Le piante aiutano l’ADHD?

piante da interno adhd

Indice Contenuti

Oltre a rappresentare degli straordinari ornamenti, le piante da interno possono portare diversi benefici e migliorare notevolmente la salute mentale e fisica delle persone, soprattutto di chi è ADHD.

Infatti, stare in compagnia di una pianta da appartamento nei momenti stressanti di lavoro o di studio può essere un ottimo metodo per mantenere la concentrazione e sentire meno tensione, rendendo così meno difficili da superare le sfide quotidiane che deve affrontare chi è ADHD.

Ecco perché in questo articolo esploreremo i benefici delle piante su chi ha il Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD) e scopriremo in che modo le piante aiutano l’ADHD! Pronto per questo viaggio?

Gli effetti positivi delle piante da interno

Come già detto, le piante hanno diversi impatti positivi sulla vita delle persone. Per prima cosa, sono in grado di aiutare la salute mentale delle persone e migliorare notevolmente il loro benessere.

Inoltre, è interessante sapere che gli effetti positivi delle piante da interno si manifestano anche a seguito di esposizioni molto brevi. Avere una piantina a breve distanza, ad esempio sulla scrivania o sul comodino, mentre si studia o si lavora, può portare diversi vantaggi, fra i quali:

  • Miglioramento dell’emotività: bastano 20 minuti in presenza di almeno una pianta per aumentare la sensazione di relax e di tranquillità.
  •   Riduzione dello stress fisico: la presenza di piante porta ad una diminuzione della pressione sanguigna e ad una soppressione del sistema nervoso simpatico. 
  • Riduzione dello stress mentale: le piante riducono l’ansia e portano sensazioni di comfort.

Nonostante i numerosi benefici delle piante sulle persone e su chi ha il Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD), se sei un adulto ADHD a volte questo non basta a superare con successo le sfide quotidiane. Per questo, ricorda che a volte la scelta migliore è non affrontare le sfide da solo e considerare i trattamenti ADHD, per mettere al primo posto il tuo benessere fisico e mentale.

Scopriamo ora in che modo le piante aiutano l’ADHD e i sintomi del Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD)!

In che modo le piante aiutano chi è ADHD?

Nonostante non ci siano ancora studi specifici sul legame tra l’ADHD e le piante, è incoraggiante sapere che le piante hanno comunque un forte impatto positivo su molti dei sintomi del Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD).

Diversi studi dimostrano che la presenza di piante migliora la salute mentale e fisica ADHD, ottimizzando così le performance degli adulti con Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD) negli ambienti di lavoro o nello studio.

Vediamo insieme in che modo le piante aiutano l’ADHD e alcuni dei sintomi ADHD che subiscono un impatto positivo!

  • Le piante migliorano la produttività ADHD: Secondo HortTechnology, studenti e lavoratori ADHD tendono a mostrare un notevole aumento della creatività e della produttività in presenza di piante. Nello specifico, le persone ADHD che si prendono cura attivamente o passivamente di una piantina sulla loro scrivania provano molto meno stress e fatica, e sono quindi molto più produttivi.
  • Le piante migliorano la concentrazione ADHD: Secondo uno studio condotto su degli studenti delle elementari e pubblicato sul Journal of Environmental Research and Public Health, la presenza di piante contrasta le onde cerebrali che causano attenzione limitata e sonnolenza, aumentando così la concentrazione, l’attenzione e il rilassamento.
  • Le piante migliorano il controllo dell’impulsività ADHD: Quante volte ti capita di sentire il falso bisogno di fare acquisti impulsivi? O magari di pensare a degli abiti o a del cibo e di volerli prendere subito? Se ti capita spesso, potrebbe essere incoraggiante sapere che un altro effetto benefico delle piante (secondo uno studio pubblicato su Environmental Research), principalmente su persone ADHD, è una minore impulsività, legata ad una maggiore sensazione di benessere e calma interiore.
  • Le piante aumentano la dopamina e la memoria ADHD: È stato dimostrato che le attività legate alla cura delle piante sono uno dei modi naturali per incrementare i livelli di dopamina nel corpo. La dopamina controlla la memoria, la qualità del sonno, la capacità di mantenere l’attenzione, l’umore e alcuni meccanismi dell’apprendimento, proprio per questo è molto importante, soprattutto per chi è ADHD.

Inoltre, molti adulti ADHD rispondono in modo positivo alle novità e ai miglioramenti, quindi notare la crescita della piantina e le nuove foglie appena nate può migliorare l’umore e nel tempo aiutare con la consapevolezza.

  • Le piante migliorano la cecità temporale ADHD: Proprio come noi, anche le piante hanno dei bisogni dettati dal passare del tempo. Per esempio, hanno bisogno di acqua e luce e seguono anche comportamenti di sonno e veglia.

Sono proprio i piccoli gesti che si fanno per prendersi cura della pianta, come osservare la crescita delle foglie o darle dell’acqua, che aiutano a combattere la cecità temporale ADHD, una delle sfide che deve affrontare chi ha il Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD). Inoltre, avere una routine specifica dettata dai bisogni della pianta che stai crescendo, può aiutarti a gestire meglio l’ADHD!

Come prendersi cura delle piante se si è ADHD

 Ora che abbiamo visto in che modo le piante possono aiutare la salute mentale e fisica ADHD, è normale domandarsi come prendersi cura delle piante se si ha il Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD).

Prima di tutto è importante sapere che, proprio come le persone, ogni pianta è diversa e ha esigenze e bisogni differenti. Pertanto, prendersi cura di una pianta può essere difficile per chiunque, sia per gli individui neurotipici, che per le persone ADHD.

Per questo, ecco alcuni suggerimenti per prenderti cura delle piante se sei ADHD:

1.     Scegli una pianta che richieda poca attenzione;

2.     Se prendi più piante, cerca di prendere delle piante con esigenze simili, così da non dover seguire più routine;

3.     Scrivi nelle note del telefono o su un quaderno qualche appunto sui bisogni delle piantine, così da non dimenticartene;

4.     Non lasciare le piante in posti della casa o della camera nascosti, ma mettile in bella vista, così da ricordartene sempre;

5.     Imposta dei timer per non dimenticare quando dare acqua alle piante;

6.     Rendi più semplice la cura delle tue piante con strumenti appositi, come gli irrigatori o i misuratori d’umidità;

7.     Considera l’acquisto di una lampada per piante, utile soprattutto d’inverno quando la luce naturale è molto poca.

Le piante non sono sufficienti per migliorare l’ADHD?

Spesso per superare le sfide quotidiane che deve affrontare chi è ADHD non è sufficiente la presenza di piante, nonostante i loro benefici. Per questo è normale sentirsi a volte demoralizzati e scoraggiati.

Nonostante questo, ricorda che una buona idea è quella di considerare i trattamenti ADHD! Seguire i trattamenti ADHD può portare un miglioramento del tuo benessere e dei tuoi sintomi ADHD e ti permette di vivere più tranquillamente con il tuo Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD).

Scopri i trattamenti ADHD di GAM Medical e metti al primo posto il tuo benessere!

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Stai vivendo con l’ADHD da adulto?
Ora puoi scoprirlo

Prima di andare via, ti suggeriamo di leggere questi articoli

Se ti è piaciuto l'articolo iscriviti alla newsletter per non perdere tutte le nostre comunicazioni.

×

Ciao!

Clicca il tasto qui sotto per contattarci su Whatsapp

×