Indice dei contenuti

Disturbi di Personalità

I disturbi di personalità sono una classe di disturbi mentali caratterizzati da schemi rigidi e disadattivi di pensiero, comportamento e funzionamento sociale.

Questi schemi devianti sono persistenti e inflessibili, iniziando generalmente nell’adolescenza o nella prima età adulta e causando problemi significativi nel funzionamento personale e sociale.

La personalità è un insieme di caratteristiche emotive, cognitive e comportamentali che definiscono un individuo e influenzano il modo in cui interagisce con il mondo e con gli altri.

Include tratti come la socievolezza, l’affabilità, la stabilità emotiva, la responsabilità e l’apertura all’esperienza.

La personalità è relativamente stabile nel tempo e attraverso diverse situazioni.

I tratti di personalità diventano disturbi di personalità quando soddisfano una serie di criteri specifici che li distinguono dai normali tratti di personalità, vale a dire quando sono:

  1. Pervasivi e Invariabili: I tratti di personalità che si trasformano in disturbi di personalità sono pervasivi e invariabili, il che significa che sono presenti in molte situazioni diverse e non si adattano facilmente ai cambiamenti nelle circostanze. Questo rende difficile per l’individuo modulare i propri comportamenti e reazioni in base al contesto. Ad esempio, una persona con un disturbo di personalità potrebbe mostrare una costante diffidenza verso gli altri, indipendentemente dal fatto che si trovi in un ambiente sicuro o potenzialmente minaccioso. La rigidità di questi tratti rende l’adattamento e il funzionamento in vari contesti estremamente difficile.
  2. Inappropriati: I tratti di personalità diventano problematici quando sono disadattivi e portano a comportamenti e pensieri inappropriati per le situazioni. Questo significa che le reazioni e i comportamenti dell’individuo non solo non sono utili, ma possono anche essere dannosi. Ad esempio, una persona con disturbo borderline di personalità potrebbe avere reazioni emotive estremamente intense e impulsive in risposta a situazioni che la maggior parte delle persone considererebbe minori o gestibili. Questi comportamenti disadattivi interferiscono con la capacità dell’individuo di stabilire e mantenere relazioni sane e funzionali.
  3. Persistenti: Per essere considerati un disturbo di personalità, i tratti problematici devono essere stabili nel tempo. Ciò significa che non sono semplici reazioni temporanee a situazioni stressanti o cambiamenti di vita, ma piuttosto modelli di comportamento radicati che iniziano nella tarda adolescenza o nella prima età adulta e persistono per tutta la vita. La persistenza di questi tratti rende difficile per l’individuo cambiare il proprio comportamento o trovare strategie efficaci per gestire le proprie emozioni e reazioni. Ad esempio, una persona con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità può mostrare una preoccupazione costante e persistente per l’ordine e la perfezione in tutte le aree della propria vita, a scapito della flessibilità e dell’adattabilità.
  4. Problematici: I tratti di personalità diventano disturbi di personalità quando causano un distress significativo o impediscono un funzionamento sociale, lavorativo o personale efficace. Questo significa che l’individuo soffre a causa dei propri tratti di personalità e/o questi tratti interferiscono in modo sostanziale con la sua capacità di vivere una vita soddisfacente e produttiva. Ad esempio, una persona con disturbo evitante di personalità potrebbe sperimentare un’intensa ansia sociale e un forte desiderio di evitare interazioni sociali, portando a un isolamento significativo e difficoltà nel mantenere un lavoro o relazioni strette. La gravità dell’impatto sulla vita dell’individuo è ciò che distingue un disturbo di personalità dai normali tratti di personalità.

I disturbi di personalità nel DSM-5 sono 10 e sono suddivisi in 3 categorie, chiamati cluster:

Caratteristiche in Comune dei Disturbi di Personalità

I disturbi di personalità, pur essendo variegati nelle loro specifiche manifestazioni, condividono alcune caratteristiche fondamentali che li distinguono da altri tipi di disturbi mentali.

Le caratteristiche comuni che si riscontrano in tutti i disturbi di personalità sono:

  1. Egosintonicità: Una delle caratteristiche più distintive dei disturbi di personalità è che sono egosintonici. Ciò significa che i comportamenti, pensieri e sentimenti associati al disturbo sono percepiti come coerenti con il senso di sé dell’individuo. In altre parole, le persone con disturbi di personalità spesso non riconoscono che il loro modo di pensare o comportarsi è problematico o disadattivo. Questo rende particolarmente difficile per loro cercare aiuto o accettare che abbiano bisogno di cambiare.
  2. Pervasività: I disturbi di personalità sono pervasivi, nel senso che i modelli di comportamento disadattivi si manifestano in molte situazioni diverse e non sono limitati a specifici contesti o relazioni. Questi tratti rigidi influenzano molte aree della vita dell’individuo, tra cui il lavoro, la scuola, le relazioni sociali e la gestione delle proprie emozioni.
  3. Stabilità nel Tempo: I disturbi di personalità sono stabili nel tempo, con i tratti problematici che iniziano a manifestarsi nella tarda adolescenza o nella prima età adulta e persistono per tutta la vita. Questa stabilità distingue i disturbi di personalità da altre condizioni mentali che possono essere più episodiche o transitorie.
  4. Impatto Negativo sul Funzionamento: I tratti di personalità disadattivi causano distress significativo o impediscono un funzionamento sociale, lavorativo o personale efficace. Le persone con disturbi di personalità spesso sperimentano difficoltà nelle relazioni interpersonali, problemi lavorativi e una qualità della vita compromessa a causa dei loro tratti disadattivi.

I disturbi di personalità sono organizzati in tre cluster distinti nel DSM-5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, Quinta Edizione) in base alle loro somiglianze.

Ogni cluster raggruppa disturbi che condividono caratteristiche comuni nel modo in cui si manifestano.

Questi disturbi sono organizzati in tre cluster distinti nel DSM-5, basati su somiglianze nel comportamento e nelle emozioni: Cluster A (eccentrico e bizzarro), Cluster B (melodrammatico, emotivo e impulsivo) e Cluster C (ansioso e timoroso).

In particolare:

  • Cluster A: Eccentrico e Bizzarro: i disturbi di personalità del Cluster A sono caratterizzati da comportamenti strani, eccentrici o bizzarri. Questi disturbi includono:
    • Disturbo Paranoide di Personalità: Caratterizzato da diffidenza e sospettosità pervasive verso gli altri, interpretando le loro azioni come malevole.
    • Disturbo Schizoide di Personalità: Caratterizzato da un distacco dalle relazioni sociali e una gamma ristretta di espressioni emotive.
    • Disturbo Schizotipico di Personalità: Caratterizzato da disagi acuti nelle relazioni strette, distorsioni cognitive o percettive, e comportamenti eccentrici.

Le persone con disturbi del Cluster A tendono ad avere difficoltà a stabilire e mantenere relazioni sociali e spesso sembrano strane o eccentriche agli altri.

  • Cluster B: Melodrammatico, Emotivo e Impulsivo: I disturbi di personalità del Cluster B sono caratterizzati da comportamenti melodrammatici, emotivi e impulsivi. Questi disturbi includono:
    • Disturbo Borderline di Personalità: Caratterizzato da instabilità nelle relazioni interpersonali, nell’immagine di sé e negli affetti, insieme a marcata impulsività.
    • Disturbo Narcisistico di Personalità: Caratterizzato da un senso grandioso di importanza, necessità di ammirazione e mancanza di empatia.
    • Disturbo Istrionico di Personalità: Caratterizzato da emotività eccessiva e ricerca di attenzione.
    • Disturbo Antisociale di Personalità: Caratterizzato da un disprezzo per i diritti degli altri, comportamento irresponsabile e mancanza di rimorso.

Le persone con disturbi del Cluster B tendono ad avere difficoltà a regolare le loro emozioni e comportamenti, spesso risultando drammatiche, impulsive e a volte manipolative.

  • Cluster C: Ansioso e Timoroso: I disturbi di personalità del Cluster C sono caratterizzati da comportamenti ansiosi e timorosi. Questi disturri includono:
    • Disturbo Evitante di Personalità: Caratterizzato da inibizione sociale, sentimenti di inadeguatezza e ipersensibilità alle critiche negative.
    • Disturbo Dipendente di Personalità: Caratterizzato da un bisogno pervasivo ed eccessivo di essere accudito, che porta a comportamento sottomesso e adesivo e timori di separazione.
    • Disturbo Ossessivo-Compulsivo di Personalità: Caratterizzato da preoccupazione per l’ordine, perfezionismo e controllo, a scapito della flessibilità, apertura ed efficienza.

Le persone con disturbi del Cluster C tendono ad essere ansiose, timorose e spesso ipervigilanti nelle loro interazioni sociali e nella loro vita quotidiana.

I disturbi di personalità rappresentano, quindi, una categoria complessa di condizioni mentali caratterizzate da tratti di personalità pervasivi, invariabili, persistenti e problematici.

La comprensione di queste caratteristiche comuni e delle specificità dei cluster è cruciale per la diagnosi, il trattamento e il supporto efficace delle persone con disturbi di personalità.

Prevalenza e variabili nell’insorgenza dei Disturbi di Personalità

La prevalenza dei disturbi di personalità varia notevolmente a seconda del tipo di disturbo e della popolazione studiata.

Alcune stime generali basate su studi epidemiologici evidenziano:

  1. Disturbi di Personalità nel Complesso:
    • Popolazione Generale: Circa il 10-15% della popolazione generale ha un disturbo di personalità diagnosticabile.
    • Popolazione Clinica: Tra il 30% e il 50% delle persone che cercano trattamento per problemi di salute mentale presentano un disturbo di personalità.
  2. Prevalenza Specifica per Cluster:
    • Cluster A (Eccentrico e Bizzarro): Circa il 5-7% della popolazione generale.
    • Cluster B (Melodrammatico, Emotivo e Impulsivo): Circa il 1-6% della popolazione generale.
    • Cluster C (Ansioso e Timoroso): Circa il 6-10% della popolazione generale.
  3. Prevalenza Specifica per Disturbo:
    • Disturbo Paranoide di Personalità: Circa il 2-4% della popolazione generale.
    • Disturbo Schizoide di Personalità: Circa il 3-5% della popolazione generale.
    • Disturbo Schizotipico di Personalità: Circa il 3-5% della popolazione generale.
    • Disturbo Borderline di Personalità: Circa il 1-2% della popolazione generale.
    • Disturbo Narcisistico di Personalità: Circa il 1-2% della popolazione generale.
    • Disturbo Istrionico di Personalità: Circa il 2-3% della popolazione generale.
    • Disturbo Antisociale di Personalità: Circa il 1-3% della popolazione generale.
    • Disturbo Evitante di Personalità: Circa il 2-5% della popolazione generale.
    • Disturbo Dipendente di Personalità: Circa il 0.5-1% della popolazione generale.
    • Disturbo Ossessivo-Compulsivo di Personalità: Circa il 2-8% della popolazione generale.

L’insorgenza dei disturbi di personalità è influenzata da una combinazione di variabili genetiche, biologiche, psicologiche e ambientali:

  1. Fattori Genetici:
    • Ereditarietà: Studi sui gemelli e sulle famiglie indicano che i disturbi di personalità hanno una componente ereditaria significativa. Ad esempio, i parenti di primo grado di persone con disturbo borderline di personalità hanno un rischio maggiore di sviluppare lo stesso disturbo.
    • Polimorfismi Genetici: Alcuni polimorfismi genetici sono stati associati a tratti di personalità disadattivi e a disturbi specifici, come variazioni nei geni che regolano i neurotrasmettitori (ad esempio, la serotonina).
  2. Fattori Biologici:
    • Disfunzioni Neurologiche: Disfunzioni in specifiche aree cerebrali, come l’amigdala e la corteccia prefrontale, sono state associate a disturbi di personalità, in particolare quelli del Cluster B.
    • Neurochimica: Alterazioni nei livelli di neurotrasmettitori, come la serotonina, la dopamina e la norepinefrina, possono contribuire alla vulnerabilità ai disturbi di personalità.
  3. Fattori Psicologici:
    • Traumi Infantili: Esperienze di abuso fisico, sessuale o emotivo durante l’infanzia sono fortemente correlate all’insorgenza di disturbi di personalità, in particolare quelli del Cluster B.
    • Attaccamento e Relazioni Precoci: Stili di attaccamento insicuri o disorganizzati con i genitori o caregiver possono predisporre all’insorgenza di disturbi di personalità.
  4. Fattori Ambientali:
    • Contesto Familiare: Ambienti familiari disfunzionali, come famiglie caotiche, instabili o caratterizzate da conflitti cronici, possono aumentare il rischio di sviluppare disturbi di personalità.
    • Condizioni Socioeconomiche: Lo stress cronico legato a condizioni socioeconomiche difficili, come la povertà e l’isolamento sociale, può contribuire allo sviluppo di disturbi di personalità.
    • Cultura e Norme Sociali: Le norme culturali e sociali possono influenzare la manifestazione e la percezione dei tratti di personalità, contribuendo in modo diverso all’insorgenza dei disturbi.
  5. Interazioni Complesse:
    • Modello Bio-psico-sociale: L’interazione complessa tra genetica, biologia, psicologia e ambiente è cruciale per comprendere l’insorgenza dei disturbi di personalità. Ad esempio, una predisposizione genetica può interagire con traumi infantili e contesti familiari disfunzionali per aumentare il rischio di sviluppare un disturbo di personalità.

I disturbi di personalità sono condizioni complesse e multifattoriali con una prevalenza significativa nella popolazione generale e clinica.

L’insorgenza di questi disturbi è influenzata da una combinazione di fattori genetici, biologici, psicologici e ambientali, che interagiscono in modi complessi.

Comprendere queste variabili è essenziale per la diagnosi, il trattamento e la prevenzione efficace dei disturbi di personalità.

Aspetti storici dell’inquadramento diagnostico dei Disturbi di Personalità

La comprensione dei disturbi di personalità e la loro classificazione diagnostica hanno subito un’evoluzione significativa nel corso dei secoli, riflettendo i cambiamenti nella filosofia, nella medicina e nella psicologia.

  1. Antichità: Già nell’antichità, filosofi e medici come Ippocrate (460-370 a.C.) e Galeno (129-216 d.C.) avevano osservato e descritto i tratti della personalità. Ippocrate propose la teoria degli umori, in cui gli squilibri tra i quattro umori (sangue, flegma, bile gialla e bile nera) erano responsabili delle diverse disposizioni temperamentali e comportamentali. Galeno sviluppò ulteriormente queste idee, collegando i temperamenti a specifici comportamenti e tratti della personalità.
  2. Medioevo: Durante il Medioevo, le idee sulla personalità e sui comportamenti anomali erano fortemente influenzate dalla religione e dalla superstizione. I comportamenti devianti venivano spesso interpretati come segni di possessione demoniaca o come manifestazioni del peccato.
  3. Rinascimento: Con il Rinascimento, c’è stata una rinascita dell’interesse per le scienze e la filosofia antica. I pensatori del Rinascimento iniziarono a esplorare la natura umana in modo più sistematico, sebbene le idee sui disturbi della personalità fossero ancora rudimentali e non sistematiche.
  4. XVII secolo: In questo periodo, ci fu una crescente attenzione scientifica verso la comprensione della mente e del comportamento umano. Thomas Sydenham (1624-1689), un medico inglese, fu uno dei primi a descrivere i “caratteri” come parte delle malattie mentali.
  5. XVIII secolo: Philippe Pinel (1745-1826), un medico francese, è spesso considerato uno dei padri della psichiatria moderna. Pinel distingueva tra “mania” e “melancolia” e iniziò a osservare i pazienti con un approccio più umanitario e scientifico. La sua opera “Traité médico-philosophique sur l’aliénation mentale ou la manie” del 1801, rappresenta una pietra miliare nella comprensione e nel trattamento delle malattie mentali, compresi quelli che oggi chiamiamo disturbi di personalità.
  6. XIX secolo: Durante il XIX secolo, il concetto di disturbi di personalità iniziò a prendere forma in modo più sistematico. Emil Kraepelin (1856-1926), uno psichiatra tedesco, introdusse la classificazione delle malattie mentali basata sui sintomi e sulla loro evoluzione nel tempo. Kraepelin è noto per aver distinto tra psicosi maniaco-depressiva (oggi nota come disturbo bipolare) e demenza precoce (schizofrenia), ma contribuì anche alla comprensione dei disturbi di personalità.
  7. Inizi del XX secolo: Sigmund Freud (1856-1939), il fondatore della psicoanalisi, propose che i disturbi della personalità fossero il risultato di conflitti inconsci, spesso radicati nelle prime esperienze infantili. La teoria psicoanalitica ebbe un’enorme influenza sulla comprensione dei disturbi di personalità, introducendo concetti come l’Io, l’Es e il Super-Io.
  8. Anni ’20 e ’30: Otto Kernberg e Heinz Kohut, due psicoanalisti influenti, svilupparono ulteriormente la comprensione dei disturbi di personalità. Kernberg lavorò sulla teoria delle relazioni oggettuali, mentre Kohut sviluppò la psicologia del Sé, focalizzandosi sui disturbi narcisistici.
  9. Anni ’50 e ’60: Il lavoro di personalità psicopatologica venne ulteriormente sviluppato da autori come Karen Horney e Harry Stack Sullivan. Le loro teorie si focalizzavano sull’importanza delle relazioni interpersonali e dei fattori culturali nello sviluppo dei disturbi di personalità.
  10. Anni ’60 e ’70: La ricerca iniziò a focalizzarsi su approcci diagnostici più standardizzati. Otto Kernberg contribuì significativamente con le sue ricerche sui disturbi borderline e narcisistici della personalità, cercando di integrare la psicoanalisi con la psicologia evolutiva e la psichiatria.
  11. DSM-III (1980): L’American Psychiatric Association pubblicò la terza edizione del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-III), che introdusse una classificazione formale dei disturbi di personalità, suddividendoli in Cluster A (eccentrici e bizzarri), Cluster B (dramatici, emotivi e impulsivi) e Cluster C (ansiosi e timorosi). Questa classificazione rappresentava una svolta, fornendo criteri diagnostici specifici per ciascun disturbo di personalità.
  12. ICD-10 (1992): L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) pubblicò la decima revisione della International Classification of Diseases (ICD-10), che incluse anche una classificazione dettagliata dei disturbi di personalità, parallela a quella del DSM.
  13. DSM-5 (2013): La quinta edizione del DSM introdusse modifiche significative nella classificazione dei disturbi di personalità, pur mantenendo la suddivisione in tre cluster. Si enfatizzò l’importanza di valutare i disturbi di personalità lungo un continuum, riconoscendo la natura dimensionali di questi disturbi.
  14. ICD-11 (2018): L’undicesima revisione dell’ICD ha introdotto un approccio più dimensionali alla diagnosi dei disturbi di personalità, abbandonando in parte la rigida classificazione in categorie separate e riconoscendo una gamma di gravità nei tratti di personalità patologici.

L’inquadramento diagnostico dei disturbi di personalità, si è, quindi, evoluto significativamente nel corso dei secoli, passando da concetti filosofici e medici rudimentali a sistemi diagnostici altamente strutturati e standardizzati.

Questa evoluzione riflette una crescente comprensione della complessità della personalità umana e della necessità di approcci diagnostici e terapeutici più sofisticati e personalizzati.

4.8 su 5 sulla base di 261 recensioni

jp
jp
2023-11-14
Leggi Tutto
Sono estremamente soddisfatto dell'esperienza con GAM MEDICAL. Il loro impegno nella diagnosi e cura dell'ADHD è evidente attraverso un supporto impeccabile. Il personale è altamente disponibile e professionale, offrendo un servizio che va al di là delle aspettative. Consiglio vivamente GAM MEDICAL a chiunque cerchi un approccio attento e specializzato per affrontare l'ADHD in Italia.
Moira Cristini
Moira Cristini
2023-11-13
Leggi Tutto
Una porta aperta ed un metaforico divano comodo dove potersi finalmente aprire e capire fino ad arrivare alle risposte. Il percorso è stato veloce e semplice da prenotare, semplice da utilizzare e il dott. Preziosi che mi ha seguita ha saputo sempre accompagnarmi in un percorso che comunque può essere impegnativo. Avere una diagnosi finalmente apre e spiega tanti aspetti di me che per una vita non capivo o addirittura stigmatizzavo. Ora il percorso davanti a me ha una nuova e diversa consapevolezza. Grazie
Rossella Muro
Rossella Muro
2023-11-13
Leggi Tutto
Mi hanno consigliato la GAM Medical e mi sono trovata molto bene. Sono ancora in attesa di un'eventuale diagnosi ma, a prescindere da ciò, consiglio questo percorso a tutti. Grande professionalità e disponibilità dall'inizio alla fine.
Elisa Sanna
Elisa Sanna
2023-11-12
Leggi Tutto
Ottima esperienza. Oltre il percorso di diagnosi, mi trovo benissimo anche con la Psicoeducazione, c'è la possibilità di scegliere tra un percorso individuale o di gruppo.
Stefania Taranu
Stefania Taranu
2023-11-11
Leggi Tutto
Esperienza decisamente positiva! Ho scoperto l'esistenza della clinica grazie ad un Tik Tok (i social network possono essere molto utili, non neghiamolo). Offrono la possibilità di effettuare un test di screening gratuito che già può dare delle indicazioni o meno se proseguire con le sedute di diagnosi. I vari step sono stati chiariti fin da subito e sono stata acconpagnata passo passo fino alla diagnosi e alla scoperta di se stessi. Inoltre la segreteria è super disponibile e sono gentilissimi. Lo rifarei? Si Grazie ♡
Federica Cantrigliani
Federica Cantrigliani
2023-09-16
Leggi Tutto
La mia esperienza in GAM è stata positiva. Lo staff è gentile, accogliente e molto preparato. Consigliato a chi cerca un supporto sulle tematiche ADHD!
Michaela Buono
Michaela Buono
2023-09-15
Leggi Tutto
Esperienza molto positiva, ho trovato una Dottoressa disponibile, chiara, paziente e pronta a rispondere a tutte le mie domande ed eventuali dubbi e chiarimenti riguardo ADHD. Consiglio la clinica on line. Tra l'altro molto comoda perchè ovunque tu sia, hai il supporto necessario.
Chimy
Chimy
2023-09-16
Leggi Tutto
Sono convinta che la perfezione non esista, ma la GAM medical c’è vicina. Ero estremamente in difficoltà nel trovare una clinica affidabile in grado di fare una diagnosi di ADHD, in Italia sembra impossibile, ma loro sono stati davvero efficienti, disponibili e sempre pronti a rispondere ai miei dubbi tramite messaggi e telefono. Devo cominciare il mio percorso con loro post-diagnosi, ma sono sicura che mi troverò bene☺️
Antonio De Luca
Antonio De Luca
2023-08-10
Leggi Tutto
Una vita intera nella quale ho provato in tutti i modi a comprendere precisamente cosa non andasse in me. Appena compreso che i miei sintomi fossero vicini all'adhd nessuno mi ha aperto le porte, i privati e i pubblici si sono tirati tutti indietro perché nessuno voleva prendersi la responsabilità di diagnosticare tale deficit ad un adulto. Poi ho scoperto questa realtà, fatta da professionisti e da persone serie nonché sempre disponibili a rispondere ad ogni mio quesito. Qualcosa che senza di loro sarebbe stato impossibile.
Stela Lamaj
Stela Lamaj
2023-08-09
Leggi Tutto
Ottima esperienza, professionisti preparati ed empatici.
Mara Velati
Mara Velati
2023-08-09
Leggi Tutto
La mia salvezza dopo 9 mesi di diagnosi a metà. La dottoressa Clementi, che mi ha seguita, è precisa e anche molto dolce. Consigliato ❤️
jerrydelmonte
jerrydelmonte
2023-07-20
Leggi Tutto
Mi sono trovata molto bene, cortesia e professionalità da parte di tutti i membri dello staff. Unico appunto i tempi sono un po’ lunghi per la valutazione.
Beatrice Loi
Beatrice Loi
2023-07-15
Leggi Tutto
Professionali, precisi, chiari. Clinica assolutamente raccomandata! ✅
Eduardo Guerra
Eduardo Guerra
2023-05-26
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso di psicoeducazione di grupo per ADHD online e per me è stato di molto aiuto. Il corso mi ha fatto capire meglio come gestire i sintomi e essere accorto di alcune cose che non avevo percepito prima.
Mariagrazia Picardi
Mariagrazia Picardi
2023-06-20
Leggi Tutto
Grazie alla Gam Medical finalmente abbiamo messo fine ad un percorso tortuoso, lungo e poco convincente e ne abbiamo cominciato uno fatto di ascolto, accoglienza e competenza. Proseguiremo con loro il percorso proposto.
Cristiana Nasi
Cristiana Nasi
2023-05-18
Leggi Tutto
Esperienza superpositiva su tutti i fronti. Gam medical eccelle nell organizzazione, precisione e nella velocità a dare gli appuntamenti. Mia figlia ha fatto la diagnosi con Gam medical ed è molto soddisfatta per la competenza dello staff medico e non. Davvero professionali . La dottoressa Vargiu ha seguito mia figlia nel suo percorso verso la diagnosi in modo esemplare e molto accogliente. Gam medical colma il vuoto che inevitabilmente si incontra in Italia per avere una diagnosi adhd . Un' ancora su cui contare e un punto di riferimento davvero importante per chi ha l adhd. Ultima cosa ma non di scarsa importanza , costi contenuti e sostenibili. Non potrei essere più soddisfatta. Grazie davvero.
Chiara Totaro
Chiara Totaro
2023-05-10
Leggi Tutto
Ho intrapreso il mio percorso diagnostico con la Clinica GAM, non potevo fare scelta migliore, disponibili per ogni necessità o chiarimento, ottima organizzazione, psicologi molto preparati! Contenta di continuare con loro il mio percorso dopo la diagnosi!
Lorenza Barbalucca
Lorenza Barbalucca
2023-05-07
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso diagnostico con la dottoressa Gozzi che ha saputo mettermi subito a mio agio. È stato affrontato tutto con serietà e delicatezza e per la prima volta ho sentito di essermi rivolta alle persone giuste. Il personale è disponibile e cordiale
Precedente
Successivo

Specialisti nella diagnosi ADHD

Il Centro ADHD GAM Medical si distingue per la sua specializzazione nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione dell’ADHD (Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività), offrendo terapie personalizzate e di alta qualità.