Indice dei contenuti

Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione

I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione sono una categoria di disturbi psichiatrici che coinvolgono comportamenti anormali legati all’alimentazione e alla percezione del peso corporeo.

Questi disturbi includono l’anoressia nervosa, la bulimia nervosa, il disturbo da binge eating, il disturbo alimentare incontrollato, la disfunzione dell’immagine corporea e altri.

L’anoressia nervosa si caratterizza da una restrizione persistente dell’assunzione alimentare, una paura intensa di aumentare di peso o diventare grassi, una percezione distorta del peso o della forma del corpo e una preoccupazione eccessiva per l’immagine corporea.

La bulimia nervosa implica episodi ricorrenti di abbuffate alimentari seguiti da comportamenti compensatori, come il vomito autoindotto o l’uso eccessivo di lassativi, diuretici o digiuno.

Il trattamento per i disturbi della nutrizione e dell’alimentazione può includere la terapia cognitivo-comportamentale (CBT), la terapia familiare, la terapia nutrizionale, il supporto terapeutico e il monitoraggio medico.

La terapia mira a promuovere un rapporto sano con il cibo, a migliorare l’immagine corporea e a trattare i disturbi emotivi sottostanti.

Il supporto familiare e il coinvolgimento di un team multidisciplinare sono spesso cruciali per il successo del trattamento.

La diagnosi precoce e l’intervento tempestivo sono fondamentali per prevenire le complicazioni a lungo termine e migliorare il benessere complessivo.


Tra i disturbi di questa Categoria Diagnostica riscontriamo:


I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione sono un gruppo di condizioni caratterizzate da comportamenti alimentari anomali che influenzano negativamente la salute fisica e/o il funzionamento psicologico e sociale. 

All’interno del DSM-5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, Quinta Edizione), questi disturbi comprendono diverse diagnosi specifiche e molto eterogenee tra loro.

Questa diversità è evidente in vari aspetti, come i sintomi, le cause, l’età di insorgenza e l’impatto sulla salute fisica e mentale.

In particolare: 

1. Anoressia Nervosa (AN): L’anoressia nervosa è caratterizzata da una restrizione dell’assunzione di energia rispetto al fabbisogno, che porta a un peso corporeo significativamente basso. Le persone con anoressia hanno una paura intensa di ingrassare o di diventare obese e spesso hanno un’immagine distorta del proprio corpo. Ci sono due sottotipi:

  • Restrictive Type: dove la perdita di peso è ottenuta principalmente attraverso la dieta, il digiuno o l’attività fisica eccessiva.
  • Binge-Eating/Purging Type: dove la persona si impegna in abbuffate o comportamenti di eliminazione (vomito autoindotto, uso improprio di lassativi, diuretici o clisteri).

2. Bulimia Nervosa (BN): La bulimia nervosa è caratterizzata da episodi ricorrenti di abbuffate seguiti da comportamenti compensatori inappropriati per prevenire l’aumento di peso, come vomito autoindotto, uso improprio di lassativi, diuretici o clisteri, digiuno o esercizio fisico eccessivo. Le abbuffate e i comportamenti compensatori si verificano almeno una volta alla settimana per tre mesi. Le persone con bulimia hanno una preoccupazione eccessiva per il peso e la forma del corpo.

3. Disturbo da Binge-Eating (BED): Il disturbo da binge-eating è caratterizzato da episodi ricorrenti di abbuffate senza l’uso regolare di comportamenti compensatori inappropriati come nel caso della bulimia nervosa. Gli episodi di abbuffate sono associati a tre (o più) dei seguenti:

  • Mangiare molto più rapidamente del normale;
  • Mangiare fino a sentirsi spiacevolmente pieni;
  • Mangiare grandi quantità di cibo quando non ci si sente fisicamente affamati;
  • Mangiare da soli a causa dell’imbarazzo per quanto si sta mangiando;
  • Sentirsi disgustati verso se stessi, depressi o molto in colpa dopo l’abbuffata. 

Questi episodi si verificano almeno una volta alla settimana per tre mesi.

4. Disturbo Evitante/Restrittivo dell’Assunzione di Cibo (ARFID): Questo disturbo si manifesta con una mancanza di interesse per il cibo o per il mangiare, o un’evitamento basato sulle caratteristiche sensoriali del cibo, o una preoccupazione per le conseguenze avverse del mangiare, che porta a un apporto nutrizionale insufficiente e a problemi significativi come perdita di peso, deficit nutrizionali, dipendenza da integratori alimentari o interferenza significativa con il funzionamento psicosociale.

5. Pica: Pica è caratterizzato dal consumo persistente di sostanze non nutritive e non alimentari per un periodo di almeno un mese. Questo comportamento non è appropriato rispetto al livello di sviluppo dell’individuo e non fa parte di pratiche culturalmente sancite o socialmente normative.

6. Disturbo di Ruminazione: Il disturbo di ruminazione comporta la ripetuta rigurgitazione del cibo, che può essere rimasticato, rimandato o risputato. Questo comportamento si verifica per almeno un mese e non è dovuto a una condizione medica associata. Non si verifica esclusivamente durante il corso di altri disturbi dell’alimentazione, come l’anoressia nervosa, la bulimia nervosa o il disturbo da binge-eating.

7. Disturbo dell’Alimentazione Notturna (NES): Il disturbo dell’alimentazione notturna è caratterizzato da episodi ricorrenti di mangiare durante la notte, o dopo il risveglio dal sonno, o da un eccessivo consumo di cibo dopo il pasto serale. Questo comportamento causa distress o compromissione del funzionamento.

Caratteristiche in comune dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione

I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione, nonostante la loro eterogeneità, condividono alcune caratteristiche comuni che li definiscono come un gruppo specifico di condizioni cliniche.

Questi tratti comuni includono aspetti psicologici, comportamentali e fisici che influenzano profondamente la salute e il benessere degli individui affetti.

  1. Preoccupazione per il Cibo, il Peso e l’Immagine Corporea: La maggior parte dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione comporta una preoccupazione eccessiva e persistente per il cibo, il peso e la forma del corpo. Anche se questa preoccupazione può manifestarsi in modi diversi (ad esempio, restrizione calorica nell’anoressia nervosa o abbuffate e purghe nella bulimia nervosa), essa è un elemento centrale.
  2. Comportamenti Alimentari Anormali: Questi disturbi sono caratterizzati da comportamenti alimentari che deviano significativamente dalla norma e che possono includere:
  • Restrizione estrema del cibo (anoressia nervosa)
  • Episodi di abbuffate (bulimia nervosa, disturbo da binge-eating)
  • Comportamenti di compensazione (bulimia nervosa, anoressia nervosa di tipo binge-eating/purging)
  • Evitamento di certi cibi (ARFID)
  • Consumo di sostanze non nutritive (pica)
  1. Impatto sulla Salute Fisica: I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione comportano spesso gravi conseguenze fisiche. Questi possono includere:
  • Malnutrizione e carenze vitaminiche
  • Problemi gastrointestinali
  • Complicazioni cardiache
  • Problemi endocrini, come amenorrea
  • Osteoporosi
  1. Impatto Psicologico e Comportamentale: Questi disturbi sono associati a significativi problemi psicologici, tra cui:
  • Disturbi dell’umore: Depressione e ansia sono comuni.
  • Disturbi dell’autostima: Spesso collegati alla percezione del peso e della forma del corpo.
  • Comportamenti compulsivi e ossessivi: Ad esempio, il bisogno di controllare l’assunzione di cibo o di pesarsi frequentemente.
  • Isolamento sociale: I comportamenti alimentari anormali possono portare a evitare situazioni sociali.
  1. Ciclo di Autoperpetuazione: Molti di questi disturbi presentano cicli di comportamento che si autoperpetuano. Ad esempio:
  • Nell’anoressia nervosa, la restrizione alimentare estrema può portare a una sensazione di controllo e soddisfazione, rafforzando ulteriormente il comportamento restrittivo.
  • Nella bulimia nervosa, le abbuffate possono essere seguite da sensi di colpa e vergogna, portando a comportamenti di compensazione che perpetuano il ciclo.
  1. Comorbilità con Altri Disturbi Mentali: I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione spesso coesistono con altri disturbi mentali, quali:

Pertanto, nonostante la varietà di manifestazioni cliniche, i disturbi della nutrizione e dell’alimentazione condividono tratti comuni che li definiscono come una categoria diagnostica specifica. 

Questi tratti includono una preoccupazione eccessiva per il cibo e il peso, comportamenti alimentari anormali, gravi conseguenze fisiche e psicologiche, cicli di comportamento autoperpetuanti e una frequente comorbilità con altri disturbi mentali. 

La comprensione di queste caratteristiche comuni è fondamentale per la diagnosi, il trattamento e la gestione efficaci di questi disturbi.

Prevalenza e variabili nell’insorgenza dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione 

I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione rappresentano una sfida significativa per la salute pubblica a livello globale.

 Comprendere la prevalenza e le variabili che influenzano l’insorgenza di questi disturbi è cruciale per sviluppare interventi mirati e strategie di prevenzione. 

Prevalenza nella Popolazione Generale dei Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione

I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione sono relativamente comuni, con una prevalenza stimata che varia a seconda del disturbo specifico:

  • Anoressia Nervosa: Circa lo 0.5-1% della popolazione generale.
  • Bulimia Nervosa: Circa l’1-2% della popolazione generale.
  • Disturbo da Binge-Eating: Circa il 2-3.5% della popolazione generale.

Questi numeri indicano che milioni di persone in tutto il mondo sono affette da questi disturbi, con conseguenze significative per la loro salute fisica e mentale.

Variabili nell’Insorgenza dei Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione

  1. Età
  • Adolescenza e Prima Età Adulta: L’insorgenza dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione è più comune durante l’adolescenza e la prima età adulta. L’anoressia nervosa spesso inizia tra i 14 e i 18 anni, mentre la bulimia nervosa tende a comparire leggermente più tardi, tra i 16 e i 19 anni. Il disturbo da binge-eating può iniziare nell’adolescenza, ma è più comune che emerga nella prima età adulta.
  • Infanzia: Disturbi come il pica e il disturbo evitante/restrittivo dell’assunzione di cibo (ARFID) sono più comuni nei bambini, anche se possono persistere o insorgere in età adulta.
  • Età Adulta e Avanzata: Anche se meno comuni, i disturbi della nutrizione e dell’alimentazione possono insorgere o persistere nell’età adulta e avanzata. Questi casi spesso sono correlati a traumi, stress cronico o malattie croniche.
  1. Genere
  • Femmina: I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione sono più prevalenti tra le femmine. L’anoressia nervosa e la bulimia nervosa sono circa 10 volte più comuni nelle donne rispetto agli uomini. Questa disparità è spesso attribuita a fattori socioculturali che esercitano una maggiore pressione sulle donne riguardo al peso e all’aspetto fisico.
  • Maschio: Sebbene meno comuni, i disturbi della nutrizione e dell’alimentazione negli uomini sono significativi e spesso sottodiagnosticati. Il disturbo da binge-eating è più equilibrato tra i sessi rispetto ad altri disturbi, con un rapporto femmine-maschi di circa 3:2.
  1. Occupazione
  • Professioni ad Alto Rischio: Alcune professioni sono associate a un rischio più elevato di sviluppare disturbi della nutrizione e dell’alimentazione. Questi includono:
    • Modelle/i e attori: Dove la pressione per mantenere un certo aspetto fisico è elevata.
    • Atleti: Specialmente in sport che enfatizzano il peso e l’estetica, come la ginnastica, la danza, il pattinaggio artistico, il wrestling e le corse di resistenza.
    • Professionisti della moda e dello spettacolo: Dove l’immagine corporea è centrale per il successo professionale.

Queste sono naturalmente professioni ad alto rischio, ma le persone che soffrono di disturbi alimentari non fanno necessariamente parte di queste ambiti nè tutti coloro che fanno parte di questi ambiti, presentano tali disturbi.

  1. Area Geografica
  • Paesi Occidentali: I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione sono più comuni nei paesi occidentali, come gli Stati Uniti, il Canada, l’Europa e l’Australia. La prevalenza è influenzata da ideali di bellezza che promuovono la magrezza e da un’abbondanza di cibo.
  • Paesi in Via di Sviluppo: Anche se meno prevalenti rispetto ai paesi occidentali, i disturbi della nutrizione e dell’alimentazione stanno emergendo anche in paesi in via di sviluppo, spesso in parallelo alla crescita economica e all’occidentalizzazione della cultura.
  • Differenze Regionali: All’interno dei paesi, possono esistere differenze regionali significative. Ad esempio, nelle aree urbane, dove la pressione sociale per conformarsi a certi ideali di bellezza è maggiore, la prevalenza può essere più alta rispetto alle aree rurali.

Anoressia e Bulimia come Sindromi Culturali

La letteratura scientifica e clinica ha spesso descritto l’anoressia nervosa e la bulimia nervosa come “sindromi culturali”. 

Questo termine sottolinea il ruolo significativo che i fattori socioculturali giocano nell’insorgenza e nella perpetuazione di questi disturbi. 

La comprensione di anoressia e bulimia come sindromi culturali implica riconoscere come i contesti culturali e sociali influenzino la percezione del corpo, le pratiche alimentari e i comportamenti relativi alla salute.

  1. Ideali di Bellezza
  • Magrezza: La cultura occidentale, in particolare, esalta la magrezza come ideale di bellezza femminile. Modelli, attrici e celebrità che incarnano questo ideale influenzano profondamente le giovani donne, creando una pressione intensa per conformarsi a questi standard spesso irrealistici.
  • Media e Pubblicità: La rappresentazione dei corpi nei media e nella pubblicità promuove spesso un’immagine corporea non raggiungibile per la maggior parte delle persone. Le immagini ritoccate e l’uso di modelli estremamente magri contribuiscono alla diffusione di ideali di bellezza irrealistici.
  1. Pressioni Sociali
  • Conformità Sociale: La pressione per conformarsi agli standard di bellezza può portare le persone a comportamenti alimentari disordinati nel tentativo di raggiungere o mantenere un peso corporeo specifico. Questo è particolarmente evidente negli adolescenti e nei giovani adulti, che sono più suscettibili alle influenze sociali.
  • Comparazione Sociale: L’uso crescente dei social media ha amplificato la comparazione sociale, dove le persone si confrontano costantemente con immagini di corpi “perfetti”, aumentando l’insoddisfazione corporea e il rischio di sviluppare disturbi alimentari.
  1. Ruolo della Cultura nella Definizione della Patologia
  • Cultural Bound Syndromes: Alcuni studiosi sostengono che anoressia e bulimia siano culturalmente vincolate, poiché la loro prevalenza e manifestazione variano notevolmente tra le diverse culture e contesti sociali. In culture dove la magrezza non è idealizzata, i tassi di anoressia e bulimia sono significativamente più bassi.
  • Globalizzazione: La diffusione globale dei media occidentali e degli ideali di bellezza ha portato a un aumento dei disturbi alimentari in paesi che tradizionalmente non ne erano affetti. Questo fenomeno è particolarmente evidente in società in rapido sviluppo e in transizione verso modelli culturali occidentali.

Fattori di Rischio Associati ai Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione

Oltre alle variabili di età, genere, occupazione e area geografica, ci sono diversi fattori di rischio associati all’insorgenza dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione:

  • Genetici: Una storia familiare di disturbi dell’alimentazione o altri disturbi mentali aumenta il rischio.
  • Psicologici: Problemi di autostima, perfezionismo, e disturbi dell’umore come depressione e ansia.
  • Socioculturali: Pressioni sociali e culturali che idealizzano la magrezza e promuovono diete estreme e pratiche alimentari malsane.
  • Traumi e Abusi: Esperienze di trauma o abuso fisico, sessuale o emotivo possono contribuire allo sviluppo di questi disturbi.
  • Biologici: Squilibri chimici nel cervello, in particolare nei neurotrasmettitori legati all’umore e all’appetito, come la serotonina e la dopamina.

La comprensione della prevalenza e delle variabili che influenzano l’insorgenza dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione è fondamentale per sviluppare interventi efficaci. 

Questi disturbi, sebbene più comuni nelle donne e negli adolescenti dei paesi occidentali, possono colpire chiunque, indipendentemente dall’età, dal genere, dall’occupazione o dall’area geografica. 

Affrontare questi disturbi richiede un approccio multidisciplinare che consideri i vari fattori di rischio e che sia sensibile alle diverse popolazioni e contesti culturali.

Aspetti storici dell’inquadramento diagnostico dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione

L’inquadramento diagnostico dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione ha subito notevoli cambiamenti nel corso della storia. 

Questa evoluzione riflette non solo i progressi nella comprensione medica e psicologica di questi disturbi, ma anche le influenze culturali e sociali che hanno modellato la percezione e il trattamento dei comportamenti alimentari patologici. 

Di seguito viene fornita una panoramica storica dei principali sviluppi nella diagnosi e nella classificazione di questi disturbi.

Epoca Pre-Modernista

Antichità e Medioevo

  • Grecia Antica e Roma: Sebbene non vi fosse una chiara comprensione dei disturbi alimentari come li intendiamo oggi, esistono testimonianze di comportamenti alimentari anormali. Ippocrate, ad esempio, descrisse casi di perdita di appetito associati a condizioni mediche e psicologiche.
  • Medioevo: Alcuni comportamenti che oggi potrebbero essere riconosciuti come disturbi alimentari erano talvolta interpretati come segni di santità o di ascetismo religioso. La restrizione alimentare estrema praticata da alcune sante medievali è un esempio di come il contesto culturale e religioso influenzava la percezione del comportamento alimentare.

Periodo Moderno

XIX Secolo

  • Anoressia Nervosa: La prima descrizione clinica dell’anoressia nervosa risale alla seconda metà del XIX secolo. Nel 1873, Sir William Gull, un medico britannico, introdusse il termine “anoressia nervosa” per descrivere un disturbo caratterizzato da una restrizione alimentare volontaria e una paura intensa di ingrassare. Quasi contemporaneamente, il medico francese Ernest-Charles Lasègue descrisse un disturbo simile chiamato “anorexie hysterique”.
  • Bulimia: Sebbene comportamenti di abbuffate e purghe fossero noti, non erano riconosciuti come una condizione distinta fino al XX secolo.

XX Secolo

Prima Metà del Secolo

  • Psicoanalisi e Interpretazioni Psicologiche: La psicoanalisi e altre teorie psicologiche iniziarono a esplorare i disturbi alimentari in termini di conflitti intrapsichici, dinamiche familiari e problemi di sviluppo. Freud e i suoi seguaci interpretarono alcuni comportamenti alimentari come espressione di ansie e conflitti sessuali.

DSM e Classificazione Ufficiale dei Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione

  • DSM-I (1952) e DSM-II (1968): Nei primi manuali diagnostici e statistici dei disturbi mentali (DSM) pubblicati dall’American Psychiatric Association, i disturbi alimentari non erano chiaramente definiti come categorie diagnostiche separate.
  • DSM-III (1980): La pubblicazione del DSM-III segnò un importante passo avanti. L’anoressia nervosa fu inclusa come una categoria diagnostica distinta con criteri specifici. Anche la bulimia nervosa fu riconosciuta per la prima volta come un disturbo separato.
  • DSM-IV (1994) e DSM-IV-TR (2000): Questi aggiornamenti continuarono a raffinare i criteri diagnostici per l’anoressia nervosa e la bulimia nervosa e introdussero il “disturbo dell’alimentazione non altrimenti specificato” (EDNOS) per includere casi che non soddisfacevano pienamente i criteri per anoressia o bulimia ma che erano comunque clinicamente significativi.

XXI Secolo

DSM-5 (2013)

  • Riconoscimento di Nuovi Disturbi: Il DSM-5 introdusse il disturbo da binge-eating (BED) come una diagnosi separata, riconoscendo l’importanza clinica delle abbuffate ricorrenti senza comportamenti di compensazione. Inoltre, venne introdotto il disturbo evitante/restrittivo dell’assunzione di cibo (ARFID), che include individui con comportamenti di evitamento o restrizione alimentare non legati alla preoccupazione per il peso corporeo.
  • Cambiamenti nei Criteri Diagnostici: I criteri per l’anoressia nervosa e la bulimia nervosa furono rivisti per essere più inclusivi e riflettere meglio la presentazione clinica di questi disturbi.
  • Modificazioni nella nomencaltura: quelli che oggi sono inseriti nel DSM-5 come disturbi della nutrizione e dell’alimentazione, prima erano conosciuti come DCA (Disturbi del Comportamento Alimentare). l termine “Disturbi del Comportamento Alimentare” enfatizza principalmente gli aspetti comportamentali anormali legati all’alimentazione, come abbuffate, restrizioni alimentari, e comportamenti di compensazione (vomito autoindotto, uso di lassativi, ecc.). Questo termine può suggerire che la problematica risieda esclusivamente nel comportamento alimentare, senza considerare pienamente le implicazioni più ampie sulla nutrizione e la salute complessiva.

Evoluzione della Comprensione e delle Prospettive sui Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione

Integrazione di Prospettive Biopsicosociali

  • Modelli Multifattoriali: La comprensione dei disturbi alimentari è diventata sempre più sofisticata, riconoscendo l’interazione complessa di fattori genetici, biologici, psicologici e socioculturali.
  • Ricerca Genetica e Neurobiologica: Studi recenti hanno esplorato le basi genetiche e neurobiologiche dei disturbi alimentari, evidenziando il ruolo dei neurotrasmettitori e delle disfunzioni cerebrali.

Influenza dei Media e della Cultura

  • Sociocultural Models: L’analisi socioculturale ha approfondito il ruolo dei media, degli ideali di bellezza e delle pressioni sociali nell’insorgenza e nella perpetuazione dei disturbi alimentari.

L’inquadramento diagnostico dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione ha percorso un lungo cammino, dalla mancanza di riconoscimento e comprensione, attraverso descrizioni cliniche iniziali e teorie psicoanalitiche, fino alle moderne classificazioni basate su criteri specifici e fondati sulla ricerca empirica. 

Questo progresso riflette non solo l’evoluzione delle conoscenze mediche e psicologiche, ma anche i cambiamenti culturali e sociali che hanno influenzato il modo in cui questi disturbi sono stati percepiti e trattati.

Perché è opportuno trattare i Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione?

I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione rappresentano una classe di disturbi psicologici complessi che influenzano significativamente la salute fisica e mentale delle persone.

Trattare questi disturbi è di fondamentale importanza per vari motivi, che possono essere suddivisi in diverse categorie, tra cui la salute fisica, il benessere psicologico, l’impatto sociale e la prevenzione delle complicanze a lungo termine.

  • Salute fisica: I disturbi alimentari, come l’anoressia nervosa, la bulimia nervosa e il disturbo da alimentazione incontrollata, possono causare gravi danni al corpo. La malnutrizione, comune in questi disturbi, può portare a problemi cardiaci, osteoporosi, problemi gastrointestinali, e squilibri elettrolitici. Trattare questi disturbi è essenziale per prevenire complicazioni fisiche potenzialmente letali e per ristabilire una salute ottimale.
  • Benessere psicologico: I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione sono spesso accompagnati da altri problemi psicologici, come depressione, ansia, e bassa autostima. Trattare questi disturbi aiuta a migliorare la qualità della vita del paziente, riducendo il rischio di suicidio e promuovendo una maggiore stabilità emotiva e psicologica.
  • Impatto sociale: Le persone con disturbi alimentari possono sperimentare isolamento sociale, difficoltà nelle relazioni interpersonali e problemi lavorativi o scolastici. Il trattamento aiuta a migliorare le abilità sociali e relazionali, permettendo ai pazienti di reintegrarsi nella società e di condurre una vita più soddisfacente e produttiva.
  • Prevenzione delle complicanze a lungo termine: Se non trattati, i disturbi alimentari possono avere conseguenze durature sulla salute. Per esempio, la malnutrizione cronica può causare danni permanenti agli organi. Un intervento tempestivo può prevenire o mitigare questi effetti a lungo termine, migliorando le prospettive di salute a lungo termine dei pazienti.
  • Riduzione del rischio di recidiva: Il trattamento appropriato dei disturbi alimentari può ridurre significativamente il rischio di recidiva. Terapie specifiche, come la terapia cognitivo-comportamentale, la terapia familiare e l’intervento nutrizionale, hanno dimostrato di essere efficaci nel mantenere la remissione e nel promuovere un recupero duraturo.
  • Supporto alle famiglie: Trattare i disturbi della nutrizione e dell’alimentazione non riguarda solo il paziente, ma anche le famiglie. Questi disturbi possono creare tensioni e conflitti familiari. Il trattamento spesso include il supporto alle famiglie, aiutandole a comprendere meglio la condizione e a sviluppare strategie efficaci per sostenere il loro caro.
  • Miglioramento della consapevolezza e dell’educazione: Trattare i disturbi alimentari contribuisce a una maggiore consapevolezza e comprensione di questi problemi nella società. Educare il pubblico sui segnali di allarme e sulle modalità di intervento può aiutare a ridurre lo stigma associato ai disturbi alimentari e a promuovere un ambiente più solidale e informato.
  • Benefici economici: Il trattamento efficace dei disturbi alimentari può ridurre i costi sanitari a lungo termine associati alle complicazioni fisiche e psicologiche. La prevenzione delle ospedalizzazioni frequenti e degli interventi di emergenza, così come il miglioramento della produttività lavorativa, rappresentano un beneficio economico significativo per la società.

Pertanto, trattare i disturbi della nutrizione e dell’alimentazione è cruciale per migliorare la salute fisica e mentale dei pazienti, prevenire complicazioni a lungo termine, supportare le famiglie e promuovere una maggiore consapevolezza sociale.

L’approccio integrato e tempestivo a questi disturbi può fare una differenza significativa nella vita delle persone affette e nella società in generale.

Problematiche associate a Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione non trattati

I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione, se non trattati tempestivamente e adeguatamente, possono portare a una serie di problematiche gravi e complesse, influenzando negativamente sia la salute fisica che mentale dei pazienti.

Di seguito sono elencate alcune delle principali conseguenze associate a disturbi alimentari non trattati:

  • Complicazioni fisiche severe: La malnutrizione cronica causata da disturbi alimentari come l’anoressia nervosa e la bulimia nervosa può portare a una serie di gravi problemi fisici. Questi includono debolezza muscolare, perdita di tessuto muscolare, osteoporosi (indebolimento delle ossa), problemi cardiaci (come bradicardia e disturbi del ritmo cardiaco), problemi gastrointestinali (come costipazione grave o sindrome dell’intestino irritabile), e squilibri elettrolitici che possono mettere a rischio la vita.
  • Ridotta qualità della vita: I disturbi alimentari influenzano negativamente la qualità della vita dei pazienti. La preoccupazione costante per il peso, la forma del corpo e il cibo può portare a una ridotta capacità di godere della vita quotidiana e delle relazioni interpersonali. Il ritiro sociale e l’isolamento sono comuni tra le persone affette da questi disturbi, contribuendo a un senso di solitudine e depressione.
  • Complicazioni psicologiche: I disturbi alimentari sono spesso associati ad altre condizioni psicologiche come depressione, ansia, disturbi d’ansia sociale, e bassa autostima. La mancanza di trattamento può aggravare queste condizioni, aumentando il rischio di pensieri suicidi e comportamenti autodistruttivi. La perdita di fiducia in sé stessi e la disperazione possono diventare un circolo vizioso difficile da interrompere senza un intervento professionale.
  • Impatti sociali ed economici: I disturbi alimentari possono avere conseguenze significative sul piano sociale ed economico. I pazienti possono incontrare difficoltà nel mantenere relazioni significative, nel perseguire o mantenere un’occupazione, e nell’interagire socialmente a causa dell’ansia e della depressione associate al disturbo. Ciò può portare a una perdita di produttività e a un aumento dei costi sanitari dovuti a trattamenti di emergenza e cure a lungo termine.
  • Rischio di complicazioni a lungo termine: La persistenza dei disturbi alimentari può aumentare il rischio di complicazioni a lungo termine. Queste includono danni irreversibili agli organi (come il cuore e le ossa), che possono compromettere gravemente la qualità della vita e la sopravvivenza a lungo termine dei pazienti.
  • Difficoltà nel recupero: Senza un trattamento appropriato, il recupero da disturbi alimentari diventa più difficile. Il comportamento alimentare disfunzionale può diventare cronico e ingrained, rendendo più complicato il successo di interventi terapeutici e nutrizionali.

In conclusione, il non trattamento dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione può avere conseguenze devastanti per la salute fisica, mentale e sociale dei pazienti.

È essenziale intervenire precocemente e in modo completo per migliorare le prospettive di recupero e prevenire il peggioramento delle condizioni del paziente a lungo termine.

4.8 su 5 sulla base di 261 recensioni

jp
jp
2023-11-14
Leggi Tutto
Sono estremamente soddisfatto dell'esperienza con GAM MEDICAL. Il loro impegno nella diagnosi e cura dell'ADHD è evidente attraverso un supporto impeccabile. Il personale è altamente disponibile e professionale, offrendo un servizio che va al di là delle aspettative. Consiglio vivamente GAM MEDICAL a chiunque cerchi un approccio attento e specializzato per affrontare l'ADHD in Italia.
Moira Cristini
Moira Cristini
2023-11-13
Leggi Tutto
Una porta aperta ed un metaforico divano comodo dove potersi finalmente aprire e capire fino ad arrivare alle risposte. Il percorso è stato veloce e semplice da prenotare, semplice da utilizzare e il dott. Preziosi che mi ha seguita ha saputo sempre accompagnarmi in un percorso che comunque può essere impegnativo. Avere una diagnosi finalmente apre e spiega tanti aspetti di me che per una vita non capivo o addirittura stigmatizzavo. Ora il percorso davanti a me ha una nuova e diversa consapevolezza. Grazie
Rossella Muro
Rossella Muro
2023-11-13
Leggi Tutto
Mi hanno consigliato la GAM Medical e mi sono trovata molto bene. Sono ancora in attesa di un'eventuale diagnosi ma, a prescindere da ciò, consiglio questo percorso a tutti. Grande professionalità e disponibilità dall'inizio alla fine.
Elisa Sanna
Elisa Sanna
2023-11-12
Leggi Tutto
Ottima esperienza. Oltre il percorso di diagnosi, mi trovo benissimo anche con la Psicoeducazione, c'è la possibilità di scegliere tra un percorso individuale o di gruppo.
Stefania Taranu
Stefania Taranu
2023-11-11
Leggi Tutto
Esperienza decisamente positiva! Ho scoperto l'esistenza della clinica grazie ad un Tik Tok (i social network possono essere molto utili, non neghiamolo). Offrono la possibilità di effettuare un test di screening gratuito che già può dare delle indicazioni o meno se proseguire con le sedute di diagnosi. I vari step sono stati chiariti fin da subito e sono stata acconpagnata passo passo fino alla diagnosi e alla scoperta di se stessi. Inoltre la segreteria è super disponibile e sono gentilissimi. Lo rifarei? Si Grazie ♡
Federica Cantrigliani
Federica Cantrigliani
2023-09-16
Leggi Tutto
La mia esperienza in GAM è stata positiva. Lo staff è gentile, accogliente e molto preparato. Consigliato a chi cerca un supporto sulle tematiche ADHD!
Michaela Buono
Michaela Buono
2023-09-15
Leggi Tutto
Esperienza molto positiva, ho trovato una Dottoressa disponibile, chiara, paziente e pronta a rispondere a tutte le mie domande ed eventuali dubbi e chiarimenti riguardo ADHD. Consiglio la clinica on line. Tra l'altro molto comoda perchè ovunque tu sia, hai il supporto necessario.
Chimy
Chimy
2023-09-16
Leggi Tutto
Sono convinta che la perfezione non esista, ma la GAM medical c’è vicina. Ero estremamente in difficoltà nel trovare una clinica affidabile in grado di fare una diagnosi di ADHD, in Italia sembra impossibile, ma loro sono stati davvero efficienti, disponibili e sempre pronti a rispondere ai miei dubbi tramite messaggi e telefono. Devo cominciare il mio percorso con loro post-diagnosi, ma sono sicura che mi troverò bene☺️
Antonio De Luca
Antonio De Luca
2023-08-10
Leggi Tutto
Una vita intera nella quale ho provato in tutti i modi a comprendere precisamente cosa non andasse in me. Appena compreso che i miei sintomi fossero vicini all'adhd nessuno mi ha aperto le porte, i privati e i pubblici si sono tirati tutti indietro perché nessuno voleva prendersi la responsabilità di diagnosticare tale deficit ad un adulto. Poi ho scoperto questa realtà, fatta da professionisti e da persone serie nonché sempre disponibili a rispondere ad ogni mio quesito. Qualcosa che senza di loro sarebbe stato impossibile.
Stela Lamaj
Stela Lamaj
2023-08-09
Leggi Tutto
Ottima esperienza, professionisti preparati ed empatici.
Mara Velati
Mara Velati
2023-08-09
Leggi Tutto
La mia salvezza dopo 9 mesi di diagnosi a metà. La dottoressa Clementi, che mi ha seguita, è precisa e anche molto dolce. Consigliato ❤️
jerrydelmonte
jerrydelmonte
2023-07-20
Leggi Tutto
Mi sono trovata molto bene, cortesia e professionalità da parte di tutti i membri dello staff. Unico appunto i tempi sono un po’ lunghi per la valutazione.
Beatrice Loi
Beatrice Loi
2023-07-15
Leggi Tutto
Professionali, precisi, chiari. Clinica assolutamente raccomandata! ✅
Eduardo Guerra
Eduardo Guerra
2023-05-26
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso di psicoeducazione di grupo per ADHD online e per me è stato di molto aiuto. Il corso mi ha fatto capire meglio come gestire i sintomi e essere accorto di alcune cose che non avevo percepito prima.
Mariagrazia Picardi
Mariagrazia Picardi
2023-06-20
Leggi Tutto
Grazie alla Gam Medical finalmente abbiamo messo fine ad un percorso tortuoso, lungo e poco convincente e ne abbiamo cominciato uno fatto di ascolto, accoglienza e competenza. Proseguiremo con loro il percorso proposto.
Cristiana Nasi
Cristiana Nasi
2023-05-18
Leggi Tutto
Esperienza superpositiva su tutti i fronti. Gam medical eccelle nell organizzazione, precisione e nella velocità a dare gli appuntamenti. Mia figlia ha fatto la diagnosi con Gam medical ed è molto soddisfatta per la competenza dello staff medico e non. Davvero professionali . La dottoressa Vargiu ha seguito mia figlia nel suo percorso verso la diagnosi in modo esemplare e molto accogliente. Gam medical colma il vuoto che inevitabilmente si incontra in Italia per avere una diagnosi adhd . Un' ancora su cui contare e un punto di riferimento davvero importante per chi ha l adhd. Ultima cosa ma non di scarsa importanza , costi contenuti e sostenibili. Non potrei essere più soddisfatta. Grazie davvero.
Chiara Totaro
Chiara Totaro
2023-05-10
Leggi Tutto
Ho intrapreso il mio percorso diagnostico con la Clinica GAM, non potevo fare scelta migliore, disponibili per ogni necessità o chiarimento, ottima organizzazione, psicologi molto preparati! Contenta di continuare con loro il mio percorso dopo la diagnosi!
Lorenza Barbalucca
Lorenza Barbalucca
2023-05-07
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso diagnostico con la dottoressa Gozzi che ha saputo mettermi subito a mio agio. È stato affrontato tutto con serietà e delicatezza e per la prima volta ho sentito di essermi rivolta alle persone giuste. Il personale è disponibile e cordiale
Precedente
Successivo

Specialisti nella diagnosi ADHD

Il Centro ADHD GAM Medical si distingue per la sua specializzazione nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione dell’ADHD (Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività), offrendo terapie personalizzate e di alta qualità.