Come lo scrolling infinito peggiora i sintomi ADHD

scrollare cellulare ADHD

Indice Contenuti

Hai mai pensato seriamente a quanto tempo passi quotidianamente davanti allo schermo del telefono o del pc? Secondo il Digital 2023 Global Overview Report, gli italiani passano circa il 35,57% del tempo davanti allo schermo ogni giorno, ovvero circa sei ore giornaliere.

Sicuramente alcune delle ore passate davanti allo schermo vengono usate in modo produttivo, lavorando, studiando o informandosi. Tuttavia, è importante essere onesti con sé stessi e domandarsi quanto di quel tempo si usa effettivamente in modo positivo.

Per tutti, ma per le persone con il Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD) in particolare, il rischio di rimanere intrappolati nello scrolling infinito è molto alto.

Esploriamo, quindi, gli effetti dello scrolling infinito sulle persone ADHD e scopriamo in che modo lo scrolling può peggiorare i sintomi ADHD!

Legame tra ADHD e scrolling infinito

Lo scrolling infinito, ovvero lo scorrimento ossessivo delle foto e dei contenuti online senza riuscire a fermarsi, è diventato un fenomeno enormemente diffuso, soprattutto per le persone ADHD.

Il fenomeno è causato principalmente dalla dopamina che viene prodotta all’interno del nostro cervello quando usiamo i cellulari. La dopamina viene rilasciata come una sorta di “ricompensa” quando compiamo attività come mangiare cibi gustosi o interagire socialmente, e ci regala una sensazione di piacere e soddisfazione, motivandoci a ripeterle.

A causare questa dipendenza dai cellulari e dallo scrolling infinito, soprattutto a chi è ADHD, sono diversi fattori, fra cui:

  1. Notifiche push: Ding! Il cellulare attira la tua attenzione tramite le notifiche e ti trasmette un senso di urgenza
  2. Contenuti personalizzati: i contenuti sui social sono basati su algoritmi che definiscono le tue preferenze e i tuoi comportamenti online, mantenendoti così il più coinvolto possibile e stimolando i tuoi interessi
  3. Convalida sociale: i “Mi piace” sui social ci danno quei feedback e riconoscimenti positivi di cui tutti hanno bisogno
  4. Animazioni e feedback visivi: le interazioni sui social, come mettere “Mi piace” o postare un Tweet, producono delle animazioni che stimolano i nostri sensi contribuendo allo scrolling infinito
  5. Contenuti controversi: i contenuti sui social sono spesso controversi e in grado di suscitare risposte emotive molto forti, facendoci rimanere agganciati alla sezione commenti, per vedere le reazioni che provocano sulle persone

Continuiamo adesso scoprendo in che modo lo scrolling ha effetti sull’ADHD!

Influenza dello scrolling infinito sull’ADHD

All’inizio la dopamina rilasciata dai social media e dal cellulare può essere innocua, eppure col passare del tempo può peggiorare e causare problemi alla salute mentale, peggiorando i sintomi del Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD).

Scopriamo insieme in che modo lo scrolling ha effetti negativi sull’ADHD!

  1. Paura di perdersi qualcosa: i social media e le app creano un senso di urgenza nelle persone, fornendo aggiornamenti costanti, tanto da farti sentire che, se non ti trovi sui social per qualche ora, ti stai perdendo qualcosa di importante
  2. Aumento dell’ansia: la costante stimolazione dei social media può aumentare notevolmente l’ansia, in particolare perché spingono al confronto del proprio corpo e della propria vita con quelle di modelli, attori o influencer, del tutto irrealistiche i irraggiungibili
  3. Disforia Sensibile al Rifiuto: la Disforia Sensibile al Rifiuto (RSD) è l’estrema sensibilità emotiva causata dal rigetto, dal rifiuto e dalla critica. Questa può essere causata o peggiorata dalla costante esposizione alle opinioni, alle critiche e ai commenti degli altri sui social media, che spesso possono essere distruttive per l’autostima
  4. Peggioramento dei sintomi ADHD: sebbene lo scrolling infinito di per sé non causi l’ADHD, ha comunque il potere di peggiorarne i sintomi. La probabilità che una persona ADHD abbandoni qualsiasi lavoro o compito che sta svolgendo per spostare l’attenzione su qualcosa di più interessante come i social media è molto alta. Secondo diversi studi pubblicati su Reviews in the Neurosciences, il cervello di chi è ADHD ha alcune aree scarse di dopamina e altre che ne hanno troppa. Questi dati suggeriscono che il cervello delle persone ADHD cerca in tutti i modi di bilanciare questi livelli di dopamina e, quando sono troppo bassi, cerca mezzi alternativi, come i social media, rimanendo così intrappolato nella paralisi da scrolling ADHD.

Come fermare lo scrolling infinito se sei ADHD

Ci sono diversi modi che possono aiutarti a smettere di scrollare sui social media con l’ADHD e, di conseguenza, fermare lo scrolling infinito ADHD. Ecco alcuni suggerimenti!

  1. Stabilisci limiti ragionevoli: è possibile impostare un limite di tempo d’utilizzo per ogni app sul cellulare, ma è altrettanto possibile e facile semplicemente ignorare quella notifica e continuare la propria attività sui social. Per questo è importante avere aspettative realistiche e ridurre gradualmente il tempo passato sui social. Per esempio, se trascorri 3 ore giornalmente su Instagram, inizia impostando un limite di 2 ore e mezza
  2. Spegni le notifiche: è inutile trovare scuse per evitare di spegnere le notifiche, come chiedere a sé stessi: “che succede se c’è un’emergenza?”. Pensa onestamente alla frequenza con la quale ti sono capitate emergenze di qualche tipo. In ogni caso, è sempre possibile silenziare tutte le notifiche tranne quelle dei tuoi parenti e dei tuoi cari
  3. Trova un nuovo hobby: prova a sostituire l’abitudine dello scrolling infinito con qualche nuova attività, prova a scegliere un’attività che preveda l’impiego di entrambe le mani, come l’uncinetto o il cucito
  4. Crea fasce orarie specifiche “senza telefono”: sono diversi i momenti della giornata in cui non avresti bisogno del telefono, ma lo usi solo per abitudine. Per esempio quando stai guardando un film, quando stai per andare a letto o quando stai cenando. Proprio per questo, in quelle fasce orari, scegli di dedicare il tuo tempo ad altre attività, come uscire con un amico o leggere un libro

A volte, nonostante questi consigli, può essere molto complesso uscire dalla paralisi dello scrolling ADHD, e questo può essere demoralizzante e scoraggiante. Eppure, una buona idea può essere quella di iniziare un percorso per l’ADHD, a partire dalla diagnosi ADHD.

GAM Medical è una clinica online specializzata nella diagnosi ADHD completamente online, che comprende la valutazione psicologica ADHD e la valutazione medica psichiatrica ADHD, a prezzi chiari e contenuti.

Affrontare l’ADHD insieme è il primo passo verso un futuro in cui puoi vivere appieno! Scopri la diagnosi ADHD di GAM Medical!

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Stai vivendo con l’ADHD da adulto?
Ora puoi scoprirlo

Prima di andare via, ti suggeriamo di leggere questi articoli

Se ti è piaciuto l'articolo iscriviti alla newsletter per non perdere tutte le nostre comunicazioni.

×

Ciao!

Clicca il tasto qui sotto per contattarci su Whatsapp

×