ADHD e caffeina: come gestirli? 

adhd caffeina caffe tazza

Indice Contenuti

Se sei ADHD, potresti avere difficoltà a resistere alla caffeina. La caffeina è uno stimolante comune che può avere effetti variabili sulle persone ADHD. Per molti, rappresenta un mezzo di automedicazione, mentre per altri, può portare a dipendenze problematiche. Capire come gestire il consumo di caffeina è fondamentale per chi convive con l’ADHD.

In questo articolo, esploreremo gli effetti della caffeina sui sintomi dell’ADHD e forniremo suggerimenti pratici su come ridurre il consumo di bevande energetiche e caffeina.

Gli Effetti della Caffeina sull’ADHD

La caffeina è uno stimolante che può farti sentire più sveglio, vigile e produttivo nelle giuste condizioni. Tuttavia, molte supposizioni sugli effetti della caffeina sulle persone ADHD sono spesso inaccurate o esagerate. Alcune persone con ADHD sperimentano un effetto paradossale della caffeina e si sentono più assonnate dopo averla consumata.

Un articolo di PubMed indaga la relazione tra consumo di caffeina e adhd spiegando come possa apportare benefici all’adhd e come non esagerare nel consumo di essa. Tuttavia, la maggior parte delle ricerche conclude che i farmaci stimolanti prescritti sono di gran lunga superiori alla caffeina nel trattamento dei sintomi dell’ADHD.

Ingredienti delle bevande energetiche e ADHD

Le bevande energetiche sono una fonte sempre più popolare di caffeina, ma contengono anche altri ingredienti che possono influenzare i sintomi dell’ADHD:

1. Caffeina: La maggior parte degli adulti sani può consumare fino a 400 mg di caffeina al giorno. Tuttavia, l’eccesso di caffeina può causare effetti collaterali come mal di testa, insonnia, irritabilità, battito cardiaco accelerato e tremori muscolari.

2. L-teanina: Presente nel tè e negli integratori, la L-teanina ha dimostrati benefici per la salute, inclusi proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Per le persone ADHD, la L-teanina può migliorare l’attenzione e ridurre i comportamenti impulsivi.

3. Taurina: Un amminoacido che protegge i neurotrasmettitori che trasmettono la dopamina. Può migliorare il comportamento iperattivo e la funzione cerebrale.

4. Ginseng: Il ginseng rosso coreano può migliorare la funzione cognitiva e aiutare con problemi di memoria a breve termine e disfunzioni esecutive nelle persone ADHD.

5. Coloranti alimentari artificiali: Alcune persone potrebbero sperimentare un peggioramento dei sintomi dell’ADHD consumando coloranti alimentari artificiali, spesso presenti nelle bevande energetiche.

6. Zucchero e dolcificanti artificiali: Possono aumentare l’iperattività e contribuire a comportamenti abituali e alla dipendenza dalle bevande energetiche.

7. Acido citrico e vitamina C: Possono interferire con l’assorbimento dei farmaci per l’ADHD se consumati nello stesso momento.

Automedicazione con la caffeina nelle persone adhd

Non sorprende che molte persone  ADHD ricorrano alla caffeina come forma di automedicazione. Questo è particolarmente vero per coloro che non hanno accesso a una diagnosi formale o a farmaci prescritti, trovando nella caffeina un modo per gestire i sintomi e migliorare temporaneamente la concentrazione e la vigilanza. Sorprendentemente, uno studio ha rilevato che i consumatori regolari di caffè e tè che sono ADHD presentano un leggero miglioramento del benessere psicologico rispetto ai non consumatori. Questo potrebbe essere dovuto agli effetti stimolanti della caffeina, che aiutano a combattere la stanchezza e migliorare l’umore.

Tuttavia, il consumo eccessivo di caffeina può portare a una dipendenza da caffeina, un fenomeno comune tra le persone ADHD che spesso cercano gratificazione immediata attraverso sostanze stimolanti. La dipendenza da caffeina è associata a vari effetti collaterali negativi, come irritabilità, insonnia e aumento dell’ansia, che possono peggiorare il quadro sintomatologico dell’ADHD. Inoltre, la dipendenza da caffeina è collegata a un benessere psicologico inferiore, poiché l’uso costante e l’eccesso possono interferire con il funzionamento quotidiano e la qualità della vita. Questo circolo vizioso sottolinea l’importanza di trovare un equilibrio nel consumo di caffeina e di considerare alternative più salutari e sostenibili per gestire i sintomi dell’ADHD.

Dipendenza, caffeina e ADHD

Abbiamo già visto il rapporto che hanno le persone ADHD con le dipendenze, quindi vediamo nello specifico la caffeina.  Molte persone ADHD sono inclini a comportamenti di dipendenza alla ricerca di un immediato rilascio di dopamina e gratificazione istantanea. Gli effetti immediati delle bevande energetiche, con il loro alto contenuto di caffeina e zuccheri, possono essere particolarmente allettanti e difficili da resistere. La sensazione di maggiore energia e concentrazione può sembrare un rapido rimedio ai sintomi dell’ADHD, ma questo sollievo è spesso temporaneo e seguito da un calo di energia che può peggiorare i sintomi originali. 

Quando la caffeina è mescolata con l’alcol, che è un’altra dipendenza comune tra le persone ADHD, i rischi aumentano significativamente. La caffeina può mascherare gli effetti depressivi dell’alcol, facendo sentire i bevitori più vigili e meno consapevoli del loro livello di intossicazione. Questo può portare a un consumo eccessivo di alcol, noto come binge drinking, aumentando il rischio di comportamenti pericolosi e incidenti. Inoltre, la combinazione di queste due sostanze può provocare seri effetti collaterali sulla salute, tra cui problemi cardiaci, ansia accentuata e disturbi del sonno. 

Come ridurre la caffeina e le bevande energetiche se sei adhd

Vuoi ridurre il consumo di bevande energetiche? Ecco alcune strategie che puoi provare:

  1. Routine mattutina a basso contenuto di dopamina: Usa una routine mattutina a basso contenuto di dopamina per energizzare le tue mattine senza fare affidamento su tè, caffè o bevande energetiche. Per quanto riguarda gli effetti della dopamina sulle persone ADHD, abbiamo visto quali sono e come gestirli.
  2. Monitoraggio dell’assunzione di caffeina: Tieni traccia del consumo di caffeina per essere consapevole dei limiti salutari. Puoi usare un semplice diario o app di monitoraggio delle abitudini.
  3. Alternative a basso contenuto di caffeina: Prova versioni decaffeinate o a basso contenuto di caffeina delle tue bevande preferite.
  4. Riduzione graduale: Riduci gradualmente il consumo per diminuire i sintomi di astinenza mentre il tuo corpo si adatta.
  5. Miglioramento del sonno: Prendi provvedimenti per migliorare la qualità del sonno in modo da non sentire il bisogno di caffeina.
  6. Supporto professionale: Lavora con un coach per l’ADHD per sviluppare abitudini migliori riguardo al sonno e ad altri comportamenti.

GAM Medical: dipendenza dalla caffeina come sintomo adhd

La gestione del consumo di caffeina è una componente cruciale per chi è ADHD. Con consapevolezza e strategia è possibile ridurre le difficoltà legate all’adhd e migliorare il benessere generale. 

La clinica GAM Medical offre un supporto mirato alle persone ADHD. Tramite l’individuazione dei sintomi, GAM Medical aiuta i pazienti a migliorare la gestione delle dipendenze tra cui la caffeina. Con la clinica Gam Medical è possibile scoprire i sintomi principali dell’ADHD e agire in modo da diminuire il consumo di caffeina e migliorare la propria qualità di vita.

Dunque, presso GAM Medical, ci impegniamo a fornire risorse informative per aiutare gli individui a superare gli ostacoli correlati ai sintomi legati all’ADHD e a vivere una vita più equilibrata e appagante.

La difficoltà nella gestione della caffeina può essere indice di ADHD. Se non sai di essere ADHD, il centro GAM Medical mette a disposizione la sezione “Quali sono i sintomi ADHD?”, per comprendere meglio la propria condizione e agire per migliorare la qualità di vita.

Questo articolo ha lo scopo di informare e di fare prevenzione. 

Se questo articolo ti è piaciuto o ti è risultato utile, condividilo con amici e familiari!

Fonti:

  • https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35215389
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Stai vivendo con l’ADHD da adulto?
Ora puoi scoprirlo

Prima di andare via, ti suggeriamo di leggere questi articoli

Se ti è piaciuto l'articolo iscriviti alla newsletter per non perdere tutte le nostre comunicazioni.