Indice dei contenuti

Disturbi Parafilici

La categoria diagnostica dei disturbi parafilici nel DSM-5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, Quinta Edizione) riguarda un insieme di condizioni caratterizzate da fantasie, impulsi sessuali e comportamenti intensi e persistenti che coinvolgono oggetti, situazioni o individui non consensuali e che possono causare disagio significativo o compromissione nel funzionamento sociale, lavorativo o in altre aree importanti.

Il termine “parafilico” deriva dal greco “para” (accanto a, al di fuori) e “philia” (amore, attrazione), indicando un interesse sessuale deviato o atipico rispetto alla norma sociale.

I disturbi che fanno parte di questa categoria sono:

  • Disturbo di Esibizionismo: Caratterizzato da fantasie, impulsi o comportamenti sessuali intensi e ricorrenti che implicano l’esposizione dei propri genitali a un estraneo non consenziente. Gli individui con questo disturbo provano eccitazione sessuale nel mostrarsi in pubblico, spesso con lo scopo di sorprendere o scioccare l’altra persona.
  • Disturbo di Feticismo: Implica fantasie, impulsi sessuali o comportamenti ricorrenti e intensi che coinvolgono l’uso di oggetti inanimati (come indumenti intimi, scarpe) o un interesse sessuale esclusivo su parti del corpo non genitali (come piedi, capelli). Questo interesse deve causare disagio significativo o compromissione del funzionamento.
  • Disturbo di Frotteurismo: Caratterizzato da fantasie, impulsi o comportamenti sessuali ricorrenti e intensi che coinvolgono il toccare e strofinarsi contro una persona non consenziente. Tipicamente, tali azioni avvengono in luoghi affollati dove l’individuo può facilmente entrare in contatto fisico con gli altri senza essere immediatamente scoperto.
  • Disturbo di Pedofilia: Consiste in fantasie, impulsi o comportamenti sessuali ricorrenti e intensi che coinvolgono attività sessuali con bambini prepuberi (generalmente di 13 anni o più giovani). Per ricevere la diagnosi, l’individuo deve avere almeno 16 anni e deve essere di almeno 5 anni più grande del bambino.
  • Disturbo di Masochismo Sessuale: Include fantasie, impulsi o comportamenti sessuali ricorrenti e intensi che comportano l’essere umiliati, picchiati, legati o fatti soffrire in qualche altro modo. L’eccitazione sessuale è associata al dolore e alla sottomissione.
  • Disturbo di Sadismo Sessuale: Implica fantasie, impulsi o comportamenti sessuali ricorrenti e intensi che comportano infliggere dolore fisico o psicologico a un’altra persona. Gli individui con questo disturbo provano piacere sessuale nel controllare e far soffrire gli altri.
  • Disturbo di Feticismo di Travestimento: Riguarda fantasie, impulsi o comportamenti sessuali ricorrenti e intensi che comportano il travestirsi con abiti del sesso opposto. Questo disturbo deve causare disagio significativo o compromissione del funzionamento per essere diagnosticato.
  • Disturbo di Voyeurismo: Caratterizzato da fantasie, impulsi o comportamenti sessuali ricorrenti e intensi che comportano l’osservazione di persone nude, mentre si spogliano o sono impegnate in attività sessuali, senza che queste siano consapevoli e consenzienti. L’eccitazione sessuale deriva dall’atto di osservare.

Ogni disturbo all’interno della categoria dei disturbi parafilici del DSM-5 è definito non solo dai comportamenti specifici ma anche dal grado di disagio e dalla compromissione che questi causano all’individuo.

È importante notare che il DSM-5 distingue tra parafilie (interessi sessuali atipici che non causano disagio o compromissione) e disturbi parafilici (dove tali interessi causano disagio significativo o interferenza con il funzionamento sociale).

Caratteristiche in Comune dei Disturbi Parafilici

I disturbi che fanno parte della categoria diagnostica dei disturbi parafilici sono diversi.

In particolare, come già visto, sono:

Questi disturbi condividono diverse caratteristiche comuni, tra cui:

  • Fantasie, Impulsi o Comportamenti Sessuali Intensi e Ricorrenti: Tutti i disturbi parafilici sono caratterizzati da fantasie, impulsi o comportamenti sessuali persistenti e intensi che si manifestano in modo ricorrente. Questi non sono semplici pensieri fugaci o occasionali, ma sono invece dominanti e possono occupare una parte significativa della vita mentale e affettiva dell’individuo. Le fantasie possono essere molto dettagliate e vivide, spesso ripetute e coltivate nel tempo, alimentando una costante ricerca di stimoli sessuali specifici. Gli impulsi sono spinti da una forte urgenza di agire su tali fantasie, creando una tensione interna che spesso può essere alleviata solo attraverso l’atto concreto del comportamento parafilico. Questo può portare l’individuo a dedicare molto tempo ed energie a cercare opportunità per soddisfare tali impulsi, che possono includere la pianificazione dettagliata di come e dove agire, nonché la gestione delle conseguenze di tali azioni.
  • Durata nel Tempo: Per essere considerati un disturbo parafilico, le fantasie, gli impulsi o i comportamenti devono persistere per almeno sei mesi. Questo criterio temporale è essenziale per distinguere tra interessi sessuali che potrebbero essere temporanei o situazionali e quelli che sono più profondamente radicati e costanti. La durata di almeno sei mesi aiuta a garantire che la diagnosi non sia basata su fenomeni transitori o occasionali, ma su pattern di comportamento e desiderio che sono stabili nel tempo. Questo periodo permette anche di osservare se i comportamenti sono persistenti nonostante le possibili conseguenze negative, indicando una componente più duratura e pervasiva del disturbo.
  • Disagio Clinicamente Significativo o Compromissione del Funzionamento: I disturbi parafilici causano un significativo disagio personale o compromettono il funzionamento sociale, lavorativo o in altre aree importanti della vita dell’individuo. Questo disagio può manifestarsi in diversi modi, come sentimenti di vergogna, colpa, ansia o depressione derivanti dalla natura dei desideri sessuali stessi. Gli individui possono sentirsi intrappolati in un ciclo di comportamenti che trovano angoscianti ma che non riescono a controllare. La compromissione del funzionamento può includere difficoltà nel mantenere relazioni interpersonali sane, perdita di lavoro o problemi legali derivanti dai comportamenti parafilici. Ad esempio, una persona con disturbo di voyeurismo può essere arrestata per spionaggio, mentre una persona con disturbo di pedofilia può affrontare severe conseguenze legali e sociali. Questo disagio e compromissione sono criteri fondamentali per distinguere tra una parafilia e un disturbo parafilico, dove quest’ultimo implica un livello di sofferenza personale o disfunzione che richiede attenzione clinica.
  • Interessi Sessuali Atipici: Gli interessi sessuali associati ai disturbi parafilici sono considerati atipici rispetto alle norme sociali e culturali. Questi interessi possono essere diretti verso oggetti inanimati, situazioni non consensuali o atti che implicano dolore o umiliazione. Questi interessi sessuali atipici possono variare notevolmente tra gli individui e possono includere una vasta gamma di comportamenti e fantasie. Ad esempio, il disturbo di feticismo può comportare un’intensa eccitazione sessuale derivante da oggetti specifici come scarpe o biancheria intima, mentre il disturbo di sadismo sessuale può coinvolgere un desiderio di infliggere sofferenza fisica o psicologica a un’altra persona. Questi interessi atipici non solo si discostano dalle norme sociali ma spesso vengono vissuti come centrali nella vita sessuale della persona, rendendo difficile per loro trovare soddisfazione attraverso mezzi sessuali considerati normativi.
  • Non Consensualità: Molti disturbi parafilici coinvolgono comportamenti sessuali che non rispettano il consenso degli altri. Questo è particolarmente evidente nei disturbi come l’esibizionismo, il frotteurismo, il voyeurismo e la pedofilia, dove le azioni dell’individuo violano i diritti e l’autonomia delle altre persone. La non consensualità rappresenta un aspetto cruciale, poiché le azioni intraprese senza il consenso della persona coinvolta non solo creano disagio o trauma per la vittima, ma comportano anche gravi implicazioni legali ed etiche. Ad esempio, il disturbo di esibizionismo comporta l’esposizione dei genitali a una persona non consenziente, spesso in luoghi pubblici, causando shock o paura. Il disturbo di frotteurismo implica il toccare o strofinarsi contro una persona non consenziente in ambienti affollati, spesso senza che la vittima se ne accorga immediatamente. Questi comportamenti, oltre a essere dannosi per le vittime, riflettono una mancanza di rispetto per i confini personali e l’autonomia degli altri, contribuendo alla natura patologica del disturbo.
  • Comportamenti Reiterati: Gli individui con disturbi parafilici spesso mettono in atto comportamenti associati alle loro fantasie e impulsi. Questi comportamenti sono ripetuti e possono diventare un elemento centrale della vita sessuale della persona. La ripetizione dei comportamenti parafilici può portare a un ciclo di ricerca costante di opportunità per agire su tali impulsi, che può includere l’utilizzo di risorse significative, come il tempo e il denaro, per soddisfare questi desideri. Ad esempio, una persona con disturbo di voyeurismo potrebbe passare molto tempo a pianificare e cercare situazioni in cui possa osservare altri senza essere vista, mentre una persona con disturbo di masochismo sessuale potrebbe ripetutamente cercare partner disposti a infliggerle dolore o umiliazione. Questa reiterazione non solo rafforza i comportamenti ma può anche esacerbare il disagio e la compromissione del funzionamento, rendendo difficile per l’individuo liberarsi dal ciclo di comportamento parafilico.
  • Difficoltà nelle Relazioni: Le persone con disturbi parafilici possono avere difficoltà a stabilire e mantenere relazioni interpersonali sane e consensuali. Le loro preferenze sessuali atipiche possono interferire con la capacità di instaurare legami affettivi e sessuali con partner consenzienti. Questo può portare a un isolamento sociale, poiché l’individuo può temere il giudizio o il rifiuto da parte degli altri. Inoltre, le relazioni esistenti possono essere compromesse o distrutte quando le preferenze parafiliche vengono scoperte o quando i comportamenti parafilici causano problemi legali o sociali. Ad esempio, un partner può sentirsi tradito o insicuro se scopre che l’altro partner ha un disturbo di voyeurismo o di feticismo di travestimento. Le difficoltà nelle relazioni possono anche derivare dal fatto che gli individui con disturbi parafilici possono trovare difficile trovare partner che condividano o accettino le loro preferenze sessuali atipiche, aumentando il senso di solitudine e disagio.
  • Associazione con Altri Disturbi Psicologici: I disturbi parafilici possono coesistere con altri disturbi mentali, come disturbi d’ansia, disturbi dell’umore, disturbi di personalità o dipendenze. Questa comorbidità può complicare ulteriormente la diagnosi e il trattamento, poiché i sintomi di altri disturbi possono interagire con quelli della parafilia, amplificando il disagio e la compromissione. Ad esempio, un individuo con un disturbo parafilico e un disturbo d’ansia può sperimentare un’acuta ansia sociale che rende ancora più difficile cercare aiuto o parlare dei propri problemi. Analogamente, la presenza di un disturbo dell’umore, come la depressione, può esacerbare il senso di vergogna o colpa associato ai comportamenti parafilici. Le dipendenze, come l’abuso di sostanze, possono essere utilizzate come meccanismo di coping per gestire il disagio derivante dai disturbi parafilici, creando un ciclo dannoso che può essere difficile da rompere.
  • Variabilità Individuale: Nonostante le caratteristiche comuni, c’è una grande variabilità nel modo in cui i disturbi parafilici si manifestano in diversi individui. Le specifiche fantasie, impulsi e comportamenti possono variare ampiamente, così come il grado di disagio e compromissione. Questa variabilità riflette la complessità della sessualità umana e delle sue deviazioni, rendendo necessario un approccio individualizzato alla diagnosi e al trattamento. Ad esempio, due persone con disturbo di sadismo sessuale.

Queste caratteristiche comuni forniscono un quadro diagnostico utile per identificare e trattare i disturbi parafilici, riconoscendo sia i pattern condivisi sia le differenze individuali che possono esistere tra le diverse condizioni all’interno di questa categoria.

Prevalenza e Variabili nell’Insorgenza dei Disturbi Parafilici

La prevalenza dei disturbi parafilici nella popolazione generale è difficile da determinare con precisione a causa della natura privata e spesso stigmatizzata di questi disturbi.

Tuttavia, alcuni studi e rapporti clinici forniscono stime e insight utili. Le informazioni sulla prevalenza variano in termini di età, genere, occupazione e area geografica, influenzando la comprensione e il trattamento di questi disturbi.

In particolare:

  • Prevalenza Generale: I disturbi parafilici sono relativamente rari nella popolazione generale, ma la loro prevalenza può essere sottostimata a causa della riluttanza degli individui a rivelare comportamenti e fantasie sessuali atipiche. Studi suggeriscono che una percentuale significativa di persone può avere fantasie o impulsi parafilici, ma solo una minoranza sviluppa disturbi clinicamente significativi. La prevalenza stimata di alcuni disturbi parafilici specifici varia: ad esempio, il disturbo di frotteurismo potrebbe interessare circa il 10-14% degli uomini, mentre il disturbo di pedofilia ha una prevalenza stimata intorno al 3-5% nella popolazione maschile.
  • Età: L’insorgenza dei disturbi parafilici avviene tipicamente durante l’adolescenza o la prima età adulta, quando gli individui iniziano a esplorare la loro sessualità. Tuttavia, la consapevolezza e l’accettazione dei propri interessi parafilici possono emergere più tardi nella vita. Le fantasie e i comportamenti parafilici possono iniziare a manifestarsi con i primi impulsi sessuali, ma diventano più strutturati e intensi con il passare del tempo. Gli adolescenti possono iniziare a sviluppare comportamenti associati, come il voyeurismo o l’esibizionismo, che possono persistere e intensificarsi in età adulta.
  • Genere: I disturbi parafilici sono significativamente più comuni negli uomini rispetto alle donne. Studi indicano che la grande maggioranza dei casi clinici riportati coinvolge individui di sesso maschile. Le ragioni di questa disparità non sono del tutto chiare, ma possono includere fattori biologici, psicologici e socioculturali. Ad esempio, la socializzazione dei ruoli di genere può influenzare l’espressione di comportamenti parafilici. Inoltre, gli uomini possono essere più propensi a cercare aiuto o a essere identificati in contesti clinici o legali. La prevalenza più bassa tra le donne potrebbe anche riflettere una sotto-rappresentazione dovuta alla stigmatizzazione o alla minore visibilità dei comportamenti parafilici femminili.
  • Occupazione: Non ci sono prove conclusive che colleghino specificamente i disturbi parafilici a particolari occupazioni. Tuttavia, alcune professioni che offrono maggiori opportunità di contatto con potenziali vittime o che permettono di agire in modo discreto possono attrarre individui con disturbi parafilici. Ad esempio, lavori che richiedono accesso a spazi privati (come tecnici di manutenzione o addetti alla sicurezza) possono facilitare comportamenti voyeuristici. Allo stesso modo, professioni che coinvolgono interazioni frequenti con bambini possono essere scelte da individui con disturbo di pedofilia. Tuttavia, è importante notare che la maggior parte degli individui con disturbi parafilici non sceglie le loro occupazioni in base alle loro preferenze sessuali atipiche e che questi disturbi possono manifestarsi in qualsiasi contesto professionale.
  • Area Geografica: La prevalenza dei disturbi parafilici può variare significativamente tra diverse aree geografiche a causa di differenze culturali, normative legali e accesso ai servizi di salute mentale. In alcune culture, le norme sessuali più rigide possono scoraggiare la rivelazione di fantasie e comportamenti parafilici, portando a una sottostima della loro prevalenza. In altre regioni, una maggiore accettazione e apertura verso diverse espressioni sessuali possono facilitare la diagnosi e il trattamento dei disturbi parafilici. Ad esempio, i paesi con una maggiore consapevolezza e risorse per la salute mentale possono avere tassi più alti di segnalazione e trattamento di questi disturbi. Inoltre, le leggi riguardanti i comportamenti sessuali non consensuali possono influenzare la visibilità e la gestione dei disturbi parafilici. In contesti legali severi, gli individui con comportamenti parafilici possono essere più propensi a nascondere le loro azioni, riducendo la rilevazione e la segnalazione dei disturbi.
  • Variabili Socioculturali: Le norme e le credenze culturali riguardanti la sessualità possono influenzare la prevalenza e la manifestazione dei disturbi parafilici. In società dove la sessualità è fortemente regolamentata e stigmatizzata, gli individui possono reprimere i loro impulsi parafilici o evitare di cercare aiuto per paura di giudizio e discriminazione. In contesti più liberali, potrebbe esserci una maggiore apertura verso la discussione di interessi sessuali atipici, il che potrebbe portare a una maggiore identificazione e trattamento dei disturbi parafilici. Inoltre, i cambiamenti socioculturali nel tempo, come l’emergere di movimenti per i diritti sessuali e l’aumento della consapevolezza sulla diversità sessuale, possono influenzare la percezione e l’accettazione delle parafilie, nonché l’accesso alle risorse di supporto e trattamento.

Queste informazioni forniscono un quadro complesso e sfaccettato della prevalenza e delle variabili nell’insorgenza dei disturbi parafilici.

La comprensione di questi fattori è cruciale per sviluppare interventi efficaci e sensibili al contesto, migliorando la diagnosi e il trattamento degli individui con disturbi parafilici.

Aspetti storici dell’inquadramento diagnostico dei disturbi della categoria dei Disturbi Parafilici

L’inquadramento diagnostico dei disturbi della categoria dei disturbi parafilici ha subito notevoli cambiamenti nel corso della storia, riflettendo l’evoluzione delle conoscenze scientifiche, delle norme sociali e dei contesti culturali.

Nella fattispecie:

  • Origini del Concetto di Parafilia: Il concetto di parafilia ha radici antiche, ma è diventato più definito alla fine del XIX secolo con il lavoro di pionieri della sessuologia come Richard von Krafft-Ebing. Nel suo libro “Psychopathia Sexualis” (1886), Krafft-Ebing descrisse diverse forme di comportamento sessuale deviante, utilizzando termini come “feticismo”, “sadismo” e “masochismo”. Egli considerava queste perversioni come manifestazioni patologiche del desiderio sessuale, influenzate da fattori biologici e psicologici.
  • Freud e la Psicoanalisi: Sigmund Freud, il fondatore della psicoanalisi, contribuì significativamente alla comprensione delle parafilie. Freud vedeva le parafilie come espressioni di conflitti inconsci e fissazioni allo stadio dello sviluppo psicosessuale. Ad esempio, il feticismo era interpretato come una difesa contro l’angoscia di castrazione, mentre il sadismo e il masochismo erano visti come manifestazioni di pulsioni aggressive e desideri di controllo. L’approccio psicoanalitico influenzò profondamente la diagnosi e il trattamento delle parafilie per gran parte del XX secolo.
  • DSM-I e DSM-II: Le prime edizioni del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM) pubblicate dall’American Psychiatric Association nel 1952 (DSM-I) e nel 1968 (DSM-II) includevano categorie diagnostiche per i disturbi sessuali, ma queste erano ampie e non specifiche. Termini come “deviazioni sessuali” venivano utilizzati per descrivere una varietà di comportamenti sessuali atipici senza una chiara distinzione tra ciò che oggi consideriamo parafilie e altre forme di disfunzione sessuale.
  • DSM-III: La pubblicazione del DSM-III nel 1980 rappresentò una svolta significativa nell’inquadramento diagnostico dei disturbi sessuali. Per la prima volta, il DSM introdusse una categoria specifica per le “Parafilie”, definendo queste condizioni come disturbi caratterizzati da fantasie, impulsi o comportamenti sessuali ricorrenti e intensi che coinvolgono oggetti, situazioni o individui non consenzienti e che causano disagio significativo o compromissione del funzionamento. Questa edizione specificava anche diverse sottocategorie, come il feticismo, il travestitismo feticistico, l’esibizionismo, il voyeurismo, il sadismo sessuale, il masochismo sessuale e la pedofilia.
  • DSM-IV e DSM-IV-TR: Il DSM-IV (1994) e la sua versione testuale riveduta, il DSM-IV-TR (2000), mantennero la struttura delle parafilie introdotta nel DSM-III, ma aggiunsero ulteriori specificazioni e chiarimenti. Queste edizioni distinsero chiaramente tra parafilie e disturbi parafilici, indicando che solo quando le fantasie, gli impulsi o i comportamenti causano disagio clinicamente significativo o compromissione del funzionamento possono essere considerati disturbi parafilici. Inoltre, il DSM-IV introdusse nuove categorie come il disturbo di frotteurismo.
  • DSM-5: La quinta edizione del DSM, pubblicata nel 2013, apportò ulteriori modifiche significative all’inquadramento dei disturbi parafilici. Una delle principali innovazioni fu la distinzione esplicita tra parafilie e disturbi parafilici. Le parafilie furono definite come interessi sessuali atipici che non causano necessariamente disagio o compromissione del funzionamento, mentre i disturbi parafilici includono solo quei casi in cui l’interesse parafilico causa disagio significativo o comporta un rischio per altri. Questa distinzione mirava a ridurre la stigmatizzazione di individui con interessi sessuali atipici che non causano danni. Il DSM-5 mantenne le categorie diagnostiche specifiche per diversi disturbi parafilici e introdusse nuove specificazioni per migliorare la precisione diagnostica.
  • Influenza della Società e delle Norme Culturali: I cambiamenti nell’inquadramento diagnostico dei disturbi parafilici riflettono anche le mutevoli norme sociali e culturali riguardanti la sessualità. Ad esempio, alcune pratiche che una volta erano considerate parafilie patologiche, come il BDSM (bondage, dominazione, sadismo e masochismo), sono state rivalutate alla luce di una maggiore comprensione e accettazione delle diverse espressioni sessuali consensuali. La distinzione tra comportamenti sessuali consensuali e non consensuali è diventata un criterio centrale per la diagnosi dei disturbi parafilici nel DSM-5, in linea con i progressi nei diritti umani e nelle considerazioni etiche.
  • Ricerca e Teoria Contemporanea: La ricerca contemporanea continua a esplorare le basi biologiche, psicologiche e sociali dei disturbi parafilici. Studi neuroscientifici stanno esaminando le differenze cerebrali associate ai comportamenti parafilici, mentre le teorie evoluzionistiche cercano di spiegare perché alcuni individui sviluppano interessi sessuali atipici. Gli approcci terapeutici si sono evoluti per includere trattamenti più integrati e individualizzati, come la terapia cognitivo-comportamentale, la terapia farmacologica e interventi di gestione del rischio per individui con disturbi parafilici che presentano un pericolo per gli altri.
  • Sfide e Controversie: L’inquadramento diagnostico dei disturbi parafilici continua a essere oggetto di dibattito e controversia. Alcuni critici sostengono che l’inclusione di certi interessi sessuali come disturbi mentali perpetua la stigmatizzazione e che le definizioni diagnostiche dovrebbero essere ulteriormente riviste per riflettere meglio la diversità sessuale umana. Altri sottolineano la necessità di mantenere criteri diagnostici chiari per proteggere le vittime di comportamenti sessuali non consensuali e per fornire trattamenti efficaci a coloro che ne hanno bisogno. La continua evoluzione delle conoscenze scientifiche e delle norme sociali influenzerà probabilmente futuri aggiornamenti e revisioni dei criteri diagnostici per i disturbi parafilici.

Questa panoramica degli aspetti storici dell’inquadramento diagnostico dei disturbi parafilici mostra come la comprensione e la classificazione di questi disturbi siano cambiate nel tempo, riflettendo progressi nelle scienze psicologiche, cambiamenti nelle norme culturali e un crescente impegno per la riduzione della stigmatizzazione e la promozione della salute mentale.

4.8 su 5 sulla base di 261 recensioni

jp
jp
2023-11-14
Leggi Tutto
Sono estremamente soddisfatto dell'esperienza con GAM MEDICAL. Il loro impegno nella diagnosi e cura dell'ADHD è evidente attraverso un supporto impeccabile. Il personale è altamente disponibile e professionale, offrendo un servizio che va al di là delle aspettative. Consiglio vivamente GAM MEDICAL a chiunque cerchi un approccio attento e specializzato per affrontare l'ADHD in Italia.
Moira Cristini
Moira Cristini
2023-11-13
Leggi Tutto
Una porta aperta ed un metaforico divano comodo dove potersi finalmente aprire e capire fino ad arrivare alle risposte. Il percorso è stato veloce e semplice da prenotare, semplice da utilizzare e il dott. Preziosi che mi ha seguita ha saputo sempre accompagnarmi in un percorso che comunque può essere impegnativo. Avere una diagnosi finalmente apre e spiega tanti aspetti di me che per una vita non capivo o addirittura stigmatizzavo. Ora il percorso davanti a me ha una nuova e diversa consapevolezza. Grazie
Rossella Muro
Rossella Muro
2023-11-13
Leggi Tutto
Mi hanno consigliato la GAM Medical e mi sono trovata molto bene. Sono ancora in attesa di un'eventuale diagnosi ma, a prescindere da ciò, consiglio questo percorso a tutti. Grande professionalità e disponibilità dall'inizio alla fine.
Elisa Sanna
Elisa Sanna
2023-11-12
Leggi Tutto
Ottima esperienza. Oltre il percorso di diagnosi, mi trovo benissimo anche con la Psicoeducazione, c'è la possibilità di scegliere tra un percorso individuale o di gruppo.
Stefania Taranu
Stefania Taranu
2023-11-11
Leggi Tutto
Esperienza decisamente positiva! Ho scoperto l'esistenza della clinica grazie ad un Tik Tok (i social network possono essere molto utili, non neghiamolo). Offrono la possibilità di effettuare un test di screening gratuito che già può dare delle indicazioni o meno se proseguire con le sedute di diagnosi. I vari step sono stati chiariti fin da subito e sono stata acconpagnata passo passo fino alla diagnosi e alla scoperta di se stessi. Inoltre la segreteria è super disponibile e sono gentilissimi. Lo rifarei? Si Grazie ♡
Federica Cantrigliani
Federica Cantrigliani
2023-09-16
Leggi Tutto
La mia esperienza in GAM è stata positiva. Lo staff è gentile, accogliente e molto preparato. Consigliato a chi cerca un supporto sulle tematiche ADHD!
Michaela Buono
Michaela Buono
2023-09-15
Leggi Tutto
Esperienza molto positiva, ho trovato una Dottoressa disponibile, chiara, paziente e pronta a rispondere a tutte le mie domande ed eventuali dubbi e chiarimenti riguardo ADHD. Consiglio la clinica on line. Tra l'altro molto comoda perchè ovunque tu sia, hai il supporto necessario.
Chimy
Chimy
2023-09-16
Leggi Tutto
Sono convinta che la perfezione non esista, ma la GAM medical c’è vicina. Ero estremamente in difficoltà nel trovare una clinica affidabile in grado di fare una diagnosi di ADHD, in Italia sembra impossibile, ma loro sono stati davvero efficienti, disponibili e sempre pronti a rispondere ai miei dubbi tramite messaggi e telefono. Devo cominciare il mio percorso con loro post-diagnosi, ma sono sicura che mi troverò bene☺️
Antonio De Luca
Antonio De Luca
2023-08-10
Leggi Tutto
Una vita intera nella quale ho provato in tutti i modi a comprendere precisamente cosa non andasse in me. Appena compreso che i miei sintomi fossero vicini all'adhd nessuno mi ha aperto le porte, i privati e i pubblici si sono tirati tutti indietro perché nessuno voleva prendersi la responsabilità di diagnosticare tale deficit ad un adulto. Poi ho scoperto questa realtà, fatta da professionisti e da persone serie nonché sempre disponibili a rispondere ad ogni mio quesito. Qualcosa che senza di loro sarebbe stato impossibile.
Stela Lamaj
Stela Lamaj
2023-08-09
Leggi Tutto
Ottima esperienza, professionisti preparati ed empatici.
Mara Velati
Mara Velati
2023-08-09
Leggi Tutto
La mia salvezza dopo 9 mesi di diagnosi a metà. La dottoressa Clementi, che mi ha seguita, è precisa e anche molto dolce. Consigliato ❤️
jerrydelmonte
jerrydelmonte
2023-07-20
Leggi Tutto
Mi sono trovata molto bene, cortesia e professionalità da parte di tutti i membri dello staff. Unico appunto i tempi sono un po’ lunghi per la valutazione.
Beatrice Loi
Beatrice Loi
2023-07-15
Leggi Tutto
Professionali, precisi, chiari. Clinica assolutamente raccomandata! ✅
Eduardo Guerra
Eduardo Guerra
2023-05-26
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso di psicoeducazione di grupo per ADHD online e per me è stato di molto aiuto. Il corso mi ha fatto capire meglio come gestire i sintomi e essere accorto di alcune cose che non avevo percepito prima.
Mariagrazia Picardi
Mariagrazia Picardi
2023-06-20
Leggi Tutto
Grazie alla Gam Medical finalmente abbiamo messo fine ad un percorso tortuoso, lungo e poco convincente e ne abbiamo cominciato uno fatto di ascolto, accoglienza e competenza. Proseguiremo con loro il percorso proposto.
Cristiana Nasi
Cristiana Nasi
2023-05-18
Leggi Tutto
Esperienza superpositiva su tutti i fronti. Gam medical eccelle nell organizzazione, precisione e nella velocità a dare gli appuntamenti. Mia figlia ha fatto la diagnosi con Gam medical ed è molto soddisfatta per la competenza dello staff medico e non. Davvero professionali . La dottoressa Vargiu ha seguito mia figlia nel suo percorso verso la diagnosi in modo esemplare e molto accogliente. Gam medical colma il vuoto che inevitabilmente si incontra in Italia per avere una diagnosi adhd . Un' ancora su cui contare e un punto di riferimento davvero importante per chi ha l adhd. Ultima cosa ma non di scarsa importanza , costi contenuti e sostenibili. Non potrei essere più soddisfatta. Grazie davvero.
Chiara Totaro
Chiara Totaro
2023-05-10
Leggi Tutto
Ho intrapreso il mio percorso diagnostico con la Clinica GAM, non potevo fare scelta migliore, disponibili per ogni necessità o chiarimento, ottima organizzazione, psicologi molto preparati! Contenta di continuare con loro il mio percorso dopo la diagnosi!
Lorenza Barbalucca
Lorenza Barbalucca
2023-05-07
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso diagnostico con la dottoressa Gozzi che ha saputo mettermi subito a mio agio. È stato affrontato tutto con serietà e delicatezza e per la prima volta ho sentito di essermi rivolta alle persone giuste. Il personale è disponibile e cordiale
Precedente
Successivo

Specialisti nella diagnosi ADHD

Il Centro ADHD GAM Medical si distingue per la sua specializzazione nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione dell’ADHD (Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività), offrendo terapie personalizzate e di alta qualità.