ADHD e problem solving creativo

adhd e problem solving creativo

Indice Contenuti

Nella nostra vita quotidiana capita molto spesso di dover affrontare problemi o situazioni che non sappiamo da che lato approcciare. Ed ecco che l’ADHD ci viene in aiuto, con delle soluzioni spesso molto creative ed efficienti.

Il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD) è spesso visto erroneamente come una condizione che pone sfide significative per chi ne è affetto. Tuttavia, una prospettiva meno comune, ma altrettanto valida è quella che considera l’ADHD come una fonte potenziale di forza, in particolare nel campo del problem solving creativo. La predisposizione alla creatività e al pensiero non omologato rendono i soggetti neurodivergenti delle fonti di ispirazione nella risoluzione creativa dei problemi.  

In questo articolo del blog di GAM Medical esploreremo come le caratteristiche dell’ADHD possano essere sfruttate per migliorare le capacità di risoluzione creativa dei problemi, offrendo un quadro completo di come trasformare un apparente svantaggio in un vantaggio.

Ma cos’è il problem solving creativo?

Il problem solving creativo è un approccio volto alla risoluzione dei problemi che utilizza metodi non convenzionali, innovativi e spesso intuitivi per trovare soluzioni originali ed efficaci. Il metodo Osborn-Parnes per la risoluzione creativa dei problemi affonda le sue radici negli anni Quaranta, ideato da Alex Osborn e Sid Parnes. Osborn, figura chiave nel panorama della creatività, è noto anche per aver coniato il termine “brainstorming”, entrato ormai a far parte del linguaggio comune, e per aver fondato la Creative Education Foundation.

 A differenza del problem solving tradizionale, che può seguire processi logici e lineari, il problem solving creativo incoraggia l’esplorazione di nuove idee e prospettive, la sperimentazione e l’uso dell’immaginazione. Il processo creativo inizia spesso con il pensiero divergente, che implica la generazione di una vasta gamma di idee e soluzioni possibili, senza giudicarle o valutarle immediatamente. Include fasi di sperimentazione, dove le idee vengono rapidamente prototipate e testate per valutarne l’efficacia.

Le persone con ADHD tendono a eccellere nel pensiero divergente, un processo mentale che genera idee creative esplorando molteplici soluzioni possibili. Questo tipo di pensiero è fondamentale per il problem solving creativo, poiché consente di considerare una vasta gamma di opzioni e prospettive.

Come l’ADHD stimola il problem solving creativo

Nonostante le difficoltà solitamente associate all’ADHD, numerosi studi hanno dimostrato che esiste un legame significativo tra questo disturbo e la creatività. Le persone con ADHD spesso mostrano una maggiore capacità di pensare fuori dagli schemi, un’abilità essenziale nel problem solving creativo. Questo legame può essere attribuito a diversi fattori. Riconoscere e valorizzare le caratteristiche uniche delle persone con ADHD può portare a risultati sorprendenti, trasformando quelle che una volta erano considerate debolezze in punti di forza.

#1 ADHD, problem solving creativo e pensiero divergente

Come abbiamo già sottolineato prima, le persone con ADHD, grazie al pensiero divergente, riescono in modo spontaneo e quasi istintivo a usare la creatività a proprio vantaggio. Questo metodo di pensiero divergente è la chiave per eccellere nel problem solving creativo. Le persone con ADHD tendono ad avere una mente che salta rapidamente tra idee diverse, connessioni inaspettate e approcci non convenzionali. Questo tipo di pensiero, che può sembrare caotico, è in realtà estremamente vantaggioso in contesti che richiedono innovazione e risoluzione di problemi complessi. Il pensiero divergente consente di esplorare molteplici soluzioni possibili, anziché concentrarsi su una sola risposta corretta.

#2 ADHD, problem solving creativo e impulsività

Mentre l’impulsività associata all’ADHD può essere comunemente percepita come un comportamento negativo, soprattutto perché spesso influenza le nostre azioni in modo avventato o senza riflettere a sufficienza, in un contesto creativo questa caratteristica può diventare una risorsa preziosa. Le persone con ADHD hanno la capacità di fare connessioni rapide e inaspettate tra concetti diversi, un’abilità che può portare a idee originali e innovative. Questo tipo di pensiero non lineare permette loro di vedere le cose da prospettive uniche, trovando soluzioni che potrebbero sfuggire ad altri. Di conseguenza, l’impulsività può trasformarsi in una forza creativa, stimolando l’ideazione di nuove possibilità e approcci che arricchiscono il processo creativo e portano a risultati sorprendenti e di grande valore.

#3 ADHD, problem solving creativo, energia e passione

L’iperattività associata all’ADHD può tradursi in una notevole energia e passione per i progetti creativi. Questa energia può essere canalizzata in attività produttive e innovative, permettendo alle persone di dedicarsi intensamente al processo di risoluzione dei problemi. Inoltre, la capacità di pensare fuori dagli schemi spesso consente loro di trovare soluzioni uniche e originali. Questa caratteristica può essere particolarmente vantaggiosa in campi come l’arte, la tecnologia e l’imprenditoria, dove la creatività e l’innovazione sono fondamentali per il successo. Le persone con ADHD possono anche eccellere in ambienti dinamici e veloci, dove la loro propensione a gestire più compiti contemporaneamente può diventare un punto di forza significativo.

Strategie di problem solving creativo per persone ADHD

Per sfruttare al meglio le potenzialità creative delle persone con ADHD, è utile adottare alcune strategie specifiche che possono aiutare a canalizzare le loro caratteristiche uniche verso la risoluzione efficace dei problemi. 

Creare un ambiente stimolante, ricco di stimoli visivi e intellettuali, può aiutare a mantenere l’attenzione e stimolare la creatività. Poster, libri, opere d’arte e strumenti creativi possono ispirare nuove idee e soluzioni. L’uso di strumenti di brainstorming, come il mind mapping, il brainstorming e la scrittura libera, può aiutare a organizzare i pensieri e generare nuove idee, visualizzando le connessioni tra concetti diversi e facilitando il pensiero creativo. Le persone con ADHD possono beneficiare di pause frequenti e attività fisiche per mantenere alta la concentrazione; il movimento fisico può aiutare a rilasciare l’energia accumulata e migliorare la capacità di focalizzarsi sui compiti. 

Collaborare con altre persone può aiutare a sfruttare al meglio le abilità creative; il confronto con diverse prospettive e idee può arricchire il processo di problem solving e portare a soluzioni più innovative.

Blog di GAM Medical: consigli e informazioni sull’ADHD

Per quanto in questo articolo abbiamo analizzato e studiato tante delle situazioni positive che l’ADHD può creare, abbiamo solo sfiorato la punta dell’iceberg. 

Per maggiori approfondimenti e curiosità sul Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività vi invitiamo a consultare il blog di GAM Medical. I nostri articoli toccano molti aspetti di questa condizione, per provare a rendere la vita più semplice a chiunque si trovi ad affrontarla, direttamente o indirettamente. Grazie al blog di GAM Medical puoi capire al meglio la tua condizione e trovare possibili soluzioni o anche solo strade per ricevere aiuto. Se ti trovi ad affrontare i sintomi dell’ADHD, o conosci qualcuno in questa condizione, il nostro blog ti sarà di grande aiuto per imparare tutto ciò che devi sapere per vivere la vita al meglio e con serenità!

Le informazioni contenute in questo testo sono a scopo informativo e non sostituiscono una diagnosi di un professionista.

Se l’articolo ti è piaciuto o ti è sembrato utile, condividilo e aiutaci a informare più persone possibile.

Fonti:

  • https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28845720/
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Stai vivendo con l’ADHD da adulto?
Ora puoi scoprirlo

Prima di andare via, ti suggeriamo di leggere questi articoli

Se ti è piaciuto l'articolo iscriviti alla newsletter per non perdere tutte le nostre comunicazioni.