti disordinati legati all’alimentazione.

Ereditarietà

  1. Studi Genetici: Gli studi genetici hanno identificato diversi potenziali loci genetici coinvolti nell’anoressia nervosa. Tuttavia, la genetica del disturbo è complessa e multifattoriale, coinvolgendo molteplici geni e interazioni complesse tra fattori genetici e ambientali.
  2. Ereditabilità Stimata: L’ereditabilità dell’anoressia nervosa è stata stimata in diversi studi, con valori che variano a seconda del campione e della metodologia utilizzata. In generale, le stime dell’ereditabilità suggeriscono che i fattori genetici contribuiscono significativamente alla suscettibilità al disturbo.
  3. Trasmissione Genetica: La trasmissione genetica dell’anoressia nervosa può avvenire attraverso la combinazione di varianti genetiche che influenzano il comportamento alimentare, la regolazione del peso corporeo e la percezione del corpo. Questi fattori possono predisporre gli individui a sviluppare un disturbo dell’alimentazione quando esposti a determinati stimoli ambientali.

Considerazioni Cliniche

  • Valutazione Familiare: Nella pratica clinica, è importante esaminare la storia familiare di disturbi dell’alimentazione e altri disturbi psichiatrici tra i pazienti con sospetta anoressia nervosa. Questo può informare l’approccio diagnostico e il piano di trattamento.
  • Approccio Terapeutico: Comprendere la familiarità ed ereditarietà può influenzare la scelta delle strategie terapeutiche. Ad esempio, i pazienti con una forte componente genetica possono beneficiare di un coinvolgimento familiare nel trattamento e di una maggiore consapevolezza dei fattori di rischio ereditari.
  • Ricerca Futura: Ulteriori ricerche sono necessarie per identificare specifici geni e meccanismi biologici coinvolti nell’anoressia nervosa, al fine di sviluppare trattamenti mirati e interventi preventivi basati sull’ereditabilità e sulla genetica del disturbo.

Pertanto, la familiarità ed ereditarietà giocano un ruolo significativo nella comprensione dell’anoressia nervosa. 

A prescindere dal ruolo ereditario, quando l’anoressia nervosa si manifesta in adolescenza, è fondamentale considerare l’ambiente familiare come parte integrante dell’approccio diagnostico e terapeutico. 

L’ambiente familiare può influenzare significativamente lo sviluppo e il mantenimento dell’anoressia nervosa.

Questioni come dinamiche relazionali, modelli di comunicazione, aspettative e norme riguardo al peso e all’aspetto fisico possono giocare un ruolo critico.

Infatti, nella valutazione clinica, specialmente quando il disturbo si presenta durante l’adolescenza, è consigliato esaminare attentamente la dinamica familiare.

Questo può aiutare a identificare eventuali fattori scatenanti, stress cronici o dinamiche disfunzionali che possono contribuire alla manifestazione dell’anoressia nervosa.

Per questo, la terapia sistemico-familiare è spesso raccomandata per i pazienti adolescenti con anoressia nervosa

Fattori di rischio nell’insorgenza dell’Anoressia Nervosa

L’insorgenza dell’anoressia nervosa è influenzata da una complessa interazione di fattori biologici, psicologici, sociali e culturali. 

Questi fattori di rischio possono aumentare la vulnerabilità di un individuo allo sviluppo del disturbo.

Tra i principali troviamo:

Fattori Psicologici

  1. Distorsione della Percezione del Corpo: Una percezione distorsa del proprio corpo, spesso accompagnata da una paura intensa di ingrassare nonostante il sottopeso, è un tratto caratteristico dell’anoressia nervosa. Questa distorsione può essere influenzata da fattori psicologici come l’immagine corporea distorta e l’autovalutazione basata sul peso.
  2. Personalità e Tratti Psicologici: Alcuni tratti di personalità, come perfezionismo, tendenze ossessive, bassa autostima, ansia e depressione, sono associati a un rischio aumentato di sviluppare l’anoressia nervosa. Questi tratti possono contribuire alla vulnerabilità psicologica e alla difficoltà nel gestire lo stress e le pressioni esterne.

Fattori Individuali

  1. Età e Sesso: L’adolescenza è un periodo di vulnerabilità per lo sviluppo dell’anoressia nervosa, soprattutto nelle ragazze. Tuttavia, il disturbo può manifestarsi anche in età più giovani o in età adulta.
  2. Cambio di Vita Significativo: Eventi di vita significativi come il trasferimento in una nuova scuola, l’inizio dell’università o cambiamenti significativi nelle routine quotidiane possono aumentare lo stress e la vulnerabilità al disturbo.

Fattori Familiari

  1. Storia Familiare di Disturbi Alimentari: Oltre alla familiarità genetica, la storia familiare di disturbi dell’alimentazione, come l’anoressia nervosa o la bulimia nervosa, può aumentare il rischio di sviluppare il disturbo.
  2. Pressioni Familiari: Le aspettative elevate dai genitori o la pressione per il successo accademico o sportivo possono contribuire allo sviluppo di comportamenti alimentari disordinati.

Fattori Sociali e Culturali

  1. Pressione Sociale e Culturale: Norme culturali e sociali che enfatizzano l’importanza dell’aspetto fisico, il culto della magrezza e la promozione di ideali di bellezza irrealistici possono esercitare una forte pressione su individui vulnerabili, aumentando il rischio di sviluppare comportamenti disordinati nell’alimentazione.
  2. Esperienze di Trauma e Stress: Esperienze traumatiche, come abusi fisici, sessuali o emotivi, o eventi stressanti significativi nella vita di un individuo (come la perdita di una persona cara o il divorzio dei genitori), possono aumentare il rischio di sviluppare disturbi dell’alimentazione, inclusa l’anoressia nervosa.

Fattori Ambientali

  1. Stili Parentali e Familiari: Dinamiche familiari disfunzionali, come comunicazione distorta, conflitti non risolti, modelli di comportamento disfunzionale legati all’alimentazione o alla percezione del peso, possono influenzare negativamente lo sviluppo di un sano rapporto con il cibo e il corpo, aumentando il rischio di disturbi dell’alimentazione.
  2. Influenza dei Media e Tecnologia: L’esposizione costante a immagini idealizzate di magrezza e comportamenti alimentari estremi nei media e attraverso i social media può influenzare negativamente l’autoimmagine e il comportamento alimentare di individui vulnerabili, contribuendo all’insorgenza dell’anoressia nervosa.

Comprendere l’interplay di questi fattori di rischio è essenziale per un approccio comprensivo e mirato nella gestione dell’anoressia nervosa, promuovendo il benessere fisico e psicologico dei pazienti affetti dal disturbo.

Differenze di genere e geografiche nell’Anoressia Nervosa

Le differenze di genere e geografiche nell’anoressia nervosa rappresentano importanti sfaccettature del disturbo, influenzate da variabili culturali, sociali e biologiche.

Esaminiamo queste differenze in dettaglio:

Differenze di Genere

L’anoressia nervosa è più comunemente diagnosticata nelle donne rispetto agli uomini. Si stima che circa il 90-95% dei casi di anoressia nervosa riguardi le donne. 

Questa discrepanza può essere attribuita a pressioni culturali più elevate sulle donne riguardo all’aspetto fisico e alla magrezza.

Sebbene l’anoressia nervosa sia più comune nelle donne, ci sono evidenze che suggeriscono un aumento dei casi tra gli uomini negli ultimi anni. 

Nonostante ciò, la prevalenza è significativamente inferiore rispetto alle donne, il che può portare a una minore attenzione da parte dei professionisti sanitari.

L’anoressia nervosa negli uomini è, infatti, spesso trascurata e sottodiagnosticata, nonostante la sua rilevanza clinica e il suo impatto sulla salute mentale e fisica.

Esiste ancora un forte stigma sociale attorno ai disturbi dell’alimentazione negli uomini.

Gli stereotipi di genere che associano i disturbi dell’alimentazione principalmente alle donne possono portare a una sottovalutazione dei sintomi negli uomini e ritardi nella diagnosi e nel trattamento.

Gli uomini con anoressia nervosa possono manifestare sintomi diversi rispetto alle donne, il che può complicare ulteriormente la diagnosi.

Ad esempio, gli uomini potrebbero concentrarsi più sulla costruzione muscolare piuttosto che sulla magrezza estrema.

Differenze Geografiche

  1. Culturali e Sociali: Le norme culturali e sociali sull’alimentazione, sull’immagine corporea e sul peso possono variare significativamente tra le diverse regioni geografiche. Ciò può influenzare l’incidenza e l’espressione dei disturbi dell’alimentazione, compresa l’anoressia nervosa.
  2. Accesso alla Cura: Le differenze geografiche possono influenzare anche l’accesso ai servizi sanitari e alle risorse terapeutiche. Le aree rurali o meno sviluppate possono avere minori risorse disponibili per la diagnosi e il trattamento dell’anoressia nervosa rispetto alle aree urbane.
  3. Prevalenza: Mentre l’anoressia nervosa è comunemente associata alle culture occidentali, la sua prevalenza sta aumentando anche in altre parti del mondo a causa della globalizzazione e dell’adozione di ideali di bellezza occidentali.

Per alcuni l’anoressia, come la bulimia, sono cultural bound syndrome, vale a dire sindromi culturali; tuttavia L’affermazione che l’anoressia nervosa sia esclusivamente un fenomeno occidentale dovuto al consumismo o all’eccessiva disponibilità di risorse è un’interpretazione controversa e non completamente supportata dalla ricerca o dalla comunità scientifica

Diagnosi dell’Anoressia Nervosa: come si effettua?

La diagnosi dell’anoressia nervosa è solitamente effettuata da un’equipe di medici specializzati, come psichiatri, psicologi clinici, medici internisti. 

I passi coinvolti generalmente sono:

1. Valutazione clinica

La valutazione clinica è il primo passo cruciale nel processo diagnostico dell’anoressia nervosa.

Durante questa fase, il professionista della salute mentale o il medico raccoglie una storia dettagliata del paziente. Questo include non solo i sintomi attuali ma anche qualsiasi sintomo passato che possa essere rilevante. La storia clinica viene esaminata in modo approfondito, prendendo in considerazione il contesto familiare, sociale e culturale del paziente. Si esplora il background familiare per individuare eventuali predisposizioni genetiche o ambientali che potrebbero contribuire al disturbo. Inoltre, si indaga sulla storia del peso corporeo e dei comportamenti alimentari, incluse eventuali diete, episodi di restrizione alimentare e attività fisica eccessiva. La valutazione clinica mira a costruire un quadro completo del comportamento alimentare e dell’immagine corporea del paziente, così come delle loro abitudini di vita.

2. Criteri diagnostici

La diagnosi dell’anoressia nervosa si basa su criteri ben definiti nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5).

Per soddisfare questi criteri, devono essere presenti specifici sintomi psicologici e comportamentali. I principali criteri includono:

  • Restrizione dell’assunzione di cibo: Un’assunzione di energia significativamente inferiore rispetto al fabbisogno, che porta a un peso corporeo notevolmente basso rispetto a quello che è normale o atteso per età, sesso, traiettoria evolutiva e salute fisica.
  • Paura intensa di ingrassare: Una paura persistente di aumentare di peso o diventare grassi, anche quando il peso è significativamente basso. Questa paura può manifestarsi come un comportamento di evitamento o di restrizione alimentare estrema.
  • Distorsione dell’immagine corporea: Una percezione alterata del proprio peso o della forma del corpo, con un’influenza indebita del peso o della forma del corpo sull’autovalutazione. In alcuni casi, i pazienti possono anche non riconoscere la gravità del loro basso peso corporeo.

3. Esame fisico

L’esame fisico è essenziale per valutare le condizioni fisiche del paziente.

Durante questo esame, il medico controlla vari parametri vitali come la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la temperatura corporea. Inoltre, vengono misurati l’altezza e il peso del paziente per calcolare l’indice di massa corporea (IMC). L’esame fisico può rivelare segni di malnutrizione e complicanze fisiche associate all’anoressia nervosa, come bradicardia, ipotensione, pelle secca e perdita di capelli. Anche lo stato dei denti e delle gengive può essere esaminato, poiché il vomito indotto frequentemente può causare erosione dentale. Un esame fisico completo aiuta a valutare la gravità della condizione e a identificare eventuali problemi medici che richiedono attenzione immediata.

4. Esami di laboratorio

Gli esami di laboratorio sono utilizzati per ottenere un quadro più dettagliato dello stato di salute del paziente.

Questi esami possono includere:

  • Emocromo completo: Per valutare la presenza di anemia o altre anomalie ematologiche.
  • Test del profilo metabolico: Per controllare i livelli di elettroliti come sodio, potassio, cloro, e bicarbonato, che possono essere squilibrati a causa della malnutrizione o del vomito.
  • Funzione renale ed epatica: Per valutare il funzionamento dei reni e del fegato.
  • Test ormonali: Per controllare i livelli di ormoni tiroidei e gonadotropine, poiché l’anoressia può causare disfunzioni endocrine.
  • Test delle urine: Per rilevare disidratazione o chetoacidosi.

Questi esami aiutano a identificare le complicanze mediche associate all’anoressia nervosa e a monitorare il progresso del trattamento.

5. Valutazione psicologica

La valutazione psicologica è fondamentale per comprendere lo stato emotivo e mentale del paziente.

Viene condotta attraverso colloqui clinici approfonditi e questionari standardizzati per valutare sintomi di depressione, ansia, e altri disturbi dell’umore che possono coesistere con l’anoressia nervosa. La valutazione può includere:

  • Interviste cliniche: Colloqui dettagliati per esplorare i pensieri, le emozioni e i comportamenti del paziente riguardo al cibo, al peso e all’immagine corporea.
  • Questionari standardizzati: Strumenti come la Eating Disorder Examination (EDE) o il Beck Depression Inventory (BDI) per misurare la gravità dei sintomi del disturbo alimentare e di eventuali disturbi comorbidi.
  • Osservazione comportamentale: Valutazione del comportamento del paziente durante i pasti e in altre situazioni rilevanti.

Questa fase aiuta anche a determinare la presenza di altre condizioni psicopatologiche che potrebbero influenzare il trattamento e il recupero.

Psicoterapia dell’Anoressia Nervosa

La psicoterapia è una componente centrale nel trattamento dell’anoressia nervosa, poiché affronta le complesse dinamiche psicologiche e comportamentali alla base del disturbo.

Infatti, l’anoressia nervosa non va affrontata solo dal punto di vista nutrizionale.

I diversi approcci e i diversi orientamenti di psicoterapia hanno modalità specifiche per affrontare l’anoressia nervosa.

In particolare:

Terapia cognitivo-comportamentale dell’Anoressia Nervosa (CBT)

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è ampiamente utilizzata per trattare l’anoressia nervosa, grazie alla sua efficacia nel modificare pensieri e comportamenti disfunzionali.

La CBT si concentra su due aspetti principali:

  • Modifica dei pensieri distorti: I pazienti con anoressia nervosa spesso hanno convinzioni irrazionali riguardo al peso, al cibo e all’immagine corporea. La CBT aiuta a identificare e correggere questi pensieri distorti. Ad esempio, un paziente potrebbe avere la convinzione che un piccolo aumento di peso lo renderà inaccettabile agli altri. Il terapeuta lavora con il paziente per sfidare questa convinzione, analizzandola e sostituendola con un pensiero più realistico e sano.
  • Sviluppo di comportamenti sani: La CBT incoraggia i pazienti a sviluppare abitudini alimentari regolari e bilanciate. Tecniche come il monitoraggio alimentare, dove i pazienti tengono un diario dei loro schemi alimentari e dei pensieri associati, sono spesso utilizzate. Attraverso l’esposizione graduale, i pazienti affrontano e superano le loro paure legate al cibo e al peso. I piani di prevenzione delle ricadute aiutano i pazienti a mantenere i progressi e a riconoscere i segnali di allarme di una possibile ricaduta, implementando strategie per affrontarli.

Terapia familiare dell’Anoressia Nervosa(FT), specialmente il Modello Maudsley

La terapia familiare, in particolare il Modello Maudsley, è particolarmente efficace nei pazienti giovani con anoressia nervosa.

Questo approccio coinvolge attivamente la famiglia nel processo di trattamento con tre fasi principali:

  • Ripristino del peso: I genitori assumono il controllo temporaneo delle abitudini alimentari del figlio, lavorando per aumentare l’apporto calorico e il peso corporeo in un ambiente sicuro e supportivo. Questa fase è cruciale per stabilizzare fisicamente il paziente.
  • Restituzione del controllo alimentare: Una volta raggiunto un peso stabile, il controllo sull’alimentazione viene gradualmente restituito al paziente. Questo processo aiuta il paziente a sviluppare un senso di responsabilità e autonomia nella gestione della propria alimentazione.
  • Sviluppo dell’identità personale: Dopo aver stabilizzato il peso e le abitudini alimentari, il focus si sposta sullo sviluppo dell’autonomia e dell’identità personale del paziente. La famiglia continua a fornire supporto emotivo e pratico, mentre il paziente lavora sulla costruzione della propria identità e sull’autostima.

Terapia interpersonale dell’Anoressia Nervosa(IPT)

La terapia interpersonale (IPT) si concentra sulle relazioni interpersonali e sui problemi di vita che possono contribuire all’anoressia nervosa.

Questo approccio terapeutico mira a:

  • Migliorare le relazioni interpersonali: L’IPT aiuta i pazienti a identificare e migliorare le relazioni problematiche e le abilità sociali. Ad esempio, se un paziente ha difficoltà nei rapporti sociali che contribuiscono al suo disturbo alimentare, il terapeuta lavora per migliorare queste abilità e costruire relazioni più sane.
  • Affrontare i problemi di vita: L’IPT esplora le situazioni di vita stressanti che possono influenzare negativamente il comportamento alimentare del paziente. Identificando specifiche aree di difficoltà (come conflitti, transizioni di ruolo, o lutti), l’IPT sviluppa strategie per affrontare questi problemi e migliorare il benessere emotivo del paziente.

Terapia basata sulla consapevolezza (Mindfulness-Based Therapies)

Le terapie basate sulla consapevolezza, come la Mindfulness-Based Cognitive Therapy (MBCT), mirano a:

  1. Aumentare la consapevolezza: Questi approcci aiutano i pazienti a diventare più consapevoli dei loro pensieri, emozioni e sensazioni corporee senza giudicarli. Questo può ridurre l’impulso di impegnarsi in comportamenti disfunzionali come la restrizione alimentare o l’iperattività.
  2. Ridurre il comportamento automatico: Promuovendo una maggiore consapevolezza e accettazione delle esperienze interne, le terapie basate sulla consapevolezza aiutano i pazienti a interrompere i cicli di comportamento automatico legati all’anoressia. Tecniche come la meditazione e gli esercizi di respirazione vengono utilizzate per migliorare la consapevolezza del momento presente.

Terapia psicodinamica dell’Anoressia Nervosa

La terapia psicodinamica si concentra sull’esplorazione dei conflitti inconsci e delle dinamiche psicologiche profonde che contribuiscono all’anoressia nervosa.

Gli obiettivi principali sono:

  1. Esplorare conflitti inconsci: Utilizzando tecniche come l’analisi dei sogni e le associazioni libere, la terapia psicodinamica aiuta i pazienti a esplorare i conflitti emotivi e psicologici profondi che influenzano il loro comportamento alimentare.
  2. Comprendere le esperienze passate: La terapia psicodinamica esamina come le esperienze infantili e le relazioni passate influenzano i comportamenti attuali e le convinzioni riguardo al cibo e al corpo. Questo processo può aiutare i pazienti a comprendere meglio le radici del loro disturbo e a sviluppare nuove modalità di relazione con se stessi e gli altri.

Considerazioni finali sulla psicoterapia dell’Anoressia Nervosa

Ogni approccio psicoterapeutico offre strumenti e strategie unici per trattare l’anoressia nervosa, affrontando diverse dimensioni del disturbo. 

La scelta della terapia dipende dalle esigenze individuali del paziente, dalla gravità del disturbo e dalle risorse disponibili. 

Spesso, un approccio integrato che combina diverse tecniche terapeutiche può essere più efficace. 

La collaborazione continua tra terapeuti, nutrizionisti, medici e la famiglia è fondamentale per garantire un trattamento completo e mirato, mirando non solo alla riduzione dei sintomi ma anche a un miglioramento generale della qualità della vita del paziente.

Trattamento dell’Anoressia Nervosa Grave

Nei casi di anoressia nervosa grave, la gestione del paziente deve essere coordinata da un team multidisciplinare che comprenda medici, specialisti della nutrizione, psichiatri e psicoterapeuti.

Questo approccio integrato è essenziale per affrontare le numerose e complesse complicanze fisiche e psicologiche associate a questa condizione.

Ecco come avviene il processo di presa in carico:

1. Stabilizzazione medica

Obiettivi principali:

  • Ristabilire i valori fisiologici alterati: Nei casi gravi, la malnutrizione può causare squilibri elettrolitici, disidratazione, ipotermia, bradicardia e altre complicanze potenzialmente letali. Il primo passo è quindi stabilizzare il paziente dal punto di vista medico.

Interventi:

  • Ospedalizzazione: Nei casi più gravi, il paziente potrebbe necessitare di un ricovero ospedaliero per monitorare continuamente i segni vitali e intervenire prontamente in caso di emergenze.
  • Terapia medica: Somministrazione di fluidi intravenosi, elettroliti e altri nutrienti essenziali per correggere gli squilibri metabolici e stabilizzare le funzioni vitali.
  • Monitoraggio continuo: Controllo costante dei parametri vitali come frequenza cardiaca, pressione sanguigna e livelli di elettroliti.

2. Reintroduzione del peso

Obiettivi principali:

  • Aumentare gradualmente l’assunzione calorica: Dopo la stabilizzazione medica, l’obiettivo è incrementare il peso corporeo del paziente in modo sicuro e sostenibile.

Interventi:

  • Piano nutrizionale personalizzato: Elaborato da un dietista o un nutrizionista, questo piano prevede un aumento graduale delle calorie per evitare il rischio della sindrome da rialimentazione, una condizione pericolosa che può verificarsi quando si reintroducono calorie troppo rapidamente.
  • Monitoraggio e supporto: Controlli regolari per monitorare il progresso del peso e fare aggiustamenti al piano alimentare secondo necessità. Supporto emotivo e motivazionale per aiutare il paziente a seguire il piano nutrizionale.

3. Intervento psichiatrico

Obiettivi principali:

  • Gestire i sintomi psichiatrici: L’anoressia nervosa è spesso accompagnata da altre condizioni psichiatriche come depressione, ansia, e disturbi ossessivo-compulsivi. La gestione di questi sintomi è cruciale per il recupero del paziente.

Interventi:

  • Valutazione psichiatrica completa: Uno psichiatra valuta la salute mentale del paziente, identificando eventuali comorbilità e determinando il trattamento appropriato.
  • Farmacoterapia: Nei casi necessari, il medico può prescrivere farmaci antidepressivi, antipsicotici o ansiolitici per aiutare a gestire i sintomi psichiatrici. È importante monitorare attentamente la risposta del paziente ai farmaci e fare aggiustamenti quando necessario.

4. Psicoterapia

Obiettivi principali:

  • Affrontare le cause psicologiche dell’anoressia: Una volta che il paziente è stabilizzato fisicamente e mentalmente, la psicoterapia diventa un componente chiave del trattamento per affrontare i comportamenti e i pensieri disfunzionali legati al disturbo alimentare.

Farmacoterapia dell’Anoressia Nervosa

La farmacoterapia nell’anoressia nervosa può svolgere un ruolo di supporto nel trattamento complessivo del disturbo.

La terapia farmacologica è spesso utilizzata per trattare i sintomi psichiatrici concomitanti come depressione, ansia e disturbi ossessivo-compulsivi, che possono peggiorare l’anoressia nervosa o ostacolare il recupero. 

I farmaci maggiormente somministrati in questi casi sono:

Antidepressivi

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI)

  • Esempi: Fluoxetina, sertralina, citalopram.
  • Indicazioni: Gli SSRI sono spesso utilizzati per trattare la depressione e l’ansia che coesistono con l’anoressia nervosa. Sebbene non siano efficaci nel promuovere l’aumento di peso durante le fasi acute di anoressia, possono aiutare a mantenere i miglioramenti dell’umore e ridurre il rischio di ricaduta una volta che il peso corporeo è stato stabilizzato.
  • Meccanismo d’azione: Aumentano i livelli di serotonina nel cervello, migliorando l’umore e riducendo l’ansia.

Antidepressivi triciclici (TCA)

  • Esempi: Amitriptilina, clomipramina.
  • Indicazioni: Possono essere utilizzati in alcuni casi per trattare la depressione severa, ma sono meno comuni rispetto agli SSRI a causa dei loro effetti collaterali.
  • Meccanismo d’azione: Inibiscono la ricaptazione di norepinefrina e serotonina, migliorando l’umore ma con un profilo di effetti collaterali più complesso.

Antipsicotici

Antipsicotici atipici

  • Esempi: Olanzapina, quetiapina, risperidone.
  • Indicazioni: Questi farmaci sono talvolta utilizzati per trattare sintomi quali pensieri distorti sull’immagine corporea e comportamenti ossessivo-compulsivi. L’olanzapina, in particolare, è stata studiata per il suo potenziale di aiutare con il guadagno di peso.
  • Meccanismo d’azione: Agiscono su diversi recettori neurotrasmettitoriali, compresi quelli per la dopamina e la serotonina, aiutando a ridurre i pensieri ossessivi e migliorare l’appetito.

Ansiolitici

Benzodiazepine

  • Esempi: Lorazepam, diazepam.
  • Indicazioni: Utilizzate a breve termine per gestire l’ansia severa che può accompagnare l’anoressia nervosa, specialmente durante i pasti o le situazioni di alimentazione controllata.
  • Meccanismo d’azione: Potenziano l’effetto del neurotrasmettitore GABA, riducendo l’ansia e inducendo un effetto calmante.

Stabilizzatori dell’umore

Litio

  • Indicazioni: In alcuni casi di disturbi dell’umore concomitanti, il litio può essere utilizzato per stabilizzare l’umore, sebbene non sia una scelta comune per l’anoressia nervosa in sé.
  • Meccanismo d’azione: Modifica il trasporto degli ioni nelle cellule nervose e influenza la liberazione dei neurotrasmettitori, contribuendo alla stabilizzazione dell’umore.

Considerazioni sull’uso dei farmaci

  1. Monitoraggio continuo: È fondamentale un attento monitoraggio per gestire i potenziali effetti collaterali e per valutare l’efficacia del trattamento. I pazienti con anoressia nervosa possono essere particolarmente vulnerabili agli effetti collaterali a causa del loro stato di salute compromesso.
  2. Combinazione con terapia psicologica: La farmacoterapia deve essere sempre associata a trattamenti psicologici come la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) o altre forme di psicoterapia. Questo approccio combinato può aumentare l’efficacia complessiva del trattamento.
  3. Personalizzazione del trattamento: La scelta del farmaco deve essere personalizzata in base alle specifiche esigenze del paziente, considerando la presenza di eventuali comorbilità psichiatriche e il profilo di effetti collaterali dei farmaci.
  4. Gestione delle aspettative: È importante che i pazienti e le loro famiglie comprendano che i farmaci non sono una cura per l’anoressia nervosa, ma possono contribuire significativamente alla gestione dei sintomi psicologici e comportamentali associati.

La farmacoterapia nell’anoressia nervosa rappresenta, quindi, un supporto prezioso, soprattutto per la gestione delle comorbilità psichiatriche. 

La scelta dei farmaci deve essere effettuata con attenzione, tenendo conto delle condizioni fisiche e psicologiche del paziente e integrando sempre il trattamento farmacologico con interventi psicoterapeutici e nutrizionali per garantire un approccio terapeutico completo ed efficace.

Resistenza al trattamento nei pazienti con Anoressia Nervosa

La resistenza al trattamento è una sfida comune e complessa nella gestione dell’anoressia nervosa. 

I pazienti con anoressia nervosa spesso mostrano una forte resistenza a varie forme di trattamento a causa di una serie di fattori psicologici, biologici e sociali. 

Questa resistenza può manifestarsi in diversi modi e può ostacolare significativamente il percorso di guarigione

Fattori Psicologici

Distorsioni cognitive

  • Percezione corporea alterata: Le pazienti spesso hanno una visione distorta del proprio corpo, vedendosi sovrappeso anche quando sono gravemente sottopeso. Questa distorsione rende difficile convincerle della necessità di aumentare di peso.
  • Pensieri ossessivi: Pensieri costanti e intrusivi riguardanti il cibo, il peso e l’immagine corporea possono dominare la mente delle pazienti, alimentando la loro resistenza ai cambiamenti dietetici e terapeutici.

Paura del cambiamento

  • Ansia e paura: L’idea di aumentare di peso può provocare intense ansie e paure nelle pazienti, rendendole riluttanti a seguire piani alimentari o altre raccomandazioni terapeutiche.
  • Perdita di controllo: L’anoressia nervosa spesso funge da meccanismo di controllo per le pazienti, offrendo una sensazione di sicurezza e potere. Abbandonare questi comportamenti può sembrare una perdita di controllo e aumentare la resistenza al trattamento.

Fattori Biologici

Alterazioni neurobiologiche

  • Disfunzioni neurotrasmettitoriali: Alterazioni nei livelli di serotonina e dopamina possono influenzare l’umore, l’ansia e i comportamenti ossessivo-compulsivi, contribuendo alla resistenza al trattamento.
  • Cambiamenti cerebrali: Studi hanno mostrato che la malnutrizione prolungata può causare cambiamenti strutturali e funzionali nel cervello, che possono perpetuare i sintomi dell’anoressia e la resistenza al trattamento.

Fattori Sociali

Pressioni e influenze culturali

  • Ideali di bellezza: La pressione sociale e culturale per conformarsi a ideali di bellezza irrealistici e la glorificazione della magrezza possono rinforzare i comportamenti anoressici e la resistenza al trattamento.
  • Sostegno sociale insufficiente: La mancanza di un solido supporto da parte di famiglia e amici può contribuire alla resistenza al trattamento, poiché le pazienti possono sentirsi isolate e meno motivate a cercare aiuto.

Manifestazioni della resistenza al trattamento

Negazione della gravità del problema

  • Minimizzazione dei sintomi: Le pazienti possono minimizzare la gravità della loro condizione, rifiutando di accettare di avere un problema significativo che richiede trattamento.
  • Rifiuto del bisogno di trattamento: In alcuni casi, le pazienti possono non riconoscere la necessità di ricevere cure professionali, vedendo il trattamento come inutile o eccessivo.

Comportamenti di sabotaggio

  • Non aderenza ai piani alimentari: Le pazienti possono rifiutare di seguire le raccomandazioni nutrizionali, evitando pasti o riducendo le porzioni.
  • Mancata partecipazione alle sessioni terapeutiche: Le pazienti possono saltare appuntamenti o non partecipare attivamente alle sessioni di psicoterapia, riducendo l’efficacia del trattamento.

Impatto cognitivo e nelle performance dell’Anoressia Nervosa

L’anoressia nervosa ha un impatto significativo sulle funzioni cognitive e sulle performance lavorative, accademiche e sociali delle persone che ne soffrono. 

La malnutrizione e i comportamenti alimentari disfunzionali associati all’anoressia nervosa possono compromettere gravemente la capacità di pensare chiaramente, prendere decisioni, mantenere la concentrazione e gestire le responsabilità quotidiane. 

Impatto Cognitivo

Deficit di attenzione e concentrazione

  • Difficoltà di focalizzazione: Le persone con anoressia nervosa spesso trovano difficile mantenere l’attenzione su compiti complessi o prolungati, a causa della malnutrizione che compromette la funzione cerebrale.
  • Distrazione: Pensieri ossessivi riguardanti il cibo, il peso e l’immagine corporea possono costantemente distrarre l’individuo, rendendo difficile concentrarsi su altre attività.

Memoria compromessa

  • Problemi di memoria a breve termine: La carenza di nutrienti essenziali come le vitamine del gruppo B può influenzare negativamente la memoria di lavoro e la capacità di ricordare informazioni recenti.
  • Difficoltà con la memoria a lungo termine: La malnutrizione cronica può anche danneggiare la capacità di memorizzare e richiamare informazioni a lungo termine.

Funzioni esecutive ridotte

  • Compromissione della pianificazione e dell’organizzazione: Le funzioni esecutive, necessarie per pianificare, organizzare e completare compiti, possono essere gravemente compromesse, influenzando la capacità di gestire le attività quotidiane e le responsabilità lavorative.
  • Decision making: La capacità di prendere decisioni informate e rapide può essere alterata, rendendo difficile affrontare situazioni complesse o stressanti.

Performance Lavorative

Produttività ridotta

  • Efficienza lavorativa: La difficoltà a mantenere la concentrazione e la compromissione delle funzioni cognitive possono ridurre significativamente l’efficienza e la produttività sul lavoro.
  • Errori frequenti: I deficit cognitivi possono portare a un aumento degli errori, con potenziali conseguenze negative sulla qualità del lavoro e sulle relazioni professionali.

Assenteismo e presenzialismo

  • Assenze frequenti: Le complicazioni fisiche e mentali dell’anoressia nervosa possono portare a frequenti assenze dal lavoro, sia per motivi medici che per incapacità di affrontare le responsabilità lavorative.
  • Presenzialismo inefficace: Anche quando presenti sul posto di lavoro, le persone possono essere incapaci di svolgere le loro mansioni in modo efficace a causa della stanchezza, della debolezza e della mancanza di concentrazione.

Relazioni professionali compromesse

  • Conflitti interpersonali: La preoccupazione costante per il cibo e il peso può portare a irritabilità e isolamento, danneggiando le relazioni con colleghi e superiori.
  • Isolamento sociale: La tendenza a evitare situazioni sociali, come pranzi di lavoro o eventi aziendali, può limitare le opportunità di networking e sviluppo professionale.

Performance Accademiche

Difficoltà di apprendimento

  • Scarsi risultati accademici: La compromissione delle funzioni cognitive può influenzare negativamente la capacità di apprendere nuove informazioni, partecipare attivamente alle lezioni e completare i compiti.
  • Tempo di studio prolungato: Le difficoltà di concentrazione e memoria possono richiedere un maggiore sforzo e tempo per studiare, con un impatto sulla capacità di gestire il carico di lavoro accademico.

Partecipazione limitata

  • Assenze scolastiche: Le condizioni fisiche e mentali possono portare a frequenti assenze, compromettendo la continuità dell’apprendimento e la partecipazione alle attività scolastiche.
  • Ritiro sociale: L’isolamento e la mancanza di interazione con i compagni di classe possono limitare le opportunità di apprendimento collaborativo e di sviluppo delle abilità sociali.

Performance Sociali

Isolamento e ritiro sociale

  • Evitamento delle situazioni sociali: La preoccupazione per il cibo e l’immagine corporea può portare le persone a evitare situazioni sociali che coinvolgono il cibo, come cene con amici o eventi sociali, aumentando l’isolamento.
  • Relazioni interpersonali compromesse: La malnutrizione e l’ossessione per il controllo del peso possono rendere difficili le interazioni sociali, portando a conflitti e rotture nelle relazioni familiari e amicali.

Impatto sulla salute mentale

  • Depressione e ansia: Le condizioni psicologiche spesso coesistenti con l’anoressia nervosa, come la depressione e l’ansia, possono aggravare l’isolamento sociale e la difficoltà a mantenere relazioni sane.
  • Ridotta qualità della vita: La mancanza di supporto sociale e le relazioni compromesse possono contribuire a una ridotta qualità della vita, peggiorando ulteriormente il benessere psicologico e fisico.

L’anoressia nervosa ha un impatto devastante sulle funzioni cognitive e sulle performance lavorative, accademiche e sociali delle persone che ne soffrono. 

La combinazione di malnutrizione, distorsioni cognitive e preoccupazioni ossessive per il cibo e il peso compromette la capacità di pensare chiaramente, di interagire efficacemente con gli altri e di gestire le responsabilità quotidiane. 

Un approccio terapeutico integrato e multidisciplinare è essenziale per affrontare questi effetti e supportare il recupero globale delle persone affette da anoressia nervosa.

Qualità della vita nel paziente Anoressico

Vivere con l’anoressia nervosa comporta una serie di sfide che vanno ben oltre i problemi fisici legati alla malnutrizione.

La qualità della vita di una persona affetta da questo disturbo è profondamente influenzata da una combinazione di fattori psicologici, emotivi e sociali, che incidono su quasi tutti gli aspetti della sua esistenza quotidiana.

L’anoressia nervosa non è solo una condizione medica, ma una malattia che colpisce la mente e l’anima, influenzando profondamente il modo in cui la persona vede se stessa e il mondo che la circonda.

Routine Quotidiana e Comportamenti Alimentari

Una persona con anoressia nervosa vive spesso una routine rigida e ossessiva riguardo al cibo e all’alimentazione. La giornata può essere caratterizzata da un’attenta pianificazione dei pasti, spesso con una riduzione drastica delle quantità di cibo consumato. Questa ossessione può portare a comportamenti come il contare meticolosamente le calorie, evitare cibi percepiti come “non salutari” e impegnarsi in esercizi fisici eccessivi per bruciare le poche calorie assunte.

Isolamento Sociale

L’anoressia nervosa può portare a un significativo isolamento sociale. Le persone affette dal disturbo possono evitare situazioni sociali che coinvolgono il cibo, come cene con amici o riunioni familiari, per paura del giudizio o dell’obbligo di mangiare. Questo isolamento può estendersi oltre le attività legate al cibo, poiché la persona può sentirsi incapace di partecipare ad altre attività sociali a causa della debolezza fisica, dell’ansia o della depressione.

Relazioni Interpersonali

Le relazioni interpersonali possono essere fortemente influenzate dall’anoressia nervosa. I conflitti con la famiglia e gli amici sono comuni, soprattutto se queste persone cercano di incoraggiare la persona a mangiare o a cercare aiuto. Il disturbo può creare una barriera tra la persona e i suoi cari, poiché la malattia diventa una parte predominante della vita della persona, rendendo difficile per gli altri comprendere appieno la sua esperienza.

Salute Fisica e Benessere

La malnutrizione causata dall’anoressia nervosa ha un impatto devastante sulla salute fisica. La persona può sperimentare una serie di problemi medici, tra cui debolezza muscolare, perdita di capelli, pelle secca, problemi gastrointestinali e amenorrea (assenza del ciclo mestruale nelle donne). La condizione può anche portare a complicanze più gravi come l’osteoporosi, problemi cardiaci e, nei casi estremi, la morte.

Salute Mentale ed Emotiva

Dal punto di vista psicologico, l’anoressia nervosa è spesso accompagnata da altre condizioni mentali come depressione, ansia e disturbi ossessivo-compulsivi. Le persone possono sperimentare sentimenti di disperazione, bassa autostima e una costante insoddisfazione per il proprio corpo, indipendentemente da quanto peso abbiano perso. L’ossessione per il peso e l’immagine corporea può diventare una parte centrale della loro identità, rendendo difficile per loro vedere oltre il disturbo.

Lavoro e Attività Quotidiane

Le persone con anoressia nervosa possono trovare difficile mantenere un lavoro o gestire le attività quotidiane a causa della stanchezza cronica, della debolezza fisica e delle preoccupazioni mentali costanti. Anche le attività semplici possono sembrare insormontabili, e la persona può sentirsi sopraffatta dal dover gestire responsabilità quotidiane come il lavoro, la scuola o le faccende domestiche.

Prospettive di Recupero

Il recupero dall’anoressia nervosa è un processo lungo e complesso che richiede supporto professionale, spesso da un team multidisciplinare che comprende medici, psicologi, nutrizionisti e terapeuti. La strada verso il recupero è spesso caratterizzata da alti e bassi, e la persona può sperimentare ricadute lungo il percorso. Tuttavia, con il giusto supporto e trattamento, molte persone possono migliorare significativamente la loro qualità di vita.

La vita di una persona con anoressia nervosa è, quindi,  caratterizzata da una serie di sfide fisiche, psicologiche ed emotive che influenzano profondamente la qualità della vita. 

L’ossessione per il cibo, il peso e l’immagine corporea domina la loro esistenza, portando a isolamento sociale, conflitti interpersonali, problemi di salute e difficoltà nel gestire le attività quotidiane. 

Ma con il giusto supporto e trattamento, è possibile migliorare la qualità della vita e avviarsi verso il recupero. 

Il riconoscimento e la comprensione della complessità di questa malattia sono fondamentali per fornire il supporto necessario alle persone affette da anoressia nervosa.

Prognosi dell’Anoressia Nervosa

La prognosi dell’anoressia nervosa varia ampiamente tra individui, dipendendo da diversi fattori come la durata della malattia, la gravità dei sintomi, l’età di insorgenza e la presenza di comorbidità psichiatriche. 

In generale, l’anoressia nervosa è considerata un disturbo grave con potenziali complicazioni a lungo termine che possono influire sulla qualità della vita e sulla salute generale. 

  1. Tassi di Recupero

Recupero Completo

  • Percentuale: Circa il 50-70% delle persone con anoressia nervosa raggiunge una piena remissione dopo un trattamento adeguato e prolungato.
  • Tempi: Il recupero completo può richiedere diversi anni e coinvolge spesso il recupero del peso, la normalizzazione dei comportamenti alimentari e un miglioramento della salute mentale generale.

Recupero Parziale

  • Percentuale: Circa il 20-30% delle persone può sperimentare un recupero parziale, in cui raggiungono un peso corporeo più sano ma continuano a lottare con preoccupazioni legate al cibo e all’immagine corporea.
  • Caratteristiche: Questi individui possono ancora affrontare episodi di sintomi disfunzionali, ma in modo meno grave rispetto alla fase acuta della malattia.

Persistenza della Malattia

  • Percentuale: Circa il 10-20% delle persone con anoressia nervosa può avere una malattia cronica, con sintomi persistenti e difficoltà significative nel raggiungere un recupero sostanziale.
  • Implicazioni: Questi individui possono necessitare di un supporto continuo e possono avere una qualità di vita compromessa a lungo termine.
  1. Fattori Prognostici Positivi

Intervento Precoce

  • Benefici: Un intervento precoce, specialmente durante l’adolescenza, è associato a tassi di recupero più elevati e una migliore prognosi generale. La diagnosi e il trattamento tempestivi possono prevenire la cronicizzazione del disturbo.
  • Approcci: I trattamenti integrati che coinvolgono terapia nutrizionale, psicoterapia e supporto familiare sono particolarmente efficaci.

Supporto Sociale e Familiare

  • Importanza: Un forte supporto da parte della famiglia e degli amici può migliorare significativamente gli esiti del trattamento. Il coinvolgimento della famiglia nella terapia può facilitare il recupero e fornire un ambiente di supporto.
  • Interventi: La terapia familiare è spesso utilizzata per aiutare le famiglie a capire e supportare meglio i loro cari affetti da anoressia nervosa.

Adesione al Trattamento

  • Impatto: L’adesione costante al piano di trattamento, compresi appuntamenti regolari con terapeuti e nutrizionisti, aumenta le probabilità di un recupero completo. La motivazione intrinseca del paziente e la collaborazione con i professionisti della salute sono cruciali.
  • Strumenti: Tecniche terapeutiche come il motivational interviewing possono aiutare a migliorare l’adesione al trattamento.
  1. Fattori Prognostici Negativi

Durata della Malattia

  • Effetti: Una durata più lunga della malattia prima dell’inizio del trattamento è associata a una prognosi peggiore. La cronicizzazione dei comportamenti anoressici rende più difficile il recupero.
  • Complicazioni: La malnutrizione prolungata può causare danni irreversibili a organi vitali e funzioni corporee.

Comorbidità Psichiatriche

  • Complessità: La presenza di altre condizioni psichiatriche come depressione, ansia, disturbi ossessivo-compulsivi o abuso di sostanze può complicare il trattamento e peggiorare la prognosi.
  • Interventi: È essenziale un trattamento integrato che affronti contemporaneamente l’anoressia nervosa e le comorbidità per migliorare gli esiti.

Isolamento Sociale

  • Impatto: L’isolamento sociale e la mancanza di un sistema di supporto robusto possono aggravare i sintomi e ridurre le possibilità di recupero.
  • Soluzioni: La costruzione di reti di supporto attraverso gruppi di terapia o comunità di supporto può aiutare a mitigare questo fattore.

La prognosi dell’anoressia nervosa è, quindi, molto complessa e varia ampiamente tra individui. 

Mentre molti possono raggiungere un recupero completo o parziale con il giusto supporto e trattamento, altri possono affrontare una malattia cronica con complicazioni significative. 

Gli interventi precoci, un forte supporto sociale e familiare, e l’adesione al trattamento sono fattori cruciali che possono migliorare la prognosi.

Ad ogni modo la presenza di comorbidità psichiatriche, l’isolamento sociale e una durata prolungata della malattia possono complicare il percorso di recupero. 

Un approccio integrato e multidisciplinare è essenziale per migliorare gli esiti a lungo termine e supportare il benessere complessivo delle persone affette da anoressia nervosa.

Mortalità nell’Anoressia Nervosa

L’anoressia nervosa è uno dei disturbi psichiatrici con il più alto tasso di mortalità, dovuto a una combinazione di complicazioni fisiche e psicologiche. 

La mortalità associata all’anoressia nervosa può derivare sia da problemi fisici legati alla malnutrizione e alle sue conseguenze, sia da suicidio, che è un rischio significativo per le persone affette da questo disturbo. 

Le cause principali sono:

  1. Complicazioni Fisiche

Malnutrizione

  • Carenza di nutrienti essenziali: La malnutrizione cronica causata dall’anoressia nervosa comporta una grave carenza di vitamine, minerali, proteine e altri nutrienti essenziali. Questa condizione può portare a una vasta gamma di complicazioni mediche che possono risultare fatali.
  • Perdita di massa muscolare: La deplezione proteica e la perdita di massa muscolare, compresa quella del muscolo cardiaco, possono compromettere la funzione degli organi vitali e aumentare il rischio di insufficienza cardiaca.

Complicazioni Cardiovascolari

  • Bradicardia: La frequenza cardiaca estremamente bassa (bradicardia) è comune nelle persone con anoressia nervosa a causa della malnutrizione. Questo può portare a svenimenti, debolezza e, nei casi gravi, a insufficienza cardiaca.
  • Aritmie: Gli squilibri elettrolitici, in particolare i livelli di potassio, calcio e magnesio, possono causare aritmie pericolose, che possono essere fatali se non trattate tempestivamente.
  • Insufficienza cardiaca congestizia: La malnutrizione prolungata può portare all’indebolimento del cuore e alla riduzione della sua capacità di pompare sangue efficacemente, aumentando il rischio di insufficienza cardiaca congestizia.

Complicazioni Gastrointestinali

  • Gastroparesi: La riduzione della motilità gastrointestinale, nota come gastroparesi, è comune nelle persone con anoressia nervosa. Questa condizione può causare nausea, vomito e una sensazione di pienezza dopo aver mangiato piccole quantità di cibo.
  • Costipazione: La costipazione cronica è un problema frequente a causa della ridotta assunzione di cibo e liquidi, nonché della debolezza muscolare intestinale. Questo può portare a complicazioni come l’ostruzione intestinale.

Complicazioni Renali

  • Insufficienza renale: La disidratazione e gli squilibri elettrolitici possono danneggiare i reni, portando all’insufficienza renale. Questa condizione può essere acuta o cronica e richiede spesso un intervento medico urgente.

Complicazioni Metaboliche

  • Sindrome da rialimentazione: Quando le persone con anoressia nervosa iniziano a riprendere a mangiare dopo un periodo di malnutrizione severa, possono sviluppare la sindrome da rialimentazione, caratterizzata da squilibri elettrolitici potenzialmente fatali. Questo può portare a insufficienza cardiaca, insufficienza respiratoria e morte se non gestito correttamente.
  1. Suicidio

Rischio Psicologico

  • Comorbidità psichiatriche: L’anoressia nervosa è spesso associata ad altre condizioni psichiatriche come la depressione, l’ansia e i disturbi ossessivo-compulsivi. Queste comorbidità aumentano il rischio di pensieri suicidari e comportamenti autolesionisti.
  • Disperazione e isolamento: Le persone con anoressia nervosa possono sperimentare sentimenti intensi di disperazione, bassa autostima e un senso di isolamento sociale. La mancanza di speranza per il futuro può contribuire a pensieri suicidari.

Impulsività e controllo

  • Impulsività aumentata: In alcune persone, la malnutrizione può alterare la regolazione emotiva e aumentare l’impulsività, rendendo più probabili i comportamenti suicidari impulsivi.
  • Necessità di controllo: L’anoressia nervosa è spesso caratterizzata da un desiderio ossessivo di controllo, non solo sul peso e sull’alimentazione, ma anche sulla vita stessa. In casi estremi, questa necessità di controllo può estendersi alla decisione di porre fine alla propria vita.

Precedenti tentativi di suicidio

  • Fattore di rischio: I precedenti tentativi di suicidio sono un forte indicatore del rischio futuro. Le persone con anoressia nervosa che hanno già tentato il suicidio hanno un rischio significativamente maggiore di riuscirci in futuro.

La mortalità nell’anoressia nervosa è, pertanto, un problema complesso e multifattoriale che richiede un approccio integrato e attento. 

Le complicazioni fisiche legate alla malnutrizione, come i problemi cardiovascolari, gastrointestinali e renali, sono cause comuni di morte. 

Parallelamente, il rischio di suicidio è significativamente elevato a causa delle comorbidità psichiatriche, della disperazione e dell’isolamento sociale. 

Malattie organiche correlate all’anoressia nervosa

L’anoressia nervosa è un disturbo che può causare una serie di complicazioni e malattie organiche, principalmente a causa della malnutrizione severa e prolungata che caratterizza il disturbo.

Queste malattie organiche possono avere conseguenze significative sulla salute fisica e possono essere sia acute che croniche.

Ecco un approfondimento sulle principali malattie organiche correlate all’anoressia nervosa:

  1. Problemi Cardiovascolari

La malnutrizione associata all’anoressia nervosa può causare diversi problemi cardiovascolari, tra cui:

  • Bradicardia: Riduzione della frequenza cardiaca a riposo, che può portare a svenimenti e vertigini.
  • Aritmie cardiache: Alterazioni del ritmo cardiaco che possono essere pericolose, specialmente in condizioni di stress fisico come il rialimentamento dopo un periodo di grave malnutrizione.
  • Ipotensione ortostatica: Bassa pressione sanguigna che si manifesta quando ci si alza in piedi improvvisamente, causando capogiri o svenimenti.
  1. Problemi Gastrointestinali
  • Gastroparesi: Ritardo o parziale paralisi dello stomaco, che provoca difficoltà nella digestione e può portare a nausea, vomito e gonfiore.
  • Costipazione cronica: Riduzione della motilità intestinale a causa della scarsa assunzione di cibo e del ridotto volume di feci, che può causare problemi di evacuazione e, in casi estremi, ostruzione intestinale.
  1.  Problemi Ossei
  • Osteopenia e osteoporosi: Riduzione della densità minerale ossea dovuta alla carenza di calcio, vitamina D e altri nutrienti essenziali. Questo aumenta il rischio di fratture e danni ossei irreversibili.
  1. Problemi Endocrini
  • Amenorrea: Assenza di mestruazioni nelle donne, causata dalla ridotta produzione di ormoni sessuali a causa della malnutrizione.
  • Disfunzione tiroidea: Alterazioni nella produzione degli ormoni tiroidei che influenzano il metabolismo e il controllo del peso corporeo.
  1. Problemi Renali
  • Insufficienza renale: I reni possono essere danneggiati a causa della disidratazione cronica e degli squilibri elettrolitici derivanti dalla malnutrizione.
  1. Problemi Dermatologici
  • Secchezza della pelle e dei capelli: Ridotta produzione di oli naturali della pelle e dei capelli a causa della carenza di nutrienti.
  • Lanugo: Crescita di peli sottili sul corpo in risposta alla malnutrizione, un tentativo del corpo di mantenere il calore corporeo.
  1. Problemi Neurologici
  • Neuropatie periferiche: Danni ai nervi che possono causare formicolio, intorpidimento o debolezza nelle estremità.
  • Difficoltà cognitive: Problemi di memoria, concentrazione e pensiero causati dalla carenza di nutrienti essenziali per il funzionamento cerebrale.
  1. Problemi odontoiatrici
  • Erosione dello Smalto Dentale: Il vomito frequente espone i denti all’acido dello stomaco, che è altamente corrosivo. Questo acido può erodere lo smalto protettivo dei denti, rendendoli più vulnerabili a carie, sensibilità dentale e deterioramento generale della struttura dentale.
  • Carie Dentarie: La riduzione dello smalto rende i denti più suscettibili alla formazione di carie. La continua esposizione agli acidi durante il vomito può provocare una demineralizzazione accelerata, creando un ambiente favorevole per la proliferazione batterica e la carie dentaria.
  • Sensibilità Dentale: L’erosione dello smalto può causare sensibilità dentale, rendendo i denti più sensibili al caldo, al freddo e agli alimenti dolci o acidi. Questa sensibilità può essere dolorosa e compromettere il comfort durante l’alimentazione.
  • Gengivite e parodontite: L’irritazione costante delle gengive e dei tessuti molli della bocca può portare a infiammazioni croniche, gengivite e parodontite, che possono causare danni ai tessuti di supporto dei denti e perdita dei denti stessi.

ADHD e Anoressia nervosa

Le aree di associazione tra ADHD e disturbi alimentari, tra cui l’anoressia nervosa, è oggetto di interesse clinico particolare.

È stata riscontrata un’alta comorbilità tra ADHD e disturbi alimentari, inclusa l’anoressia nervosa.

Questo suggerisce che le persone con ADHD possono essere a rischio maggiore di sviluppare un disturbo alimentare, probabilmente a causa di vulnerabilità condivise legate a disfunzioni neurobiologiche e fattori di rischio psicosociali.

Entrambi i disturbi possono manifestarsi con difficoltà nel controllo degli impulsi. Nel caso dell’ADHD, l’impulsività può influenzare le scelte alimentari e i comportamenti alimentari disfunzionali. 

Nell’anoressia nervosa, la restrizione alimentare severa può essere vista come un tentativo estremo di controllo, che può essere influenzato da difficoltà nel regolare gli impulsi.

Sia l’ADHD che l’anoressia nervosa possono implicare difficoltà nell’autoregolazione emotiva e comportamentale. 

Le persone con ADHD possono avere difficoltà nel mantenere l’attenzione e il controllo degli impulsi, mentre nell’anoressia nervosa, il controllo estremo dell’alimentazione può essere utilizzato per regolare le emozioni negative o percepiti sentimenti di inadeguatezza.

4.8 su 5 sulla base di 261 recensioni

jp
jp
2023-11-14
Leggi Tutto
Sono estremamente soddisfatto dell'esperienza con GAM MEDICAL. Il loro impegno nella diagnosi e cura dell'ADHD è evidente attraverso un supporto impeccabile. Il personale è altamente disponibile e professionale, offrendo un servizio che va al di là delle aspettative. Consiglio vivamente GAM MEDICAL a chiunque cerchi un approccio attento e specializzato per affrontare l'ADHD in Italia.
Moira Cristini
Moira Cristini
2023-11-13
Leggi Tutto
Una porta aperta ed un metaforico divano comodo dove potersi finalmente aprire e capire fino ad arrivare alle risposte. Il percorso è stato veloce e semplice da prenotare, semplice da utilizzare e il dott. Preziosi che mi ha seguita ha saputo sempre accompagnarmi in un percorso che comunque può essere impegnativo. Avere una diagnosi finalmente apre e spiega tanti aspetti di me che per una vita non capivo o addirittura stigmatizzavo. Ora il percorso davanti a me ha una nuova e diversa consapevolezza. Grazie
Rossella Muro
Rossella Muro
2023-11-13
Leggi Tutto
Mi hanno consigliato la GAM Medical e mi sono trovata molto bene. Sono ancora in attesa di un'eventuale diagnosi ma, a prescindere da ciò, consiglio questo percorso a tutti. Grande professionalità e disponibilità dall'inizio alla fine.
Elisa Sanna
Elisa Sanna
2023-11-12
Leggi Tutto
Ottima esperienza. Oltre il percorso di diagnosi, mi trovo benissimo anche con la Psicoeducazione, c'è la possibilità di scegliere tra un percorso individuale o di gruppo.
Stefania Taranu
Stefania Taranu
2023-11-11
Leggi Tutto
Esperienza decisamente positiva! Ho scoperto l'esistenza della clinica grazie ad un Tik Tok (i social network possono essere molto utili, non neghiamolo). Offrono la possibilità di effettuare un test di screening gratuito che già può dare delle indicazioni o meno se proseguire con le sedute di diagnosi. I vari step sono stati chiariti fin da subito e sono stata acconpagnata passo passo fino alla diagnosi e alla scoperta di se stessi. Inoltre la segreteria è super disponibile e sono gentilissimi. Lo rifarei? Si Grazie ♡
Federica Cantrigliani
Federica Cantrigliani
2023-09-16
Leggi Tutto
La mia esperienza in GAM è stata positiva. Lo staff è gentile, accogliente e molto preparato. Consigliato a chi cerca un supporto sulle tematiche ADHD!
Michaela Buono
Michaela Buono
2023-09-15
Leggi Tutto
Esperienza molto positiva, ho trovato una Dottoressa disponibile, chiara, paziente e pronta a rispondere a tutte le mie domande ed eventuali dubbi e chiarimenti riguardo ADHD. Consiglio la clinica on line. Tra l'altro molto comoda perchè ovunque tu sia, hai il supporto necessario.
Chimy
Chimy
2023-09-16
Leggi Tutto
Sono convinta che la perfezione non esista, ma la GAM medical c’è vicina. Ero estremamente in difficoltà nel trovare una clinica affidabile in grado di fare una diagnosi di ADHD, in Italia sembra impossibile, ma loro sono stati davvero efficienti, disponibili e sempre pronti a rispondere ai miei dubbi tramite messaggi e telefono. Devo cominciare il mio percorso con loro post-diagnosi, ma sono sicura che mi troverò bene☺️
Antonio De Luca
Antonio De Luca
2023-08-10
Leggi Tutto
Una vita intera nella quale ho provato in tutti i modi a comprendere precisamente cosa non andasse in me. Appena compreso che i miei sintomi fossero vicini all'adhd nessuno mi ha aperto le porte, i privati e i pubblici si sono tirati tutti indietro perché nessuno voleva prendersi la responsabilità di diagnosticare tale deficit ad un adulto. Poi ho scoperto questa realtà, fatta da professionisti e da persone serie nonché sempre disponibili a rispondere ad ogni mio quesito. Qualcosa che senza di loro sarebbe stato impossibile.
Stela Lamaj
Stela Lamaj
2023-08-09
Leggi Tutto
Ottima esperienza, professionisti preparati ed empatici.
Mara Velati
Mara Velati
2023-08-09
Leggi Tutto
La mia salvezza dopo 9 mesi di diagnosi a metà. La dottoressa Clementi, che mi ha seguita, è precisa e anche molto dolce. Consigliato ❤️
jerrydelmonte
jerrydelmonte
2023-07-20
Leggi Tutto
Mi sono trovata molto bene, cortesia e professionalità da parte di tutti i membri dello staff. Unico appunto i tempi sono un po’ lunghi per la valutazione.
Beatrice Loi
Beatrice Loi
2023-07-15
Leggi Tutto
Professionali, precisi, chiari. Clinica assolutamente raccomandata! ✅
Eduardo Guerra
Eduardo Guerra
2023-05-26
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso di psicoeducazione di grupo per ADHD online e per me è stato di molto aiuto. Il corso mi ha fatto capire meglio come gestire i sintomi e essere accorto di alcune cose che non avevo percepito prima.
Mariagrazia Picardi
Mariagrazia Picardi
2023-06-20
Leggi Tutto
Grazie alla Gam Medical finalmente abbiamo messo fine ad un percorso tortuoso, lungo e poco convincente e ne abbiamo cominciato uno fatto di ascolto, accoglienza e competenza. Proseguiremo con loro il percorso proposto.
Cristiana Nasi
Cristiana Nasi
2023-05-18
Leggi Tutto
Esperienza superpositiva su tutti i fronti. Gam medical eccelle nell organizzazione, precisione e nella velocità a dare gli appuntamenti. Mia figlia ha fatto la diagnosi con Gam medical ed è molto soddisfatta per la competenza dello staff medico e non. Davvero professionali . La dottoressa Vargiu ha seguito mia figlia nel suo percorso verso la diagnosi in modo esemplare e molto accogliente. Gam medical colma il vuoto che inevitabilmente si incontra in Italia per avere una diagnosi adhd . Un' ancora su cui contare e un punto di riferimento davvero importante per chi ha l adhd. Ultima cosa ma non di scarsa importanza , costi contenuti e sostenibili. Non potrei essere più soddisfatta. Grazie davvero.
Chiara Totaro
Chiara Totaro
2023-05-10
Leggi Tutto
Ho intrapreso il mio percorso diagnostico con la Clinica GAM, non potevo fare scelta migliore, disponibili per ogni necessità o chiarimento, ottima organizzazione, psicologi molto preparati! Contenta di continuare con loro il mio percorso dopo la diagnosi!
Lorenza Barbalucca
Lorenza Barbalucca
2023-05-07
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso diagnostico con la dottoressa Gozzi che ha saputo mettermi subito a mio agio. È stato affrontato tutto con serietà e delicatezza e per la prima volta ho sentito di essermi rivolta alle persone giuste. Il personale è disponibile e cordiale
Precedente
Successivo

Specialisti nella diagnosi ADHD

Il Centro ADHD GAM Medical si distingue per la sua specializzazione nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione dell’ADHD (Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività), offrendo terapie personalizzate e di alta qualità.