Indice dei contenuti

Disturbi dell’Evacuazione

Il DSM-5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, quinta edizione) include una categoria chiamata “Disturbi dell’Evacuazione” che comprende principalmente due condizioni: l’enuresi e l’encopresi.

Questi disturbi riguardano il controllo inadeguato degli sfinteri, che si manifesta attraverso l’incapacità di trattenere urine o feci in momenti e luoghi appropriati.

La categoria si chiama “Disturbi dell’Evacuazione” perché questi disturbi sono direttamente legati all’evacuazione delle urine (enuresi) e delle feci (encopresi).

  • Enuresi: l’enuresi è caratterizzata da un’involontaria perdita di urina, che può avvenire di giorno (diurna), di notte (notturna, più comunemente chiamata pipì a letto), o entrambe. Questo comportamento deve verificarsi con una frequenza di almeno due volte a settimana per un minimo di tre mesi consecutivi, oppure deve causare un disagio clinicamente significativo o un’interferenza con le attività sociali, scolastiche o altre aree importanti del funzionamento del bambino.
  • Encopresi: L’encopresi è caratterizzata dalla ripetuta evacuazione di feci in luoghi inappropriati (ad esempio, nei vestiti o sul pavimento), che può essere volontaria o involontaria. Questo comportamento deve verificarsi con una frequenza di almeno una volta al mese per almeno tre mesi consecutivi, e deve causare un disagio clinicamente significativo o un’interferenza con le attività sociali, scolastiche o altre aree importanti del funzionamento del bambino.

Il termine “evacuazione” in questo contesto, quindi, si riferisce al processo di espulsione di queste sostanze dal corpo, che è regolato dal controllo sfinterico.

I disturbi dell’evacuazione quindi includono condizioni in cui questo controllo è inadeguato o problematico, portando a comportamenti di incontinenza inappropriati rispetto all’età e allo sviluppo dell’individuo.

Caratteristiche in Comune dei Disturbi dell’Evacuazione

I disturbi dell’evacuazione, che includono l’enuresi e l’encopresi, presentano diverse caratteristiche in comune nonostante coinvolgano diverse modalità di evacuazione (urine e feci).

Queste caratteristiche comuni comprendono:

  1. Incontinenza Involontaria sia l’enuresi che l’encopresi si manifestano con episodi di evacuazione involontaria. Nell’enuresi, ciò si verifica con la perdita involontaria di urina, che può avvenire durante il giorno o la notte. Nell’encopresi, invece, si ha la perdita involontaria di feci in luoghi inappropriati. Questi episodi non sono controllati volontariamente dall’individuo, indicando un deficit nel controllo sfinterico.
  2. Frequenza e Persistenza: entrambi i disturbi sono caratterizzati da episodi ripetuti e persistenti di incontinenza nel tempo. Secondo i criteri del DSM-5, l’enuresi deve verificarsi almeno due volte a settimana per un periodo di almeno tre mesi, mentre l’encopresi deve manifestarsi almeno una volta al mese per un periodo simile. Questa persistenza nel tempo è un elemento chiave nella diagnosi di entrambi i disturbi.
  3. Impatto Clinico Significativo: entrambi i disturbi devono causare un disagio clinicamente significativo o un’interferenza con le attività sociali, scolastiche o altre aree importanti del funzionamento dell’individuo. Questo impatto può variare da limitazioni nelle interazioni sociali e nelle attività quotidiane a difficoltà emotive e psicologiche associate alla condizione.
  4. Età di Insorgenza e Sviluppo: entrambi i disturbi hanno una specifica età di insorgenza e sviluppo. L’enuresi, per esempio, è meno comune negli adolescenti e negli adulti rispetto ai bambini più piccoli, mentre l’encopresi può manifestarsi in età prescolare e primi anni della scuola. Questa correlazione con lo sviluppo e l’età cronologica riflette le sfide che i bambini devono affrontare nel raggiungere il controllo completo delle funzioni corporee.
  5. Fattori di Rischio Comuni: entrambi i disturbi condividono diversi fattori di rischio, sebbene possano variare leggermente. Tra i fattori di rischio comuni si includono una storia familiare di disturbi dell’evacuazione, stress psicologico, problemi di sviluppo neurologico o psicologico, e problemi ambientali o sociali che possono contribuire allo stress e all’ansia nell’individuo.
  6. Approccio Terapeutico Simile: Il trattamento per entrambi i disturbi spesso coinvolge un approccio multidisciplinare che può includere interventi comportamentali, terapie psicologiche, supporto educativo per i genitori, e in alcuni casi, l’uso di farmaci. L’obiettivo è quello di migliorare il controllo sfinterico, ridurre gli episodi di incontinenza e mitigare l’impatto psicosociale della condizione sull’individuo e sulla famiglia.

Pertanto, sebbene l’enuresi e l’encopresi coinvolgano diverse modalità di evacuazione, condividono molte caratteristiche comuni che includono episodi involontari di incontinenza, impatto significativo sul funzionamento quotidiano e necessità di un trattamento mirato e multidisciplinare per migliorare la qualità della vita dell’individuo colpito.

Prevalenza e variabili nell’insorgenza dei Disturbi dell’Evacuazione

I disturbi dell’evacuazione, come l’encopresi, presentano variazioni nella prevalenza a seconda di variabili come l’età, il genere, l’occupazione e l’area geografica.

  1. Età
    • Infanzia: I disturbi dell’evacuazione, come l’encopresi, sono prevalentemente diagnosticati nei bambini piccoli. La prevalenza di questi disturbi è più alta nei bambini di età compresa tra i 4 e i 7 anni, con stime che variano tra l’1% e il 4%. Questa fase di vita è critica per l’acquisizione del controllo intestinale, e problemi in questa fase possono essere indicativi di altre difficoltà di sviluppo o di ambienti stressanti. I bambini che soffrono di encopresi possono avere difficoltà a sviluppare routine igieniche stabili e possono necessitare di supporto extra per superare questi problemi.
    • Adolescenza e Adulti: Sebbene la prevalenza diminuisca con l’età, alcuni adolescenti e adulti possono continuare a sperimentare disturbi dell’evacuazione. Questo può essere dovuto a una gestione inadeguata durante l’infanzia o a nuovi fattori di stress e traumi che emergono durante l’adolescenza. Negli adulti, la prevalenza di questi disturbi è inferiore all’1%, ma quando sono presenti, possono essere particolarmente problematici e richiedere un intervento terapeutico significativo. Le difficoltà nel controllo dell’evacuazione in età adulta possono essere legate a disturbi psicologici sottostanti o a condizioni mediche che richiedono un’attenzione particolare.
  2. Genere
    • Maschi: I disturbi dell’evacuazione sono più frequentemente diagnosticati nei maschi rispetto alle femmine. La prevalenza nei maschi è stimata essere da tre a sei volte superiore a quella nelle femmine. Questo può essere dovuto a diversi fattori, tra cui differenze biologiche, comportamentali e sociali. I maschi potrebbero avere una maggiore predisposizione alla costipazione cronica o potrebbero essere meno propensi a segnalare problemi di evacuazione, portando a un maggiore ritardo nella diagnosi e nel trattamento. Inoltre, i genitori e gli insegnanti potrebbero avere aspettative diverse per i comportamenti dei bambini maschi, influenzando il modo in cui vengono gestiti i problemi di evacuazione.
    • Femmine: Anche se meno comune, l’encopresi e altri disturbi dell’evacuazione possono colpire le femmine. Quando si verificano, questi disturbi possono essere particolarmente imbarazzanti e stressanti per le bambine e le ragazze adolescenti, influenzando negativamente la loro autostima e le relazioni sociali. È importante che i genitori e i caregiver siano sensibili a questi problemi e forniscano un supporto adeguato. Le differenze di genere nell’incidenza dei disturbi dell’evacuazione possono anche essere influenzate da fattori culturali che determinano come i bambini e le bambine vengono educati a gestire le loro funzioni corporee.
  3. Occupazione
    • Bambini e Adolescenti: Sebbene l’occupazione non si applichi direttamente ai bambini e agli adolescenti, i disturbi dell’evacuazione possono avere un impatto significativo sul loro rendimento scolastico e sulle interazioni sociali. I bambini con questi disturbi possono evitare attività sociali o scolastiche per paura di incidenti, influenzando negativamente il loro sviluppo accademico e sociale. I disturbi dell’evacuazione possono anche portare a sentimenti di vergogna e isolamento, aumentando il rischio di sviluppare problemi di salute mentale come ansia e depressione. È fondamentale che le scuole e le famiglie lavorino insieme per fornire un ambiente di supporto e risorse adeguate per aiutare questi bambini.
    • Adulti: Nei rari casi in cui i disturbi dell’evacuazione persistono nell’età adulta, possono influenzare negativamente le prestazioni lavorative e le relazioni interpersonali. Gli adulti con questi disturbi possono sperimentare difficoltà significative nell’ambiente di lavoro, come la necessità di frequenti pause per utilizzare il bagno o l’ansia associata alla possibilità di incidenti. Questo può portare a una ridotta produttività e a relazioni lavorative tese. Inoltre, la gestione di un disturbo dell’evacuazione può richiedere significative risorse emotive e fisiche, influenzando la qualità della vita complessiva e il benessere psicologico dell’individuo.
  4. Area Geografica
    • Paesi Sviluppati: Nei paesi sviluppati, la prevalenza dei disturbi dell’evacuazione come l’encopresi è ben documentata. Le pratiche igieniche avanzate, l’accesso a cure mediche di qualità e la disponibilità di risorse educative contribuiscono a una migliore gestione e diagnosi precoce di questi disturbi. Tuttavia, anche in questi contesti, la prevalenza può variare a seconda delle condizioni socioeconomiche e culturali. La maggiore consapevolezza e la disponibilità di trattamenti possono aiutare a ridurre la durata e la gravità dei sintomi, ma non eliminano completamente il problema.
    • Paesi in Via di Sviluppo: Nei paesi in via di sviluppo, i dati sulla prevalenza dei disturbi dell’evacuazione sono meno completi. L’accesso limitato a cure mediche e a programmi educativi per la salute può portare a una sottostima della prevalenza. Le pratiche igieniche possono essere meno avanzate, e le risorse per la gestione dei disturbi dell’evacuazione possono essere scarse. Questo contesto può portare a un maggiore tasso di complicazioni a lungo termine e a un impatto più significativo sulla qualità della vita dei bambini e delle loro famiglie. Inoltre, fattori come la malnutrizione e le infezioni intestinali comuni possono aggravare i problemi di evacuazione.
  5. Differenze Regionali: All’interno di uno stesso paese, possono esserci significative differenze regionali nella prevalenza dei disturbi dell’evacuazione. Le aree urbane tendono ad avere un migliore accesso a servizi sanitari e risorse educative rispetto alle aree rurali, dove la prevalenza di questi disturbi può essere più alta a causa della mancanza di infrastrutture e supporti adeguati. Le differenze socioeconomiche e culturali possono influenzare la percezione e la gestione dei disturbi dell’evacuazione, portando a variazioni nella prevalenza e nella gravità dei sintomi tra diverse comunità.

Per quanto riguarda i fattori di rischio e variabili di insorgenza, bisogna considerare:

  1. Fattori Psicologici:
    • Stress: Il livello di stress può avere un impatto significativo sull’insorgenza dei disturbi dell’evacuazione. I bambini che vivono in ambienti altamente stressanti, come famiglie con conflitti, divorzi o difficoltà finanziarie, possono essere più suscettibili a sviluppare problemi di evacuazione. Lo stress cronico può influenzare negativamente il sistema digestivo, causando o aggravando condizioni come la costipazione.
    • Ansia: I bambini ansiosi possono trattenere le feci per paura di usare il bagno o a causa di preoccupazioni legate all’evacuazione in contesti sociali. Questa ritenzione può portare a costipazione e, di conseguenza, a encopresi. L’ansia può anche derivare da esperienze traumatiche legate all’evacuazione, come episodi dolorosi o umilianti.
    • Traumi Emotivi: Eventi traumatici come abusi, trascuratezza o esperienze mediche invasive possono contribuire allo sviluppo di disturbi dell’evacuazione. I bambini che hanno subito traumi possono sviluppare una riluttanza o paura di utilizzare il bagno, portando a comportamenti di ritenzione e problemi di evacuazione cronici.
  2. Fattori Ambientali:
    • Accesso ai Servizi Igienici: La disponibilità e la qualità dei servizi igienici giocano un ruolo cruciale nella gestione dei disturbi dell’evacuazione. Nei contesti in cui l’accesso ai bagni è limitato o inadeguato, i bambini possono sviluppare abitudini di ritenzione che contribuiscono a problemi di evacuazione.
    • Educazione all’Uso del Bagno: Le pratiche educative riguardanti l’uso del bagno possono influenzare significativamente il controllo dell’evacuazione. Una formazione coerente e supportiva all’uso del bagno può aiutare i bambini a sviluppare abitudini sane, mentre pratiche punitive o incoerenti possono portare a stress e ritenzione fecale.
    • Pratiche Genitoriali: Il modo in cui i genitori gestiscono l’educazione al bagno e le reazioni agli incidenti di evacuazione può avere un impatto duraturo sui bambini. Un approccio paziente e positivo può promuovere comportamenti sani, mentre una gestione negativa o punitiva può esacerbare i problemi di evacuazione.
  3. Fattori Medici:
    • Costipazione Cronica: La costipazione cronica è una delle principali cause dell’encopresi. La ritenzione fecale prolungata può portare a un aumento del volume fecale, che può superare la capacità del retto, causando perdite fecali involontarie.
    • Problemi Gastrointestinali: Condizioni mediche come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS), malattie infiammatorie intestinali (IBD) e altre patologie gastrointestinali possono contribuire ai disturbi dell’evacuazione. Queste condizioni possono alterare la motilità intestinale e la sensibilità rettale, complicando ulteriormente il controllo dell’evacuazione.
    • Interventi Chirurgici: Bambini che hanno subito interventi chirurgici gastrointestinali possono sviluppare problemi di evacuazione a causa di alterazioni nella funzionalità intestinale o cicatrici che influenzano la motilità.
  4. Variabili Socioeconomiche:
    • Risorse Limitate: Le famiglie con risorse limitate possono avere un accesso ridotto a cure mediche e supporto educativo, il che può influenzare negativamente la gestione dei disturbi dell’evacuazione. La mancanza di accesso a specialisti pediatrici e a programmi di educazione sanitaria può portare a una diagnosi ritardata e a una gestione inefficace.
    • Ambienti Stressanti: Bambini che crescono in ambienti socioeconomicamente svantaggiati possono essere esposti a livelli più alti di stress e insicurezza, aumentando il rischio di sviluppare disturbi dell’evacuazione. La pressione finanziaria e l’instabilità abitativa possono contribuire a un ambiente domestico meno stabile, influenzando negativamente il benessere emotivo e fisico del bambino.
    • Supporto Sociale: Il livello di supporto sociale disponibile può influenzare la gestione dei disturbi dell’evacuazione. Famiglie con un forte supporto comunitario e accesso a reti di sostegno possono essere meglio equipaggiate per affrontare e gestire questi disturbi rispetto a quelle isolate o prive di risorse.

I disturbi dell’evacuazione sono prevalentemente pediatrici e presentano significative variazioni in termini di prevalenza e insorgenza basate su fattori come l’età, il genere, l’occupazione e l’area geografica.

Questi disturbi possono influenzare profondamente la qualità della vita dei bambini e delle loro famiglie, rendendo essenziale una diagnosi precoce e un trattamento appropriato.

La comprensione dei fattori di rischio e delle variabili di insorgenza è cruciale per sviluppare strategie di intervento efficaci che migliorino il benessere emotivo e fisico degli individui colpiti da questi disturbi.

Aspetti storici dell’inquadramento diagnostico dei Disturbi dell’Evacuazione

L’inquadramento diagnostico dei disturbi dell’evacuazione ha subito significative evoluzioni nel corso della storia, riflettendo i cambiamenti nelle comprensioni mediche, psicologiche e sociali delle problematiche legate all’evacuazione.

Questi cambiamenti sono stati influenzati da progressi scientifici, cambiamenti culturali e sviluppi nelle pratiche cliniche.

  1. Antichità: Le prime descrizioni di problemi legati all’evacuazione possono essere trovate in testi medici dell’antico Egitto, Grecia e Roma. Questi testi, come il Corpus Hippocraticum, menzionano l’importanza della regolarità intestinale e offrono rimedi per la costipazione, ma non forniscono una classificazione sistematica dei disturbi dell’evacuazione. Gli antichi medici greci e romani, tra cui Ippocrate e Galeno, riconoscevano l’importanza di una funzione intestinale regolare per la salute generale. Tuttavia, l’approccio era principalmente orientato verso rimedi dietetici e purgativi, piuttosto che un inquadramento diagnostico strutturato.
  2. Medioevo: Durante il Medioevo, la medicina europea era fortemente influenzata dalle teorie umorali. Le funzioni intestinali erano considerate in relazione all’equilibrio degli umori, e la costipazione era trattata con diete e purgativi. La comprensione dei disturbi intestinali rimase limitata, e la diagnosi era basata su sintomi osservabili e la teoria degli umori, piuttosto che su una comprensione anatomica o fisiologica dettagliata.
  3. Rinascimento: Con il Rinascimento e la riscoperta dei testi classici, la medicina europea iniziò a svilupparsi ulteriormente. Le dissezioni anatomiche e le osservazioni dirette portarono a una migliore comprensione dell’anatomia e della fisiologia intestinale. Tuttavia, l’inquadramento diagnostico dei disturbi dell’evacuazione rimase rudimentale e continuava a basarsi principalmente sui sintomi osservabili e sulle teorie mediche tradizionali.
  4. Età Moderna (XVII-XVIII secolo): Durante questo periodo, la medicina cominciò a evolversi verso un approccio più scientifico. Gli studi anatomici e fisiologici portarono a una comprensione più dettagliata del sistema digestivo e dei processi di evacuazione. Le teorie mediche iniziarono a incorporare una visione più meccanicistica del corpo umano, con un’attenzione crescente alla relazione tra anatomia, funzione e malattia.
  5. XIX secolo: Il XIX secolo vide grandi progressi nella medicina con lo sviluppo di nuove tecnologie diagnostiche e un approccio più scientifico e basato sull’evidenza. La fisiologia intestinale e le malattie correlate divennero oggetto di studi più approfonditi. La psichiatria cominciò a emergere come disciplina medica, portando a una maggiore attenzione ai disturbi comportamentali e psicologici. Tuttavia, i disturbi dell’evacuazione non erano ancora ben definiti come condizioni psicologiche specifiche.
  6. Inizio XX secolo: Nei primi decenni del XX secolo, la pediatria si sviluppò come specialità medica, portando a una maggiore attenzione ai problemi di sviluppo infantile, compresi i disturbi dell’evacuazione. Sigmund Freud e altri psicoanalisti iniziarono a esplorare il legame tra funzioni corporee, sviluppo psicologico e comportamenti. Freud teorizzò che le difficoltà nell’addestramento al bagno potevano essere legate a conflitti psicologici e fasi dello sviluppo psicosessuale.
  7. Metà XX secolo: Con l’avvento del DSM (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali), i disturbi psicologici e comportamentali cominciarono a essere classificati sistematicamente. La prima edizione del DSM, pubblicata nel 1952, non includeva ancora una classificazione specifica per i disturbi dell’evacuazione. Durante questo periodo, la comprensione dei disturbi dell’evacuazione iniziò a includere sia componenti fisiologiche che psicologiche, riconoscendo l’importanza dei fattori emotivi e comportamentali.
  8. Fine XX secolo: Le edizioni successive del DSM, a partire dal DSM-III (1980), introdussero una classificazione più dettagliata dei disturbi dell’evacuazione. L’encopresi venne definita come un disturbo distinto, con criteri diagnostici specifici basati sulla frequenza degli episodi di evacuazione inappropriata. La ricerca medica e psicologica contribuì a una migliore comprensione delle cause multifattoriali dei disturbi dell’evacuazione, che includono aspetti biologici, psicologici e ambientali.
  9. Inizio XXI secolo: Il DSM-IV (1994) e il DSM-5 (2013) hanno ulteriormente affinato i criteri diagnostici per i disturbi dell’evacuazione, enfatizzando l’importanza di una diagnosi accurata e di trattamenti basati sull’evidenza. Il DSM-5 ha mantenuto la categoria dei disturbi dell’evacuazione, specificando criteri chiari per l’encopresi e riconoscendo la necessità di un approccio multidisciplinare per la gestione di questi disturbi.
  10. Sviluppi Recenti: La ricerca continua a esplorare le interazioni tra fattori genetici, neurobiologici, psicologici e ambientali nei disturbi dell’evacuazione. Le nuove tecnologie diagnostiche e terapeutiche, comprese le terapie comportamentali e i trattamenti farmacologici, offrono nuove speranze per una gestione più efficace di questi disturbi. L’educazione e la sensibilizzazione sul tema dei disturbi dell’evacuazione stanno migliorando, riducendo lo stigma e promuovendo un trattamento precoce e adeguato.

L’inquadramento diagnostico dei disturbi dell’evacuazione ha compiuto notevoli progressi dal periodo antico fino ai giorni nostri.

La comprensione di questi disturbi è passata da approcci rudimentali basati su osservazioni empiriche e teorie mediche tradizionali a una classificazione dettagliata e basata sull’evidenza, come delineato nel DSM.

Questi progressi riflettono l’evoluzione della medicina, della psicologia e delle scienze comportamentali, evidenziando l’importanza di un approccio multidisciplinare per la gestione efficace dei disturbi dell’evacuazione

4.8 su 5 sulla base di 261 recensioni

jp
jp
2023-11-14
Leggi Tutto
Sono estremamente soddisfatto dell'esperienza con GAM MEDICAL. Il loro impegno nella diagnosi e cura dell'ADHD è evidente attraverso un supporto impeccabile. Il personale è altamente disponibile e professionale, offrendo un servizio che va al di là delle aspettative. Consiglio vivamente GAM MEDICAL a chiunque cerchi un approccio attento e specializzato per affrontare l'ADHD in Italia.
Moira Cristini
Moira Cristini
2023-11-13
Leggi Tutto
Una porta aperta ed un metaforico divano comodo dove potersi finalmente aprire e capire fino ad arrivare alle risposte. Il percorso è stato veloce e semplice da prenotare, semplice da utilizzare e il dott. Preziosi che mi ha seguita ha saputo sempre accompagnarmi in un percorso che comunque può essere impegnativo. Avere una diagnosi finalmente apre e spiega tanti aspetti di me che per una vita non capivo o addirittura stigmatizzavo. Ora il percorso davanti a me ha una nuova e diversa consapevolezza. Grazie
Rossella Muro
Rossella Muro
2023-11-13
Leggi Tutto
Mi hanno consigliato la GAM Medical e mi sono trovata molto bene. Sono ancora in attesa di un'eventuale diagnosi ma, a prescindere da ciò, consiglio questo percorso a tutti. Grande professionalità e disponibilità dall'inizio alla fine.
Elisa Sanna
Elisa Sanna
2023-11-12
Leggi Tutto
Ottima esperienza. Oltre il percorso di diagnosi, mi trovo benissimo anche con la Psicoeducazione, c'è la possibilità di scegliere tra un percorso individuale o di gruppo.
Stefania Taranu
Stefania Taranu
2023-11-11
Leggi Tutto
Esperienza decisamente positiva! Ho scoperto l'esistenza della clinica grazie ad un Tik Tok (i social network possono essere molto utili, non neghiamolo). Offrono la possibilità di effettuare un test di screening gratuito che già può dare delle indicazioni o meno se proseguire con le sedute di diagnosi. I vari step sono stati chiariti fin da subito e sono stata acconpagnata passo passo fino alla diagnosi e alla scoperta di se stessi. Inoltre la segreteria è super disponibile e sono gentilissimi. Lo rifarei? Si Grazie ♡
Federica Cantrigliani
Federica Cantrigliani
2023-09-16
Leggi Tutto
La mia esperienza in GAM è stata positiva. Lo staff è gentile, accogliente e molto preparato. Consigliato a chi cerca un supporto sulle tematiche ADHD!
Michaela Buono
Michaela Buono
2023-09-15
Leggi Tutto
Esperienza molto positiva, ho trovato una Dottoressa disponibile, chiara, paziente e pronta a rispondere a tutte le mie domande ed eventuali dubbi e chiarimenti riguardo ADHD. Consiglio la clinica on line. Tra l'altro molto comoda perchè ovunque tu sia, hai il supporto necessario.
Chimy
Chimy
2023-09-16
Leggi Tutto
Sono convinta che la perfezione non esista, ma la GAM medical c’è vicina. Ero estremamente in difficoltà nel trovare una clinica affidabile in grado di fare una diagnosi di ADHD, in Italia sembra impossibile, ma loro sono stati davvero efficienti, disponibili e sempre pronti a rispondere ai miei dubbi tramite messaggi e telefono. Devo cominciare il mio percorso con loro post-diagnosi, ma sono sicura che mi troverò bene☺️
Antonio De Luca
Antonio De Luca
2023-08-10
Leggi Tutto
Una vita intera nella quale ho provato in tutti i modi a comprendere precisamente cosa non andasse in me. Appena compreso che i miei sintomi fossero vicini all'adhd nessuno mi ha aperto le porte, i privati e i pubblici si sono tirati tutti indietro perché nessuno voleva prendersi la responsabilità di diagnosticare tale deficit ad un adulto. Poi ho scoperto questa realtà, fatta da professionisti e da persone serie nonché sempre disponibili a rispondere ad ogni mio quesito. Qualcosa che senza di loro sarebbe stato impossibile.
Stela Lamaj
Stela Lamaj
2023-08-09
Leggi Tutto
Ottima esperienza, professionisti preparati ed empatici.
Mara Velati
Mara Velati
2023-08-09
Leggi Tutto
La mia salvezza dopo 9 mesi di diagnosi a metà. La dottoressa Clementi, che mi ha seguita, è precisa e anche molto dolce. Consigliato ❤️
jerrydelmonte
jerrydelmonte
2023-07-20
Leggi Tutto
Mi sono trovata molto bene, cortesia e professionalità da parte di tutti i membri dello staff. Unico appunto i tempi sono un po’ lunghi per la valutazione.
Beatrice Loi
Beatrice Loi
2023-07-15
Leggi Tutto
Professionali, precisi, chiari. Clinica assolutamente raccomandata! ✅
Eduardo Guerra
Eduardo Guerra
2023-05-26
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso di psicoeducazione di grupo per ADHD online e per me è stato di molto aiuto. Il corso mi ha fatto capire meglio come gestire i sintomi e essere accorto di alcune cose che non avevo percepito prima.
Mariagrazia Picardi
Mariagrazia Picardi
2023-06-20
Leggi Tutto
Grazie alla Gam Medical finalmente abbiamo messo fine ad un percorso tortuoso, lungo e poco convincente e ne abbiamo cominciato uno fatto di ascolto, accoglienza e competenza. Proseguiremo con loro il percorso proposto.
Cristiana Nasi
Cristiana Nasi
2023-05-18
Leggi Tutto
Esperienza superpositiva su tutti i fronti. Gam medical eccelle nell organizzazione, precisione e nella velocità a dare gli appuntamenti. Mia figlia ha fatto la diagnosi con Gam medical ed è molto soddisfatta per la competenza dello staff medico e non. Davvero professionali . La dottoressa Vargiu ha seguito mia figlia nel suo percorso verso la diagnosi in modo esemplare e molto accogliente. Gam medical colma il vuoto che inevitabilmente si incontra in Italia per avere una diagnosi adhd . Un' ancora su cui contare e un punto di riferimento davvero importante per chi ha l adhd. Ultima cosa ma non di scarsa importanza , costi contenuti e sostenibili. Non potrei essere più soddisfatta. Grazie davvero.
Chiara Totaro
Chiara Totaro
2023-05-10
Leggi Tutto
Ho intrapreso il mio percorso diagnostico con la Clinica GAM, non potevo fare scelta migliore, disponibili per ogni necessità o chiarimento, ottima organizzazione, psicologi molto preparati! Contenta di continuare con loro il mio percorso dopo la diagnosi!
Lorenza Barbalucca
Lorenza Barbalucca
2023-05-07
Leggi Tutto
Ho fatto il percorso diagnostico con la dottoressa Gozzi che ha saputo mettermi subito a mio agio. È stato affrontato tutto con serietà e delicatezza e per la prima volta ho sentito di essermi rivolta alle persone giuste. Il personale è disponibile e cordiale
Precedente
Successivo

Specialisti nella diagnosi ADHD

Il Centro ADHD GAM Medical si distingue per la sua specializzazione nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione dell’ADHD (Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività), offrendo terapie personalizzate e di alta qualità.